giovedì 12 giugno 2014

3
comments
Csókok

Mi piacciono i baci. “E a chi non piacciono?”, direte voi. Pero’ non avete idea di quanta gente ci sia in giro totalmente incapace di dare un bacio decente. Non che esista un metodo preciso, ma se decido di baciare qualcuno, significa che ho voglia di entrare un po’ nella sua anima. Anzi, per l’esattezza: voglio che mi si entri dentro.

Insomma, non e’ facile da spiegare, neppure per una che di baci ne ha dati e ricevuti a decine di migliaia, ma il fatto e’ che col bacio voglio rendere la persona partecipe della mia intimita’. Lo scambio di saliva e’ un gesto molto, molto, intimo, ancor piu’ che far sesso nel modo piu’ spudorato.

Mi e’ capitato infatti di scopare senza dare neppure un bacio - e’ vero, non sto mentendo -, ma mai di baciare qualcuno senza poi finirci a letto.

Percio’ la fretta, e una lingua ruspante che sembra volersi inerpicare lungo la mia cavita’ orale, forse alla ricerca di qualche tesoro nascosto, non fanno per me, grazie. Preferisco farne a meno! I baci mi piacciono morbidi, che facciano sentire ogni piega delle labbra, che se chiudi gli occhi senti un gran caldo e tutto un formicolio dentro; lenti, misurati, un po’ curiosi, e sparsi dappertutto.

In fondo non e’ un segreto: la chimica del bacio e’ fondamentale per saggiare la compatibilita’ con l’altro e misurare l’attrazione che si prova. Le sostanze che il nostro cervello produce in quel momento hanno effetti incredibilmente benefici sia sul nostro corpo che sul nostro stato d’animo, per cui ci sentiamo piu’ felici, disponibili, e inclini a togliere di mezzo ogni barriera. Prima fra tutte quella dei vestiti.

I baci piu’ belli, pero’, sono quelli indimenticabili. Quelli che te li ricordi anche a distanza di anni e, se ci pensi, senti ancora quel brivido scendere lungo la schiena. Perche’ quando ci si bacia, e lo si fa per davvero, si arriva a respirare la stessa aria. Aria che talvolta puo’ anche trasformarsi in parole d’amore.

3 commenti :

L'Angelo ha detto...

Come non essere d'accordo con quanto scrivi nel post. Ho ricordato con molto piacere - leggendo le tue parole - i recenti baci scambiati con "Lei" che amava essere baciata e amava baciare. Mi sono tornati alla mente i momenti speciali in cui il bacio era davvero il momento clou. Minuti interminabili di passione in cui ad occhi chiusi si mescolavano anima e corpo nel più intimo dei gesti. Nella più vera manifestazione dei propri sentimenti. Erano, purtroppo, i baci. Sono, per fortuna, ancora gli splendidi ricordi

Luca Metastasio ha detto...

Ciao.
Mi sono imbattuto casualmente nel tuo blog, mi chiamo Luca e sono italiano.
Ho letto alcune cose che hai pubblicato e volevo farti i miei complimenti, leggendo mi hai fatto pensare, ridere, intristire ed arrabbiare....poi ancora sorridere.
E tutto in mezz'ora circa,..non é da poco!
Ho scelto di scriverti in risposta alla questione (baci) perché ciò che hai scritto sembrava provenire dalla mia mente, anzi, dall'anima, in profondità. Ora mi trovo in Ungheria, per lavoro ci vengo spesso.
Ci tenevo solo ad esprimere un mio pensiero, poi decidi tu se pubblicarlo, buttarlo via o tenerlo per te.
Ti é mai capitato di ascoltare un cantante (nel mio caso donna) e di apprezzare così tanto la sua voce da pensare che vorresti tanto sentirlo cantare per te e che la sua dote andrebbe a far perdere interesse per altre cose che passerebbero inevitabilmente in secondo piano? Hai mai apprezzato momenti a volte anche brevissimi nei quali non importava dove fossi, con chi o cosa stessi facendo, ma di sentirli così belli da volerli ricordare a tutti i costi prima che svanissero? Bé, io non so affatto chi tu sia, non so la tua età e niente altro in effetti, proprio nulla, ma leggendoti ho provato la necessità (utopica, ovvio) di darti un bacio, di quelli belli, caldi, morbidi, coinvolgenti.
Mi perdonerai.
L.

Anonimo ha detto...

Cara chiara, non condivido su facebook questo tuo post per un semplice motivo, non voglio che TUTTI sappiano, o pretendano di sapere, TUTTO di me, e anche se sono ubriaca ora, penso al più bel bacio che ho dato, non al mio ultimo ragazzo, non al mio ultimo amante, non al mio ultimo amore: un bacio solitario, nel mare del tempo, del piacere; un bacio malinconico e abbandonato, casuale e assennato some il tuo blog. Softplay

Misura la forza della tua Password

Oggi mi sento un po' cosi'...

Oggi mi sento un po' cosi'...

Tokaj-Hegyaljai Borvidék

Áldott tokaji bor, be jó vagy s jó valál, Hogy tsak szagodtól is elszalad a halál; Mert sok beteg téged mihely kezdett inni, Meggyógyult, noha már ki akarták vinni. Istenek itala, halhatatlan Nectár, Az holott te termesz, áldott a határ! (Szemere Miklós)

A Budapesttől mintegy 200 km-re északkeletre, a szlovák és az ukrán határ közelében található Tokaj-Hegyaljai Borvidék a Kárpátokból déli irányban kinyúló vulkanikus hegylánc legdélebbi pontján fekszik. A vidéket és fő községeit könnyen elérhetjük akár autóval (az M3 autópályán és a 3-as úton Miskolcig, onnan a 37-es úton), akár vonattal (több közvetlen vonat indul Budapestről és Miskolcról)

Web Statistics