sabato 8 dicembre 2012

29
comments
Triangoli – 1 parte – Premessa

Chiamati anche ménage à trois. Fa tanto raffinato usare il termine in francese, che e’ la lingua erotica per eccellenza (dicono), anche se io, come Jamie Lee Curtis nel film un “Pesce di nome Wanda”, mi eccito di piu’ a sentir parlare in italiano (cambiato con lo spagnolo nella versione italiana del film) oppure in russo.

In ogni caso, il ménage à trois (che a me piace chiamare triangolo) e’ una relazione che coinvolge tre persone invece delle classiche due della “coppia” stereotipata a cui la societa’ ci ha abituati; una combinazione accettata e inattaccabile dal punto di vista sociale, ma anche cosi’ granitica, noiosa, e priva di spunti di fantasia per chi della coppia, nella coppia e per la coppia, ha ormai sperimentato tutto o quasi tutto.

I triangoli possono essere di tre tipi:
  • a) solo sentimentali, dove c’e’ una forte interazione fra i tre componenti, ma senza le classiche implicazioni di natura sessuale;
  • b) solo sessuali in cui il coinvolgimento e’ solo a letto, ma le persone, poi, conducono una loro vita separata;
  • c) quelli che definisco “assoluti”, in sostanza delle vere e proprie relazioni che seguono dinamiche, sentimentali e sessuali, simili a quelle delle relazioni di coppia dove, pero’, i partner sono tre.

Da nessuna parte (eccetto che nel caso delle religioni monoteistiche) e’ stabilito che sia una cosa sbagliata, immorale, pericolosa, aberrante, scegliere di vivere un rapporto a tre. E’ qualcosa che coinvolge la sfera intima di ciascuno. Su questo punto ho fatto una ricerca esplorando tutti i campi, la Storia, l’Arte, la Filosofia, l’Antropologia, e molti altri ancora. La sola eccezione, come ho detto, la si ha nelle religioni monoteistiche, ma bisogna credere in Dio per sentirsi peccatori o peccatrici, e questo non e’ il mio caso.

Il triangolo quindi, da un punto di vista puramente immanente e non trascendente, non e’ ne’ innaturale, ne’ pericoloso, e neanche mette a rischio alcunche’. Per cui, per chi sente troppo stretto il limite di avere un solo partner, per chi ha fantasie che vanno oltre la coppia, per chi sente di poter dare molto di piu’ di quanto puo’ ricevere una singola persona, perche’ non accettare l’idea di una relazione a tre? E’ un comportamento che la societa’ condanna? C’e’ chi, senza addurre una specifica ragione logica, lo rifiuta o lo sconsiglia? Ecchissenefrega! Date retta a me: se ne avete voglia fatelo. Non rinunciate a qualcosa che desiderate solo perche’ qualcuno vi giudica oppure perche’ pensate che il vostro partner o la vostra partner non lo accetti. Probabilmente anche lui (o lei) pensa esattamente la stessa cosa, pero’ ha timore di confessarvelo. Dopodiche’, una volta stabilito che si vuol provare l’esperienza, e’ bene comprendere come funzionano le cose e quali siano le dinamiche all’interno di una relazione a tre.

Ebbene, la prima cosa da sapere e’ che e’ molto difficile che tale relazione sia perfettamente paritaria, anche se puo’ essere in equilibrio. Parita’ ed equilibrio non sono sinonimi. Un tavolino a tre gambe non traballa mai, ma il suo piano puo’ essere piu’ o meno inclinato da una parte. Nel caso di una relazione, quindi, prendendo ad esempio il nostro tavolino, il suo piano e’ maggiormente spostato su una coppia ben consolidata (che definiremo coppia base) la quale accetta l’inserimento dall’esterno di una terza persona. E’ la coppia che “accoglie”, che apre le porte della propria intimita’ a chi all’inizio e’ estraneo, ma che poco per volta, poi, andando a riempire quei vuoti che in ogni coppia sono inevitabili, riesce a modificare il piano del tavolino. Non so se l’esempio sia il piu’ azzeccato, ma e’ quello che e’ stato fatto anche a me quando, per la prima volta, ho accettato di provare l’esperienza che mi avrebbe aperto la finestra su un nuovo mondo di relazioni e anche di soddisfazioni, sia fisiche che mentali.

Ad ogni modo, comprendo che non sia semplice capire il concetto senza aver provato direttamente anche l’esperienza, pero’, per rendere meglio digeribile cio’ che andro’ a scrivere successivamente (in questo e nel prossimo post) e’ bene che inizi ad esemplificare con uno schema: denominiamo per semplicita’ con F e M, rispettivamente, la donna e l’uomo. Poi, classifichiamo con (e), (o), e (b) le tre pulsioni sessuali: eterosessuale, omosessuale e bisessuale. In questo modo potremo etichettare in base a delle sigle: F(e), F(o), e F(b), la donna eterosessuale, omosessuale, e bisessuale, e allo stesso modo, M(e), M(o), M(b), l’uomo eterosessuale, omosessuale e bisessuale. Gia’ da questo si puo’ capire come le combinazioni triangolari possano variare non solo a seconda del genere (2F+1M) oppure (2M+1F), ma anche a seconda di cio’ che puo' essere innescato dalla sessualita’ di ciascun componente.

Quindi, un triangolo formato da una coppia base [M(e)+F(e)] a cui viene ad unirsi una terza persona F(o), sara’ completamente diverso, ed avra’ esigenze completamente difformi, da quelle che puo’ avere un triangolo in cui la coppia base e’ composta da [F(o)+F(b)] a cui si unisce una terza persona M(e).

Il discorso rischia di farsi ingarbugliato, ma per renderlo di piu’ facile comprensione mi limitero’ d’ora in poi a parlare solo di quel triangolo che io reputo piu’ attinente alla mia esigenza, che in realta’ e’ duplice, anche se differisce di poco.
  • Il primo e’ quello che si potrebbe schematizzare cosi’: {[F(b)+F(b)]+M(e)}, vale a dire due donne bisessuali (che formano la coppia base) a cui si unisce, come terza persona, l’elemento maschile eterosessuale.
  • Il secondo e’ quello che si schematizza cosi’: {[F(b)+M(e)]+F(b)}, cioe’ la coppia base in questo caso e’ formata da una donna bisessuale e un uomo eterosessuale, a cui si unisce la terza persona, che e’ una donna bisessuale.

Come avevo anticipato, lo schema generale, sia nel primo che nel secondo caso, non e’ diverso: (2F+1M). Cio’ che cambia e’ invece la composizione della coppia base e questo, anche se puo’ sembrare di scarsa importanza, rappresenta un elemento fondamentale nel triangolo, perche’ e’ da come e’ composta la coppia base che vengono a determinarsi dinamiche particolari e completamente difformi nel rapporto a tre.

E’ logico che sia cosi’, in quanto un triangolo non e’ qualcosa che si esprime solo a letto, non e’ solo un’interazione fra peni e vagine, ma coinvolge anche altri aspetti dello stare insieme, che sono molteplici, a iniziare dal momento in cui ci si desta al mattino, a come si interagisce durante la giornata, a quelle che sono le aspettative, i compiti, le confidenze e anche le piccole (o grandi) rivalita’ e competizioni che si creano. Aspetti che esistono in ogni relazione che coinvolge due esseri umani, possono essere assenti in una relazione a tre? E soprattutto, quale puo’ essere la loro complessita’?

Tuttavia, lo scopo di questa premessa, non e’ quello di sviscerare ogni singolo dettaglio delle relazioni triangolari, ne’ quello di esaminarne ogni possibile combinazione, ma solo di introdurre cio' che sara’ argomento dei prossimi post: "Il triangolo: considerazioni generali" e “Regole e consigli per saper gestire un triangolo”.


 Qui la seconda parte

29 commenti :

davide ha detto...

Pregiatissima Chiara,

in realta fra le religioni monoteistiche solo il cristianesimo (quello predominante) vieta il "triangolo". Un mussulmano può avere più mogli quindi il triangolo non è escluso.

Sono certo che la maggioranza dei maschi vorrebbero il triangolo purchè con due donne. Pochissimi maschi accetterebbero il triangolo con un altro uomo.

Personalmente ritengo che ogni coppia, purchè via sia accordo reciproco, sia libera di fare tutti i triangoli o altro che vuole.

Penso però che gestire un triangolo non sia facile. Già è difficile andare d'accordo in due, figuriamoci i tre o più.

Ciao Davide

Kameo ha detto...

Non so se esiste il triangolo perfetto ma penso a tutte le combinazioni che ho incontrato nella mia vita:
[M(b)+F(e)]+M(b)
[M(e)+F(e)]+M(e)
[M(b)+F(b)]+F(e)
[M(b)+F(b)]+F(o)
[M(b)+F(b)]+M(b)
[M(e)+F(e)]+M(b)
[M(o)+M(o)]+F(e)
[M(b)+M(o)]+F(e)
Una prevalenza 2M+1F

Anonimo ha detto...

In realtà se stiamo alla cronaca nera le relazioni sessuali tipo triangolo tendono a far aumentare i delitti a sfondo passionale. Quindi se le religioni monoteistiche condannano queste pratiche c'è anche un motivo razionale: si trattrebbe di pratiche sessuali che provocano conflittualità e litigiosità. Firmato: Phileas.

Chiara di Notte - Klára ha detto...

@ Davide: solo il cristianesimo (quello predominante) vieta il "triangolo". Un mussulmano può avere più mogli quindi il triangolo non è escluso.

Quando scrivo qualcosa, la scrivo in senso preciso e letterale. Se qualcosa e' esclusa parzialmente (e per le donne lo e'), per me e' esclusa e basta. Il fatto che sia. consentita ai maschi non significa che sia consentita. Comprendi?


@ Kameo: tutte le combinazioni che ho incontrato nella mia vita

Certo che sei una bella bricconcella. :)


@ Phileas: In realtà se stiamo alla cronaca nera le relazioni sessuali tipo triangolo tendono a far aumentare i delitti a sfondo passionale.

Dove? Quando? Hai dei dati da mostrarmi? Statistiche, articoli.
Ad esempio parli di Italia o di Ungheria? Di Afghanistan o di Svezia? Di Brasile o di Lapponia? Burundi? Senegal? Paraguay? Canada? Islanda?
Perche, vedi, puo' darsi che nel tuo condominio cio' che dici sia anche vero, ma magari dove abito io non e' cosi'. Magari il mondo e' un po' piu' grande della tua stanza e di cio' che e' contenuto nel tuo account di FB, o comunque della tua citta'.
Per questo ti chiedo i dati... non perche' non mi fidi del fatto che tu non sia in buona fede. Sono certa che tu lo credi davvero, ma purtroppo non mi trovi per niente d'accordo.
Non sono d'accordo perche' non e' la sessualita' "libera" che crea i mostri e i rancori che portano ai delitti, ma e' la sessualita' repressa.
Per caso mi sai dire se nei paesi piu' retrogradi dal punto di vista della liberta' sessuale, i delitti sono inferiori a quelli nei paesi in cui esiste maggiore liberta'?
Se me lo dimostri coi fatti, e non con le opinioni, sono pronta a cambiare la mia idea. Nel frattempo mi baso su cio' che so per esperienza personale e cioe' che nelle coppie la maggiore liberta' favorisce l'accettazione dell'altro, mentre le restrizioni favoriscono il controllo e la dominanza.
Ecco, forse non e' un problema legato al triangolo l'aumento dei fatti delittuosi, ma e' un problema legato al cervello di un uomo (o una donna) che crede d'essere il padrone (o la padrona) della vita altrui, quando in realta' e' solo un malato (o una malata) di mente.
Purtroppo, i miei articoli sono indirizzati alle persone sane di mente.
Benvenuto. :)

Kameo ha detto...

@Chiara
Non ho detto di essere uno dei vertici dei triangoli elencati (non sempre comunque). Mi ci vorrebbero sette vite per sperimentarli tutti! :-)

Chiara di Notte - Klára ha detto...

@ Kameo: Non ho detto di essere uno dei vertici dei triangoli elencati

E lo avevo capito. Infatti non in tutte le combinazioni esiste una F di un unico tipo in cui poter inquadrarare la medesima persona. Qualsiasi tipo di F tu sia. :)
Comunque sei una bricconcella ugualmente. :)

marco ha detto...

Dicono tutti (o quasi) di odiare la matematica ma quando si tratta di questioni legate al sesso (anche se un rapporto è qualcosa di diverso del solo sesso) ne si accetta la simbologia.

F.to M(E)=1 (Maschio eterosessuale singolo)

:-)

P.S.
Sarò malato ma sembra un problema di programmazione lineare. Sembrano, quasi, i vincoli da rispettare per riuscire ad ottimizzare una funzione.

enea88 ha detto...

Tutto chiaro ma... Che cosa c'entra l'immanentismo con i triangoli?

Chiara di Notte - Klára ha detto...

cosa c'entra l'immanentismo con i triangoli?

Enea88, c'entra per quanto riguarda la "naturalezza", la "pericolosita'", o comunque la "peccaminosita'" di qualsiasi atto (non solo del triangolo). Quindi lascio a te la soddisfazione di scoprire perche' c'entra.
Dato che mi sembri un tipo sveglio e anche preparato, so che da solo ci arriverai e non mi deluderai. :)

giuseppe perani ha detto...

{[F(b)+M(e)]+F(b)}=... non è che la vita di M(e) potrebbe rischiare di accorciarsi pericolosamente? :-)

http://it.notizie.yahoo.com/milano-vuole-uccidere-il-marito-dellamante-donna-manette-142827460.html

Alex ha detto...

Scusa Kam o sei F(e) o F(b), altrimenti hai preso per i fondelli:-)))) e, per poco che ti conosco, non tornano i conti....

Kameo ha detto...

@Alex
Ti assicuro che i conti tornano sempre, sono le contesse che, se vanno via, non tornano più ;-)

Alex ha detto...

Vero, conosci conti e contesse, sei un punto di riferimento in materia:-)
Allora, se i conti tornano, e tu li fai tornare, ricorda alla contessa, che penso a lei dal primo momento in cui l ho vista:-))) magari lascia il conte e un autista tutto fare potrebbe farle comodo
Mai donna fu più bella...... grazie zia:-))

Anonimo ha detto...

Sono ancora Phileas. A proposito della pericolosità sociale dello scambismo e del triangolo erotico non sai quante volte succede che le coppie scambiste finiscono per sfaldarsi o autodistruggersi? Quanti casi di cronaca nera! A cominciare da quello del Marchese Casati Stampa(sempre in ambienti altolocati di nobili e miliardari annoiati succedono queste cosa) che nel 1970 godeva a vedere la moglie fotomodella Anna Fallarino in compagnia di altri uomini salvo poi diventare pazzo ed uccidersi dopo aver ammazzato moglie ed amante occasionale. E poi tu ti intendi di cinema? Ricordi cosa succedeva nel film americano Attrazione Fatale del 1987? Già il sesso di per se è un pericolo per via delle malattie che si possono prendere sia col preservativo che senza, poi se si hanno relazioni a rischio con degli sconosciuti è facile incappare nel tipo(o nella tipa) psicopatico o violento..... ma poi non eri proprio tu quella che aveva detto da qualche parte che bisogna essere fedeli alle mogli ed ai mariti? Come puoi da una parte sostenere che il tradimento sarebbe immorale e poi difendere lo scambio di coppie?

Anonimo ha detto...

E poi come mai che fernomeni come il triolismo e lo scambismo vengono praticati solo in ambienti straricchi e viziati e mai in ambienti proletari o di lavoratori dipendenti non benestanti?

Chiara di Notte - Klára ha detto...

@ Phileas: ti chiedo di darmi dei dati certi, e tu mi citi un caso di 42 anni fa e i film di Hollywood.
Sulla stessa base io dico che le scimmie andrebbero tutte sterminate da piccole prima che diventino King Kong o che creino il pianeta delle scimmie. :)
Permettimi Phileas, ma sono abituata a parlare di sesso e di problematiche legate ad esso, con persone di mentalita' aperta e non con chi ha i suoi precetti che ha studiato, probabilmente, dai gesuiti. Quindi mi perdonerai se, non essendo d'accordo con te, ne' sulla pericolosita' del triangolo, ne' sulla pericolosita' del sesso, ti lascio libero di tornartene al medioevo dove troverai un sacco di gente con le stesse tue opinioni e dove pare tu debba restare.
Grazie per la cortese collaborazione.

PS: Il tradimento con lo scambismo non c'entra una beneamata mazza, ma questo, lo so, sara' difficile che tu lo capisca.

Chiara di Notte - Klára ha detto...

come mai che fernomeni come il triolismo e lo scambismo vengono praticati solo in ambienti straricchi e viziati e mai in ambienti proletari o di lavoratori dipendenti non benestanti?

Ma che cavolo ne sai?
Sei un esperto? Lo hai fatto?
Su, dai, dimmi in quale film lo hai visto e poi citami un caso del 1922...
Per fare un triangolo non occorre il conto in banca, occorre essere maturi e equilibrati. Chi non lo e' fa la fine di quel marchese che hai citato: impazzisce. Ma probabilmente era gia matto prima, perche' il problema non e' il triangolo; il problema e' che tanta gente e' malata di mente.
Te ne intendi tu di malattie mentali? :)

Chiara di Notte - Klára ha detto...

Inserendo il termine "triolismo" in google.it, la prima voce che viene evidenziata riguarda un'esperienza di una donna raccontata in un forum femminile:

http://tinyurl.com/bruup7y

Immagino che si tratti di un forum di contesse e baronesse annoiate in attesa che i loro mariti le uccidano a coltellate...

Bibi ha detto...

A me i triangoli non sono mai piaciuti. Dalle mie parti si usa dire che un uomo che gira con due donne non ciula..ma fa la figura del ciula (il senso lo si capisce meglio in dialetto di cui però non ho la padronanza linguistica in forma scritta).
Non nego che ho provato il triangolo M + F + F un paio di volte e con scarsi risultati. Premessa doverosa...nel mondo pay e quindi in un mondo che c'entra poco o nulla con quello di cui stai parlando perchè i "tuoi" triangoli si riferiscono al mondo reale tra coppie + un terzo/a.
In ogni caso..la mia avversione verso il trio resta anche nel mondo no-pay. Non ho mai avuto il desiderio di una tale situazione. Sono monogamo...anche se detto da me la cosa fa un po ridire.
Mi dedico ad una persona ...per volta. Io forse rientro in altro tipo di aspetto geometrico e cioè mi è capitato di essere il "vertice di un angolo".
Il vertice di un angolo è il punto di unione tra due semirette che hanno un punto solo in comune (il vertice appunto) ma che non si incontrano in nessun altro modo.
Ecco..in tale forma mi ritrovo perfettamente.
a.y.s. Bibi

davide ha detto...

Caro amico Bibi,

" Dalle mie parti si usa dire che un uomo che gira con due donne non ciula..ma fa la figura del ciula (il senso lo si capisce meglio in dialetto di cui però non ho la padronanza linguistica in forma scritta)."

Il detto giusto è:
"uno uomo fra due dame fa la figura del salame".

Poi c'è chi dice che se l'ometto in questione ci sa fare con il suo salame accontenta le due dame.

Ciao Davide

Bibi ha detto...

@Davide
Paese che vai..detto che trovi.
Una cosa...a margine ovviamente.
Guarda che per quanto il salame possa essere stagionato, gustoso,ect ect..fa sempre già fatica con una dama, con due...non stiamo neanche a parlarne.
Se hai amiche "sincere"..prova a chiedere a loro e vedrai cosa ti rispondono sulla capacità di usare il salame e sulla sua concreta importanza.
Comunque illudersi che invece il salame sia il centro dell'universo non fa male a nessuno; per fortuna non esiste la probabilità di essere accusati di eresia..anzi..è dire il contrario che non è ben visto.
a.y.s. Bibi

Chiara di Notte - Klára ha detto...

Ragazzi, non litigate. io coi salamini ci ho fatto business per anni, facendo credere a tutti che erano i migliori salamini del mondo, ma in realta' (lo dico sinceramente), ne ho trovati veramente pochi che fossero gustosi e con la giusta consistenza. :)
Che poi ognuno sia convinto di avere il salamino che piace di piu', e' normale. Disilluderlo sarebbe quasi un crimine, dato che basa tutta quanta la sua esistenza su tale convinzione.
Pero', perdonatemi se lo dico, nessuna piu' di un'assaggiatrice professionista di salamini puo' dare un giudizio sincero e spassionato. E questo giudizio si traduce in "darla senza chiedere soldi ne' regali".
Se non l'avete mai trovata, un'intenditrice cosi', cioe' una professionista che ve l'abbia data solo per gustare il salamino, ma senza chiedervi in cambio niente (ne' soldi, ne' regali, ne' relazioni durature), allora vuol dire che il vostro salamino e' giusto. Se invece avete dovuto dare qualcosa per farvelo assaggiare, qualcosa di qualunque tipo, persino un favore, allora sappiatene cogliere il significato. :)

Anonimo ha detto...

Sarà, ma io non riesco ad immaginare lo scambismo e le orge praticati in ambiente proletario dove tutti i giorni ci si alza presto per andare a fare lavori faticosi e poi si deve pure fare la spesa per mangiare. Un certo detto dice che il sesso non vuole pensieri, e chi più dei ricchi è senza pensieri? Infatti sono proprio loro a fare più spesso certe cose, io di operai scambisti non ne ho proprio mai sentito parlare. Orge e sesso spinto sono robe di destra, alla Berlusconi tanto per dire. Robe da fare solo se non si hanno preoccupazioni quotidiane per la testa: come potrebbe un'operaio o un contadino stanchi per una giornata di lavoro tornare a casa e pensare di voler vedere la propria moglie che sela spassa con un altro mentre loro se la fanno con un'altra donna. Ma poi se tu davvero consideri la gelosia maschile e femminile come una sorta di malattia mentale da Medioevo come mai ti prendi la briga di condannare la moglie che tradisce il marito ignaro e non consenziente? Se uno non è consenziente a che sua moglie scopi con un altro per te sarebbe un malato possessivo o no? E quindi se soffre se si becca le corna dal tuo punto di vista dovrebbero essere solo cavoli suoi o no?! Tu pensi o no di essere razionalista oltre che atea? Phileas PS: non sono stato educato dai gesuiti, ma dalle mie parti anche la gente che non frequenta le chiese ed è di sinistra delle persone libertine come omosessuali o prostitute dice: dagli una vanga in mano e falli lavorare, vedrai mo che poi gli passa la voglia!

Chiara di Notte - Klára ha detto...

@ Phileas: Capisco come la pensi. Ma io che dovrei fare dato che non sono d'accordo neppure su una virgola di quanto scrivi? Dovrei vergognarmi? Non uscire piu' di casa? Cambiar vita? Essere redenta? Smettere di scrivere questo blog? Sparire dalla faccia della terra? Suicidarmi? Farmi rinchiudere in un manicomio? Essere sottoposta al rogo? Oppure lasciare che tu mi sostituisca in questo blog? Vuoi scriverlo tu al posto mio?
Dimmi: vuoi che te lo regali cosi' potrai scriverci tutto cio' che riterrai opportuno?

Su, dai, sii buono e saggio, e dimmi che dovrei fare. Hai un'alternativa? Un consiglio? Un ordine?
Vorrei capire cosa muove, alle vostre, il vostro cervellino, anche se e' un desiderio destinato a restare insoddisfatto, perche' il vostro cervellino ruota nel senso opposto al mio. Voi che la pensate in questo certo modo siete diversi. Io vi accetto. Giuro, e nnon mi fate neppure pena. Solo ridere.
Percio', fai anche tu come me: accetta la diversita': tu sei cosi' (rassegnati), io sono cosa'. So che e' duro per te da accettare; so che e' duro vedere gente che se la spassa nel sesso mentre ad altri restano solo le pippe, ma le cose stanno cosi', e siccome non esistono alternative, cioe' io non cambiero' mai idea e viceversa, tu continuerai a farneticare in modo sbilenco su orge di destra, sinistra, centro, sui debosciati (noi) e le persone a modino (voi), vorra' dire che anche stavolta te la dovrai mangiare e digerire. Buon appetito! :)

Tu scrivi: "Ma poi se tu davvero consideri la gelosia maschile e femminile come una sorta di malattia mentale da Medioevo come mai ti prendi la briga di condannare la moglie che tradisce il marito ignaro e non consenziente? Se uno non è consenziente a che sua moglie scopi con un altro per te sarebbe un malato possessivo o no? E quindi se soffre se si becca le corna dal tuo punto di vista dovrebbero essere solo cavoli suoi o no?!"

Se vuoi te lo spiego meglio, con un disegnino come quelli che si fanno ai bambini, ma dubito che anche con un'immagine grafica riusciresti a capire. Percio' risparmio tempo. Dico solo che fai una gran confusione: il tradimento e' una cosa (ed e' quando una persona fa un'azione senza dirla all'altro), la gelosia patologica e' invece un'altra cosa.
Che le pere e le banane siano entrambe ne cesto della frutta, insieme alle albicocche, non significa che abbiano tutte lo stesso sapore e qualita' nutritive.

Ultima cosa. Tu scrivi: "non sono stato educato dai gesuiti, ma dalle mie parti anche la gente che non frequenta le chiese ed è di sinistra delle persone libertine come omosessuali o prostitute dice: dagli una vanga in mano e falli lavorare, vedrai mo che poi gli passa la voglia!"
A me non frega una beneamata minkia da chi sei stato educato tu. Sicuramente, certi ragionamenti mi fanno pensare che tu abbia come punto di riferimento non tanto Voltaire quanto Pol Pot. Anche se mi sembri piu' uno dei tanti predicatori qualsiasi, senza arte ne' parte che affollano il web, cioe' uno dei tanti cazzoni che che lottano per conquistarsi un attimo di visibilita' e il premio dell'anno.
Ecco, allora ti faccio contento, se proprio lo volevi, mi sa che il premio te lo sei aggiudicato.

http://digilander.libero.it/AntiTroll/index.htm



Anonimo ha detto...

@Anonimo: ma perché i "libertini" devono essere omosessuali o prostitute? Io non sono ne uno ne l'altro (devi credermi sulla parola, ovviamente, ma se non lo fai è solo un problema tuo) eppure credo di esserlo e non solo da un punto di vista sessuale.
Di cosa uno ci fa con il suo pene, la sua vagina, il suo cervello o i propri muscoli mi interessa poco finché li usa nel rispetto di se stesso e degli altri.
Siamo pronti a demonizzare che ci "irretisce" mostrandoci scollature o mutandine mentre subiamo passivamente chi ci "maneggia" il cervello con ideologie di parte (la propria parte, che poi sia di sinistra, destra, centro o di traverso poco importa).
Forse mi sbaglio ma credo che il primo pensiero di ogni essere umano sano di mente dovrebbe essere quello mettere in dubbio se stesso e i propri convincimenti affinché possa confermarli ogni volta.
Augurarsi che una vanga in mano tolga le "voglie" a qualcuno non è solo assurdo, sfiora il sadismo.
Ti assicuro, non perché ti conosca (ovviamente non è così), ma da quello che scrivi traspare chiaramente la "repressione" di cui sei vittima e di cui a volte sono io stesso (mi considero libertino e liberale ma il retaggio culturale di cui sono intriso mi mette a dura prova). Forse ne sei inconsapevole ma te ne puoi accorgere anche tu ogni qual volta ti senti anche solo pensare frasi come quelle che hai scritto in questo tuo post.
Augurarsi che la sofferenza e il dolore facciano "mettere a posto" la testa delle persone ha un vago retrogusto demoniaco.
Probabilmente di tutto questo a te non frega nulla, ma il mio è un pensiero che cerco di tenere "libero" e forse qualcuno, chissà, magari anche tu, potresti trovarlo utile per rifletterci sopra. Se poi, dopo averci riflettuto sopra le tue convinzioni si saranno rafforzate... buon per te. Prima però le convinzioni dovrai metterle in discussione... tutte.

Fabrizio

Chiara di Notte - Klára ha detto...

@ Fabrizio: purtroppo chi e' come l'anonimo Phileas, difficilmente si rende conto di certe conto ed e' impossibile che comprenda il tuo ragionamento.
Appartenete a due "logiche" differenti e sarete sempre in contrasto: lui cerchera' di eliminare tutto il male del mondo identificandolo nel "sesso" e in chi lo fa liberamente, e tu cercherai di fargli capire, senza successo, che non e' quello il vero male del mondo, ma solo il suo cervello bacato.

Anonimo ha detto...

@Chiara: una cosa devo dirtela. Grazie!
Comprendo appieno la tua osservazione ma sono "affetto" da qualcosa di molto simile al tuo "morbo", quello del condividere i propri e gli altrui pensieri, non fosse altro che per poterli rivedere dall'esterno (i propri) e metabolizzarli (quelli altrui) prima di proseguire lungo la mia strada.
Ben consapevole del punto di vista come il tuo ho voluto chiudere il mio post così come ho fatto.
D'altra parte coloro che NON VOGLIONO discutere le proprie opinioni non lo faranno mai, si arroccheranno sempre sulle loro esili certezze gettando fango e pece addosso a chi si avvicina al "maniero".
Io però sono un ottimista cronico e per me non esistono cervelli irrimediabilmente "bacati" e, quand'anche lo fossero, nei dintorni trovi sempre altri "cervelli" abbastanza sani da potercisi confrontare.
Ho la fondata certezza che i miei "stupidi" pensieri, come i tuoi o quelli di chiunque altro sono comunque utili per coloro che desiderano CRESCERE e morire felici di essere diventati diversi, e più ricchi (non di denaro), di come sono nati.
A presto...

Fabrizio.

Anonimo ha detto...

Tu dici che tradire è moralmente sbagliato e che tradire significa fare una cosa al'insaputa di qualcun altro. Ma allora tu dimmi per quale motivo non si deve poter fare qualcosa di sesso di nascosto dal partner? Chissà quante volte si fanno cose anche di sesso di nascosto dai genitori ad esempio, eppure io dubito che tu ritenga immorale il fatto di prostituirsi o anche solo di masturbarsi di nascosto dai propri genitori, dimmi allora per quale motivo si può masturbarsi o scopare di nascosto dai genitori ed invece di nascosto dalla moglie o dall'amante no. Forse perchè anche tu alla fin fine ti adegui alle convenzioni sociali che dicono che si è troie o sporcaccioni solo se si tradisce il marito o la moglie mentre invece se si tradisce quello che i genitori si aspettano da noi chi se ne frega?! E poi tieni presente che ci sono mogli o fidanzate che possono essere gelose anche se il loro uomo si masturba in loro assenza pensando ad altre donne, allora tu che sei così apparentemente moralista con chi tradisce forse che nella tua visione etica condanni moralmente anche l'uomo o la donna che pratica attività autoerotica senza il consenso del partner? O altrimenti perchè per far sesso con un'altro partner e sentirsi a posto con la coscienza si bisogna avere il consenso del parner stesso ed invece per masturbarsi no? A masturbarsi secondo te si è moralmente a posto anche se il partner non vuole? Oppure no? Cosa si può dimostrare in proposito con la razionalità umana? Phileas

Chiara di Notte - Klára ha detto...

@ Phileas: Mi dispiace tanto, ma non riesco a seguire il tuo ragionamento. E' troppo complesso per una mente semplice e poco profonda come la mia. A un certo momento, il mio cervello si inceppa e non riesce piu' ad andare avanti. Sicuramente le cose che vuoi esprimere hanno un filo logico, ma non riesco a trovarlo.
E' colpa mia, mi spiace veramente. Forse, invece di commentare nel mio blog, che e' il blog di una povera contadina zingara, poco istruita e con le idee confuse, dovresti condividere i tuoi pensieri con qualcuno che sappia apprezzarli. Qualcuno di assai piu' intelligente della sottoscritta e che sia in qualche modo al tuo livello.
Buon anno. :)

Misura la forza della tua Password

Oggi mi sento un po' cosi'...

Oggi mi sento un po' cosi'...

Tokaj-Hegyaljai Borvidék

Áldott tokaji bor, be jó vagy s jó valál, Hogy tsak szagodtól is elszalad a halál; Mert sok beteg téged mihely kezdett inni, Meggyógyult, noha már ki akarták vinni. Istenek itala, halhatatlan Nectár, Az holott te termesz, áldott a határ! (Szemere Miklós)

A Budapesttől mintegy 200 km-re északkeletre, a szlovák és az ukrán határ közelében található Tokaj-Hegyaljai Borvidék a Kárpátokból déli irányban kinyúló vulkanikus hegylánc legdélebbi pontján fekszik. A vidéket és fő községeit könnyen elérhetjük akár autóval (az M3 autópályán és a 3-as úton Miskolcig, onnan a 37-es úton), akár vonattal (több közvetlen vonat indul Budapestről és Miskolcról)

Web Statistics