martedì 22 maggio 2012

14
comments
Tre galline

Avevo pensato di scriverci un post sull’argomento pollai. C’e’ chi l’ha gia’ fatto, citandomi sottilmente nel tentativo di denigrarmi, facendomi apparire per quella che non sono, e allora volevo scrivere una risposta, che fosse l'ultima, definitiva, cosi' da poterci mettere la parola fine.

Volevo scriverla perche’ mi sono rotta di chi costantemente sputa nel piatto in cui mangia. Non tanto perche’ ci sputa, sia chiaro – in fondo nel proprio piatto chiunque puo’ farci cio’ che vuole –, ma perche’ sembra che il suo piatto sputacchiato sia piu’ buono del mio senza sputi. Si vede che ha una cosi’ alta considerazione di se’ che attribuisce ai propri sputi un potere taumaturgico che rende i piatti piu’ digeribili. Chissa’…

Volevo scriverla, perche' mi sono scocciata di chi usa il web per attirare pietismo per sguazzarci dentro con lagnose storielle tratte dai fotoromanzi che leggeva mia madre. Spero che da cio’ ne tragga grande giovamento per la propria autostima, tuttavia a me lo sguazzare nel pietismo, lo sapete, ha sempre causato conati di vomito. Discutono da mesi di un brufolo sul proprio culo come se questo fosse il piu’ grave dramma mai affrontato dall’umanita’. Magari sarebbe bene che qualcuno dicesse loro chiaro e tondo che, trattandosi di un semplice brufolo sul culo, se vogliono possono schiacciarlo in qualsiasi momento, e se non lo fanno, e’ solo perche’ in fondo non vogliono, perche’ senza brufolo non potrebbero piu’ piagnucolare e lamentarsi. E allora di che cazzo parlerebbero?

Volevo scriverla, perche' mi sono seccata di chi chiama le cose non con il loro vero nome. Un pappone, anche se lo si puo’ chiamare “il mio fidanzato”, “il mio ragazzo”, “l’uomo che amo”, resta pur sempre un pappone: uno che vive sulle spalle di una donna che esercita il meretricio. Per carita’, ci si puo’ innamorare anche di un pappone, sia ben chiaro, ma e’ giusto dare a ogni cosa il nome giusto, altrimenti e’ ipocrisia. E allora, se e’ ipocrisia, e’ molto meglio non andare in giro a raccontare le proprie cose, perche’ puo’ capitare che prima o poi qualcuno ci giudichi sulla base di quelle cose ipocrite che scriviamo, anche se poi non vorremmo sentircele dire.

Volevo scriverla, perche’ quando si leggono cose del genere “la mia vita non e’ nel virtuale, e’ solo nel reale”, oppure “ho cose piu’ serie da fare che di stare in internet”, e poi le vedi che sono perennemente davanti ad un computer, ogni giorno, dalla mattina alla sera, e non sanno che lo si puo’ rilevare in mille modi, allora ti viene voglia di dirglielo. Pero’, se lo dici, si incazzano e ti prendono sui coglioni. Devi essere ipocrita, questa e’ la regola, e per loro e’ giusto che sia cosi’.

Volevo scriverla, perche’ chiunque ha il diritto di raccontare la cazzate che vuole, io per prima, ma se poi, per stizza, ti cancellano tutti i commenti che hai scritto e ti bannano dai loro blog dopo che hanno solennemente affermato che a loro non potrebbe mai accadere di alterarsi, e te lo dicono facendo sembrare te quasi un'isterica, citando libri di filosofia orientale che probabilmente non hanno mai letto - come ogni altro libro che affermano di aver letto - se non nei riassunti trovati su Google, allora ti viene da pensare che prendere davvero per il culo queste persone sia la soluzione migliore. Perche’ la superbia di chi vuol sembrare cio' che non e’ l’ho sempre saputa percepire e anche se so che dovrei sbattermene le ovaie, talvolta c'e' purtroppo chi esagera e diventa cosi’ irritante nella sua altezzosita’ che e’ difficile resistere alla tentazione di darle una piccola lezione di stile.

Volevo scriverla, perche’ non sopporto piu’ chi vuol apparire una diva, superiore a chiunque, solo perche’ l’unica cosa che conosce nella vita e’ tutto sull’ultima moda e sulle stronzate di gossip. “Louboutin e’ sempre Louboutin” e’ come un mantra. Magari non conoscono i congiuntivi, e scrivono costantemente “po’” senza l'apostrofo, ma di scarpe ne sanno una piu’ del diavolo, queste autoreferenziali strafighe virtuali che non hanno mai mostrato di se’ neppure un’unghia. Purtroppo, credono che dall’altra parte dello schermo ci sia gente che e’ nata scema e viva tutto il tempo col naso appeso al pero…

Volevo scriverla, perche’ vedere delle galline che starnazzano in un pollaio dove non c’e’ neppure un gallo, e’ veramente qualcosa che merita di essere raccontata, come una delle tante storie ridicole che accadono nel web e, inoltre, ho pensato che levarsi ogni tanto qualche sassolino dalle scarpe, potesse far bene anche a una persona calma, riflessiva ed educata come me.

Volevo scriverla, questa risposta, e non stenterete a credere, dunque, se confesso di averla persino buttata giu’, caustica e cattiva al punto giusto, con tutte le cosine spiegate bene, cosicche’ chi dovesse capire capisse quanta strada debba ancora fare prima di arrivare a diventare, credibile, attendibile, e meritevole di una considerazione che vada oltre la mera presa per i fondelli. Pero’, alla fine, come avete potuto intuire, ho deciso di cestinarla. E’ giusto cosi’, credetemi, perche’ e' bene che le galline, giovani o vecchie, belle o brutte, colte o ignoranti, sincere o bugiarde che siano, anche se alla fine qualcuno ha il forte sospetto che si tratti solo di capponi, restino a bollire in pace nel loro brodo.

14 commenti :

Kameo ha detto...

Co-co-co ... accetti un uovo da una gallina da brodo?

Chiara di Notte - Klára ha detto...

accetti un uovo da una gallina da brodo?

Da te l'ovetto e' sempre accettato, e lo sai. Almeno sei una gallinella reale e non autoreferenziale. :-)

** Sara ** ha detto...

Ho un problema..

Chiara di Notte - Klára ha detto...

** Sara ** ha detto...
Ho un problema..


Che problema?

$METICCIA$ ha detto...

ahahahahaha grazie kiara per la risata gratuità ;) sei forte in questi argomenti ;)(ovviamente anche in altri argomenti ma questo mi ha fatto proprio sorridere) e non volermi male se ti dico che ti vedo come la sorella maggiore che non ho mai avuto ;)
buona serata.

Chiara di Notte - Klára ha detto...

@ Meticcia: non volermi male se ti dico che ti vedo come la sorella maggiore che non ho mai avuto

E come potrei volerti male?
Solo che i facili entusiasmi sono sempre da valutare sulla base delle prove di credibilita' e di correttezza che posso averti dato, quindi magari sono prematuri perche' ancora non conosci il mio "lato oscuro della Forza". :-))
Tutti/e all'inizio sembriamo interessanti, a volte speciali, perche' in fondo c'e' il fascino della novita' e ancora non si sono manifestati quei "tic" caratteriali che poi, in seguito, potrebbero diventere fastidiosi. Quindi accetto il tuo complimento, ma ti dico anche considera bene se la mia "schiettezza" possa essere accettata come forma di sincerita' e chiarezza, e non invece come maleducazione.

rossoallosso ha detto...

brrrr che freddo !!!speriamo arrivi presto l'estate con qualche post più caliente.
ciao

$METICCIA$ ha detto...

se ti dicessi che già aspettavo una risposta simile? ;)
Forse non mi sono presentata a dovere così da poter spiegare il mio entusiasmo su di te. Io ti leggo da quasi ormai anno e mezzo(da quando ho cominciato il mestiere), mi sono letta la maggior parte dei tuoi blog (ho cominciato a conoscerti per mezzo i tuoi blog datati 2008) e anche se molte volte concordo con te su argomenti morali, etici e sulla natura animale (gazelle) dei maschi, io purtroppo preferisco solo leggerti che intervenire, motivo? , molte volte la pensiamo allo stesso modo e scrivere un semplice "giusto, sono d'accordo" preferisco meglio non scrivere e lo so che non è giusto per me....ma la pigrizia che ho sul fatto di accorgermi, osservare e ragionare (metodo scientifico a metà)è più forte di me ;) e, mi permetti di uscire dalla mia pigrizia nel tuo blog ? se sì, ti chiedo scusa fin da subito per le cose semplici che scriverò ma non sono una scrittrice aguerrita ;)
buona giornata.

Chiara di Notte - Klára ha detto...

@ Rosso: speriamo arrivi presto l'estate con qualche post più caliente

Com'e' diversa l'idea di "caliente" che abbiamo io e te. Per me, questo e' un post caliente. Comunque ne ho in serbo uno anche per te. :-)


@ Meticcia: mi permetti di uscire dalla mia pigrizia nel tuo blog ?

Ma certamente!
Qui, a parte i troll che insultano, ma quelli sono casi psichici speciali, non e' stato mai censurato nessuno. Tutte le opinioni, anche quelle contrarie, sono sempre benvenute perche' un blog si nutre dei commenti e non soltanto delle manifestazioni di leccaculismo o di perenne approvazione.
Soprattutto, qui, non e' mai stato cancellato alcun commento, di nessuno, a differenza invece di cio' che ho visto fare nei blog delle galline in cui anche commenti pregressi e gia approvati sono stati eliminati al solo scopo di "modificare" a proprio vantaggio la discussione: una cosa che nel web e' di una scorrettezza incredibile.
Percio', sei la benvenuta. :-)

** Sara ** ha detto...

CHe problem?? Naaaaaaa non ho il carattere per dirlo.. meglio evitare?! Non per censura o mancanza di coraggio.. è perchè sono stufa. Davvero. Direi che questo post per me è più che caliente. Forse però molti vedono il fuoco solo nell'eros.. magari non lo vedono sotto altre forme.. vero è che se le puttane (che sipresume abbiano ben presente l'uccello) si prendono paura di un uccello in foto e fanno le scandalizzate.. beh tutto è possibile. Paradossi di questa nostra vita... Ciao KIara

Chiara di Notte - Klára ha detto...

@ Sara: si prendono paura di un uccello in foto e fanno le scandalizzate.. beh tutto è possibile.

Con l'ipocrisia, mi sono accorta, che tutto e' possibile. Credevo che nel web le persone - come dicono - si sentissero piu' libere di esprimere la loro sessualita' senza criticare (e giudicare) quella altrui, e invece ho trovato qui piu' bigotte e "fighestrette" che altrove. Una puttana che non sa parlare di "uccelli", oppure che ridicolizza chi ne parla, secondo me ha dei grossi problemi. Sia come puttana che come donna.
Pensa che in un commento riferito proprio a questo argomento, una delle galline ha scritto: "Secondo me dobbiamo convertirci anche noi al "cazzolicesimo" nel blog... Almeno ci sale il pagerank!!!!! Date retta a me!!!"
Capito? Lo farebbero per il "pagerank", che e' la sola cosa che a certa gente interessa.
Quando, invece, devo essere sincera, dal puro punto di vista estetico e senza alcuna malizia, ci sono dei piselli che sono delle vere opere d'arte. :-)

carlos ha detto...

Vorrei apostrofare anche il tuo beh, anche se la cosa poi è facoltativa.
E nun te la pijà troppo pe' 'ste cose... :)

Chiara di Notte - Klára ha detto...

@ Carlos: E nun te la pijà troppo pe' 'ste cose

Vedi Carlos, non e' un fatto di prendersela. Se tu mi conoscessi sapresti quanto io riesca a restare fredda di fronte ad ogni situazione, quando mi impongo di farlo, figuriamoci di fronte a certe cazzate!
Pero', ritengo che la correttezza sul web sia qualcosa che vada ricercata, seguita, incoraggiata, mentre la scorrettezza vada evitata e denunciata.
Se posso, do una mano a saper riconoscere dove si annida la menzogna e la stronzaggine. Non mi costa niente farlo. E' come se dessi un'informazione stradale ad un amico. Ho 12 anni di esperienza nel web e puoi star certo che ne ho viste di tutti i colori. Percio' mi basta poco per capire chi millanta, chi finge, chi racconta cazzate, chi prova invidia, chi fa tutto per il "pagerank", chi scrive solo per smerdare gli altri, eccetera, eccetera...
Il problema e' che certa gente, che secondo i miei parametri ha ancora la bocca sporca di latte, crede di essere chissa' chi solo perche' ha un blog di pochi mesi dove (e lo ripeto) di se' non ha MAI mostrato neppure un unghia - ma di che cazzo hanno paura, mi domando -, ma crede di autoreferenziarsi al punto di apparire come persona REALE, SCHIETTA, e CREDIBILE...
Poi, quando vedi che arriva a cancellare i commenti altrui per modificare la discussione a proprio vantaggio, allora ti cascano le braccia e ti accorgi che probabilmente si tratta di una bimbaminkia (o bimbominkia) che usa la rete per le sue bizze.
A questo punto, e' ovvio che chiudo il rapporto, ma nel momento che lo faccio, avverto le persone che probabilmente sono finite nel suo blog passando da qui. Mi sembra il minimo che possa fare.

Chiara di Notte - Klára ha detto...

Ovviamente, come sempre, aveva ragione Kameo quando, fin dall'inizio, mi diceva parlando della falsita' di alcuni blog:
"Vedrai che quello li' sparira' presto, come sempre accade alla gente che dopo la fiammata iniziale non sa piu' di cosa parlare". Perche' e' cosi' che accade quando le persone si inventano una vita nel web: non riescono a recitare troppo a lungo e una volta esaurita la carica "stereotipata" del ruolo, in cui emergono tutti quanti i luoghi comuni, non hanno piu' fonti alle quale approvvigionarsi. Percio' si spengono.
E cosi' e' stato anche stavolta...
Poi, un giorno, quando credono che sia passato abbastanza tempo, ricominciano da capo, a volte utilizzando lo stesso personaggio (contando sul fatto che la gente presto dimentica), a volte cambiando totalmente schema.
Lo fanno addirittura usando lo stesso URL, non preoccupandosi minimamente che nel Web tutto rimane e niente si cancella. E cosi' vengono subito sgamati da chi a queste cose pone attenzione.

Misura la forza della tua Password

Oggi mi sento un po' cosi'...

Oggi mi sento un po' cosi'...

Tokaj-Hegyaljai Borvidék

Áldott tokaji bor, be jó vagy s jó valál, Hogy tsak szagodtól is elszalad a halál; Mert sok beteg téged mihely kezdett inni, Meggyógyult, noha már ki akarták vinni. Istenek itala, halhatatlan Nectár, Az holott te termesz, áldott a határ! (Szemere Miklós)

A Budapesttől mintegy 200 km-re északkeletre, a szlovák és az ukrán határ közelében található Tokaj-Hegyaljai Borvidék a Kárpátokból déli irányban kinyúló vulkanikus hegylánc legdélebbi pontján fekszik. A vidéket és fő községeit könnyen elérhetjük akár autóval (az M3 autópályán és a 3-as úton Miskolcig, onnan a 37-es úton), akár vonattal (több közvetlen vonat indul Budapestről és Miskolcról)

Web Statistics