venerdì 27 gennaio 2012

27
comments
La genialata

Da qualche parte ho letto che il telefonino cellulare, per via delle onde elettromagnetiche, se viene usato troppo distrugge le cellule cerebrali, rendendo di conseguenza stupidi. E' una notizia, questa, che ho sempre citato per cazzeggiare, piu’ che altro scherzando e per irritare certi interlocutori italici un po' strafottenti, soprattutto abbinandola ad un'altra: che l'Italia e' nel mondo il paese con il piu' alto numero di telefonini per abitante.

Per dire la verita', non ho mai preso tutto cio’ molto sul serio. Sono quegli studi e quelle statistiche che lasciano il tempo che trovano. Poi, pero', mi capita di leggere notizie come QUESTA.

E allora resto basita. Scuoto la testa e dico: "No, non puo' essere vero". E penso che se la classe dirigente di un paese, per logica, e' formata da quegli individui che sono i piu' preparati e intelligenti - o almeno cosi' dovrebbe essere -, quelli che non sono gli sfigati che si laureano dopo i 28 anni, ma hanno studiato alla Bocconi e di politica, economia e tecnica di comunicazione, sanno davvero tutto, o che comunque non sono certamente fra i piu' stupidi in assoluto, se chi ha inventato tali norme sulla tracciabilita' e' da considerarsi uno di questi, allora non voglio neppure immaginare quale possa essere il quoziente intellettivo del resto della gente "comune" in Italia.

Spero di non essere fraintesa. Non e’ mia intenzione offendere nessuno, tantomeno la particolare genialita’ tutta italica. Vorrei solo continuare a scherzare, giocando ancora un po' e cercando, se possibile, di buttarla sul burlesco. Tuttavia, se penso alla genialata che hanno tirato fuori dal cilindro questi professori che sono attualmente sulla plancia di comando di una nave che sta per affondare, qualche dubbio in merito al fatto che gli italici eccedano un po’ troppo nell’uso del telefonino, mi viene.

Perche' se e' palesemente stupido chi inventato una tale, madornale, stronzata, spacciandola per metodo finalizzato a combattere l’evasione fiscale e il riciclaggio del denaro sporco, allora assai piu' stupido e’ chi accetta tutto questo come se fosse oro colato dalla mente di esimi sapienti, senza farsi quantomeno una fragorosa risata indirizzata a chi ha partorito certe norme. Perche' e' facile rendersi conto perfettamente di quanto invece siano incongruenti, inutili, facilmente aggirabili, e abbiano il solo effetto di recare fastidio senza che vi sia un reale motivo di contraccambio economico.

Proviamo per un attimo ad immaginare la situazione: un padre vive con un figlio a cui deve o vuole dare 3.000 euro. Che fa? C'e' davvero chi pensa che vada in banca a fargli un bonifico? Tutte le volte che deve sganciargli la grana, va in banca perde tempo, paga pure le commissioni, e gli fa un bonifico? Qualcuno crede veramente che anche il piu' cretino degli italiani faccia qualcosa del genere? Oppure, come e’ normale che sia, e come farebbero le persone che hanno tutte le cellule cerebrali sane e al loro posto, e' piu' facile che glieli dia brevi manu, dichiarando poi, qualora arrivasse qualcuno a chiedere spiegazioni, di averglieli consegnati in piu' tranche, a distanza di mezz’ora l'una dall'altra?

A me sembra proprio che qui si stia rasentando la follia, e sinceramente non so se la colpa sia dei telefonini oppure di altro. In ogni caso, nel dubbio, dato che non voglio rischiare, ho pensato di riporre nel cassetto il mio cellulare e di tornare al vecchio telefono di casa. Quello col filo.

27 commenti :

Squilibrato ha detto...

Oppure alla buona e cara vecchia cabina telefonica, marchiata SIP.

davide ha detto...

Pregiatissima Chiara,

non so se sia vera questa storia che i cellulari danneggiano la salute. Però le statistiche dicono che gli italiani sono fra i più sani e longevi al mondo.

Per quanto riguarda le norme in Italia non c'è problema, perchè sono come le grida manzoniane: ci sono ma nessuno le rispetta. Già Dante diceva: ci son le leggi ma nessuno por mano ad esse.

Ciao Davide

elisa ha detto...

purtroppo invece in questo caso la norma si rispetta. non si è nemmeno piu liberi di versarsi sul proprio (sottolineo proprio) conto corrente piu di 900 euro, perché ti vengono a chiedere come te li sei procurati. nell'ultimo mese avevo versato una certa somma e mi sono dovuta sorbire l'interrogatorio della mia direttrice di banca sulla provenienza dei miei soldi. sarò ben libera di avere dei contanti che magari mi ha regalato qualcuno e di mettermeli sul conto, senza dover andare a dire ai direttori di banca il nome di chi me li ha dati? è assurdo! e pi un'altra cosa: ora nessuno può più versarci soldi sul conto corrente se non attraverso bonifico (il cui costo di commissione è aumentato sensibilmente!)...cioè...una persona non può andare in una filiale della mia banca e versarmi anche solo 200 euro.....cos'è tutto questo se non una grande operazione per finanziare occultamente le banche!?

davide ha detto...

Cara amica Elisa,

"purtroppo invece in questo caso la norma si rispetta. non si è nemmeno piu liberi di versarsi sul proprio (sottolineo proprio) conto corrente piu di 900 euro".

Con i tempi che corrono i soldi, anzichè metterli in banca, è meglio tenerli sotto il materasso.

Ciao Davide

rossoallosso ha detto...

teoria interessante anche se ritengo che gli idioti li abbiano inventati prima del telefonino,c'è un vecchio detto che recita"la mamma degli idioti è sempre incinta",vien da chiedermi chi sia il padre ;-)

davide ha detto...

Caro amico Rossoallosso,

",vien da chiedermi chi sia il padre ;-)"

Gli idioti han sempre mille padri.

Ciao Davide

J.T. ha detto...

Buongiorno Klara,
forse era la scusa, di qualche nostro governante, per non dare al figlio più di mille euro alla volta.
Si sono accorti, finalmente, che per un aperitivo, oltre quella cifra, era una esagerazione:-)

Chiara di Notte - Klára ha detto...

@ Squilibrato: Oppure alla buona e cara vecchia cabina telefonica

Il non uso del telefonino, potrebbe essere davvero una rivoluzione di tipo culturale. In fondo tanta gente ne e' divenuta schiava, si e' sottomessa ad un guinzaglio in nome di che cosa? Della comodita'? Quale comodita? Quella di essere raggiungibile ovunque?
Se le persone capissero quanta incongruenza c'e' in tutto questo, e quanta perdita di liberta' e di privacy...
I nostri genitori non sono morti per la mancanza del telefonino e non credo accadrebbe a noi. Per questo motivo ho deciso di riporlo in un cassetto. Pare incredibile, ma da quel momento, cambia la vita. In meglio. Provare per credere.


@ Davide: Però le statistiche dicono che gli italiani sono fra i più sani e longevi al mondo

Anche di mente? :-)


@ Elisa: perché ti vengono a chiedere come te li sei procurati. nell'ultimo mese avevo versato una certa somma e mi sono dovuta sorbire l'interrogatorio della mia direttrice di banca sulla provenienza dei miei soldi

Guarda che l'argomento "tracciabilita" e norme che soffocano la privacy in nome di una "presunta" equita' fiscale in Italia, e il telefonino che e' diventato un guinzaglio in nome di una maggiore comodita', sono collegati: la gente svende la propria liberta', la propria privacy e la propria dignita' in cambio di un pugno di mosche. Ma solo un popolo che ha il cervello fuso dalle microonde non se ne rende conto in tempo.


@ Rosso: ritengo che gli idioti li abbiano inventati prima del telefonino

Su questo non c'e' dubbio. Ma anche un idiota, se sottoposto alla frittura sistematica del suo cervello puo' diventare ancor piu' idiota. Anzi, secondo me diventa anche peggio: diventa un idiota che crede di essere intelligente. :-)


@ J.T.: forse era la scusa, di qualche nostro governante, per non dare al figlio più di mille euro alla volta.

Secondo me, invece, era la scusa per Passera e tanti suoi colleghi per succhiare un altro po' di sangue tramite l'obbligo all'apertura per tutti di un conto corrente bancario.
Solo che se Passera crede che per dare i soldi a suo figlio un padre glieli bonifichi, allora anche lui si e' fritto io cervello col telefonino.
Ma del resto, la classe politica rispecchia il popolo a cui fa riferimento.
Classe politica capace ed intelligente = popolo capace e intelligente.
Classe politica furbona e azzeccagarbugli = popolo furbone e azzeccagarbugli.
Non occorre fare tanti studi sociologici per capire tutto cio'.

davide ha detto...

Pregiatissima Chiara,

"Anche di mente? :-)".


Mens sana in corpore sano (mente sana in un corpo sano) Giovenale (Satire, X, 356).


Ciao Davide

Chiara di Notte - Klára ha detto...

@ Davide: Mens sana in corpore sano

Il senso della frase e' che per aver sane le facolta' della mente, bisogna aver sane anche quelle del corpo.
Non e' quella che tu vuoi far intendere, e cioe' che chi ha un corpo sano, ha di conseguenza sana anche la mente.

davide ha detto...

Pregiatissima Chiara,


"Non e' quella che tu vuoi far intendere, e cioe' che chi ha un corpo sano, ha di conseguenza sana anche la mente."

Non esiste una regola. Però è più facile che sia sano di mente chi gode di buona salute, di chi sta male.

Ciao Davide

J.t. ha detto...

E dopo torno' Berlusconi........

davide ha detto...

Caro amico J.t.,

"E dopo torno' Berlusconi."

A dire il vero non è mai andato via.

Ciao Davide

J.T. ha detto...

Infatti ha organizzato tutto molto bene

davide ha detto...

Caro amico J.t.,

"Infatti ha organizzato tutto molto bene".

Berlusconi può staccare la spina al governo in ogni momento perchè al Senato ha la maggioranza assoluta. Intanto se ne sta calmo perchè i sondaggi gli sono sfavorevoli.

Però se i sondaggi cambiassero a suo favore credo che non ci metterebbe niente a provocare le elezioni.



Ciao Davide

Neelps ha detto...


@Elisa
non si è nemmeno piu liberi di versarsi sul proprio (sottolineo proprio) conto corrente piu di 900 euro, perché ti vengono a chiedere come te li sei procurati.


?? beh e qual'e' il problema?
Non credo proprio che questa norma sia una privazione della liberta'!
Una privazione della mia liberta' e' il dover pagare piu' tasse e i servizi perche' alcune persone versano dei contanti in banca che non hanno una provenienza certa, questo lede la mia liberta'!

Ma a chi la volete vendere questa cosa della privazione della liberta' personale?
Dovresti essere in grado di comprovare la provenienza anche di versamenti di 300euro!

ciao Elisa,
:)
Neelps

Grilloparlante ha detto...

Caro Neelps, evidentemente abbiamo un'idea diversa di Libertà.
Ti faccio solo due esempi: uno serioso ed uno più goliardico.
Il serioso, prima.
Accettare che sia io a dover giustificare la lecita provenienza del mio danaro e non lo Stato a provarne l'illiceità, significa abbandonare l'idea della presunzione d'innocenza e capovolgere l'onere della prova.
A te forse sembrerà poca cosa, ma vuol dire mandare a puttane, con duemila anni di cultura giuridica, le fondamenta stessa della nostra civiltà illuminista e liberale.
E a proposito di puttane, l'esempio goliardico.
Se io pago una puttana, una brava di quelle care eh, mi spieghi perchè dovrei lasciare traccia di questo pagamento?
Sai una cosa; gli 007 di Befera, forse, non ci arriveranno neanche, ma, ti assicuro che mia moglie si!
E perchè dovrei correre questo rischio?
Non dirmi che non è morale andare a puttane!
Se lo Stato comincia anche a preoccuparsi di ciò che è morale o meno, siamo nei guai, sai?
Non ti viene invece il dubbio che sia tutta una manfrina per farci mettere tutti i nostri soldi dove vogliono loro?
Nelle Banche, ad esempio!

Chiara di Notte - Klára ha detto...

@ Grilloparlante: Non ti viene invece il dubbio che sia tutta una manfrina per farci mettere tutti i nostri soldi dove vogliono loro?
Nelle Banche, ad esempio!


Solo chi ha il cervello fritto dai telefonini, non lo ha ancora capito. :-)

Neelps ha detto...

A parte il "complimento" del cervello fritto che in una discussione è sempre segno di apertura, si sta discutendo sul fatto di dover essere in grado di provare la provenienza di questi soldi.

Se lavoro e mi addebitano lo stipendio sul mio CC, io prelevo 3000euro e li tengo in casa, se qualcuno viene a chiedermi da dove arrivano questi soldi io non dovrei avere nessun problema a dimostrarlo.
Se guadagno in un anno X e spendo Y, non vedo quale problema dovrei avere per dimostrare la provenienza di Y, anche se Y>X...
Se vinco al lotto ho le prove, se eredito soldi ho le prove, se vendo qualcosa ho un contratto....dove sta il problema ?
Cari miei, cosa credete che siamo tutti stupidi?! lo sappiamo bene di cosa vi preoccupate!

Davvero lo scopo sarebbe quello di farci mettere i soldi in banca ?
Ah davvero ? in alternativa dove li possiamo tenere i soldi? in casa sotto il letto? ma percortesia!!

Veniamo poi al problema delle libertà violate! sopruso inaudito! Adesso ci tocca anche dimostrare di aver pagato le tasse!!
Questo si che è un grave problema, che ovviamente in questo caso viene innalzato, lasciatemelo dire, ad una questione di concetto sulla libertà dell'individuo!
Insomma qui la questione si fa seria! lotta al "fascismo" fiscale dello stato padrone! Insopportabile questa invadenza dello stato, tutti i liberali si stanno chiedendo se Monti ha un background marxista!

Bene, iniziamo con il dire che i controlli si muoveranno con criterio. Questo criterio non si basa sulla casualità!
Saranno individuati i profili "sospetti", cioè quelli che stanno al di fuori della media e che quindi avranno "comportamenti" che non possono essere ritenuti consoni con il reddito dichiarato.
Per farla breve, gli stessi meccanismi tecnici con cui vengono individuate le frodi sulle CC etc etc.

Ebbene quindi ecco svelata questa scure statale che si abbatterà sui cittadini! Questo ignobile tentativo che cerca di "alleggerire" i lavoratori dipendenti di tutte le tasse che negli ultimi 50 anni hanno pagato costantemente senza lamentarsi!

Ebbene il disegno malvagio che si nasconde sarebbe quello di farci mettere i soldi in banca ?
Ma perchè la maggior parte della gente i soldi dove li tiene?
Quanti soldi "in cassa delle banche" potrà portare questa oscura manovra?

saluti,
Neelps

Chiara di Notte - Klára ha detto...

@ Neelps: in alternativa dove li possiamo tenere i soldi? in casa sotto il letto? ma percortesia!!


Perche?
E' vietato da qualche legge etica che non conosco tenerli in casa?
Oppure c'e' un qualche obbligo morale a tenerli in casa?
Oppure, potrei dire, che c'e' una volonta "giacobina" di far passare chi li tiene in casa come un evasore tout court, soltanto per il fatto che... appunto li tiene in casa?
L'assioma diventa dunque:

soldi non in banca= sei evasore
soldi in banca= sei persona onesta

Con grande gaudio delle banche.

Ottimo! Posso dire che neppure Stalin ci aveva pensato ad una simile genialata?
Comunque, io in banca tengo solo l'indispensabile per le bollette.
Guadagno 1.000? Me lo versano in banca? Mi ci vuole 900 di spese? Ok, 100 li ritiro e li tengo in casa e saldo in banca prossimo allo zero.
Tanto che cazzo danno di interessi? lo zero virgola?
E lo zero virgola vale il rischio di trovare un giorno gli sportelli chiusi?
E a chi mi dice che soldi non ne ha ed ha solo debiti (come se questa loro obiezione fosse l'asso nella manica di chi si ostina a convincere la gente di tenere i soldi in banca) io allora chiedo: come cazzo vi affannate a voler tenere i soldi in banca se non li avete?
Chi e' cosi' accanito affinche' la gente tenga i soldi in banca, chi e'?
-azionisti di Unicredit?
-impiegati bancari?
-parenti di Monti?
Sono le banche e chi le gestisce tuttora che hanno ROVINATO il mondo.
Quando un giorno gli sportelli delle banche li troverete chiusi, allora vi ricorderete di chi i soldi li ha tenuti in casa.
In Argentina, quando ci fu il default, gli unici che se la sono cavata sono stati quelli che avevano dollari cash in casa e che hanno potuto tirare avanti per un po', soprattutto nelle citta' dove nessuno aveva da scambiare con altri prodotti.
In Russia, stessa cosa: quando ci sono stati i default (ce ne sono stati 2), gli unici a potersi pagare qualcosa da mangiare, sono stati quelli con i dollari cash che non erano in banca.
Quelli che avevano i loro soldini in banca se li sono visti soffiare dalla sera alla mattina e sono rimasti alla fame.
Poi, potete chiamare evasori chi volete. Io li chiamo "previdenti". Capisco che per tanta gente "mal comune mezzo gaudio" e che molti sarebbero lievemente incazzati se, nel caso restassero fregati loro dalle banche, ci fosse chi, essendo stato previdente, se la cavasse, ma si sa che l'invidia e' una caratteristica propria degli stolti.
E che non mi si venga a dire che in caso di default averli in casa o in banca e' esattamente la stessa cosa perche' non e' cosi'. E se anche fosse cosi', a questo punto non vedo perche' rischiare inutilmente.
Grazie a dio ci sono ancora paesi (tutti eccetto l'Italia), dove la liberta' del cittadino di tenere i soldi dove cazzo vuole, e' rispettata.
Salutatemi Pol Pot, quando lo incontrate. :-)

davide ha detto...

Pregiatissima Chiara,

"Grazie a dio ci sono ancora paesi (tutti eccetto l'Italia), dove la liberta' del cittadino di tenere i soldi dove cazzo vuole, e' rispettata."

In realtà anche se uno deve tenere un conto in banca, può sempre prelevare il 99% dei suoi soldi e tenerli sotto il materasso.

Per esempio il mio ente mi accredita lo stipendio in banca, ma questo non mi impedisce di prelevare i miei soldi e farne quello che voglio.

Se poi il mio ente mi paga 3.000,00 euro al mese e io ne spendo 30.000,00 al mese qualcuno potrebbe chiedermi qualche spiegazione.

Ciao Davide

Neelps ha detto...

@Chiara

E' vietato da qualche legge etica che non conosco tenerli in casa?


Non c'e' nessun obbligo.
Quello che si vuole fare e' solo poter dimostrare da dove arrivano i soldi.
Se poi tu li vuoi tenere in casa tienili pure, chi se ne frega.

Quello che vi contestavo e' la vostra tesi che questa manovra sia indirizzata a far mettere i soldi nelle banche, tesi a parer mio ridicola in quanto:

1. La maggioranza della gente tiene gia' i soldi in banca.

2. Un eventuale ammontare di soldi non depositati in banca e' statisticamente trascurabile per le banche....insomma anche se fosse come dite voi, i soldi che entrerebbero in banca sarebbero statisticamente ininfluenti.

Vuoi farti consegnare lo stipendio in contanti, che problema c'e'? sarai sempre in grado di dimostrare la provenienza, per qualsiasi transazione che non passa da una banca ci deve cmq essere un documento che attesta la provenienza.

Qui il problema e' l'evasione fiscale, una persona che dichiara di guadagnare X e poi ha un tenore di vita Y docve Y>>X beh, potrebbe essere chiamato a dare spiegazioni e non ci vedo assolutamente niente di male in questo.

Precisiamo subito che, come qualsiasi metodologia per scovare le frodi, le persone che saranno chiamate a dare spiegazioni, avranno profili assai sospetti...
Quindi cari miei, davvero non capisco le vostre lamentele, se non leggendole in una chiave di "convenienza economica", magari sbagliandomi, nel caso attendo chiarimenti.

Altro argomento e' il fatto che il paese sia prossimo ad default dichiarato, ma questo che c'entra con la lotta all'evasione fiscale? che centra con il dover essere in grado di dimostrare da dove arrivano i soldi che hai in banca o in casa?

Ah poi vorrei ricordarvi una cosa, viviamo nel capitalismo, che la deriva finanziaria abbia catalizzato il crollo dei paesi occidentali non cambia la sostanza della realta'!

Neelps

Chiara di Notte - Klára ha detto...

@ Neelps: Quindi cari miei, davvero non capisco le vostre lamentele, se non leggendole in una chiave di "convenienza economica", magari sbagliandomi, nel caso attendo chiarimenti.

Ohohohohoh!
Questa e' bella!
Chiedi chiarimenti?
A volte mi chiedo io, invece, che genere di cervello abbiate.
E perche, io, dovrei dare chiarimenti a te?
Sei agente del fisco? :-)
Lo vuoi capire che non essendo residente in Italia, almeno per me non c'e' alcuna convenienza economica in cio' che dico?
E' solo la logica che mi spinge ad avere queste opinioni.
Ne vuoi un esempio? Vuoi un esempio per capire quanto poco logico tu sei, e poco logici, (se non addirittura in malafede) sono quelli che ragionano come te?
Ebbene, tu scrivi:

una persona che dichiara di guadagnare X e poi ha un tenore di vita Y docve Y>>X beh, potrebbe essere chiamato a dare spiegazioni
Ed io comprendo che tu, di contabilita', non ci capisci molto. Quindi sarei tentata da soprassedere e perdere in altro modo il mio tempo domenicale, ma dato che sono buona, ti mostro dove tu (e quelli che ragionano come te) sbagliate.

Innanzitutto, confondete "reddito" con patrimonio. E questo vi fa cadere nella trappola del ragionamento che hai fatto, cioe': se si guadagna 10 e si spende 20, come e' possibile? da dove si tirano fuori i 10 che mancano a far quadrare il bilancio?
Ovviamente come ogni "societa'" di questo mondo: dal patrimonio. Se si hanno risparmi e altri beni per, diciamo, 1000, i 10 che mancano al pareggio di bilancio saranno sottratti da questi, e per l'anno dopo, il patrimonio sara' di 990, Un patrimonio a cui attingere ulteriormente qualora le uscite fossero piu' alte del reddito.
E' chiaro questo?
E tu dici, a questo punto: si dimostrami il patrimonio...
E come si fa quando certi accumuli risalgono lontano nel tempo?
I patrimoni non si formano 2-3 anni, ma si formano nell'arco di molti anni, con i risparmi, oppure con le speculazioni, oppure con avvenimenti fortunati
Chi ha accumulato 1.000 venti anni fa e' un evasore?

(continua... )

Chiara di Notte - Klára ha detto...

E allora per stabilire chi e' evasore e chi non lo e', si deve prima stabilire chi ha un patrimonio di partenza. E come fa lo stato a stabilire il patrimonio personale di ognuno? Dovrebbe innanzitutto far fare una dichiarazione patrimoniale, e dato che i documenti contabili hanno l'obbligo di essere mantenuti solo per un arco limitato di tempo, inoltre negli anni ci sono stati una serie di condoni, di scudi, di cazzi e mazzi vari, bisognera' che si affidi alla decisione personale di ciascuno di indicare quello che crede.
A meno che non si voglia ritenere ogni patrimonio iniziale, anche quello proveniente dai bisnonni, come frutto di evasione.
Perche se una persona 15 anni fa avesse accumulato per 1000, regolarmente, pagandoci le tasse, ma anche irregolarmente e poi li avesse condonati, che fa Neelps? Glieli prende?
Se prima di tutto lo stato non fa fare una bella dichiarazione patrimoniale, nessuno al giorno d'oggi puo' stabilire chi e' evasore e chi no. Solo dopo che ciascuno avra' dichiarato il proprio patrimonio, solo allora, avendo un saldo di partenza si potra' stabilire chi guadagna irregolarmente e chi no.
Mi segui?
Comprendi il giochetto mentale al quale vi stanno sottoponendo?
Troppi telefonini...
Per quanto riguarda i soldi nelle banche, cio' che vogliono effettivamente i banchieri (ma non solo loro, anche i burocrati che ogni mese incassano stipendi e pensioni da capogiro) non sono gli spiccioli degli sfigati, come dici tu, ma vogliono quel 20% di denaro regolare (quindi non frutto dell'evasione) che la gente negli ultimi due, tre, anni ha ritirato dalla banca per metterlo al sicuro in cassette di sicurezza o altrove. O, comunque, vuole evitare un ulteriore salasso di denaro che esce dai conti correnti per andare sotto ai materassi come sta accadendo.
Per questo hanno inventato questa bella trovata del pagamento con moneta elettronica obbligata. Un obbligo che non esiste in nessun paese del mondo. Neppure in Bielorussia, e te lo posso dire senza temere smentita.
Perche', come avvenne in Argentina, ma anche in Russia per ben 2 volte, quando riusciranno a far si' che quasi tutta la ricchezza privata sara' contenuta in un unico sacco, poi, se occorrera', faranno presto a chiudere quel sacco e portarselo via.
Tu dirai che sono paranoie?
Ok, lascia chi la pensa come me avere le sue paranoie. ;-)

Neelps ha detto...

@Chiara

ok.

grilloparlante ha detto...

Caro Neelps, io non so quanti anni hai, ma se non fossi giovanissimo conosceresti senza dubbio una canzone di Angelo Branduardi intitolata Il dito e la Luna.
Termina con le parole : "E ogni volta lo sciocco, che di vite ne ha una guarda il dito e non guarda la luna".
Ecco!
Perdonami, ma a me ricordi chi, quando qualcuno indica il cielo, si ferma a guardare il dito e non guarda la luna.
E' vero! L'evasione fiscale è un grosso problema!
E' vero! Molti distinguo sono strumentali!
Ma comunque sia è aberrante, qualsiasi sia l'emergenza, capovolgere il principio per cui si è innocenti sino a che non viene provato il contrario.
Accettare che sia il cittadino a dover giustificare la provenienza del danaro significa aprire lo spiraglio all'idea che chiunque è colpevole se non prova la propria innocenza!
Ora potrebbe essere per le tasse, domani potrebbe essere per qualsiasi altra cosa.
Tieni presente che, sino alla rivoluzione francese, era così.
L'umanità ci ha messo millenni per conquistare questi diritti e adesso metterli in gioco è stolto.
Certamente lo Stato deve trovare il modo per avere ciò che è a lui dovuto, ma sempre muovendosi nel rispetto del diritto!
Per quanto riguarda il larvato obbligo a che tutti noi si finanzi le banche, addirittura pagandole per disporre dei nostri soldi, Chiara ti ha risposto con precisione, ma io aggiungo che non è vero che tu puoi ritirare TUTTO il tuo contante se lo volessi mettere sotto il mattone!
Provaci e vedrai quante storie ti farà la Banca quando chiederai i secondi 1000 euro!
Il motivo vero è quello, altro che combattere l'evasione!
Ho tardato a risponderti perchè, ora, sono a Berlino.
Se ti capitasse di venire da queste parti, ti consiglio, porta soldi cash, o rischieresti addirittura di non mangiare.
Le birrerie e i Gasthofen tedeschi, infatti, anche quelli del Mitte sulla Friedrichstrasse, o sulla Unter den Linden, non accettano carte di credito!
Si paga con i soldini!
Nell'ottica di chi guarda il dito questi tedeschi sarebbero tutti evasori!
E invece non è così!
Le tasse le pagano tutti. Significa che il sistema c'è senza tornare al Medioevo!
Spero di aver chiarito cosa per me è importante, ma se nonostante tutto tu continuerai a ritenere giusto che qualcuno possa sindacare di come usi il tuo patrimonio, in una presunzione di colpevolezza, beh, significa che tra noi il dialogo è impossibile.
Resta pure della tua idea, ma la luna continuerà a splendere nel cielo!

Chiara di Notte - Klára ha detto...

@ Grillettoparlante: Accettare che sia il cittadino a dover giustificare la provenienza del danaro significa aprire lo spiraglio all'idea che chiunque è colpevole se non prova la propria innocenza!
Ora potrebbe essere per le tasse, domani potrebbe essere per qualsiasi altra cosa.


E' proprio questo il problema, secondo me, che va oltre il mero fatto economico. La gente sembra badi piu' ai quattrini che ai diritti, in un momento in cui viene progressivamente spogliata sia degli uni che degli altri.
Pensa che il fautore dell'inversione della prova col fisco e' stato proprio Tremonti.
Stanno riportando le cose come nel Medio Evo, quando i nobili avevano tutti i privilegi, finanche l'immunita' totale per ogni reato, e il comune cittadino doveva giustificare la provenienza di ogni singola cosa che non fosse "compatibile" con la sua condizione di pezzente.
Con questa logica, negli anni '30, in Ucraina, dove la gente moriva di fame ed e' arrivata persino ad atti di cannibalismo, Stalin ha massacrato decine di migliaia di persone colpevoli di nascondere una pagnotta, che doveva essere consegnata allo stato. Perche' il bene dello stato (quindi dei burocrati) andava tutelato piu' di quello della gente che crepava di fame. Il tutto condito di propaganda per cui l'ucraino che nascondeva la pagnotta era indicato al popolo russo come un delinquente che rubava alla patria. E la gente, a Mosca, Che non conosceva cio' che accadeva a Kiev e dintorni, esultava pure quando un povero cristo veniva fucilato.
Ci sono due tipi di "evasori": quelli che si ingozzano a dismisura anche se possiedono tanto da campare per secoli (e molti di loro hanno amici in parlamento e nel governo e si avvalgono di studi di commercialisti noti come l'ex studio Tremonti), e gli evasori per necessita'. Dei primi, con l'accentramento della ricchezza, ce ne saranno sempre meno, sempre piu' ricchi, e sempre piu' potenti e tutelati. Dei secondi ce ne saranno sempre di piu', perche' la miseria sta dilagando a dismisura e anche quelli che ieri pagavano le tasse, domani saranno costretti ad evaderle se non vorranno morire.
Quando gli effetti del redditometro e dello spesometro, che di fatto agiranno come gli studi di settore per le imprese ma applicate alle persone, raggiungeranno i cittadini che oggi credono di essere "fuori" dalla problematica, si creera' in Italia un "effetto Sardegna", dove le imprese ormai sono in balia di Equitalia in un'economia ridotta allo stremo.

Misura la forza della tua Password

Oggi mi sento un po' cosi'...

Oggi mi sento un po' cosi'...

Tokaj-Hegyaljai Borvidék

Áldott tokaji bor, be jó vagy s jó valál, Hogy tsak szagodtól is elszalad a halál; Mert sok beteg téged mihely kezdett inni, Meggyógyult, noha már ki akarták vinni. Istenek itala, halhatatlan Nectár, Az holott te termesz, áldott a határ! (Szemere Miklós)

A Budapesttől mintegy 200 km-re északkeletre, a szlovák és az ukrán határ közelében található Tokaj-Hegyaljai Borvidék a Kárpátokból déli irányban kinyúló vulkanikus hegylánc legdélebbi pontján fekszik. A vidéket és fő községeit könnyen elérhetjük akár autóval (az M3 autópályán és a 3-as úton Miskolcig, onnan a 37-es úton), akár vonattal (több közvetlen vonat indul Budapestről és Miskolcról)

Web Statistics