giovedì 29 dicembre 2011

60
comments
Come portarsi a letto una ungherese fingendo di credere che lei lo faccia per amore

Premessa - Vorrei innanzitutto ringraziare coloro che fino ad oggi mi hanno contattata per ricevere informazioni su come conoscere ragazze ungheresi a scopo di amicizia, matrimonio o “altro”. Lascio a voi stabilire esattamente cosa significhi “altro”, in quanto ho avuto il forte sospetto che quasi tutte le persone che mi hanno scritto, della cui sincerita’ non ho motivo di dubitare, oltre a manifestare una notevole curiosita’ nei riguardi dell’universo femminile magiaro soprattutto dal punto di vista anatomico, volessero solamente raggiungere un unico obiettivo. A sforzarsi un po’ le meningi e’ facile immaginarsi quale.

In ogni caso, cio’ mi da’ l’occasione di scrivere un post per indicare le linee guida che servono per conoscere, incontrare, e corteggiare una ragazza ungherese. Insomma, una specie di piccolo manuale in cui cerco di rispondere a molte delle domande che mi sono state fatte, e allo stesso tempo aver modo di fare una buona ed utile azione sia nei confronti dei tanti uomini italiani che sono alla ricerca di una relazione affettiva, sia nei confronti delle tante ragazze ungheresi in cerca di un compagno che dia loro serenita’ e sicurezza.

Come conoscerla

Volete davvero conoscere una ragazza ungherese? Cercate una fidanzata, una moglie, o semplicemente un’amante? Non c’e’ problema. L’unica soluzione - sembra strano ma e’ proprio cosi’ - e’ che vi facciate un bel viaggetto in Ungheria, perche’ a differenza di tutte le altre ragazze dell’est, non ci sono molte ungheresi che vivono volentieri e stabilmente in Italia. Diventa percio’ difficile sperare di incontrarne una per caso. Comunque, anche se non avete la possibilita' di visitare Budapest, potete ugualmente iniziare a stringere una relazione tramite qualche chat line, oppure attraverso specifici siti web che promuovono incontri.

Pero’ attenti agli imbrogli! Potete facilmente imbattervi in ragazze che hanno un solo interesse: approfittarsi di voi! E non crediate che le ungheresi, a differenza delle altre, siano piu' attente ed oneste nella loro intenzione di conoscere uomini italiani. Chi cerca di convincervi della loro buona fede, vi racconta un sacco di balle. Se avete la sfortuna di trovare un’avventuriera senza scrupoli, rischiate di vedervi spillare un bel po’ di soldini ancor prima che arriviate a incontrarla di persona. Certune - ne conosco almeno un paio - sono delle vere fuoriclasse nell’arte del farvela annusare e non darvela mai, ed e’ risaputo che molti dei fessacchiotti che si rivolgono ai siti di incontri, in vita loro non hanno mai visto una vera figa da vicino. Quindi bastano un paio di foto in cui viene messo in mostra un bel musetto perche’ perdano completamente la testa e si illudano di aver fatto la conquista del secolo.

Se invece avete la possibilita' di visitare Budapest o l’Ungheria per vacanza, per lavoro o semplicemente perche avete voglia di farvi una tranquilla scopata lontani da vostra moglie, potete provare a conoscere qualche ragazza prima di partire, sempre tramite siti di incontri, flirt o cose simili. Ma il mio consiglio e’ che lasciate al caso il piacere del vostro incontro. Provate dunque a frequentare i principali locali di Budapest, come pub, discoteche, night club, senza aver paura di approcciare una ragazza. Se vi proponete in maniera semplice, diretta e spontanea, difficilmente avrete una risposta negativa o maleducata.

In ogni caso, provate a offrirle una bottiglia da 50.000 fiorini. Male che vada passerete una serata a chiacchierare piacevolmente, con lei che vi guarda con i suoi profondi occhioni e voi che, per tutto il tempo, potrete tenere lo sguardo da pesce lesso puntato sulle sue tette. E quando poi tornerete in hotel, non fatevi problemi a masturbarvi pensando a come avrebbe potuto evolvere la serata se, oltre alla bottiglia, aveste anche accettato di darle quei soldi di cui aveva estrema necessita’ per curare il fratellino ammalato.

Come comunicare

Molte ragazze dell'est, quindi anche ungheresi, parlano inglese, spagnolo, francese, italiano, oltre, ovviamente, alla loro lingua. Quindi, soprattutto quelle belle, avranno mille modi per farvi capire che per riuscire nella vostra impresa dovrete sborsare molto piu’ di una banale cenetta al lume di candela come cercano di convincervi le varie agenzie d’incontri che trovate nel web che hanno tutto l’interesse a farvi credere che le magiare sono ragazze dolci, sensibili, romantiche e che cercano il loro principe azzurro italiano. E' solo una tecnica commerciale per farvi sganciare fior di quattrini per l'iscrizione.

Comunque, se vi capita di iniziare una relazione via email, il consiglio che posso darvi e': siate spontanei, ma non troppo diretti. E soprattutto non c'e' bisogno che vi inventiate cose dell’altro mondo allo scopo di stupire. Le magiare sono bravissime a riconoscere le fandonie e anche se faranno finta di nulla, si accorgeranno subito che siete dei fanfaroni. Presto vi accorgerete che a loro di tutto cio’ che raccontate importa una beata fava. Cio’ che e’ invece importante e’ che al momento giusto sganciate quanto dovuto, e loro saranno piu’ che felici di contraccambiarvi.

Se vi farete vedere dunque generosi, la comunicazione via email sara' facile ed immediata. Non e' necessario che mandiate foto del vostro pisello, ed evitate assolutamente foto di auto, case, eccetera, perche’ le magiare non sono cosi’ stupide come pensate e sanno benissimo che le immagini potrebbero appartenere a qualche vostro amico molto piu’ ricco e dotato di voi. Ricordate: comunicare bene non significa solo saper scrivere bene, ma significa saper scrivere le cose giuste al momento giusto. E di questo avremo modo di parlare quando affronteremo l’argomento sugli assegni, bonifici e carte di credito.

Inutile dire che, in ogni caso, nei primi contatti e' fondamentale che vi presentiate bene. Percio' per non rischiare di iniziare col piede sbagliato, evitate di partire subito con discorsi troppo spinti. Perche’ va bene che volete solo scopare, ma almeno lasciate un minimo di spazio all'ipocrisia. Infatti, come tutte le donne, anche alle ungheresi piace fare la classica recita delle suore un po’ zoccole. Anche perche’ ormai tutte sanno che a voi italiani questo giochino piace tanto.

Il primo incontro

Se il primo incontro avviene a Budapest, avrete la gioia di vivere la magia di questa splendida citta' che vi aiutera' certamente ad avere l’atmosfera giusta. In genere, in tutta l’Ungheria ci sono bar, ristoranti, discoteche e locali, nati soprattutto dopo la caduta del comunismo, e la scelta non manca. Sono infatti tantissimi i luoghi con musica piacevole e luci soffuse, per creare atmosfere romantiche dove portare una ragazza o fare incontri speciali. Molti piu' che in Italia. Tuttavia, non pensiate che le cose stiano come raccontano le leggende metropolitane oppure come vi hanno detto (mentendo) gli amici che prima di voi hanno visitato l’Ungheria. Le ragazze dell’est non sono delle ninfomani alla perenne ricerca dell’uccello di un italiano. Ma anche se un’ungherese non ve la da’ al primo colpo, non vuol dire che non sia interessata a voi. Anzi, e' probabile che vi stia solo mettendo alla prova!

In Italia gli uomini sono abbastanza abituati a far colpo con ragazze che, anche se hanno il culo piatto, le gambe corte, la cellulite, la pancia e le cosce grasse come prosciutti di Langhirano, se la tirano fino a strapparsela. Ebbene, anche per un’ungherese e' normale farvela annusare per un bel po’, ma il motivo e’ che, rispetto a cio’ a cui siete normalmente abituati, in Ungheria finanche una qualsiasi commessa considerata neppure tanto carina, in Italia potrebbe partecipare ai concorsi di bellezza. Percio’ siate pazienti, e concedetele la soddisfazione di tenervi appesi per il naso fin quando avra' deciso se le andrete bene o no. Almeno lei, diversamente da molte vostre connazionali, un motivo per farlo ce l’ha. Comunque, non prendetevela, nessuno vi sta giudicando; rilassatevi e perdetevi negli occhi della splendida ragazza che vi sta di fronte. Mi raccomando, anche se non ne potrete fare a meno, non insistete a guardarle solo le tette e le cosce. Sarebbe un segnale assolutamente controproducente: lei vedendo che avete la bavetta che vi cola dagli angoli della bocca, potrebbe essere tentata ad alzare la sua richiesta.

Spesso, in un primo incontro, una ragazza potra' sembrarvi distante, come se di voi non le importasse una beneamata minchia. In realta’, molte volte e’ cosi’, ma e’ meglio che vi illudiate del contrario. Dite a voi stessi che “non avete trovato ancora gli strumenti per far breccia nel suo interesse”. Sentite come suona meglio? Pertanto, qualora abbiate il desiderio di farla quella "breccia”, il consiglio e’ di proporle un giro di shopping nei negozi esclusivi (e molto cari) in Váci utca, rassicurandola che penserete voi a pagare il conto di ogni suo acquisto. Vi assicuro che la vedrete cambiare immediatamente umore ed atteggiamento. Subito si fara’ attenta ed amorevole. Pero' attenzione: non recatevi al primo incontro con la carta di credito scaduta oppure senza un'adeguata scorta di contanti. La ragazza potrebbe irritarsi, soprattutto se non capisce bene l'italiano, qualora tentiate di convincerla ad accettare un assegno.

E’ questione di eta'?

Alle ragazze magiare (e alle donne dell'est in genere) piace molto il fascino dell'uomo maturo, anche perche’ di solito sono i giovani ad essere i piu’ squattrinati. Quindi in giro si vedono frequentemente delle strafighe megagalattiche con uomini abbastanza anzianotti e persino bruttini. Ma questa non e' una regola, ovviamente. Se siete un rampollo figlio di qualche magnate pieno zeppo di grana, le andrete bene lo stesso anche se siete appena maggiorenni. Nel caso comunque che non le andaste bene voi, le andra' di sicuro bene vostro padre. Da questo punto di vista le ungheresi sono molto “anticonvenzionali”: non fanno preclusioni. In ogni caso, le differenze di eta' difficilmente sono un problema perche’ le ungheresi, essendo di solito piuttosto sveglie e mature, amano spesso uomini che non siano infantili e che sappiano garantir loro una buona relazione; vale a dire una vita comoda e agiata sotto ogni punto di vista. In cambio, state certi che sapranno donarvi tutto di se stesse… proprio tutto! Facendovi scoprire emozioni che forse non avete mai provato.

Ma attenzione: come per molte donne dell'est, il fatto che le ungheresi si trovino bene con uomini maturi e pure danarosi, non vuol dire che si vendano o che seguano solo il fascino dei soldi. In realta’ non la vendono; la danno solo in affitto. Inoltre, a quasi tutte oltre ai soldi piace anche il cazzo. Se non il vostro, perche’ lo avete mal funzionante, almeno quello del vostro migliore amico. Come ho detto, da questo punto di vista le ungheresi sono abbastanza anticonvenzionali e non fanno preclusioni.

Non parlate ungherese?

La maggior parte delle ragazze ungheresi interessate a uomini stranieri sono spesso interessate ai viaggi, allo shopping e alla bella vita in genere. Tenetelo sempre a mente. Quindi parlare ungherese non e' necessario. Dal momento che dovrete solo dire “igen” - che in magiaro significa “si’" - ad ogni loro richiesta, sara’ sufficiente che impariate soltanto questa parola. E nel caso siate muti o affetti da raucedine, potrete sempre assentire con un cenno della testa.

Per concludere

Mi pare a questo punto di aver detto tutto quello che c'era da dire. Adesso chi e' interessato ha tutti gli strumenti che gli servono per far colpo su una ragazza ungherese senza rischiare un insuccesso o una delusione. Spero ne faccia tesoro, e nel caso abbia capito, invece, che le magiare non fanno al caso suo, ne prenda atto e da ora in poi eviti almeno di scocciarmi con delle assurde richieste d'incontro.

60 commenti :

davide ha detto...

Pregiatissima Chiara,

avendo ospitato più volte ragazze ungheresi nel mio albergo, devo dire che quello che hai detto è vero.

Le ragazze ungheresi, come quasi tutte le ragazze dell'est, sono molto belle.

Purtroppo la crisi si fa sentire e questo inverno avrò meno clienti dell'est in albergo e purtroppo al momento non ho prenotazioni di clienti ungheresi.

In ogni caso ho fatto un accordo con il mio amico poliglotta per fare prossimamente un bel giro a Budapest. Lui mi farebbe da cicerone perchè ha lavorato due anni all'archivio di stato di Budapest.

Ciao Davide

P.V. se ti capita ti consiglio di leggere un articolo scritto su mentecritica che sfata tante leggende sull'Islanda.

Luca Massaro ha detto...

Post divertente, ma quanta tristezza traspare nelle merce di scambio dell'amore. Certo, il tuo dire è onesto perché toglie le illusioni a chi se le fa. Ma a volte è bello illudersi, come capitò a me l'unica volta che visitai Budapest, muro di Berlino non ancora caduto, poco più che ventenne, e il sorriso di Auròra che ancora illumina i miei sogni nelle fredde sere d'inverno.

Monica Easy Oasi ha detto...

Non apprezzo molto il confronto che hai fatto sulle le donne italiane rispetto alle donne dell'est, ma ti ringrazio di aver finalmente sollevato una voce per sfatare un mito. Non facciamo una lotta di nazionalità, non è carino! Io non ho mai voluto pronunciarmi su questo tema perchè, in quanto italiana, sarei stata tacciata di razzismo, invece è solo un mettere in evidenza una mentalità che in altre nazioni è più marcata, ed in Italia è stata dimenticata in seguito alle lotte del '68, ma è sempre stata in uso fino agli anni '60 e oltre, e lo dimostrano i suggerimenti delle nostre mamme e nonne, e una serie di film degli anni '40, '50 e '60 italiani ed americani (mitico "Come sposare un miliardario, con Marilyn Monroe). Io penso non sia questione di bellezza o di "volersela tirare", benchè sia ovvio che quando si è giovani e belle sia molto più naturale volerlo fare. Il mito da sfatare, però, è che ci sia l'idea che le donne dell'est siano di più miti pretese rispetto le altre donne, e questo solo perchè di norma sanno agire in modo più sottile. Non è solo la bellezza che fa, ma il modo di saper stare in silenzio, di saper indirizzare verso le proprie esigenze, senza esultare, come se fosse atto dovuto....
Ho avuto occasione di conoscere ragazze di tutte le nazionalità, con molte ho fatto amicizia, con alcune sono arrivata ai ferri corti, ed ho notato alcuni modus comportamentali che vanno al di là della personalità individuale. Hai ragione, pochissime ungheresi (in realtà io ne ho conosciuta solo una che non corrispondeva agli stereotipi), ma molte rumente e russe...... Apprezzabile la determinazione, la capacità di perseguire il proprio obiettivo. A volte a costo di stringere i denti e farsi del male, se questa è la strada giusta per avere ciò che serve. Molto più facile quando semplicemente si riesce ad usare un bel faccino e tette e gambe usate con l'arguzia del vedere e non vedere......
Il tuo post, pare la giusta risposta a questo, che ho commentato: http://liberalvox.blogspot.com/2011/12/gli-italiani-sposano-le-donne-dellest.html

Chiara di Notte - Klára ha detto...

@ Monica: Il tuo post, pare la giusta risposta a questo, che ho commentato

Se vuoi hai il permesso di riportare il link di questo post in quel blog.
In ogni caso, se il post nel blog che hai indicato forse non era intriso di ironia, questo almeno un po' lo e'. Nessuna intenzione quindi di mettere in paragone donne straniere e italiane, ma per spiegare meglio un concetto a chi non conosce altro che il proprio giardino, spesso il metodo della provocazione - a volte facendo paragoni anche azzardati - puo' ottenere l'effetto desiderato.
Cio' che ho notato, invece, anche leggendo il post sul blog che hai indicato, e' che spesso le persone scrivono "tanto per scrivere qualcosa". Solo per riempire una pagina web e non avendo la minima idea di che cosa parlano.
Che senso ha un post come quello? Pare una locandina di un'agenzia di viaggi. A cosa mira? A far sentire le italiane delle inadeguate?
Quel post si' che e' offensivo nei confronti delle donne italiane e di tutte le donne in genere. Non certo il mio, in cui si ravvisa la voglia piu' drovocare che di esprimere una qualche verita', non credi?
Anzi' penso in tutta sincerita' che l'immagine che ho cercato di dare di un determinato "stereotipo" di donna dell'est sia alquanto accurato e vada contro le tesi di tutti quei (perdona) cretini che assegnano ad un'etnia o a una nazionalita' un determinato "carattere", oppure un ruolo (le russe sono adatte a fare le puttane, le filippine a pulire la casa, eccetera), quando il "carattere" - tutti/e noi lo sappiamo - con la nazionalita' o con l'etnia c'entra una beneamata fava.

uyenesa ha detto...

Dolce Klara (mi permetti, spero, di chiamarti in codesto modo)

La volgarità di certe continue e presupponenti richieste che hai lasciato trasparire nel tuo post è l'emblema di una educazione maschilista che porta inevitabilmente al confronto duro tra uomini e donne.

E' vero che molti maschietti si sentono autorizzati, visti i tuoi precedenti discorsi sulla libertà sessuale, a proporti e chiederti le cose più assurde, ma è altrettanto vero che tu ne godi, potendoli umiliare in continuazione, facendo loro vedere quanto animali possano essere invece che uomini.

Non credo si tratti di nazionalità o di estrazione geografica, quella che definisco caratteristica della femmina predatrice. Tu sei una temibile predatrice, lo stai dicendo a tutti, ma nessuno vuole accorgersene, perchè vuole illudersi di poterti avere, magari anche a caro prezzo, nel suo harem virtuale, al solo scopo di dimostrare agli amici del bar sotto casa di essere grandi tombeur de femme...

Le donne, magiare, russe, rumene, albanesi, kosovare, italiane, tedesche o francesi, sono donne, ovvero hanno la caratteristica principale di essere capaci di fascino. E' vero che, da quello che si è visto, le donne dell'est hanno una bellezze femminile più accentuata rispetto alle loro colleghe occidentali, ma è anche vero che non è il profilo di venere che l'uomo guarda, ma a quel corpo con cui spera e crede di poter giocare a suo piacimento.

@ Monica: non giudicare Klara per quello che scrive, ma accetta il suo punto di vista. Spesso dietro una battuta sarcastica si nasconde molta più verità di quanta ne conosciamo davvero.

J.T. ha detto...

Ciao Chiara,
insomma, se conosco un ungherese, devo sapere fondamentalmente due cose
"Igen"
ed essere consapevole che la storia dei bambini bisognosi è una presa per il culo...
:-)

Lust ha detto...

Mi piace questo post che spiattella per bene quanto sono fessacchiotti gli uomini di mezza età italiani. Io di "coppie" così ne conosco parecchie e ti dirò che anche la più brutta riesce a spillare fino all'ultimo centesimo al panzone spelacchiato che pensa di aver fatto la grande conquista.
Qualcuno ha parlano di merce di scambio, ma non c'è alcuno scambio, le donne prendono tutto: soldi e sesso.

J.T. ha detto...

Ehi Lust non prendere troppo in giro!!!!!
Sono di quelli convinti che se una donna viene con me è perchè mi vuole bene e soprattutto ci tiene.
Sono così fessacchiotto???
Non mi dirai che è per quello che non ho nessuno:-))

Chiara di Notte - Klára ha detto...

@ Davide: Le ragazze ungheresi, come quasi tutte le ragazze dell'est, sono molto belle

Approfitto di questo tuo commento per chiarire una cosa che (noto) spesso non viene compresa, oppure viene stralvolta e addirittura interpretata come una mia volonta' di insultare o offendere
Ebbene, forse devo scusarmi perche' molte volte pongo l'accento sulla "bellezza" delle donne dell'est, non riuscendo a far filtrare nel modo dovuto il mio intendimento.
Lo ritengo un difetto di comunicazione dovuta alla diversita' di esprimersi che (ovviamente) esiste quando una "straniera" scrive in un ambiente totalmente differente dal suo che recepisce il messaggio spesso anteponendo l'orgoglio di appartenenza al significato "vero" delle parole.
Se dico che "mediamente" la frequenza di incontrare ragazze belle (e con questo voglio dare al significato di bellezza quello che deve avere, cioe' che massimamente rispecchia il canone estetico piu' diffuso e non il giudizio "soggettivo" che in ognuno di noi puo' avere), nell'est Europa rispetto all'Italia e' perche' per verificarlo, basta viaggiare almeno una volta in una citta' qualsiasi dell'Est Europa (Praga, Varsavia, Mosca, Budapest, Bucarest, Sofia) e subito si nota come la percentuale di ragazze attraenti sia superiore a quella che normalmente esiste in una qualsiasi citta' italiana.
Ripeto: "attraente" significa che rispecchia massimamente il modello estetico dominante, quello che poi viene usato quando si tratta di scegliere modelle le cui immagini poi vanno a riempire le pagine dei giornali di moda oppure riviste erotiche per soli uomini. Quindi donne alte, snelle, con gambe lunghe e ben fatte, sederi alti, seni tonici, volti con lineamenti leggeri, nasi piccoli e dritti, labbra carnose, zigomi alti, occhi spesso con taglio orientaleggiante, di colore azzurro, blu, verde smeraldo.
Con questo non voglio dire che le altre donne del mondo non siano ugualmente belle, anzi ce ne sono di bellissime ovunque e tutte le donne a parer mio sono belle. Non ne esiste una brutta. Solo che in Repubblica ceca (solo per fare un esempio) le donne rispecchiano il canone estetico dominante piu' di quanto accada in Yucatan, dove il normo tipo femminile e' completamente differente.
Ci sara' dunque un motivo se il "serbatoio" di raccolta per il reclutamento di molte ragazze, i cui corpi poi vengono "commercializzati" sia sottoforma di immagini che di "altro", e' soprattutto l'est Europa (anche negli Stati Uniti) e non lo Yucatan.
Ecco cosa voglio dire quando parlo di "bellezza". E non esprimo assolutamente un giudizio etnico o razzista, in quanto dico qualcosa che in qualsiasi agenzia di modelle puo' essere confermato.

Chiara di Notte - Klára ha detto...

@ Luca Massaro: Certo, il tuo dire è onesto perché toglie le illusioni a chi se le fa. Ma a volte è bello illudersi

Qui non devo illudere nessuno, ma dire cio' che penso.
Di sicuro non mi manca la conoscenza di un certo mondo e neppure sono a digiuno per quanto riguarda l'essere una donna dell'Est.
Se pero' c'e' chi si vuole illudere, nessuno glielo nega. Puo' sempre convincersi (come fanno tante persone che mi leggono) che sono una stronza intollerante. In questo modo mette a posto la coscienza e come Pinocchio tacita il Grillo Parlante spiaccicandolo contro il muro. :-)

Chiara di Notte - Klára ha detto...

@ Uyenesa: molti maschietti si sentono autorizzati, visti i tuoi precedenti discorsi sulla libertà sessuale, a proporti e chiederti le cose più assurde, ma è altrettanto vero che tu ne godi, potendoli umiliare in continuazione, facendo loro vedere quanto animali possano essere invece che uomini.

Innanzi tutto grazie per essere passata di qui e per aver preso a diffondere i miei post in Ok Notizie. Vuol dire che li apprezzi, ed il fatto che adesso arrivi persino a commentare direttamente, significa che forse ho trovato un'altra attenta lettrice che non si ferma solo alla superficialita' delle parole.
Gli uomini non mi chiedono niente di assurdo. In realta' chiedono le solite cose su cui non ci trovo niente di strano. Non sono gli atti in se' che possono disturbare in quanto (come dico nel post) noi ungheresi non abbiamo preclusioni e siamo abbastanza anticonvenzionali (fare la porno attrice qui e' un mestiere come un altro, al pari di quello che in Italia puo' essere lavorare in un call center). Se mai, il problema sta nell'insistenza. Nel non capire quando una donna dice NO. Nella dinamica cerebrale del maschio latino (non solo italico) accade che se la donna dice no, in realta' vuol dire si'. Se si ritrae e' perche' non vuole ammettere di essere una troia mentre nel suo vero intimo vorrebbe farlo pure lei. Se si nega e' per fare la civetta e per attirare di piu'. Se indossa la gonna corta e' perche' vuol mostrare le cosce, quindi e' implicito che vuol fare sesso anche se fa la scontrosa.
Spesso per il maschio latino uno stupro, ma un fatto biologicamente naturale in quanto L'uomo ha da essere uomo". Insomma, a nessuno di questi "machi" che venga in mente che una donna, esattamente come un uomo, puo' dire NO per dire proprio NO.
Cazzo, ci vuole molto a capire una parola per il significato che essa ha e non per l'interpretazione che fa piu' comodo a noi?
Ecco dunque dove sta l'animalita' di cui parli, ma non si dovrebbe neppure parlare di animalita' in quanto gli animali sono piu' educati e rispettosi di tanti uomini.
E poi, non cerco di umiliare nessuno. Scrivo solo cio' che penso sia interessante e che mi da' soddisfazione a scrivere. E' vero: provoco e spesso mi diverto a farlo, ma non e' per umiliare. E' solo perche' ritengo sia una bella cosa (e lo dico chiaro nel post "non m'importa") se le persone che leggono, grazie a queste mie piccole provocazioni, iniziano a pensare in termini maggiormente autocritici, autoironici, ma anche riappropriandosi di una liberta' che spesso hanno sacrificato per avere in cambio l'approvazione degli altri.

Tu sei una temibile predatrice, lo stai dicendo a tutti, ma nessuno vuole accorgersene, perchè vuole illudersi di poterti avere, magari anche a caro prezzo, nel suo harem virtuale, al solo scopo di dimostrare agli amici del bar sotto casa di essere grandi tombeur de femme...

Puo' essere vero quello che dici. Anzi, sicuramente lo e', ma che magra soddisfazione vantarsi delle "conquiste virtuali". Ancor piu' magra di quella di vantarsi di quelle reali.
Oltretutto chi si vanta di queste cose non ha capito un cazzo di come funziona con le donne, e chi lo ha capito non va certo a divulgare in giro i suoi segreti. :-)

E' vero che, da quello che si è visto, le donne dell'est hanno una bellezze femminile più accentuata rispetto alle loro colleghe occidentali

Ovviamente tenendo conto del limite dettato dai canoni estetici dominanti nell'epoca attuale. Canoni che potrebbero sovvertirsi completamente in pochissimi anni.

Chiara di Notte - Klára ha detto...

@ J.T.: devo sapere fondamentalmente due cose
"Igen" ed essere consapevole che la storia dei bambini bisognosi è una presa per il culo...


La storia dei bambini vale solo per i fratellini ammalati. In sostituzione esistono numerose varianti: la madre, il padre, la nonna...
Mai il marito.

Kameo ha detto...

Hai per caso aperto un'agenzia di interscambi cul-turali?
Se è così, per favore mandaci una vagonata di uomini magiari che, se sono figli di quel canone estetico, dovrebbero essere tutti "alti, snelli, con gambe lunghe e ben fatte, sederi alti, muscoli tonici, volti con lineamenti leggeri, nasi piccoli e dritti, labbra carnose, zigomi alti, occhi spesso con taglio orientaleggiante, di colore azzurro, blu, verde smeraldo."
Magari questi modelli sono sensibili al fascino delle "culone inchiavabili" ;-)))

Chiara di Notte - Klára ha detto...

@ Kameo: dovrebbero essere tutti "alti, snelli, con gambe lunghe e ben fatte, sederi alti, muscoli tonici, volti con lineamenti leggeri, nasi piccoli e dritti, labbra carnose, zigomi alti, occhi spesso con taglio orientaleggiante, di colore azzurro, blu, verde smeraldo.

Purtroppo non e' cosi'. Certi tratti somatici sono legati al cromosoma X, che fanno attraenti le donne, ma non gli uomini. Che' un uomo come descrivi sarebbe troppo effemminato e non corrispondente ai canoni estetici maschili dominanti
E' la concomitanza di vari fattori, che rende determinati tratti somatici (maschili o femminili) piu' attraenti di altri. Dipende oltre che dalla "simmetria dei tratti" che mostra implicitamente la buona salute dell'individuo, anche da condizionamenti culturali (ad esempio in Germania durante il nazismo erano ritenuti belli i biondi con occhi azzurri a prescindere), da fattori legati alla moda o alla ricerca dell'esotico (un tratto molto richiesto perche' inconsueto, come ad esempio in Italia nei primi anni 90 erano i capelli lisci e biondissimi legati ad occhi azzurri chiarissimi che solo certe ragazze slave nordiche poetevano avere).
Ovviamente parlo di estetica e non di "soggettivita'" del gusto individuale. E di cio' se ne puo' avere riprova notando come si siano modificati i canoni da 20-30 anni a questa parte e come certe cose siano oggi ritenute belle quando ieri, ad esempio, le donne facevano di tutto per correggerle perche' ritenute non attraenti.

Chiara di Notte - Klára ha detto...

@ Lust: anche la più brutta riesce a spillare fino all'ultimo centesimo al panzone spelacchiato che pensa di aver fatto la grande conquista.

Io credo che non esistano donne brutte. Esistono solo donne che aderiscono piu' o meno ad un modello estetico. E cio' cambia con i tempi ed in base al "condizionamento" che si riceve.

Squilibrato ha detto...

Urka... io niente ragazze ungheresi. Buon anno!!!

enea88 ha detto...

Come fottere l'Ungheria fingendo di farlo per amore:
http://www.businessvox.it/economia/item/224-crisi-il-nuovo-strappo-avvicina-l-ungheria-al-fallimento.html

Chiara di Notte - Klára ha detto...

@ Enea: Come fottere l'Ungheria fingendo di farlo per amore

Notizia vecchia. L'avevo gia data io un po' di tempo fa. Si vede che sei poco attento oppure che le notizie da voi arrivano con Fra l'altro, il default in Ungheria (se ci sara', ma non e' detto) verra' assorbito da una bella svalutazione del forint.
Puttane e contadine non ne avranno alcun danno. Solo chi detiene titoli di stato ungheresi, oppure dei risparmi in forint. Cosa che le persone avvedute e quelle gia' povere non hanno.
Una vera notizia che invece ancora tu e quelli come te non sanno, e che io so ma non vi diro', almeno per oggi, e' un'altra.
Forse ci scrivero' un bel post... Forse domani....
Chissa'.
Abbi pazienza e, se per caso eri preoccupato per il primato del prenderlo nel culo, ti posso assicurare che in quanto a "farvi fottere" non siete secondi a nessuno. :-)
Ah, senti enea, per non entrare nella solita polemica, siccome conosco quanto sei petaisso e noioso quando ti ci metti, non riuscendo ad apportare alcun contributo alla discussione in oggetto se non stronzate alla "troll", parlando di tuttaltro e di roba che non interessa una beneamata mazza a nessuno, ho deciso che per oggi il tuo sforzo cerebrale basta e avanza. Quindi evita di commentare ulteriormente perche' ti cestinero'. Tanto parleresti come al solito del "niente".
Grazie. :-)

davide ha detto...

Pregiatissima Chiara,

io non volevo farne una questione di razze.

Per quel che riguarda l'Italia la cosa non avrebbe senso perchè gli italiani sono il frutto di razze diversissime provenienti da Europa Asia e Africa.

Quando i celti popolavano il nord Italia i Fenici (una popolazione asiatica) colonizzavano la Sicilia e la Sardegna. In seguito in Italia sono passate un'infinità di poplazioni: greci, cartaginesi, etruschi, latini, germani, unni, bizzantini, arabi, vichinghi, spagnoli ecc.

Ciao Davide

davide ha detto...

Pregiatissima Chiara,



"Una vera notizia che invece ancora tu e quelli come te non sanno, e che io so ma non vi diro', almeno per oggi, e' un'altra.
Forse ci scrivero' un bel post... Forse domani...."

Però una piccola anticipazione devi darcela. Mica vorrai tenerci sulle spine tutta la notte.

Ciao Davide

Chiara di Notte - Klára ha detto...

Davide: io non volevo farne una questione di razze

Mi pare che le razze non le abbia tirate fuori. Io ho solo parlato di "estetica" legata ad un modello che nell'attuale e' dominante.
E l'estetica e' anche legata ad una cultura dell'alimentazione e a quanto siamo stati/e abituati/e ad aver cura del proprio corpo facendo attivita' fisica, ad esempio, che per noi nate in un determinato periodo storico ed in determiani paesi era "strutturale" alla nostra formazione di pari passo con la cura del nostro intelletto.
Nota bene: se in passato, dato un certo mestiere, alla bellezza davo pero' molta importanza (essere scelta o non scelta significava per me soldi), oggi ne do solo in funzione di chi mi e' molto intimo. Cioe' cerco di essere (per lui o per lei) bella seguendo il canone estetico che piace soprattutto a me, non quello che gli altri si attendono da me.

Chiara di Notte - Klára ha detto...

@ Davide: Però una piccola anticipazione devi darcela. Mica vorrai tenerci sulle spine tutta la notte


Non posso...
Sto qui a ridere degli insulti che mi invia Enea... :-))
Forse domani. Se ho tempo.

Chiara di Notte - Klára ha detto...

Enea88: Se per caso ti stai chiedendo perche' non pubblico i tuoi insulti, te lo spiego in modo semplice e diretto, sperando che, col cervellino che ti ritrovi, tu possa riuscire a comprendere, anche se dubito.
Vedi, se io voglio insultare te, lo faccio mettendoci la mia faccia, che e' poi l'account di riferimento a cui si rifa' il mio nick. Quindi non potrei mai smentire, un domani, di aver detto qualcosa o di aver insultato. Mentre tu (come tutti i vigliacchi di questa terra), lo fai in modo anonimo, cosicche' se pubblicassi il commento con i tuoi insulti, un domani potresti anche dire (come tutti i vigliacchi di questa terra) di non essere stato tu a scriverlo e che magari me lo sono scritto da sola. Cosi' da farmi passare per squilibrata.
Comprendi la differenza che c'e' fra me e chi (come tutti i vigliacchi di questa terra) non ci mette mai la propria faccia?
Io le cose se le dico, le dico a viso aperto, subendone se necessario le conseguenze. La gente come te, invece (come tutti i vigliacchi di questa terra) le conseguenze non le vuole mai subire. Per questo si nasconde.
Spero che avrai capito, adesso, cosa penso di te e di tutti quelli come te (come di tutti i vigliacchi di questa terra), che tramite commenti anonimi lanciano velati o espliciti insulti, sapendo di non essere agganciabili ad alcun account registrato.
Capisco che cosi' sia piu' semplice, ma con tale metodo risulterai sempre e solo un cazzone livoroso, oltre che (ovviamente) pusillanime come tutti i vigliacchi di questa terra.

Chiara di Notte - Klára ha detto...

Enea88: Visto che dici che non ti interessa come gli altri ti giudicano, perche' continui ad asfissiarmi coi commenti e con gli insulti che con l'oggetto di questo post non c'entrano nulla?
Hai davvero bisogno di scrivere a tutti i costi per far sapere a tutti che mi consideri una puttana in quanto (appunto) ho fatto la puttana?
Pensi forse che non lo sappia e che nessuno prima di te me l'abbia mai detto?
Davvero ci tieni tanto a dar sfogo al tuo livore in questo modo da troll e da bimbominkia?
Quanto sei infantile...

Ah, un'ultima cosa perche vedo che ancora non riesci a capire: da ora in poi potrai inviarmi tutto quello che desidererai, ma lascero' passare solo cio' che sara' attinente all'oggetto del post e in cui non siano presenti insulti di alcun genere. Il resto sara' cestinato e non piu' degno neppure di risposta.

Pensaci. Le occasioni per migliorarsi e maturare a volte vanno prese al volo.

Giulio ha detto...

Non metto in dubbio che l'Ungheria dia i natali a belle donne''Ma se permetti è anche questione di gusti. Io per esempio le trovo fatte in serie e per nulla attraenti. Riguardo al post, non lo trovo per nulla interessante o originale,si, scritto bene, ma non sono consigli che meriterebbero tanto spreco di meningi. Ormai a farsi prendere per i fondelli, da donne di questo tipo, sono rimasti quattro bavosi vecchiacci arricchiti o qualche ingenuo sfigato senza alcuna esperienza. Certo che ci ami molto a noi italiani, trspare da ogni cosa che dici. Mi sa di volpe che non arriva all'uva.

Chiara di Notte - Klára ha detto...

Ormai a farsi prendere per i fondelli, da donne di questo tipo, sono rimasti quattro bavosi vecchiacci arricchiti o qualche ingenuo sfigato senza alcuna esperienza

Ecco che e' arrivato anche Giulio.
Ci mancava...
Anche lui con la sua perla di saggezza finale in cui il bue da' del cornuto all'asino. Comportamento ormai frequente in certi tipi di amebe umane sottosviluppatesi durante il ventennio berlusconiano. Non mi stupirei che fosse uno innamorato di Silvio oppure un leghista. I toni sono sempre gli stessi. Ruttano e sbraitano con la bava alla bocca. Sembrano tutti fatti con lo stampino.
Ovviamente, anche Giulio e' un tipo "autentico". Uno che ci mette la faccia!
Secondo voi (e mi rivolgo chi legge ed e' dotato di un minimo di buon senso, questa gente che perde tempo a commentare in questo modo, e' sana di mente?
Secondo me no, ma potrei essere prevenuta nei confronti di questa sottospecie umana.
Sinceramente, mi sono spesso fatta l'idea che si tratti di poveri disadattati mentali che, siccome nella vita hanno ricevuto solo scarpate in faccia e scommetto vengono pure comandati a bacchetta dalla moglie, poi si sfogano nei blog democratici, sbavando rabbia e livore, contando sul fatto che chi e' democratico non li mandi a fanculo.
Forse dovrei decidere una volta per tutte di limitare i commenti ai soli account regisrati, cosicche' questi pazzoidi siano costretti ogni volta a perdere un po' di tempo.

Comunque, da questo momento in poi, ogni commento non attinente al post che contenga una qualche allusione all'insulto, scritto da uno stronzo qualsuasi che sceglie di essere anonimo, sara' stampato ed usato come carta da culo nel mio cesso. Che si chiami Enea, Giulio o Caio Giulio Cesare.

PS: So che dovrei cestinare fin da subito, ma voglio che resti traccia di tanta idiozia affinche' chi legge capisca come puo' ridurre internet se utilizzato da persone che hanno un basso livello intellettivo, cosicche' possa fin da subito prendere le precauzioni per non diventare cosi'.

Giulio ha detto...

Secondo te sarei Berlusconiano, per via del mio commento? Secondo te avrei offeso? Ho solo espresso un' opinione, mi pare che ad insultare sia stata tu, non io. Tra l'altro ho usato un sistema per lasciare i commenti che dai tu facoltà di usare. Tu usi il tuo nome e cognome? Non mi pare. Certo che sei alquanto nervosa e offensiva. Se mi vuoi pubblicare o non pubblicare, fallo pure. Tanto noto che fai tutto da sola. Rilassati, ti percepisco nevrotica.

P.S. Ero assolutamente attinente al post.

Chiara di Notte - Klára ha detto...

Secondo te sarei Berlusconiano, per via del mio commento?

Yes, so riconoscerli. Hanno tutti lo stesso stile da "gentlemen" frustrati esattamente come te. :-)

Secondo te avrei offeso?

Non hai offeso me. Hai offeso gli uomini. Quelli che tu non sopporti perche' forse inconsciamente ti ci riconosci. Cito le tue esatte parole: "a farsi prendere per i fondelli, da donne di questo tipo, sono rimasti quattro bavosi vecchiacci arricchiti o qualche ingenuo sfigato senza alcuna esperienza".
Non sono insulti questi? Cosa sono complimenti?
Ecco, forse non ti accorgi, ma con le tue parole ti sei qualificato: hai voluto sottilmente insinuare che tu sei l'esatto contrario di coloro che insulti, quando in realta' ho il forte sospetto che lo sfigato sia proprio tu.

Tra l'altro ho usato un sistema per lasciare i commenti che dai tu facoltà di usare. Tu usi il tuo nome e cognome? Non mi pare

Lo hai usato, ma senza leggere bene quello che c'e' scritto.
Adesso cito cio' che avresti dovuto leggere:
"Se vuoi commentare come anonimo puoi farlo, ma almeno sii educato e firmati con un nome qualsiasi, anche perchè i commenti non firmati saranno cestinati senza essere letti. Per insultarmi, invece, se proprio proprio non puoi farne a meno, dovrai metterci "la faccia" e utilizzare un account registrato, perche' sara' palese che quelli anonimi proverranno da gente senza palle e saranno cestinati".
Capito come stanno le cose, bimbo? La prossima volta mettiti gli occhiali che' mi sa' che a forza di pippe sei diventato cieco.
E prima di metterti a giocare coi grandi, almeno cresci un po'.
Comunque, anche per te vale lo stesso consiglio che ho dato a Enea (come vi assomigliate): invece di perdere il tuo tempo qui a dare dei nevrotici a chi non conosci, spegni ogni tanto il pc e rilassati, che' non mi sembra che tu sia messo tanto bene a nervi.
Addio, e passa bene il resto della tua vita (se ci riesci). :-)

rossoallosso ha detto...

;-)
era da un pò che non mi divertivo così.

P.S.
pure io come Davide sono curioso,conoscendoti ho già preparato la vaselina ;-)

Anonimo ha detto...

Buon Comleanno, e scusa il ritardo. Nic

Chiara di Notte - Klára ha detto...

@ Rosso: pure io come Davide sono curioso,conoscendoti ho già preparato la vaselina

Come siete antiquati in Italia. Qui da noi usiamo dei gel all'aroma di frutta che sono stupendi.


@ L'ennesimo anonimo: Buon Comleanno, e scusa il ritardo. Nic

Io ti scuso. Non ho problemi a farlo. Pero' non so chi sei. Forse hai sbagliato blog?
E cosa c'entra il compleanno?
Comunque lascio passare questo commento, anche se anonimo e non attinente al post, perche' non contiene insulti. Altrimenti avrei pensato al solito Enea o Giulio (che tanto e' lo stesso), che fa le "prove di trasmissione".

davide ha detto...

Pregiatissima Chiara,

"Notizia vecchia. L'avevo gia data io un po' di tempo fa. Si vede che sei poco attento oppure che le notizie da voi arrivano con Fra l'altro, il default in Ungheria (se ci sara', ma non e' detto) verra' assorbito da una bella svalutazione del forint."

Non so chi fra l'Italia e l'Ungheria andrà in default per primo.

Però come Cassandra per una volta credo di essere stato più bravo di te.

Quando Orban vinse le elezioni con una maggioranza bulgara io dissi che questo era un pericolo per la democrazia. Tu dicesti che non c'era nessun pericolo.

Io feci notare che dare troppo potere ad un partito solo (non importa se di destra o di sinistra) era sempre un pericolo perchè chi ha il potere ne vuole sempre di più.

I tentativi di Orban di mettere sotto controllo giornali e giudici confermano i miei timori.

Ciao Davide

Dany e Brett ha detto...

Mi ha molto divertito leggere i tuoi consigli. Ho vissuto tanti anni fa a Budapest - ero uno studente squattrinato quindi niente Vaci Utca con carta di credito in mano - e ho avuto molti amici ungheresi, qualcuno ha anche resistito al tempo e alla distanza. Per continuare con generalizzazioni est-ovest nord sud a destra e a sinistra...trovo che il tuo spirito tagliente sia molto ungherese e anche il tuo gusto di provocare, cosa che ti riesce molto bene. Mi lasci con un pò di malinconia dei miei ritorni a casa spesso brillo e, a volte, in dolce compagnia di qualche budapestina romantica che si accontentava di uno squattrinato italiano. Csokolom chiara

Chiara di Notte - Klára ha detto...

@ Dany e Brett: trovo che il tuo spirito tagliente sia molto ungherese e anche il tuo gusto di provocare, cosa che ti riesce molto bene

Oh! Finalmente qualcuno che un po' ci capisce. Spesso si ha a che fare con gente permalosa ed e' difficile essere me stessa fino in fondo. Devo sempre tener conto che il "nostro" modo di scherzare a chi non e' ungherese puo' apparire offensivo.

Ma non serve anche a questo, forse, il mio "espormi" in un blog? Non e' forse un avvicinare due mondi, il mio ed il vostro?

Come dico sempre: nessuno ha l'obbligo di digitare il mio indirizzo web. Se non mi si sopporta, se si pensa che cio' che dico sia stupido, insensato, inconcludente e finalizzato solo all'insulto, si puo' sempre evitare di venire qui a leggermi.

Pero' vedo che Dany e Brett (siete in due?) ha letto il post nel modo in cui doveva essere letto. E questo mi rende un minimo soddisfatta.

Dany e Brett ha detto...

Dany e Brett sono uno, cioè io. Non so quanti anni hai ma forse conosci la serie tv degli anni '70 "Attenti a quei due-the persuaders- con Roger Moore e Tony Curtis(che tra l'altro è figlio di ungheresi): Dany e Brett appunto. Comunque a me piace la tua lingua affilata che ferisce solo i soporiferi conformisti e punzecchia chi conformista non è.

Chiara di Notte - Klára ha detto...

@ Dany e Brett: forse conosci la serie tv degli anni '70 "Attenti a quei due-the persuaders

"Minden lében két kanál", ho capito. Mi era del tutto sfuggito.
Sai che quella serie (oppure era un film, non ricordo) mi pare di averla vista per la prima volta in tv in Italia? Ma ero gia' abbastanza "grandicella". :-)

a me piace la tua lingua affilata che ferisce solo i soporiferi conformisti

Iniziano tutti cosi'... poi a lungo andare, piu' mi capiscono, piu' resto sulle palle... :-)

Dany e Brett ha detto...

"Iniziano tutti cosi'... poi a lungo andare, piu' mi capiscono, piu' resto sulle palle... :-)"

quando mi romperai ti cancellerò dai preferiti ;-)

"Minden lében két kanál"
anni di studio buttati: che vuol dire lében?

Chiara di Notte - Klára ha detto...

che vuol dire lében?

lé = succo o liquido
ben = in

Letteralmente il titolo della serie e' stato preso da una frase idiomatica magiara: minden lében kanál. Cioe': in ogni succo un cucchiaio. Si dice quando una persona esprime un'opinione su tutto. Che non puo' fare a meno di ficcare il suo naso.
Nel caso del telefilm, dato che i tizi sono due, appunto: minden lében két kanál, vale a dire "in ogni succo due cucchiai", da voi tradotto in "attenti a quei due".

Ti ringrazierei, pero', se non mi facessi fare 'ste cose. Stavolta l'ho fatto, ma eseguo il lavoro di traduttrice interprete anche per troppe ore durante la giornata e non vorrei che questo blog si trasformasse in qualcosa di simile. Esiste peraltro Google traduttore che all'occorrenza puo' aiutare. :-)

Uyenesa ha detto...

Klara scrive:

Innanzi tutto grazie per essere passata di qui e per aver preso a diffondere i miei post in Ok Notizie. Vuol dire che li apprezzi, ed il fatto che adesso arrivi persino a commentare direttamente, significa che forse ho trovato un'altra attenta lettrice che non si ferma solo alla superficialita' delle parole.

Forse è vero, oppure forse sono solo attratta dalla tua estrema capacità di essere libera, cosa che per me, italiana, non è concesso per via dell'educazione ricevuta da bambina, condizionata da secoli di soggiogazione cattolica. Magari potrebbe essere lo spunto per un post sulla condizione femminile all'interno della chiesa cattolica, chissà.


Klara scrive:

Gli uomini non mi chiedono niente di assurdo... Se mai, il problema sta nell'insistenza. Nel non capire quando una donna dice NO.

Pensavo di aver espresso questo concetto, ma si vede che ancora non so esprimermi per bene.

Klara scrive:

E' vero: provoco e spesso mi diverto a farlo, ma non e' per umiliare.

Si tratta di autoumiliazione, come una specie di purificazione interiore per permettere al maschietto di turno di tornare a sperare di essere l'essere dominante, un giorno...

Klara scrive:

Oltretutto chi si vanta di queste cose non ha capito un cazzo di come funziona con le donne, e chi lo ha capito non va certo a divulgare in giro i suoi segreti. :-)

Qui sta tutta la differenza tra l'essere uomini e il rimanere animali (con tutto il rispetto per gli animali, che ovviamente hanno solo la colpa di non essere dotati di parola, se colpa può essere).


Certo, mi piace leggerti, e appena possibile postare e divulgare i tuoi pensieri. Intimamente cerco di essere libera e senza pregiudizi, come tu mi appari, ma come avrai capito, sono impacciata e non so assolutasmente muovermi per le mille implicazioni mentali che un certo tipo di educazione mi ha costretta a subire. Avrei voluto essere io libera di amare il mio corpo in assoluta libertà, dandolo a chi mi piaceva, oppure provare la sensazione di essere il giocattolo temporaneo di qualcuno. Sono sensazioni che solo una donna davvero libera può provare, perchè non ha restrizioni mentali, perchè non è figlia del senso di vergogna ad essere additata come la puttana del luogo, perchè ha davvero stabilito un vero senzo paritario tra se stessa e gli altri. Questo, permettimelo, in Italia ancora non può avvenire, e le note vicende delle escort presidenziali e dei pruriti mentali del popolo cosidetto benestante e benpensante (di cui spesso leggo le idee regrette in risposta alla tua libertà) lo dimostrano ampiamente e con pluralità di prove (Enea e Giulio per esempio...)

Un abbraccio, Klara, sincero.

Chiara di Notte - Klára ha detto...

@ Uyenesa: Magari potrebbe essere lo spunto per un post sulla condizione femminile all'interno della chiesa cattolica, chissà

Sarebbe interessante. Ma dovresti essere tu a scriverlo, dato che io non ne ho esperienza.
Hai un blog?

Intimamente cerco di essere libera e senza pregiudizi, come tu mi appari, ma come avrai capito, sono impacciata e non so assolutasmente muovermi per le mille implicazioni mentali che un certo tipo di educazione mi ha costretta a subire

Non ti conosco, ancora, ma quanta diversita' fra te e alcune donne che hanno frequentato qui, che si definivano - in modo del tutto falso - senza pregiudizi, quando poi, invero, ne erano piene.
Cio' che mi indica che tu sei diversa da loro, e' il tuo giudizio immediato su Enea e Giulio.
Spero che continuerai a leggermi. Non tanto per la tua "approvazione", ma perche' forse leggendomi troverai quei tasselli che a te mancano per completare il puzzle.

davide ha detto...

Pregiatissima Chiara,

"Non ti conosco, ancora, ma quanta diversita' fra te e alcune donne che hanno frequentato qui, che si definivano - in modo del tutto falso - senza pregiudizi, quando poi, invero, ne erano piene."

Non esiste nessuno senza pregiudizi.

Ti riporto qui sotto un brano al proposito.


"Ma qui, con tutto il rispetto, mi pare che il poeta giudichi male, per il semplice motivo che la
calunnia è invincibile. Non lo sarebbe, considerata per quel che dice, ma lo è per il fatto che alle
orecchie della gente la calunnia non arriva mai sgradita, anzi, per usare le parole di un’aria famosa,
vi si introduce dolcemente. Sentire parlar male di altri piace, e poco importa se a torto o a ragione. E
non sarà quel che uno scrive, e in causa sua, a far cambiare i gusti immutabili della gente."

Ciao Davide

Anonimo ha detto...

povere ungheresi, se sono tutte come le descrivi tu. io spero che ci siano anche ragazze ungheresi che possono permettersi di divertirsi a letto non per soldi, ma per puro piacere...e che i soldi per fare shopping a go go se li riescano a procurare esattamente come se li procurano gli uomini....con un lavoro gradito.Un po' come molte italiane :)ciao ciao,
elisa

Chiara di Notte - Klára ha detto...

@ Anonimo Elisa: povere ungheresi

In effetti siamo ragazze strane. Sconsigliabili a chi e' troppo sensibile. Anche i nostri blog sono incivili, moralmente inferiori, poco democratici ed oltretutto, io in particolare, sono anche una gran rompicoglioni. Diffidente di tutto e di tutti. :-)
I soldini piacciono, e non solo alle ungheresi giovani e carine. Il lavoro talvolta non si trova facilmente, e se lo si trova capita che ti vogliano fottere sia nello stipendio che fisicamente. E allora, tanto vale...
Su questo argomento, e su quante ragazze mi scrivano per chiedermi come guadagnare trombando, ho quasi pronto un post. Ti soorprendera' sapere che ricevo molte piu' richieste del genere da italiane che da ungheresi. :-)

elisa ha detto...

"In effetti siamo ragazze strane"


..in effetti io penso che gli esseri umani non si dividano in base alla nazionalità, ma che certe caratteristiche siano trasversali. Da un po' di settimane seguo il tuo blog, non sono mai intervenuta perché i miei commenti sarebbero stati superflui e di solito erano anticipati da qualcun altro più svelto di me cosicché rimaneva poco da aggiungere, ma in questo caso non ho potuto farne a meno perché trovo questo post molto triste e forse non troppo onesto.
Il motivo per cui molte donne ancora nel 2012 affittino il proprio corpo è semplicemente perché hanno bisogno di denaro, e non lo fanno né felicemente, né sempre in maniera così distaccata come vuoi lasciar trapelare.
Se alcune ungheresi che tu conosci sono come le descrivi nel tuo post ok, ma io ti posso parlare di un'altra faccia della medaglia, di altre ungheresi che ho conosciuto io,che la prostituzione non la vivono per nulla in maniera spensierata. E questo vale per le ungheresi come per le brasiliane, le italiane, le rumene, e le donne che per bisogno ancora devono "sacrificarsi" all'uomo-padrone (ho i soldi e posso permettermi di fotterti..). Se molte italiane ti chiedono come fare a guadagnare trombando, primo non sono molto intelligenti perché lo sa anche una tredicenne come si fa .. non è molto difficile, secondo esistono anche italiane povere, che non trovano lavoro e non hanno altre possibilità per fare soldi evidentemente.
Perché non esistono solo uomini manager,o imprenditori,esistono anche donne che lo fanno con passione....e non hanno bisogno di prenderlo in bocca . Non è affatto vero poi che in tutti i lavori ti fottono sia nello stipendio che fisicamente...anzi. Ci sono lavori ben pagati dove nessuno si sogna di fotterti fisicamente e se solo ci prova rischia pure grosso. Non so che realtà italiane tu conosca, ma sicuramente non la parte migliore...

Chiara di Notte - Klára ha detto...

@ Elisa: Non so che realtà italiane tu conosca, ma sicuramente non la parte migliore...

Sicuramente non la parte migliore. O forse non la conosco affatto. O forse non conosco neppure quella ungherese ele donne magiare sono per me un mistero, ma ho l'impressione che quando parli di donnne manager indipendenti, rispettate, che guadagnano molto, che basta che s'impegnino ed hanno una vita risolta senza problemi, ti riferisci ad un'elite di donne la cui percentuale si aggira su uno zero virgola.
Soprattutto oggi che ogni buona posizione si ottiene (almeno in Italia) tramite raccomandazione o per via dinastica.
In ogni caso ammetto di non conoscere niente e spero che questa mia "sincerita'", non ti appaia una menzogna.
D'altronde ce ne sono anche troppi che nel Web sanno tutto. :-)

Ultima cosa: lo dico perche' magari puo' essere una possibilita' che non hai considerato. Ma non ti e' proprio venuto in mente che il mio post fosse un po' ironico, e magari anche un po' autoironico? :-)

L'Obasso ha detto...

Che foto meravigliosa.E'il Paradiso.Sarà per le tonalità retrò...

Sandro ha detto...

Post datato, comunque non rinuncio a commentare e puntualizzare su diverse cose, Klara.
Sono stato a Budapest due settimane quest'inverno fino ai primi di dicembre e devo dire che è vero, ovunque ti giri molte ragazze dai corpi bellissimi.....però devo essere completo nel giudizio: in genere i loro visi non rispecchiavano il mio personale canone di bellezza.
Le donne latine, anche quando hanno la parvenza di barattoli dal collo in giù, solitamente si fanno poi apprezzare per i tratti del loro viso. Alla fine è il viso la parte che conta, quando stanno a letto sotto le coperte sono tutte uguali. Dico questo come persona dalla mentalità pratica, perchè diversamente sarà un problema spiegare alla partner lo strano modo di usare la coperta coprendo dal collo in su. Stranamente, e non penso di essere l'unico, appartengo ad una categoria di maschi (italiani) che della donna apprezzano tutto e nel complesso non guardano ad un singolo dettaglio anatomico, come molti luoghi comuni sui maschi vorrebbero far credere. La patata e la dolcezza del suo sguardo hanno per me la stessa priorità, anzi con la consapevolezza che quello che porta nei suoi occhi spesso è gratis e il resto alle volte no.
In definitiva di carine nel complesso ce n'erano veramente molte, mi sono fatto molta cul-tura, ho fatto le radiografie per strada a centinaia di ragazze e ne porto tuttora il ricordo sotto forma di improvvisi flash visuali nella mente.
Mi dispiace aver constatato di persona che quello che dici nel post è tutto vero e come le ragazze del posto non fossero minimamente interessate a scambi culturali. Non sono affatto partito con l'idea che le donne ungheresi fossero facili. Però almeno pensavo che fossero solo donne, invece sono "donne ungheresi" quando io invece lì ero solo un ragazzo a cui non ha mai importato di essere italiano. Tutto questo per il mio modo di essere semplice mi ha fatto sentire un certo disagio.
Tra le altre cose la parte in cui parlavi della difficoltà del maschio latino a fermarsi davanti ai NO (rispetto alla mentalità ungherese che da già per assodato questo traguardo evolutivo?) mi ha fatto capire che io non sarei per niente latino allora. In quanto di fronte ad un NO di una ragazza ho sempre preferito lasciare che fosse lei eventualmente a fare la mossa successiva.....che puntualmente non avveniva mai. E non credo di essermi mai comportato male con una donna...credo invece di essere il massino della sincerità e dell'onestà che in uomo del ventunesimo secolo si possa trovare. Già mentre le stringo la mano per la prima volta le guardo con disinvoltura le cosce a salire fino ai fianchi e poi le tette senza cercare di dissimulare con lo sguardo, ma dopo la so anche guardare in viso e negli occhi con la stessa serenità e determinazione. Cosa avrei quindi che non va per una ragazza ungherese?
Ora ti scongiuro, per le prossime volte che ritornerò da quelle parti di dire qualcosa che possa lasciare un minimo di speranza

Ciao, con affetto. Sandro

Chiara di Notte - Klára ha detto...

@ Sandro: però devo essere completo nel giudizio: in genere i loro visi non rispecchiavano il mio personale canone di bellezza

Anche fra i volti, ci sono quelli belli e quelli brutti, e in quanto l'estetica e' un fatto soggettivo, qui posso darti ragione.

Le donne latine, anche quando hanno la parvenza di barattoli dal collo in giù, solitamente si fanno poi apprezzare per i tratti del loro viso.

Anche fra le donne latine ce ne sono di belle di viso e di brutte. Vale dunque la stessa cosa di cui sopra. La differenza che posso trovare, non solo fra le latine e le ungheresi, ma con la grande maggioranza di ragazze dell'est, e' che difficilmente potrai trovare nelle seconde dei "barattoli", almeno fin quando sono abbastanza giovani.
Adesso, per esempio, sono in Russia e posso assicurarti che la concentrazione di bellezza femminile e' assai superiore a quella che ho rilevato a Milano l'ultima volta che ci sono andata, dove trovare nella folla della metropolitana una ragazza davvero carina era una cosa pressoche' impossibile. Mentre qui, almeno 6-7 ragazze su 10 potrebbero fare le veline in Italia

Alla fine è il viso la parte che conta, quando stanno a letto sotto le coperte sono tutte uguali

Sotto le coperte, magari mentre dormiamo, siamo tutte uguali, ma non siamo destinate a stare sempre sotto le coperte.
Comunque, ti posso assicurare, che pur non essendo una top model di viso, quando vivevo a Milano avevo molto piu' successo di tanti barattoli con un viso splendido. :-)
E questo credo sia valido per tutte.

Ora ti scongiuro, per le prossime volte che ritornerò da quelle parti di dire qualcosa che possa lasciare un minimo di speranza

Non capisco che genere di speranza tu voglia avere. Dipende da quelli che sono i tuoi desideri. Se cerchi una moglie o una fidanzata, dato che da quel che ho capito sei tipicamente latino, ti sconsiglio una ungherese perche' sareste davvero troppo diversi e finireste per entrare in contrasto.
Ti consiglio qualcosa di piu' vicino alla tua cultura come ad esempio una rumena.

Anonimo ha detto...

@Klara

....da quel poco che ho potuto osservere di Budapest c'è un "ecotipo" italico che ha molto in comune alla mentalità ungherese ed è proprio il sardo. Anche se non ho ancora capito bene come il maschio sardo veda la donna e viceversa, certe contraddizioni resteranno per me un mistero. Non so se tu abbia mai avuto modo di incontrarne qualcuno e dialogarci.

PS: per la cronaca io sono di Verona. Ti segnalo anche che nel post precedente potrebbe essersi verificato un disguido, l'account di google che si logga in automatico senza chiedere permessi potrebbe aver messo a nudo la mia mail, che quindi ti chiedo eventualmente di rimuovere o nascondere

Sandro ha detto...

@ Non capisco che genere di speranza tu voglia avere. Dipende da quelli che sono i tuoi desideri. Se cerchi una moglie o una fidanzata, dato che da quel che ho capito sei tipicamente latino, ti sconsiglio una ungherese perche' sareste davvero troppo diversi e finireste per entrare in contrasto.
Ti consiglio qualcosa di piu' vicino alla tua cultura come ad esempio una rumena.
(non riesco a fare la citazione in corsivo)

Vorrei capire da cosa deduci che io sarei un maschio latino, credo di aver capito almeno che lo intendo come una questione di mentalità e non legata all'aspetto fisico. Lo deduci da qualcosa che ho scritto? Indicamelo. Oppure per te qualunque maschio nato in Italia è automaticamente di mentalità latina?
Alla fine non ho capito nemmeno cosa intendi esattamente per latino e perchè per te è così negativo e incompatibile con la cultura ungherese.
Ho già letto varie tue disquisizioni sulla maggor libertà sessuale, etc..., ma questo non lo trovo sufficiente a spiegare le ragioni di un presunto sicuro fallimento di una relazione con una ungherese. Cosa sarebbero queste insormontabili diversità?

Chiara di Notte - Klára ha detto...

@ Sandro: Vorrei capire da cosa deduci che io sarei un maschio latino

Premetto che non sono una sociologa, ma le cose che scrivi, come le scrivi, le domande che fai ed il modo in cui le fai, mi fa pensare ai tanti uomini latini che ho incontrato in vita mia. Poi, per carita', posso anche sbagliare.

Oppure per te qualunque maschio nato in Italia è automaticamente di mentalità latina?

Ovviamente no. Dipende dai genitori e dalla cultura di origine. Se pero' sei figlio di una classica famiglia italiana, se cresciuto in Italia e sei di religione cattolica, anche se non osservante, e' assai probabile che la tua mentalita' sia costruita molto simile a quella di molti altri che hanno il tuo stesso substrato. I mattoncini sono quelli, anche se poi il design puo' essere differente.

non ho capito nemmeno cosa intendi esattamente per latino e perchè per te è così negativo e incompatibile con la cultura ungherese

Non ho detto che sia negativo. Ho solo detto che probabilmente per un latino, di religione cattolica, educato a determinati valori per il quale il sesso viene interpretato (finanche in modo subliminale) spesso come un tabu', se non addirittura come peccato o vergogna - e cio' esige un controllo fortemente monogamico del rapporto, almeno nei confronti della donna - certi modi "liberi" e disinvolti con i quali sono cresciute le magiare, potrebbero creare incomprensioni profonde.
Sto parlando in generale e in base a esperienze mie personali. Nel particolare che riguarda te, dato che non ti conosco, prenditi pure la liberta' di pensarla in modo diverso dal mio.

Sandro ha detto...

Cioè mi stai dicendo che la donna magiara tende a vedere il rapporto sempre e comunque come una "relazione aperta". Avevi anche detto che le magiare tengono molto alla relazione, sono orgogliose e non perdonano i tradimenti. Questo sarebbe una specie di eufemismo per dire - qui è il contrario della cultura latina dove la donna è monogamica e il maschio può avere più donne, ovvero per la ragazza magiara "tradire" non è disdicevole invece al maschio ungherese non viene perdonato niente?
Sarei curioso di sapere come evolve la situazione col matrimonio perchè quello non può non essere monogamico, altrimenti non ha senso essere sposati

Chiara di Notte - Klára ha detto...

Questo sarebbe una specie di eufemismo per dire - qui è il contrario della cultura latina dove la donna è monogamica e il maschio può avere più donne, ovvero per la ragazza magiara "tradire" non è disdicevole invece al maschio ungherese non viene perdonato niente?

No.
Intendo dire che c'e' molta reciprocita', molto piu' che nella tradizionale cultura latina, molto piu' orientata nella difesa dei privilegi maschili.
Solo per farti un esempio, a Budapest non e' inusuale che una moglie la sera esca con un amico, per andare a cena o a teatro, mentre il marito resta a casa a guardare i bambini.

Anonimo ha detto...

Tutti gli italiani possono vergognarsi per cui considerano sempre le ragazze ungheresi e le ragazze dell'est come prede facili! Comunque voi ragazzi italiani fate schifo e avete una cattiva reputazione nei paesi dell'est perché siete finti lotin lover, ma in realtà siete senza maniere. Cafoni, maleducati, sbavosi 50enni vergini che in italia manco sono guardati e vivono con la mammina!! Fate schifo e non osate ad andare nei paesi dell'est a rovinare la geuinità delle ragazze, per sfruttarle e ferirle! E se beccate qualche donna dell'est spero proprio che vi sfrutti tanto alla grande, approfittando della vostra babbasciagine e vi farà pagare dei conti salatissimi. Perché se siete idioti, è giusto che ci sia un mercato dove vi sfrtuttano! E lasciate in pace le altre brave ragazze, voi cafoni italiani che a parole siete bravi, ma a letto ho sentito solo parlare malissimo di voi! Quindi per l'amor di Dio, altroché uomo italiano!

J.T. ha detto...

Io sono italiano e non mi vergogno:-)

Considero indistintamente tutte le donne uguali, eventualmente, per miei problemi personali posso vederle un pò diverse alcune più belle e alcune meno, devo dire, però, che quelle dell'est sono particolarmente belle, per cui capisco i "marpioni" italiani che ci provano inventandosi palle di ogni genere, forse è il nostro modo di essere, ogni popolo ha il suo difetto, esempio "io" non andrei nei paesi dell'est perchè sono un pò pauroso e dicono che li ti rubano tutto. Una mia "amica", così la definisco, mi ha invitato più volte, ma ho resistito, dicono che rubano polmoni, fegato, reni e se a me queste cose non le possono rubare perchè le vedo difettose, ero preoccupato per il cuore:-))
magari mi rubano le gomme della macchina, sono un pò lisce, ma reggono ancora, poi come torno?

La mia mammina si chiama Klara, da quello che ho capito è anche la mamma di Davide (non dovrei dirlo ma è un pò zoccola) visto che i padri non sono gli stessi, ma ti garantisco che non mi vuole a casa.
Vorrei dire una cosa se me lo permetti , piuttosto che tutte le ragazze che trovo in giro, comprese quelle dell'est il pensiero l'ho fatto per lei, mi ha sgridato: "james non vorrai provarci con me" mi ha detto, sono un cafone, maleducato e con la bava soprattutto quando la guardo, vero, siamo fatti proprio male noi italiani, ma non serve che ci fai la romanzina, già ci pensa la mammina:-)
Devo dire che hai ragione che ci spennano, sono diventato un pò più attento prima mi sarei fatto spennare con facilità , ora mi succede lo stesso ma con più attenzione, penso che, anche farsi sfruttare non è male, per fortuna, però, sono ancora vergine:-)
perchè voi a quanti anni...... vi succede?
scrivi:
"a letto ho sentito solo parlare malissimo di voi"

devo dire che hai un concetto molto diverso dal nostro, noi a letto non parliamo male delle altre persone, di solito cerchiamo di sfruttare il tempo in altro modo e di rendere felice chi è con noi:-), penso facciano tutti così qui....
strani questi stranieri....

Flyingboy ha detto...

Anonimo ha detto... "lotin lover"
:)

Flyingboy ha detto...

@Anonimo

Non ce' niente di vergognoso di essere fregato.. solo chi rischia li capita. Che vita sarebbe essere sempre nel perenne paranoia di essere fregato? Meglio non lasciare la casa.. atraversare la strada.. dare elemosina..
E se' non sei stato mai fregato.. sei mai stato ludico? Se' non sei mai stato ludico.. hai visuto?

Importante e' solo non piangerci mai siopra ma sorridere.. ecco, unica cosa vergognosa e solo piangerci sopra e portare rancore.

Tutto e' scuola, e niente viene gratis. Se' non si incontra mai menzogna.. come si puo' riconoscere la sincerita'? Se' non si prova mai sconfitta, come si fa' ad aprezzare la vittoria?

Ahh non chiamerei io nessuno idiota se' viene fregato. Idioti sono altri...

http://www.youtube.com/watch?v=fyi4eoigAyc

Un bellisimo film racommanderei:

http://www.youtube.com/watch?v=NajOPhAf9MU

Buona serata a tutti, a chi frega e chi ne viene fregato :)

Chiara di Notte - Klára ha detto...

@ Anonimo/a incazzato/a: Quindi per l'amor di Dio, altroché uomo italiano!

Scusa, non ho capito bene perche' non ti sei presentato/a. Tu sei per caso:

a) una donna dell'est, oppure
b)la moglie di un uomo che si e' preso come amante una donna dell'est,
c) oppure un uomo mattacchione che si diverte a innscare flames nei blog?
Sarebbe interessante capire, prima di tutto, chi e' che scrive i commenti, perche' e' ovvio che, nelle tre ipotesi citate, possono esserci delle sostanziali diversita' per quanto riguarda il modo con cui vengono acettate le opinioni.

J.T. ha detto...

Scusa Klara,
guardando quello che ha scritto l'anonimo direi che:
1. è un uomo dell'est;
2. Ha molti sentimenti positivi;
3. li esprime male, nel modo sbagliato e si, con un pò di rancore;

Vedo decise e sicure le donne dell'est, molto più degli italiani latin lover che frequentano quei paesi:-)

Chiedo scusa se ho commentato in modo provocatorio, ma escono così, ripensandoci vorrei solo dire che, purtroppo,dove esiste un offerta, arrivano i compratori.

Chi non è mai stato fregato nella propria vita?

Anonimo ha detto...

Le tue considerazioni etniche sono insensate niente sotto un profilo etnico unisce bucarest con mosca niente unisce quelle capitali dell'est che hai citato.L'est costituisce un'unica entita' solo in virtu' del comune passato comunista.

Boy

Misura la forza della tua Password

Oggi mi sento un po' cosi'...

Oggi mi sento un po' cosi'...

Tokaj-Hegyaljai Borvidék

Áldott tokaji bor, be jó vagy s jó valál, Hogy tsak szagodtól is elszalad a halál; Mert sok beteg téged mihely kezdett inni, Meggyógyult, noha már ki akarták vinni. Istenek itala, halhatatlan Nectár, Az holott te termesz, áldott a határ! (Szemere Miklós)

A Budapesttől mintegy 200 km-re északkeletre, a szlovák és az ukrán határ közelében található Tokaj-Hegyaljai Borvidék a Kárpátokból déli irányban kinyúló vulkanikus hegylánc legdélebbi pontján fekszik. A vidéket és fő községeit könnyen elérhetjük akár autóval (az M3 autópályán és a 3-as úton Miskolcig, onnan a 37-es úton), akár vonattal (több közvetlen vonat indul Budapestről és Miskolcról)

Web Statistics