martedì 21 giugno 2011

9
comments
Le vacanze, la crisi, il treno e la “decrescita obbligata”

E’ bello parlare di vacanze. Oggi inizia l'estate. Il periodo vacanziero e’ alle porte. La gente gia' si prepara e sono imminenti le partenze per raggiungere i luoghi dove molti trascorreranno una bella e meritata vacanza. Piacerebbe anche a me, ma per la prima volta, quest’anno, mi ritrovo costretta a rinunciarvi, perfettamente in stile con quella che io chiamo “decrescita obbligata”.

Finora la decrescita e’ stata per me una scelta personale, cosi’ come credo sia per molte persone, come ad esempio rinunciare a vestiti od oggetti di griffe per quelli che si trovano sui banchetti dei mercatini a minor prezzo, oppure evitare i ristoranti per qualche pizza in piu’. Pero’, nel momento in cui la decrescita diventa un obbligo, significa che s’inizia a collidere con quell’ineluttabile fase discendente che in piu’ di un’occasione, come una Cassandra, ho preannunciato.

Il piu’ grande nano degli ultimi 150 anni direbbe che la sfiga, se la si evoca con il pessimismo alla fine ce la tiriamo addosso, ma essendo tzigana so bene che la fortuna e la sfortuna non si fanno influenzare tanto dalle analisi economiche che sempre fotografano una realta’, quanto dipendono dalle politiche scellerate messe in atto da personaggi che, invece che nei parlamenti dovrebbero stare in galera.

Prima che pero’ arrivi qualcuno ad accusarmi di drammatizzare troppo la situazione oppure, dall’altra parte, a reclamare che c’e’ gia’ chi da un pezzo decresce non arrivando alla fine del mese, e’ giusto che precisi una cosa: c’e’ differenza tra “decrescita obbligata” ed “avere pochi soldi”. “Decrescita obbligata”, infatti, significa abbandonare non solo cio’ che e’ indispensabile, ma anche cio’ che e’ privo di alternativa. Non significa dunque dover lasciare l’automobile, ad esempio, per i mezzi pubblici o la bicicletta. Significa rinunciare senza avere un’altra soluzione disponibile. Quindi andare a piedi.

E credo che, se nel futuro le cose non cambieranno, mi trovero’ sempre piu’ spesso a fare di queste scelte.

Chi legge il mio blog sa che adoro viaggiare in treno. Un mezzo che ho sempre preferito rispetto all’auto oppure all’aereo. E’ col treno che, almeno due volte l’anno, mi reco in Italia a far visita a mio padre, ed ogni volta ho da ridire contro i prezzi sempre piu’ alti del biglietto. Da quest’anno, pero’, sono costretta ad una scelta drastica: non posso piu’ permettermi questo viaggio due volte l’anno ed anche per le vacanze estive, che normalmente univo ad uno di questi viaggi, dovro’ rinunciare.


Il prezzo del biglietto ferroviario, andata e ritorno, costa ormai uno sproposito, almeno per quelli che sono i miei criteri. Soltanto per il tratto italiano, cioe’ dal confine alla citta' dove vive mio padre, in seconda classe ci vogliono piu’ di 200 euro, ai quali se ne devono poi aggiungere altrettanti per il tratto da Tokaj all’Italia. Qualcosa d’improponibile se si tiene conto che in Ungheria la paga lorda per chi lavora in fabbrica corrisponde a circa 10.000 euro l’anno.

Non sono un’operaia, faccio la contadina, ma in ogni caso anche se fossi un’impiegata in banca, un’insegnante o una commerciante, avrei lo stesso problema: non posso piu’ permettermelo. Soprattutto non me la sento. Non e’ avarizia. E’ una questione di coscienza. Non e’ infatti solo il non potermelo permettere, e’ proprio che mi viene male se penso cosa significa una cifra simile per molta gente nel mio paese: un vero lusso.

Quindi, in questa mia “decrescita obbligata”, ho inserito anche i viaggi in treno. In treno, capite? Quello che ci fanno vedere in tanti film che i nostri nonni usavano caricando insieme bambini e galline. Il mezzo che nel secolo scorso ha consentito alla gente povera di muoversi e che dava a tutti la liberta’.

Oggi anche il treno e’ diventato un lusso che neanche la classe media puo’ piu’ permettersi. Certo, qualcuno obiettera’ che esistono i voli low cost, aerei che possono sostituire il treno e che con 50-60 euro si puo’ da Budapest e arrivare a Milano con poca spesa. Ma a parte che trovare i biglietti a basso costo e’ davvero un’impresa difficile (finora il minimo che mi e’ capitato di pagare, incluse le tasse ed il sovrappiu’ per il peso del bagaglio, e’ stato 150 euro), si deve considerare che al costo dell'aereo va comunque aggiunto il prezzo del biglietto ferroviario da Tokaj a Budapest e poi quello da Milano fino alla citta’ dove vive mio padre. E se si fanno bene i conti, alla fine il risparmio e’ davvero minimo.

Probabilmente, ed ora lo comprendo, quello che mi concedevo prima, cioe’ viaggiare in Italia due volte l’anno e farmi una vacanza estiva lontana da casa era un lusso. Non potro’ piu’. E’ la “decrescita obbligata” e dovro’ percio’ accontentarmi di vedere mio padre una sola volta l’anno. E’ doloroso. Qualcuno ha fatto in modo che fosse cosi’, qualcuno ha lasciato che tutto cio’ accadesse, e c'e' chi cerca anche di convincerci che abbiamo bisogno di questi treni supercostosi per “sostituire le automobili”. Pero', quando si riferiscono alle automobili, pensano forse alle Ferrari?

Una soluzione per non rinunciare alle mie abitudini potrebbe essere quella di adottare di nuovo un vecchio metodo. Quello che chiamavo della “marchetta vacanziera”. Consisteva nel mettermi d’accordo con un cliente, un single, un separato o comunque qualcuno che non avesse impegni familiari, per passare con lui la vacanza facendogli da “fidanzata” in cambio di una cifra bassissima purche’ mi portasse in qualche bel posto.


Oggi, anche se non sono piu’ cosi’ giovane e carina come una volta, potrei affidarmi allo stesso sistema, magari senza pretendere soldi, accontentandomi solo della vacanza pagata. Nonostante siano passati molti anni da quando lo facevo per mestiere, credo di essere ancora appetibile (molti me lo confermano) e magari qualcuno potrebbe aver bisogno di una guida, un’assistente, un’interprete per essere accompagnato (o accompagnata dato che per me uomini o donne non fa alcuna differenza) in un paese dell’est Europa: Ungheria, Repubblica Ceca, Slovacchia, Romania, Bulgaria, Ucraina, Russia. Conosco un po’ le lingue, conosco le citta’, gli alberghi, i ristoranti. So muovermi, destreggiarmi nelle situazioni, conosco la cultura, la storia, l’arte, la letteratura e molto altro. Insomma, potrei propormi per un servizio davvero completo in tutta rilassatezza e, come dicevo una volta, senza stare a guardare l’orologio. Anzi, in questo caso il calendario.

Unica condizione e’ che si possa viaggiare in treno o tuttalpiu’ in battello fluviale che’, come ho detto piu’ volte, in aereo non mi diverto e l’auto nei lunghi tragitti mi fa stare male. L’aereo, se mai, potrei prenderlo solo se si trattasse di un viaggio in qualche luogo lontano, esotico, tropicale, dove fra l’altro, oltre a tutto il resto, potrei essere anche un’ottima compagna nelle immersioni subacquee.

E’ questo l’unico modo che mi permetterebbe di poter far le vacanze quest’anno. Altrimenti, com’e’ facile capitera’, l’estate la passero’ tranquillamente qui, a casa mia, che' in fondo, se ci penso, non si sta poi cosi’ male.

9 commenti :

Inneres Auge ha detto...

Anche a me piace viaggiare in treno eppure non ho la possibilità di farlo da quasi 8 anni. Tuttavia vorrei appena posso perchè il treno ha qualcosa di speciale (saranno i film?)

rossoallosso ha detto...

Questo post è bellissimo ;-)

J.T. ha detto...

Questo post fa pensare e riflettere.
Grazie Klara

carlos ha detto...

Anche le vacanze sono diventate elitarie ormai. Gran bel problema per un paese come il nostro che dovrebbe vivere di turismo, con la vocazione di essere giardino, spiaggia, museo d'Europa. E invece si regredisce, anche in questo caso per insipienza, avidità, corruzione.

Chiara di Notte - Klára ha detto...

@ Carlos: Anche le vacanze sono diventate elitarie ormai.

Proprio cosi'. L'Italia dovrebbe basare il proprio PIL sul turismo (nessuno al mondo ha il patrimonio culturale, pesaggistico e gastronomico che avete voi) e quindi rendersi accessibile il piu' possibile. Invece fa andare tutto in malora.
L'Italia potrebbe essere in un paradiso in mezzo al mediterraneo, ma ne stanno facendo un deserto.
E' colpa delle politiche sbagliate.
Se in Ungheria, dove siamo riusciti a trasformare una pozzanghera come il Balaton in un luogo di vacanza, avessimo tutto quello che avete voi saremmo ricchissimi.
E' proprio vero: chi ha pane non ha denti e questo mi rende a volte rabbiosa nei confronti di chi getta al vento le proprie fortune.

Chiara di Notte - Klára ha detto...

Non c'entra nulla col discorso, ma ho notato che da quando ho pubblicato questo post ci sono persone che cliccano sul pulsante KontactMe, come se volessero scrivermi, ma poi recedono... Ci ripensano.
Mi chiedo il perche' di questo gesto. Penso sia dovuto a timidezza. Magari vogliono dirmi qualcosa, chiedermi qualcosa, propormi qualcosa, chissa'...
:-)

rossoallosso ha detto...

@Chiara
"Mi chiedo il perche' di questo gesto. Penso sia dovuto a timidezza. Magari vogliono dirmi qualcosa, chiedermi qualcosa, propormi qualcosa, chissa'.."

forse si ricordano all'ultimo istante di controllare il portafogli ;-)

Bibi ha detto...

Colpevolmente assente da molto tempo (ma ho un'attenuante..sono incasinato e parecchio) torno su questo bel post che mi trova decisamente d'accordo.
La decrescita è a mio modesto parere, una realtà con cui bisogna fare i conti a meno che intervengano fattori nuovi tali da fare un salto su una curva di sviluppo diversa ma al momento..di epocali svolte non ne vedo. Sulla decrescita leggersi quanto scrive Latouche oppure visitare il sito http://www.decrescita.it/.
Tornando al tuo post è invece scoraggiante vedere che oggi impera ancora (a livello istituzionale) il sano ottimismo di una volta: tutto va bene e tutto andrà bene per sempre.
a.y.s. Bibi

giuseppe perani ha detto...

La decrescita obbligata è diventata la normalità e non più una eccezione per riordinare i conti.
La macchina resta in garage e al lavoro vado in bicicletta, fortunatamente abito vicino e ormai viaggia tutto telematico.
I miei piccoli vizi sono stati i primi a sparire e grazie ad un pò di attenzione, per il momento, non ho fatto rinunciare troppo ai miei figli, ai quali comunque non ho mai concesso più di tanto.
Coloro che mi spaventano sono quelli che non si sono resi conto dell'esigenza di una decrescita...
Conosco per motivi più per lavoro che altro, troppe persone che fino all'ultimo hanno testardamente preteso di non rinunciare per mantenere quel tenore di vita che apertamente gli consigliavo di cambiare.
Non l'hanno fatto e adesso annegano nei debiti.
Non sono un'economista da operetta, che scrive libri di economia, finge di insegnare alla Bocconi e a tempo perso gioca al Presidente del Consiglio.
Mi limito a parlare del caso Italia, conosco la situazione delle imprese e delle famiglie degli operai.
La vedo ancora dura perché nell'esasperato tentativo di fare cassetta e salvare la finanza bancaria hanno devastato l'economia reale, si è scelto di rastrellare oggi compromettendo una ripresa futura.
I latini dicevano che la pecora va tosata non scarnificata.
Spero che la situazione, almeno in Ungheria, sia migliorata o quanto meno abbiate prospettive migliori.
Difficile qui fare gli ottimisti, ma è necessario provarci, di sicuro da questi sacrifici trarremo un pò più di moralità... cosa che ben sai in Italia non abbonda.

Ho visto le temperature, qui fa freddo ma non come a Tokaj!

Mi raccomando non scoprirti troppo.


ciao Klára

Giuseppe

Misura la forza della tua Password

Oggi mi sento un po' cosi'...

Oggi mi sento un po' cosi'...

Tokaj-Hegyaljai Borvidék

Áldott tokaji bor, be jó vagy s jó valál, Hogy tsak szagodtól is elszalad a halál; Mert sok beteg téged mihely kezdett inni, Meggyógyult, noha már ki akarták vinni. Istenek itala, halhatatlan Nectár, Az holott te termesz, áldott a határ! (Szemere Miklós)

A Budapesttől mintegy 200 km-re északkeletre, a szlovák és az ukrán határ közelében található Tokaj-Hegyaljai Borvidék a Kárpátokból déli irányban kinyúló vulkanikus hegylánc legdélebbi pontján fekszik. A vidéket és fő községeit könnyen elérhetjük akár autóval (az M3 autópályán és a 3-as úton Miskolcig, onnan a 37-es úton), akár vonattal (több közvetlen vonat indul Budapestről és Miskolcról)

Web Statistics