martedì 31 maggio 2011

35
comments
Come Internet sta modificando il comportamento sessuale

Ho letto in una recentissima inchiesta, che in Italia si fa sempre meno l'amore. Cioe’, per dirla in modo piu’ diretto: gli italiani trombano poco, nettamente al di sotto della media mondiale. Tanto per cominciare, quando fanno sondaggi di questo tipo, non posso fare a meno di pensare a quegli intervistatori che chiedono alle persone: "Ma lei tromba? Si'? E quante volte? E ogni quanto?" e non capisco perche', invece di mandar affanculo chi fa loro certe domande, chi e’ intervistato sia ben contento di raccontare i fatti propri.

Al di la’ del dato statistico sulla frequenza trombatoria degli italiani, dunque, la prima cosa che mi viene da dire, e’ che pare che alla gente piaccia essere “protagonista”, persino a costo di far conoscere a tutti il proprio privato. In televisione, si assiste spesso, infatti, ad un tale sciorinare di confessioni dettagliate, a un continuo mettere in piazza fatti strettamente personali e ad un incessante bombardamento di domande del tipo "Ma tu come lo fai?" (inteso: “Come trombi?”); oppure "E tu quante ne fai?" o perfino "Ma tu, quanto resisti prima di godere?" e altre domande del genere, che ormai non ci si stupisce piu' di niente. A tal proposito, ricordo di essermi sbellicata dal ridere quando alcuni anni fa, in uno di questi programmi, ho sentito un dialogo assurdo tra la conduttrice e uno spettatore:
"Sua moglie quando viene grida?"
"No, ha le chiavi di casa".

E non mi meraviglio nemmeno del risultato dell'inchiesta in questione, dato che credo di sapere perfettamente perche' oggi le persone scopano di meno, e non soltanto per colpa del lavoro e per stress come dice quest’altro articolo. Ci ho pensato sopra e ho capito che il motivo principale e’ soprattutto uno: Internet.

In effetti (e questo lo dice un'altra inchiesta), le abitudini negli ultimi trent’anni si sono completamente modificate. A causa di Internet c'e' stata un'evoluzione nel modo di comunicare ed un diverso modo di trascorrere il tempo libero. Nel 1980, infatti, Internet era del tutto sconosciuto ed anche nel 1990 veniva poco utilizzato. E’ solo dal 2000 in poi che, almeno in Italia, ha iniziato a prendere campo in modo esponenziale. Oggi c’e’ chi trascorre quasi tutto il suo tempo libero navigando in rete. C’e’ addirittura chi, nel web, si e’ costruito una vera e propria seconda vita che considera reale e che vive come fosse la sua unica esistenza. Si tratta ovviamente di casi patologici, estremi, che necessitano di cure psichiatriche e che cito solo per dovere di cronaca, ma se anche restiamo nell’ambito della “normalita’”, si deve considerare che la perdita di “vita reale” a causa di Internet e’ ormai acclarata, ed e’ diventato un fatto quasi normale che la gente, oggi, accetti di avere molto meno tempo da dedicare ai piaceri cosiddetti “naturali”.

Oltre al tempo trascorso in Internet, c’e’ quello necessario per il sonno, per lavoro, per i passatempi come cinema, teatro, televisione, sport, per mangiare e altri bisogni fisiologici. E’ dunque comprensibile che resti davvero difficile trovare un momento libero per farsi una sana trombata, di quelle col respiro in affanno che sfociano in un’esplosione di fluidi spruzzati da tutte le parti e si concludono con quel dolce rilassamento post orgasmico dove lui e lei restano per un tempo indefinito, l'una nelle braccia dell'altro, a guardare i giochi d’ombra sul soffitto.

Dall’inchiesta sembra che scene come quella descritta stiano ormai scomparendo, e cio’ avviene proprio perche’ manca il tempo. Questo non deve meravigliare. E’ gia’ accaduto. Il bisogno crescente di portare via tempo alle attivita’ “naturali” per esigenze di produttivita’, ha gia’ trasformato, ad esempio, le abitudini alimentari introducendo il fast-food, il take-away ed altre forme di comportamento in cui il cibo, inteso come piacere, e’ progressivamente scomparso. Non c’e’ quindi da sorprendersi se questo incessante processo di “robotizzazione” un giorno eliminera’ quasi del tutto la possibilita' (e forse anche la voglia) di farsi una magnifica trombata. Naturalmente, fornendo dei surrogati con cui sostituirla, come tanti ce ne sono ormai a disposizione. Situazioni altrettanto capaci di provocare orgasmi, ma che lasciano in bocca lo stesso sapore che puo’ lasciare un Big Mac rispetto ad una succulenta bistecca cotta sulle braci.

Dove trovare dunque il tempo per scopare? Un suggerimento potrebbe essere quello di sfruttare i tempi morti, come ad esempio il lungo e noioso percorso per recarsi al lavoro. Farlo cioe’ in auto o in autobus, in metro’, in treno. Anche se, a pensarci bene, e' una cosa davvero improponibile per vari motivi di pubblica decenza che non ho bisogno di spiegare, e che solo una pazza come la sottoscritta potrebbe avere l’idea di attuare. Oppure potrebbe essere usato il tempo che di solito si dedica al cibo, facendo a meno della colazione, del pranzo e della cena, ma anche questo non e' consigliabile perche', probabilmente, si potrebbe sopravvivere senza sesso, ma posso affermare senza possibilita' di smentita che se non si mangia si muore. L’alternativa potrebbe essere farlo mentre si e’ al PC, ma la posizione (fidatevi) e’ scomoda. Avete mai provato a fare un 69 digitando sulla tastiera e muovendo il mouse?

Verrebbe da dire: molliamo tutto; via i computer, i telefonini, i blackberry, le playstation, e tutto cio’ che da oltre vent’anni sta togliendo fette sempre piu’ ampie di realta’ sostituendola con fredda virtualita’, e torniamo a riappropriarci dei piaceri che la vita offre buttando da una parte la tecnologia usata non per facilitare l’esistenza, ma come un “vizio”, come una droga che da’ dipendenza al pari della nicotina.

Forse, se non c’e’ piu' questa voglia di fare l'amore e’ perche' si dedica sempre meno tempo e sempre meno attenzioni a quello che nella vita davvero dovrebbe contare, e si antepongono tante cose artificiali a quello che la Natura ci ha donato per poter essere felici, talvolta degradando non solo l’atto fisico ad uno simulato, ma anche quelli che una volta venivano chiamati sentimenti e che oggi sempre piu’ assumono la forma di fredde parole scritte su una tastiera di un pc o di un telefonino.

35 commenti :

Tra cenere e terra ha detto...

Già...al posto di scrivere il post e la risposta, avremmo potuto impiegare meglio il nostro tempo...;) Pensaci Chiara, pensaci ;)

Duval ha detto...

...una sana trombata, di quelle col respiro in affanno che sfociano in un’esplosione di fluidi spruzzati da tutte le parti e si concludono con quel dolce rilassamento post orgasmico dove lui e lei restano per un tempo indefinito, l'una nelle braccia dell'altro, a guardare i giochi d’ombra sul soffitto.

Ecco perché si tromba di meno.

Col respiro in affanno ... poi magari viene un attacco di panico.

Fluidi spruzzati da tutte le parti ... e dopo bisogna pulire.

Dove lui e lei restano per un tempo indefinito, l'una nelle braccia dell'altro ... magari sudati, poi viene sete, e c'è il Milan alla TV.

Siamo sicuri che il trombo virtuale sia così male?

In ogni caso ormai qui è un'orgia di sesso sfrenato, ogni scusa è buona: i cetrioli, Pisapia, il vibratore, il gelato ... eccheccazzo!

Chiara di Notte - Klára ha detto...

@ Tra cenere e terra: al posto di scrivere il post e la risposta, avremmo potuto impiegare meglio il nostro tempo

Non so te, ma io ieri notte il mio tempo l'ho impiegato benissimo.
Si puo' fare questo e quello. La vita qui scorre assai piu' lentamente ed a volte ci manca proprio qualcosa con cui riempirla. :-)


@ Duval: In ogni caso ormai qui è un'orgia di sesso sfrenato, ogni scusa è buona: i cetrioli, Pisapia, il vibratore, il gelato

Melius abundare quam deficere. :-)

Xtc ha detto...

Io penso che il problema stia in una incompatibilità di fondo tra le concezioni del rapporto causa-effetto. Mi spiego: per la donna il sesso serve a cercare coccole, per l'uomo le coccole servono a cercare sesso. La causa femminile diventa l'effetto maschile. Un chiasmo insanabile che diventa palpabile con il crescere della emancipazione femminile. Prima la questione non si poneva. Certamente internet favorisce l'emancipazione femminile.

rossoallosso ha detto...

secondo me sono sondaggi del cazzo ;-)
forse qualcosa di vero sicuramente c'è,non è di molto tempo fa la notizia di un divorzio perchè lui non trombava la moglie ma si faceva pugnette al computer,poi non è detto che sia internet l'unica causa,può essere anche il fumo,se eviti di fare l'amore non ti viene voglia di accenderti la sigaretta ;-)
e a proposito di sesso e computer io avevo già predisposto gli stracci sotto al monitor in previsione del tuo orgasmo

Chiara di Notte - Klára ha detto...

@ Xtc: per la donna il sesso serve a cercare coccole, per l'uomo le coccole servono a cercare sesso

...E vai a spiegarglielo...


@ Rosso: io avevo già predisposto gli stracci sotto al monitor in previsione del tuo orgasmo

Cioe', fammi capire... l'orgasmo lo provo io e metti gli stracci sotto al TUO computer? :-)

Lust ha detto...

Una volta era la tv e ora internet.
Ho conosciuto (online) una ragazza che stufa di perdere tempo su internet e chat varie, ogni tanto si prostituisce. Dice che fa prima, non perde tempo e soprattutto niente legàmi. Anzi si lamenta e stupisce del fatto che "gratis" non trova niente: solo perditempo chiacchieroni. Quando le gira mette un annuncio copiato da altre ragazze accende il telefono comperato apposta e aspetta, poi lo rispegne fino alla prossima trombata.

Chiara di Notte - Klára ha detto...

@ Lust: Anzi si lamenta e stupisce del fatto che "gratis" non trova niente: solo perditempo chiacchieroni.

Questo e' un buon spunto. Grazie. In effetti e' proprio cosi'. Pare quasi che una donna che si da' gratis alla fine venga considerata meno.
Ricordo la mia esperienza: molte volte, quando incontravo qualcuno extralavoro, mi portava in ristorantini di livello medio. Se invece incontravo un cliente tramite annuncio, riservava uno dei migliori ristoranti della citta'.
Ci sarebbe quasi da farne un post. :-)

Xtc ha detto...

In effetti lo spunto di Lust ha fatto rizzare le orecchie anche a me.
Penso che lo sfrutterò anche io :-)

rossoallosso ha detto...

dico una battuta che mi attirerà l'ira delle streghe.
dietro la parola gratis spesso si cela la fregatura, o è merce scaduta oppure di pessima qualità

Xtc ha detto...

rossoallosso,
l'aria che respiri è una fregatura.
E' merce scaduta oppure è di pessima qualità.
Propendo per la seconda.

Xtc ha detto...

rossoallosso,
prevenendo facili obiezioni, faccio presente che l'uso dell'aria come controesempio, non è per nulla iperbolico. E' già successo per l'acqua, tanto per dirne una.
Anche per questo è importante andare a votare i referendum, e mettere 4 si.

Klára,
scusami se approfitto di ogni possibile occasione per fare propaganda :-)
Ieri sera sono andata a trovare una vecchina all'ospizio e ho tenuto un comizio. Sono certa di avere conquistato almeno una mezza dozzina di aderenze :-))

carlos ha detto...

In questo senso ciò che prima era la televisione, lo è ora il pc, con internet. Lo scarto generazionale è evidente: famiglie con genitori che ingurgitano dosi massicce di amici della De Filippi, grandi fratelli, isole dei famosi, porte a porta... e con figli, pure grandicelli, che passano tutto il tempo "libero", in maniera altrettanto inutile, in rete. La colpa non è naturalmente del mezzo, ne della tv, ne del pc, ma piuttosto della maniera, spesso morbosa, con cui li si utilizza. Entrambi posso provocare dipendenza.
E' come tu dici: il mondo è tutto attorno a noi, e vale la pena viverlo, se si può, in maniera piena. Con la sua sofferenza e pure la noia, ma anche con la sua bellezza, la sua gioia. Rinchiudersi perennemente in una stanza davanti a un video, e poi magari "vivere" un'esistenza parallela e virtuale, credo che spesso nasconda l'incapacità, la paura o il rifiuto a partecipare alla vita "vera".

Mi viene in mente che tu possa aver scritto questo post vedendo in questi giorni la rinnovata partecipazione popolare, nelle piazze, alla vita politica. Qualcosa di ancor più rivoluzionario si era visto nelle piazze di Tunisia, Egitto, Libia, Spagna ecc. Molta della gente scesa in piazza era lì richiamata anche dal tam tam su internet, sui social network. Non è da demonizzare il mezzo, quindi, ma semmai il cattivo utilizzo che ne fanno le singole persone. E non ne farei un discorso di nazionalità. Le statistiche, mah... molto spesso sono antitetiche a seconda di chi le fa e di come le si fa. Del resto tu evidenzi anche questo. Mi viene da pensare che spesso chi le commissiona abbia già in mente quale sarà il risultato.

I commenti al post sono divertenti assai, pure se sfociano, come di consuetudine, nella conflittualità tra maschietti e femminucce, e nella sacra dicotomia tra sesso mercenario e non. Mi chiedo come mai. :)

Io posso immaginare perché Rossoallosso metta gli stracci sotto il suo di computer. Eheheh... Certo siete un po' esagerati con tutti sti spruzzamenti di fluidi: sarà che il desiderio brucia e non c'è maniera migliore di estinguerlo. :)

Lust ha detto...

@rossoalloso

Probabile, ma su un altro blog che ora non c'è più (forse non fa neanche più la escort), ho trovato una escort BBW che scriveva che a pagamento trovava un sacco di clienti, ma quando usciva la sera, essendo tracagnotta non beccava niente...
Alla fine l'attività era diventata terapeutica per lei perché vedendo che gli uomini la pagavano per averla accresceva la sua autostima.

Quindi in conclusione le donne non dovrebbero fare sesso solo facendosi pagare? E' questo che intendete? @.@ fantastico

Kameo ha detto...

@Lust: "(...)a pagamento trovava un sacco di clienti, ma quando usciva la sera, essendo tracagnotta non beccava niente..."

Vorrebbe dire che, per chi non è fisicamente avvenente, l'escortismo rimane un mezzo per raggiungere anche l'appagamento sessuale?
Unire l'utile al dilettevole :-)

Nicole ha detto...

Non credo sia stato Internet a dividere, credo sia cominciato molto tempo prima. Una volta non c'erano ambizioni sfrenate e gli stili di vita a parte qualche dinastia fortunata erano di più basso profilo. Si scopava molto di di più. Infatti nascevano anche più figli. Cambiando la società,sono cambiati anche gli stili di vita e se da una parte si vive meglio, dall'altra è andata molto peggio. L'incomunicabilità tra le coppie ha fatto si che ognuno poi cercasse surrogati o panacee varie ed eventuali. Andrà sempre peggio se per questo a meno che, qualche meteorite o catastrofe naturale non riscriva di nuovo la storia.

Chiara di Notte - Klára ha detto...

@ Rosso: dietro la parola gratis spesso si cela la fregatura, o è merce scaduta oppure di pessima qualità

Sinceramente non credo sia cosi'. O almeno non lo e' per molte cose. Ne dico una banalissima e scontata: i sentimenti. E non lo e' neppure per quanto riguarda manifestazioni umane che non afferiscono alla "commercializzazione" di un prodotto. Ad esempio questo blog e' per chi lo legge "gratis". Non voglio credere che sia di pessima qualita'.
Il sesso anche puo' essere gratis o a pagamento, oppure costare poco o tanto, ma anche in questo caso non e' detto che il secondo sia piu' di alta qualita'.
Cio' che invece rilevo e' che moltissima gente lo crede e gli esempi di Xtc, di Lust e miei lo dimostrano (l'episodio della escort BBW e' significativo).
E se le cose stanno cosi', perche' non approfittarne?
Se una persona sa cucinare bene, puo' preparare un pranzetto succulento e gratis per gli amici, ma per gli estranei perche' non aprire un ristorante?
Ed una volta che ha aperto il ristorante, non puo' mica diventare amica di tutti, non credi? :-)


@ Xtc: scusami se approfitto di ogni possibile occasione per fare propaganda

Fai pure. Sono contenta che in Italia abbiano acconsentito anche allo svolgimento del referendum sul nucleare e, come vedi, anche in questo blog trovi un annuncio perche' la gente vada a votare.


@ Carlos: In questo senso ciò che prima era la televisione, lo è ora il pc, con internet.

Non sono del tutto d'accordo nell'equiparare Internet alla tv. Il primo viene vissuto "singolarmente". Ogni persona e' sola davanti allo schermo ed interagisce singolarmente. La tv era ed e' a suo modo qualcosa di piu' socializzante. Quante volte avviene di guardarla insieme ad altre persone e quante volte e' accaduto (almeno a me e' accaduto) che col partner si smettesse di guardare un programma e ci si dedicasse ad altro utilizzando lo stesso divano su cui stavamo seduti?
No. Sono convinta che Internet spinge l'essere umano ancor piu' dentro la propria solitudine, intesa come isolamento dal resto della realta' circostante. Pur mettendolo in collegamento con l'intero mondo, la persona, come ho detto, e' sola davanti al pc perche' la gente intorno non puo' partecipare a cio che' fa a meno che non si colleghi, anch'essa, in rete.
Va bene per le rivoluzioni, forse, ma per i rapporti interpersonali, nella propria famiglia, e contutto cio' che ci circonda "da vicino", e' uno strumento che puo' portare all'isolamento se non gestito con un minimo di equilibrio.

Certo siete un po' esagerati con tutti sti spruzzamenti di fluidi

Piccola nota: perche' dici cosi'? Voi uomini non spruzzate, forse? E magari c'e' anche qualche donna che lo fa.
L'immagine e' senz'altro esagerata, ma rispecchia un modo "frizzante" di farsi una bella scopata.

Chiara di Notte - Klára ha detto...

@ Lust: Alla fine l'attività era diventata terapeutica per lei perché vedendo che gli uomini la pagavano per averla accresceva la sua autostima.

Sai che e' la stessa cosa che accade (o che e' accaduta) a moltissime escort?
Non che si tratti di casi come quelli della escort BBW, ma anche laddove non esistono problemi di natura estetica, ci possono essere caratteri introversi, persone insicure, e tutta una serie di cose che, con l'esercizio della prostituzione, possono essere compensati a livello psicologico.
Se ti dicessi che anch'io, prima d'iniziare, credevo di non piacere, ci credi?
Pero' esiste anche il contrappasso: a forza di esercitare e a forza di vedere quanta gente e' disposta a pagare, si rischia anche di gasarsi troppo, di credersi delle dive meravigliose, di camminare sospese a mezzo metro da terra, e di perdere il senso della realta'.


@ Kameo: Vorrebbe dire che, per chi non è fisicamente avvenente, l'escortismo rimane un mezzo per raggiungere anche l'appagamento sessuale?

Si'. Decisamente. Ho conosciuto moltissime ragazze e donne anche in eta' avanzata che con l'escortismo hanno risolto un triplice problema: il non sentirsi desiderate, la soddisfazione sessuale e l'aspetto economico.
Quando mi chiedevano perche' lo facessi, la mia risposta era: "Mi piacciono i soldi e mi piace scopare". Pensi che ci sia qualcuno che possa controbattere a questa affermazione?


@ Nicole: L'incomunicabilità tra le coppie ha fatto si che ognuno poi cercasse surrogati o panacee varie ed eventuali.

Ciao Nicole. Non e' che staremo a fare il discorso dell'uovo e della gallina?

rossoallosso ha detto...

@tutte
l'avevo predetto che avrei sollevato un vespaio e che mi aspettavo contumelie, a dire il vero pensavo peggio ma siete troppo carine ;-) percui XTC non ho nulla da obiettare in proposito.
riguardo alla facile e idiota battuta che ho scritto credo esista un fondo di verità ma che non riguarda l'aspetto fisico,credo piuttosto sia una condizione mentale che alcuni uomini,sottolineo alcuni perché non dovrebbe essere generalizzata la cosa,preferiscono pagare per non avere complicazioni sentimentali o altri legami di sorta e sfruttano questa possibiltà per avere un rapporto oltre che sessuale anche affettivo temporaneo con persona sconosciuta dove sfogare le propie ansie e/o frustazioni e una volta pagato si mondano dai sensi di colpa.
è un chiaro comportamento misogino che io non condivido e che sia beninteso non ho mai praticato.
Sicuramente una maggiore emancipazione femminile ha ampliato verso un maggior numero di soggetti questo stato di cose,credo.
Scusate se ogni tanto/spesso scrivo minchiate ma niente di preoccupante son così pure nella vita reale,mia moglie ha imparato a riderci su e voi naturalmente non siete obbligate a farlo ;-)

carlos ha detto...

"Sono convinta che Internet spinge l'essere umano ancor piu' dentro la propria solitudine, intesa come isolamento dal resto della realta' circostante."

Ne sono convinto anch'io: molto più della tv. Probabilmente anche perché maggiormente interattivo.

"Piccola nota: perche' dici cosi'? Voi uomini non spruzzate, forse?"

Scerzavo. Ci mancherebbe, anzi, fosse per noi uomini innaffieremmo l'universo intero. No, era bipartizan il mio commento in proposito, alludevo anche agli stracci di Rossoallosso a te dedicati. :))
Quel che conta è la voglia di festeggiare.

"L'immagine e' senz'altro esagerata, ma rispecchia un modo "frizzante" di farsi una bella scopata."

Champagne... E' vero, le più belle sono sempre quelle più "frizzanti", pure per me.

Koala ha detto...

Internet ha la sua importanza perché consente di vedere che lì fuori c'è di meglio. E se sai che fuori c'è qualcosa di meglio perché dovresti accontentarti del mediocre tipo/a che ti ritrovi tra le mani?

Meglio una donna sexy e volitiva o la scialbetta-questo-non-lo-faccio-questo-nemmeno-e-questo-no che si è sposato? Oppure uno di quei maschi testosteronici e virili rispetto alla vescica fantozziana con si condivide il letto?

Una volta una tizia raccontò che aveva messo un annuncio in rete e aveva ricevuto una risposta dall'ex marito che la voleva incontrare.
Lei andò all'incontro solo per prenderlo in giro.
Morale? Spesso la scialbetta e la vescica vivono assieme perché sono fatti l'uno per l'altra e non potrebbero aspirare ad altro.

Ma se il sogno è sempre più bello e se ognuno è convinto che clouney o belen non si sono innamorati di loro solo perché non hanno avuto la fortuna di incontrarli, dove vogliamo andare?

Il blocco sessuale è la normale conseguenza.

davide ha detto...

Chiarissima Chiara,

"Fai pure. Sono contenta che in Italia abbiano acconsentito anche allo svolgimento del referendum sul nucleare e, come vedi, anche in questo blog trovi un annuncio perche' la gente vada a votare."

Grrr...)):_

Ciao Davide

rossoallosso ha detto...

P.S.
manca un pezzo al mio scritto,
volevo concludere dicendo che probabilmente la tv,internet,telefonini,slot machine o altri "passatempi"siano un mezzo che accentuano una predisposizione e non la causa

Chiara di Notte - Klára ha detto...

@ Rosso: alcuni uomini,sottolineo alcuni perché non dovrebbe essere generalizzata la cosa,preferiscono pagare per non avere complicazioni sentimentali o altri legami di sorta

Fantastico.
E' cio' che credo anch'io.
Solo che preferisco essere pagata. :-)
Stai pur certo che a un uomo, quando gli chiedi i soldi, gli passa la voglia di avere relazioni sentimentali. E neppure ti scoccia poi a "mo' di stalker". :-)


@ Koala: Internet ha la sua importanza perché consente di vedere che lì fuori c'è di meglio. E se sai che fuori c'è qualcosa di meglio perché dovresti accontentarti del mediocre tipo/a che ti ritrovi tra le mani?

Interessante il tuo punto di vista e in parte lo posso anche condividere.
Solo mi chiedo: ma ce lo ordina per caso il medico di legarci ad un tipo mediocre?
No, perche' se avevamo bisogno di internet per accorgerci che ci sono le... (come le chiami?)... le vesciche e le scialbette, mi spieghi perche' la Natura ha messo inutilmente un cervello in ogni scatola cranica?
Poteva risparmiare spazio.

rossoallosso ha detto...

non mi pare di dire un'eresia se ci mettiamo pure l'indottrinamento capitalistico prima con la tv ed ora con internet che coinvolge fasce sempre più giovani

http://rossoallosso-lammazzacaff.blogspot.com/2011/06/ecco-come-si-presenta-una-faccia-da.html

Lust ha detto...

@rossoallosso
Questo vespaio io non l'ho visto, anche perché tu hai dichiarato che gli uomini vogliono pagare e gli piace pagare...

@Chiara di Notte
No stalker: hai ragione perché dovendo pagare (non poco), si fanno vedere meno spesso.
Questo mi ricorda un'altra ragazza "normale" che aveva bisogno di sfogarsi e ha scritto che sta insieme da diversi mesi con un ragazzo, spesso dorme da lui, si vedono e fanno sesso quasi tutti i giorni. Una sera lui le ha detto che una ragazza le aveva fatto delle avanches e dopo aver notato l'espressione stranita di lei, lui le ha detto "bè ma noi mica stiamo insieme?". Lei ci è rimasta di sasso, sono mesi che si frequentano e si è chiede, ma allora tutto quel sesso che lo fanno a fare?

Chiara di Notte - Klára ha detto...

@ Lust: Lei ci è rimasta di sasso, sono mesi che si frequentano e si è chiede, ma allora tutto quel sesso che lo fanno a fare?

Lo fanno perche' lei, secondo me, non ha capito un granche' di come funzionano le cose. Oppure non ha saputo scegliersi il tipo giusto. In entrambi i casi e' una questione di ingenuita' e forse anche di stupidita'.
Questi atteggiamenti da "sottomesse" al masculo fallo, derivanti da una cultura patriarcale alla quale le donne si sono asservite, sono ricorrenti ovunque, ma soprattutto laddove esiste ignoranza, poverta' e una mancanza di reale alternativa e di esempi. Avere come esempi altri tipi di comportamento, seppur criticabili e sul primo momento non condivisibili, puo' essere d'aiuto per uscire da una logica stantia, perversa e controproducente per la donna.
Arrabbiarsi non serve, scimmiottare l'uomo non serve, rompere le palle all'inverosimile non serve. Non serve nemmeno manifestare in piazza per la propria dignita' femminile; il giorno dopo, passato il momento d'esaltazione, tutte ritornano alle loro normali occupazioni e ad accettare il loro stato di subordinazione che oggi e' ancor piu' marcato di ieri, nonostante ci sia chi va in giro a dire il contrario.
Ogni aspetto della realta' odierna e' una celebrazione della vita di "coppia" eterosessuale, che e' intesa come unico modo per affrontare l'esistenza senza sentirsi delle nullita'. La societa, la cultura, la religione, i media lottano al fianco della mascolinita' per convincere la donna che una cosiddetta "vita senza l'amore di un uomo" non vale niente. Ma non e' cosi'.
Il rimedio e' uno solo: negarsi. O almeno concedersi solo col contagocce, facendo pagare cara, molto cara, ogni concessione che si fa.
Chissa' se anche tu la pensi come me. Buona giornata. :-)

Kameo ha detto...

"Il rimedio e' uno solo: negarsi. O almeno concedersi solo col contagocce, facendo pagare cara, molto cara, ogni concessione che si fa"

Sarà per questo che "gli italiani trombano poco" e passano il tempo libero davanti al pc? ;-)

davide ha detto...

Cara amica Kameo,

"Sarà per questo che "gli italiani trombano poco" e passano il tempo libero davanti al pc? ;-)"

Davvero bellissima questa. Complimenti!

Ciao Davide

Chiara di Notte - Klára ha detto...

@ Kameo: Sarà per questo che "gli italiani trombano poco" e passano il tempo libero davanti al pc?

Perche'?
Stavano tutti ad attendere me? :-)))

carlos ha detto...

Lust:
"Lei ci è rimasta di sasso, sono mesi che si frequentano e si è chiede, ma allora tutto quel sesso che lo fanno a fare?"

Lo fanno perché lui intende il rapporto con questa ragazza come amicizia + sesso, mentre invece lei vorrebbe "qualcosina" in più: coinvolgimento sentimentale ed esclusività del rapporto. Capita.
Sono cose che succedono anche a ruoli invertiti.
Nel caso specifico penso siano due gli aspetti da valutare: la correttezza e la sensibilità. Lui è stato corretto nel definire il rapporto per come lo intende, ovvero amicizia + sesso. In questi casi lui dovrebbe avere anche la sensibilità di troncare il rapporto se già sa che non si evolverà mai come lei invece spera. Se non lo fa resterà solo col sesso, perché si perderà anche l'amicizia (sempre che realmente gliene importi qualche cosa). E quando resterà solo col ricordo anche di questo, sarà un ricordo un po' amaro, se ha un briciolo di cuore.

UnLupoinToscana ha detto...

Uhm....internet semmai amplifica le occasioni masturbatorie o/e gli incontri da botta e via. Sicuramente rischia di far perdere tempo prezioso dedicato alle seduzioni "live", forse più lunghe quanto ad ottenimento di risultati ma ben più gratificanti ;)

Chiara di Notte - Klára ha detto...

UnLupoinToscana ha detto...
Sicuramente rischia di far perdere tempo prezioso dedicato alle seduzioni "live", forse più lunghe quanto ad ottenimento di risultati ma ben più gratificanti


Ma forse tanta gente non ha queste opportunita'.

UnLupoinToscana ha detto...

Hai ragione. Anche io ho vissuto periodi in cui, dopo una giornata pienissima, arrivavo a fine giornata magari del tutto "carico". Poi lì al pc.... quindi plausibile qualche distrazione "virtuale". Molto dipende credo dai momenti, da chi si incontra al momento nel web.

SoloDinamo ha detto...

Chiara,
intervengo molti mesi dopo...il post è molto interessante e condivisibile. Sicuramente internet è un comodo strumento che però ci fa perdere tantissimo tempo: ormai è un dato di fatto! Sul problema specifico, direi che può essere risolto con un po' di buona volontà e di fantasia. Ritagliandosi gli spazi, come giustamente hai scritto tu con tanta ironia. Insomma io sono del parere che se due vogliono far l'amore, il tempo comunque lo trovano. La notte? E' o non è una buona idea? Basta coricarsi presto (senza stare attaccati ad internet fino a mezzanotte, abitudine ormai diffusissima) per poi svegliarsi per iniziativa di uno o di entrambi ad un orario congruo...quando piace insomma. Ho letto testimonianze di donne sposate con figli che dicono "ormai è solo di notte...". Oppure in vacanza, ma non si può stare sempre in ferie!
C'è poi tutto il settore inesplorato dei siti di incontri che facilitano in modo esponenziale la possibilità di incontri intimi: beh, stavolta non possiamo davvero condannare internet, che il suo giusto scopo l'ha ottenuto!
ciao!
Gianni

Misura la forza della tua Password

Oggi mi sento un po' cosi'...

Oggi mi sento un po' cosi'...

Tokaj-Hegyaljai Borvidék

Áldott tokaji bor, be jó vagy s jó valál, Hogy tsak szagodtól is elszalad a halál; Mert sok beteg téged mihely kezdett inni, Meggyógyult, noha már ki akarták vinni. Istenek itala, halhatatlan Nectár, Az holott te termesz, áldott a határ! (Szemere Miklós)

A Budapesttől mintegy 200 km-re északkeletre, a szlovák és az ukrán határ közelében található Tokaj-Hegyaljai Borvidék a Kárpátokból déli irányban kinyúló vulkanikus hegylánc legdélebbi pontján fekszik. A vidéket és fő községeit könnyen elérhetjük akár autóval (az M3 autópályán és a 3-as úton Miskolcig, onnan a 37-es úton), akár vonattal (több közvetlen vonat indul Budapestről és Miskolcról)

Web Statistics