mercoledì 25 agosto 2010

13
comments
Tutto il mondo e' paese

Pare, dico pare, che il governo del cancelliere tedesco Angela Merkel abbia approvato un disegno di legge - una cosina da nulla che anche in Italia, sempre ai primi posti per quanto riguarda la democrazia e la liberta', si sta facendo - volto a tutelare maggiormente i giornalisti e rafforzare la liberta' di stampa.

Il progetto prevede che i giornalisti non siano piu' passibili di azioni giudiziarie nel caso pubblicassero materiale riservato ottenuto da altri.

Il codice penale tedesco prevede attualmente pene comprese fino a cinque anni di reclusione per violazione di segreti di stato, una sanzione che viene normalmente applicata a coloro che passano le informazioni, ma da adesso in poi i giornalisti che otterranno da terzi informazioni confidenziali riguardanti lo stato o il governo non potranno essere in alcun modo perseguiti.

E' proprio vero. Come dicono in molti: "Tutto il mondo e' paese".


Nella cartina:
  • In verde: paesi con liberta' di stampa di serie A.
  • In giallo: paesi con liberta' di stampa di serie B.
  • In viola: paesi con liberta' di stampa di serie C.

13 commenti :

Gio ha detto...

Troppi credono che 'per la crescità' sia bene un po' di furbizia, un po' di corruzione.

'lasciatelo fare', lui sa come 'produrre, vendere, migliorare le condizioni'.

COL CAZZO.

Nella storia dell'umanità, dall'Egitto antico delle caste sacerdotali alla ricchissima Spagna del diciassettesimo secolo vale un principio: la tutela dei poteri forti, degli interessi di pochi, porta alla ROVINA.

Il regno Egizio si è frammentato, la Spagna è stata massacrata dall'Inghilterra, e gli esempi simili sono numerosissimi.

La GERMANIA locomotiva d'Europa decide di non coprire le malefatte dei potenti: li obbligherà, la stampa, a fare i conti con l'opinione pubblica educata e competente.

Vai super Angela!

Ciao Klarissima :)

Chiara di Notte - Klára ha detto...

Essi' Gio'. Hai ragione, ma purtroppo certa gente per arricchirsi ha bisogno che il popolino sia stupido. Quindi meno cultura e piu' Milan.
Ma se tutto il mondo fosse paese, allora anche in Svezia si dovrebbe assistere ad un simile comportamento, ed invece (guarda caso), in Svezia si da' grande importanza all'istruzione, alla cultura e alla preparazione scientifica. Hanno progettato di uscire dalla crisi economica - verso il 2016-2018, come la superpotenza scientifica europea, e sono pronta a scommettere che ce la faranno. E' per questo che stanno importando "cervelli" da tutto il mondo, offrendo ai giovani capaci borse di studio e supporto per poter vivere e studiare in Svezia senza grossi problemi, e poco fanno caso se questi giovani sono rom, indiani, filippini, arabi oppure cittadini comunitari.
Tutto il mondo e' paese?
Certo, come no?
Forse per chi sta tutto il giorno a blaterare in chat sperando di rimorchiare qualche povero sfigato/a, tutto il mondo e' paese, ma per chi ha altre priorita', chi ha altri progetti, chi le cose deve conoscerle perche' l'informazione fa parte del suo impegno di vita, il mondo non e' tutto paese.
Se lo fosse, in Germania si farebbe come si sta facendo in Italia e cioe' si progetterebbe di prelevare le tasse laddove e' piu' semplice, come hanno sempre fatto, cioe' dai redditi medi e bassi, salvaguardando chi ha invece i miliardi (vedi la legge ad aziendam Mondadori).
Ma non e' cosi', ed ecco cio' che sta accadendo:

http://borsaitaliana.it.reuters.com/article/bondsNews/idITMIE67N0BQ20100824

Ed e' la stessa cosa sta avvenendo anche in Ungheria, dove Viktor Orban, sfidando il sistema delle lobby e delle banche, sta portando avanti una politica finalizzata alla redistribuzione del reddito che in questi anni e' stato succhiato dal grande capitale che lo ha investito in tutto fuorche' nelle attivita' produttive che invece sono essenziali alla ripresa economica.
Su Orban e sulla sua politica, credo che faro' un post nei prossimi giorni, se ne avro' il tempo.

davide ha detto...

Distinta Chiara,

mi consolo perchè pensavo che l'Italia fosse in serie C quanto a libertà di stampa.

Che ci sia un'anomalia in Italia nel mondo dell'informazione (un soggetto che possiede tre televisioni e alcuni giornali) è pacifico. Però per il resto non mi sembra che i giornali e le televisioni italiane subiscano alcuna limitazione. Sia ben chiaro che io sono contrario alla nuova legge che il governo vuole fare in tema di informazione con la scusa di tutelare la riservatezza.

La legge sulla riservatezza c'è già da anni ed è molto severa. Pertanto non serve nessuna legge al riguardo, perchè basta già applicare le leggi esistenti.

Ciao Davide

Chiara di Notte - Klára ha detto...

mi consolo perchè pensavo che l'Italia fosse in serie C quanto a libertà di stampa.


Basta poco per farla arrivare in zona viola. Se la cosiddetta "legge bavaglio" verra' approvata, Gheddafi e Putin potranno vedere anche l'Italia e' al loro stesso livello di liberta'.
Ma e' davvero questo che vogliono gli italiani? Davvero sarebbero disposti a barattare quel poco di liberta' che hanno per salvare il nano dalla galera?
Se e' cosi', allora sai bene, Davide, qual e' l'aggettivo che userei per descriverli.

Gio ha detto...

Vi ricordate il famoso 'contratto con gli italiani' di Silvio?

Se io fossi il leader della sinistra proporrei qualcosa di simile, basato su classifiche di osservazioni oggettive.

Ad esempio: nei prossimi 5 anni, dopo il nostro governo, l'Italia guadagnerà TOT posizioni in quanto a libertà di stampa, diritti civili, qualità dell'aria delle metropoli etc. etc..

No, qui si vincono le elezioni 'togliendo l'ICI'.

Dobbiamo pensare ad altre priorità, e vedrete che con più senso civico, le tasse diminuiranno e cresceranno i servizi.

Ciao diligente Klara :-)

davide ha detto...

Distinta Chiara,

"Basta poco per farla arrivare in zona viola. Se la cosiddetta "legge bavaglio" verra' approvata, Gheddafi e Putin potranno vedere anche l'Italia e' al loro stesso livello di liberta'.
Ma e' davvero questo che vogliono gli italiani? Davvero sarebbero disposti a barattare quel poco di liberta' che hanno per salvare il nano dalla galera?
Se e' cosi', allora sai bene, Davide, qual e' l'aggettivo che userei per descriverli."

Aveva poche probabilità di venir approvata quella legge quando Berlusconi aveva una forte maggioranza in Parlamento. Ora che non ha più una maggioranza quella legge non verrà più approvata o ne verrà approvata una del tutto diversa.

Ciao Davide

J.T. ha detto...

Cara Chiara,
guarda che ti sbagli, i primi ad attuare la ridistribuzione dei redditi siamo stati noi.
Infatti, si preleva un pò di più al ceto medio basso per non prelevare "troppo" a circa un milione di persone e così siamo tutti felici e contenti.
Come.... "B&B" non sono riusciti a fare una zona bianca per il giornalismo italiano? Stiamo proprio perdendo pezzi...
un bacio

Neelps ha detto...

@Chiara

Tutto il mondo e' paese?
Certo, come no?


Scusa Chiara, se ti riferisci a me, vorrei sottolineare che, la questione "tutto il mondo e' paese", io l'ho sempre intesa in ben altro modo. Cioe' sono consapevole che le differenze tra paese e paese esistono e, in alcuni casi, sono anche marcate ma, cio' a cui ho fatto riferimento io sta un po piu' sotto, nascosto tra i vari strati e non e' sempre visibile dalla superficie. Mi riferisco al fatto, detto in poche parole, che il sistema economico e' lo stesso ovunque e le sue caratteristiche principali, sono replicate. Per questo motivo esiste una tendenza, nei comportamenti sociali, che e' fortemente caratterizzata dall'ambiente e quindi comune a tutti. Ovviamente la tendenza in questione si esprime con coefficienti differenti a seconda dello sviluppo ineguale, dei vari paesi.
Spero di essermi spiegato meglio, casomai ti rispondo successivamente, anche agli altri messaggi, in un altro momento perche' sto per arrivare in stazione a breve.
ciao

mozart2006 ha detto...

Ciao Chiara.

Confermo la notizia.
Siccome tu, da ungherese, leggi sicuramente il tedesco, eccoti un link.



http://www.urheberrecht.org/news/p/1/i/4016/

mod ha detto...

mozart, sei una scoperta!

love, mod

davide ha detto...

Caro amico Neelps,

"Scusa Chiara, se ti riferisci a me, vorrei sottolineare che, la questione "tutto il mondo e' paese", io l'ho sempre intesa in ben altro modo."

Credo che Chiara volesse rimproverarti l'abuso che fai della formula DMD. Perchè non usi qualche volta la formula MDM???

Ciao Davide

Chiara di Notte - Klára ha detto...

@ Neelps & Davide: Non mi riferisco a nessuno in particolare, ma solo ad un modo di dire che avete in Italia ed alla convinzione (di alcuni) che certi proverbi rappresentino la verita' assoluta. Quando rappresentano solo la verita' nella realta' che li esprime.
Nel caso specifico quella italica. Credo infatti che "tutto il mondo e' paese", significhi che in Italia siete piu' o meno tutti "simili". Ed e' anche logico visto che l'educazione, la cultura, l'informazione, l'ambiente in cui siete cresciuti sono quelli e non certo gli "altri" che fanno parte ad esempio del Giappone.
Ma il mio post tende a inoculare il concetto che in fondo tutto il mondo non sia paese, perche' i fattori che compongono una societa' sono molti e sono vari, e fra l'Italia ed i suoi partner europei la distanza e' spesso siderale.
Solo chi ha avuto modo di conoscere e vivere diverse realta' e' consapevole di cio'. Chi e' rimasto tutta la vita dentro la sua gabbietta dorata e' normale che chiacchieri per slogan e per dar aria alla bocca.

BaciSegreti ha detto...

E' interessante e non facile parlare di libertà di stampa in Italia.

Mi piacerebbe che la stampa fosse libera di pubblicare quello che vuole, tuttavia noi italiani siamo un caso a parte. Negli altri paesi chi è al governo non ha il controllo mediatico di buona parte dei giornali e delle televisioni.

L'Italia è in serie B, per la libertà di stampa, ma temo sia sul confine con la C.

Misura la forza della tua Password

Oggi mi sento un po' cosi'...

Oggi mi sento un po' cosi'...

Tokaj-Hegyaljai Borvidék

Áldott tokaji bor, be jó vagy s jó valál, Hogy tsak szagodtól is elszalad a halál; Mert sok beteg téged mihely kezdett inni, Meggyógyult, noha már ki akarták vinni. Istenek itala, halhatatlan Nectár, Az holott te termesz, áldott a határ! (Szemere Miklós)

A Budapesttől mintegy 200 km-re északkeletre, a szlovák és az ukrán határ közelében található Tokaj-Hegyaljai Borvidék a Kárpátokból déli irányban kinyúló vulkanikus hegylánc legdélebbi pontján fekszik. A vidéket és fő községeit könnyen elérhetjük akár autóval (az M3 autópályán és a 3-as úton Miskolcig, onnan a 37-es úton), akár vonattal (több közvetlen vonat indul Budapestről és Miskolcról)

Web Statistics