mercoledì 30 giugno 2010

12
comments
Un gelato e' sempre un gelato

Non so se, viaggiando all’estero, vi siate qualche volta imbattuti in spot pubblicitari trasmessi dalla tv, ed abbiate notato come diversamente venga presentato un identico prodotto rispetto a quello a cui siete abituati nel vostro paese. Comprendo che cio’ possa apparire del tutto ignoto ed incomprensibile a chi non ha modo di viaggiare, ma chi ha avuto occasione di farlo avra' sicuramente fatto caso a come gli spot all’estero non siano mai uguali a quelli che vediamo a casa nostra.

Anche se parrebbe piu’ logico e piu’ economico che, come avviene ad esempio per i film, venisse realizzato uno spot unico e proposto magari nella stessa versione doppiato in ogni lingua, non avviene mai cosi’. Comunemente ne viene realizzato uno diverso, a se’ stante, secondo la nazione nel quale deve essere reclamizzato il prodotto. E non solo per cio' che riguarda la parte linguistica o per gli attori che devono essere personaggi famosi in quel determinato paese oppure possedere caratteristiche tali da rispecchiare quelle di coloro a cui e' destinato il messaggio pubblicitario, ma soprattutto per la concezione, lo story board, la struttura dello spot stesso. In pratica la sua filosofia.

Infatti, chi e’ destinatario di uno spot pubblicitario deve immedesimarsi nell’ambiente e nella situazione raffigurata, ed e’ per questo motivo che, perche’ una pubblicita’ sia davvero efficace, e’ assolutamente necessario che la compagnia pubblicitaria esegua uno studio aspprofondito sui diversi gusti e desideri delle varie popolazioni e sulle differenti reazioni che queste hanno di fronte a determinati bisogni. Lo spot quindi deve tener conto delle diversita’ culturali e psicologiche di chi lo deve recepire.

Un gelato e’ sempre un gelato, in Italia come in Nuova Zelanda oppure in Cina, ma sono diverse le persone, i contesti, le culture, le etnie, percio’ per poter essere venduto con successo, deve essere presentato in modo completamente diverso da paese a paese. Ed ecco come la pubblicita' si rivolge al pubblico televisivo proponendo lo stesso prodotto:
E’ solo un banale esempio di come in fondo la diversita’ fra i popoli sia abilmente manipolata e sfruttata scientificamente a scopo commerciale, ed e’ anche la dimostrazione di come, di fronte agli stessi bisogni, le nostre reazioni possono essere completamente diverse a seconda dell’ambiente in cui viviamo, in cui siamo nati e cresciuti. Questo vale per il gelato, lo sport, la politica, il sesso o per qualsiasi altra cosa.

Non e’ dunque assolutamente vero che siamo tutti piu’ o meno uguali, con le stesse aspirazioni, gli stessi sogni, gli stessi gusti, gli stessi ideali, gli stessi bisogni. Chi lo afferma non fa che ripetere un luogo comune che e’ carino da ascoltare, ma che distoglie completamente da quella che e’ la realta’. Non siamo per niente uguali. Abbiamo, e’ vero, gli stessi diritti, sia che siamo nati in Canada, in Italia, in Ungheria, in Birmania o altrove - anche se tali diritti vengono tuttora negati in molte parti del mondo - ma la diversita’ ci contraddistingue sempre in ogni cosa che facciamo e sarebbe mera utopia pretendere di creare un mondo dove tutti hanno gli stessi comportamenti, si vestono allo stesso modo e mangiano le stesse cose.

Eppure qualcuno cerca da tempo di farlo. Ovviamente il motivo e' il denaro, ma dietro a cio' esiste anche un neanche tanto celato desiderio di "controllo". Oggi la globalizzazione tende ad annullare le identita’ culturali livellando tutto: gusti, valori, desideri, bisogni. Ci massificano e c’inquadrano in caste, classificandoci solo in base alla nostra capacita’ di spesa, oppure al nostro aspetto fisico, oppure alla nostra eta’. Come se una bella giovane ragazza cinese fosse identica, come valori, sogni e gusti ad una giovane irlandese, ad una giovane etiope, oppure ad una giovane marocchina e quindi avesse necessita' dello stesso gelato, dello stesso vestito o dello stesso identico stile di vita.

Ma uno spot per sciocco che sia, come quello del gelato, da come e’ costruito e dal messaggio che intende comunicare, in base ai meccanismi che hanno portato gli ideatori a realizzarlo proprio in quel modo, puo’ essere utile anche per comprendere in linea generale il carattere di un popolo riuscendo, se si e’ abbastanza abili ed intuitivi, a risalire in parte alla sua psicologia, al senso dell'ironia, a certe priorita' ed ai valori nei quali la gente si identifica. Ed osservando i vari filmati e’ possibile intravedere alcune di queste peculiarita' che, piu’ evidenti, colpiscono l'attenzione.

12 commenti :

modesty ha detto...

la nuova zelanda...sì, sì. mi pare che lì abbiano capito la filosofia del gelato.

tutto il resto è scontato e noioso.

per quanto concerne le diverse metodologie di manipolare il consumatore, bè, mi pare che la pubblicità magari è concepita diversamente nei singoli paesi...ma la gente sempre compra il gelato che vede in tv.

love, mod

davide ha detto...

Distinta Chiara,

"Non e’ dunque assolutamente vero che siamo tutti piu’ o meno uguali, con le stesse aspirazioni, gli stessi sogni, gli stessi gusti, gli stessi ideali, gli stessi bisogni. Chi lo afferma non fa che ripetere un luogo comune che e’ carino da ascoltare, ma che distoglie completamente da quella che e’ la realta’. Non siamo per niente uguali. Abbiamo, e’ vero, gli stessi diritti, sia che siamo nati in Canada, in Italia, in Ungheria, in Birmania o altrove - anche se tali diritti vengono tuttora negati in molte parti del mondo - ma la diversita’ ci contraddistingue sempre in ogni cosa che facciamo e sarebbe mera utopia pretendere di creare un mondo dove tutti hanno gli stessi comportamenti, si vestono allo stesso modo e mangiano le stesse cose."

Condivido. Io penso che ogni popolo ha i propri pregi e i propri difetti.

In genere le differenze dipendono da molti fattori: grado di sviluppo economico, istruzione, religione ecc.

Un paese come la Svezia, che ha un'economia molto avanzata, avrà un grado di corruzione minore dell'Italia. Mentre un paese come il Kenia (prendo un paese arretrato a caso) con una economia sotto sviluppata avrà un grado di corruzione maggiore dell'Italia.

La globalizzazione tende ad uniformare i comportamenti dei vari popoli. Comunque dare giudizi sulla globalizzazione è molto difficile (perchè si sommano aspetti positivi e negativi), ma credo che hai ragione quando sottolini certi rischi.

Ciao Davide

davide ha detto...

Distinta Chiara,

rivedendo gli spot pubblicitari mi domando una cosa. Il gelato è l'alimento preferito dai bambini: che senso hanno tutti quei riferimenti al sesso per un prodotto consumato soprattutto dai bambini?


Ciao Davide

Nicole ha detto...

Allusioni, ammiccamenti, semplicità, gioco...di tutto per vendere un prodotto a seconda della latitudine.

Cambiano i mezzi come giustamente fai notare tu, ma il fine rimane lo stesso.


Si, penso che per alcune cose non siamo tutti uguali...per fortuna, credo.

marco ha detto...

Dopo aver visto lo spot ungherese mi è passata la voglia del...Magnum (in milanese significa mangiami).

Comunque, per me, il cosidetto carattere dei popoli, intendendo con queste parole i comportamenti, le aspirazioni, il modo con cui i componenti di determinati gruppi vivono la propria vita e si relazionano tra loro e verso altri gruppi, è tra le caratteristiche più rapidamente variabili degli agglomerati umani.
Come fotografia di un dato momento, il carattere di un popolo, è una discreta rapprenzione di questi comportamenti, infatti, come tu fai notare, viene sfruttato dalla pubblicità, ma, questo carattere, nello spazio di una generazione, forse anche meno, può cambiare radicalmente. Un italiano non sarà e non è mai stato come un italiano di adesso, e così per un francese, un tedesco...
DOve l'ambiente non cambia, come per i popoli che vivono nelle foreste pluviali, si osservano per lunghi periodi sempre gli stessi caratteri. In un mondo rapidamente variabile, come quello in cui viviamo, la variazione, del gruppo e all'interno del gruppo, è sempre più veloce e, ma è più una speranza che una osservazione, accettata.
Se mi dimentico per un momento che non c'è limite al peggio, posso pensare che questo sia una fortuna, guardando al carattere del paese in cui vivo.

Chiara di Notte - Klára ha detto...

@ Mod: a nuova zelanda...sì, sì. mi pare che lì abbiano capito la filosofia del gelato.

Non ho trovato lo spot tedesco.


@ Davide: Un paese come la Svezia, che ha un'economia molto avanzata, avrà un grado di corruzione minore dell'Italia. Mentre un paese come il Kenia (prendo un paese arretrato a caso) con una economia sotto sviluppata avrà un grado di corruzione maggiore dell'Italia.

E tu l'Italia a quale dei due la vedi piu' vicina?
Ad esempio, non voglio parlare dell'Ungheria, ma dell'Irlanda che ha un'economia meno avanzata dell'Italia. Quindi dovrebbe avere piu' corruzione...


Il gelato è l'alimento preferito dai bambini: che senso hanno tutti quei riferimenti al sesso per un prodotto consumato soprattutto dai bambini?

Chi paga per il gelato sono i genitori. Sono loro a dover essere innanzi tutto stimolati dalla pubblicita'.
E poi non e' vero che il gelato lo mangiano esclusivamente i bambini, ed i riferimenti sessuali sono messaggi subliminali ai quali gli adulti non possono sottrarsi.
Io lo so bene. :-)


Cambiano i mezzi come giustamente fai notare tu, ma il fine rimane lo stesso.

Il fine resta quello di fare profitti e per questo la gente venderebbe veleno pur di raggiungere certi obiettivi. Ma non e' cio' che volevo dire col post.
Il post voleva mettere l'accento sulle diversita culturali che, dagli spot, si possono rilevare.
Ad esempio perche' sarebbe improponibile uno spot come quello ungherese in Italia?
Se si osserva attentamente ci sono alcuni elementi che, per un modo di pensare italico, sarebbero del tutto fuori luogo.


@ Marco: DOve l'ambiente non cambia, come per i popoli che vivono nelle foreste pluviali, si osservano per lunghi periodi sempre gli stessi caratteri.

A certe popolazioni non sono dedicati gli spot pubblicitari che ho mostrato. Questi sono riservati esclusivamente a popolazioni piu' "evolute" dal punto di vista del linguaggio comunicativo.
Oppure piu' stupide.

rossoallosso ha detto...

brava chiara,ottima riflessione.a me vien da pensare che finche' cambiano gli spot, ancora abbiamo l'opportunita' di cambiare,di rovesciare questo trend che tutto vuole amalgamare.la tv in questo senso e' molto pericolosa,ne sappiamo bene qualcosa noi italiani,la tv tende,tramite la lusinga,ad appiattire e ad uniformare bisogni e desideri.negli spot in questione ho notato,ad esempio,che a consumare il gelato son sempre belle gnocche,e qui ha ragione davide,mancano i bambini,anche solo per semplice fatto di fantasia ,che non credo manchi ai pubblicitari,sarebbero tutti da licenziare,credo sia piuttosto un inizio di lavaggio di cervello.
lo stesso discorso lo si potrebbe fare per il mercato automobilistico,una volta ogni paese aveva marche e vetture con modelli ben definiti,con caratteristiche estetiche ben definite, che subito riconoscevi,ora le auto si assomigliano tutte.

Neelps ha detto...


Lo spot quindi deve tener conto delle diversita’ culturali e psicologiche di chi lo deve recepire.


Gia'!
E lo studio viene fatto tramite modelli previsionali... che non sono certi, ma "scommettono" su un risultato "atteso".
In molti casi raggiungendo percentuali di "vincita" molto alte.

L'approccio puo' essere adottato in qualsiasi campo.

;-P
notte ne'!
Nlps

davide ha detto...

Distinta Chiara,


"E tu l'Italia a quale dei due la vedi piu' vicina?
Ad esempio, non voglio parlare dell'Ungheria, ma dell'Irlanda che ha un'economia meno avanzata dell'Italia. Quindi dovrebbe avere piu' corruzione..."

Naturalmente sono tanti i caratteri di un popolo ed è difficile generalizzare. Quanto alla corruzione e grado di sviluppo si tratta solo di una relazione di massima che può avere delle eccezioni: altri fattori possono agiure in senso contrario.

"E poi non e' vero che il gelato lo mangiano esclusivamente i bambini, ed i riferimenti sessuali sono messaggi subliminali ai quali gli adulti non possono sottrarsi.
Io lo so bene. :-)"

Non ho detto questo, ma che i gelati sono mangiati SOPRATTUTTO dai bambini.

E' vero che pagano i genitori, ma se i bambini piangono gli adulti comprano il gelato ai propri figli.

Forse uno spot con un bel cartone animato sarebbe più efficace per vendere gelati delle solite super fighe.

Ciao Davide

Dolce-Alexia ha detto...

Come si dice:L'amore non ha età. Potrebbe essere riferito anche ad un gelato, perchè lo mangiano non solo i bambini. Può essere riferito al sesso, pensa che io il sesso orale cercavo di impararlo, leccando il gelato. :-)
Siamo diversi, con i gusti diversi, In qualsiasi paese ti trovi c'è un buon gelato, ma ancora preferisco eskimo. E' il più semplice gelato russo, ma non ha perso il suo successo e popolarità.

Chiara di Notte - Klára ha detto...

@ Alexia: pensa che io il sesso orale cercavo di impararlo, leccando il gelato [...]
E' il più semplice gelato russo, ma non ha perso il suo successo e popolarità


Intenditrice! :-)
In effetti eskimo si prestava proprio agli esercizi di cui parlavi.
Almeno facciamolo vedere...

http://www.rusholod.ru/images/pulya_sssr_640x480.jpg

Il mio preferito era invece questo:

http://www.rusholod.ru/images/images_catalog/stakan_sssr_plombir_80gr_2009_site_640x480.jpg

Kameo ha detto...

Il più amato dai bambini di tutte le età rimane sempre il Calippo!

http://www.youtube.com/watch?v=8D1gjdwTVKo

Misura la forza della tua Password

Oggi mi sento un po' cosi'...

Oggi mi sento un po' cosi'...

Tokaj-Hegyaljai Borvidék

Áldott tokaji bor, be jó vagy s jó valál, Hogy tsak szagodtól is elszalad a halál; Mert sok beteg téged mihely kezdett inni, Meggyógyult, noha már ki akarták vinni. Istenek itala, halhatatlan Nectár, Az holott te termesz, áldott a határ! (Szemere Miklós)

A Budapesttől mintegy 200 km-re északkeletre, a szlovák és az ukrán határ közelében található Tokaj-Hegyaljai Borvidék a Kárpátokból déli irányban kinyúló vulkanikus hegylánc legdélebbi pontján fekszik. A vidéket és fő községeit könnyen elérhetjük akár autóval (az M3 autópályán és a 3-as úton Miskolcig, onnan a 37-es úton), akár vonattal (több közvetlen vonat indul Budapestről és Miskolcról)

Web Statistics