mercoledì 16 giugno 2010

27
comments
Avete votato er nano? Emmo' piatevelanderculo!

Suvvia, ma e' vero che in Italia non avete la democrazia? Ma com’e’ possibile? Non lo posso credere. Ero convinta che la vostra fosse una "repubblica democratica" ed invece scopro adesso che non lo e’. E se lo dice lui che non lo e’, dobbiamo credergli. Lui non mente mai. Lui e’ il miglior primo ministro degli ultimi 150 anni. Ha piu’ di una volta salvato il mondo, ed e’ un uomo che - si sa - pensa solo al vostro benessere. Chi sarebbe cosi' sciocco da non credergli?

Nessuno!

Quindi, quand'e' che vi deciderete a cambiare la Costituzione cosi’ da avere anche voi una vera democrazia? Non desiderate un paese migliore, senza comunisti, disfattisti, pessimisti portatori di sfiga? Lasciate che ci pensi lui. Ha saputo o no dimostrarvi di essere un imprenditore capace? Ha saputo o no gestire le sue aziende in modo eccellente? Voi forse non ci avete fatto caso, ma mentre avevate la percezione che tutto il resto dell'Italia se ne andasse in merda - solo la percezione - lui non si e’ mai fatto prendere dal pessimismo. Non si e' mai arreso. Anzi, nonostante la situazione internazionale gli remasse contro, gli oppositori gli mettessero i bastoni fra le ruote, i giudici comunisti lo perseguitassero ogni momento, le sue aziende sono riuscite a conseguire risultati incredibili, realizzando utili mai fatti, rendendolo uno degli uomini piu' ricchi non solo in Italia, ma anche nel mondo.

Se dunque lo lascerete tranquillo e libero di gestire le cose, cosi’ come ha fatto con le sue aziende, non solo salvera’ l'Italia dal disastro, ma addirittura vi troverete tutti quanti a vivere un nuovo Rinascimento. Senza capire come, dalla sera alla mattina vi ritroverete ad essere tutti miliardari come lui. Voi signori uomini potrete finalmente trombarvi quelle veline porcelline con le tette sode e le gambe snelle che tanto vi fanno sbavare in tv, il tutto fra una capatina al club del golf, una corsa in Ferrari, una nuotata nella piscina della vostra villa ed una regata in Costa Smeralda. Mentre voi, care signore donne, una volta terminata la partita di burraco con le amiche, fra un pettegolezzo e l'altro, dopo aver dato i compiti alla servitu’ perche’ tutto sia perfetto per la cena, prima di recarvi alla Scala potrete fare un po' di shopping nei migliori negozi di Montenapo o, se abitate a Roma, di via Condotti accompagnate come sempre dal vostro fedele autista-bodyguard privato che vi aiutera’ a portare i pacchi e non solo.

Se avete dei figli, li affiderete all'amorevole tata che se ne prendera' cura quando sarete impegnate dall'estetista (o con l'autista) e quando saranno piu’ grandi, dopo il collegio svizzero potranno frequentare la Bocconi che li formera’ e fara’ di loro dei veri uomini liberi e consapevoli della propria capacita' imprenditoriale che potranno esercitare con successo nell'aziendina di famiglia.

Anche i vostri vecchi vivranno felici e contenti, perche’ non solo non si ammaleranno piu’ di cancro, che' sara' finalmente sconfitto, ma avranno una vita lunga fino a 120 anni, assistiti da graziose badanti ucraine. In un’Italia cosi’, posso assicurarvi che persino i cani saranno in grado di cagare caviale, e le fontane zampilleranno Moët et Chandon. Se non ci credete, lasciatelo provare e vedrete che lui realizzera’ ogni vostro sogno.

Ma non potrete avere tutto questo se prima non acconsentirete a diventare un paese democratico, cambiando la Costituzione nel modo in cui lui vi indichera'. Guardate la Russia, la Bielorussia, la Libia, l’Arabia Saudita dove i governanti, persone stimate ed ammirate che gli sono molto amiche, sono in prima linea ogni giorno per dare democrazia e benessere al loro popolo. Prendete a modello queste nazioni libere, democratiche, civili. Ispiratevi al loro ordinamento giuridico ed istituzionale, scuotetevi di dosso il vecchiume fatto di ideologie ormai sorpassate, non date retta a quello che scrivono i giornali esteri invidiosi, non credete a chi vi racconta che in Italia la gente e' pronta a vendersi un rene per riuscire a tirare avanti. Ritrovate un po’ di quell’ottimismo che vi contraddistingue, riappropriatevi di quel sorriso che vi e' proprio e che i governi della sinistra, fortunatamente defunti, hanno purtroppo spento sul vostro volto rendendovi tristi, rassegnati… con le facce da sfigati cronici.

Anche se a voi pare ormai che la cacca abbia superato i livelli di guardia, se credete che al peggio non ci sia mai fine, considerate che si tratta solo di una vostra percezione: la crisi non esiste. E cercate una volta per tutte di affrontare con ottimismo e fiducia il futuro. Quel futuro che il vostro presidente che tanto vi ama riuscira’ a rendere migliore solo se gli permetterete di cambiare quella maledetta Costituzione che impedisce a lui di governare ed a voi di essere liberi perche’… perche’… cantate con me:
Perche’ il presidente e’ buono,
perche’ il presidente e' bello,
perche’ il presidente e’ dolce,
perche’ il presidente e’ vero,
perche’ il presidente vi ama,
e lo fa una da una vita intera,
perche’ il presidente e’ il sogno,
perche’ il presidente e’ il sole,
perche’ il presidente e’ un santo
e non potra’ mai farvi del male.
* Il titolo del post e' tratto da un commento di Amadiro nel blog di Lameduck.

27 commenti :

215 ha detto...

mi piace il cortocircuito tra titolo e post!
il problema è che a prenderla nel culo è anche chi non l'ha votato..
rendiamo grazie a Silvio

marco ha detto...

Non è un problema, è un fatto.
Il problema è come toglierselo.

Ottimismo, ottimismo, ottimismo e tra poco ci toccherà vendere anche il bicchiere, ovviamente vuoto.

Anonimo ha detto...

Tutta stessa cacca......

http://www.google.it/search?q=arrestato+politico&ie=UTF-8&oe=UTF-8&hl=it&client=safari


Prosit
gugge

Chiara di Notte - Klára ha detto...

@ Gugge: Cavolo! anche questo tal Frisullo vuole cambiare la Costituzione?
Per caso avete intenzione di farlo diventare premier?
No dai...
Siete italici. Un grande popolo dalle grandi tradizioni, da alti valori morali, che ha sempre avuto grandi statisti.
Da voi le cose o si fanno alla grande o niente. Non potete accontentarvi di uno cosi', un ladro di polli. Meritate il meglio che c'e' sulla piazza. :-)

Michael Crisafulli ha detto...

Ciao! Sono capitato per caso usl tuo blog e ahimé, hai pienamente ragione... eppure er nanetto continua ad avere un sacco di consenso... questo la dice lunga sugli italiani.

Colei che... ha detto...

Vivendo all'esterro, capita ogni tanto che i miei colleghi non italiani mi chiedano come va con la politica italiota. Ovviamente con il solito sorrisino tipo "dai raccontami l'ultima di Berlusconi che mi faccio una risata". La cosa preoccupante e' che quando parlo di come le cose stanno rpecipitando in italia, di come una democrazia (di nuovo) stia diventando regime, loro non riescono a credermi, mi fanno sentire una persona che esagera le cose parlando per iperboli... :(
Mi chiedono come mai, se la situazione e' davvero cosi' grave come la descrivo, l'Europa non sta intervenendo per fare qualcosa... Beh, non e' molto facile rispondere.
Ciao!

Mister_NixOS *nix ha detto...

Dear Chiara,
oramai penso che gli italiani siano tanto abituati a prenderlo in culo che non possano farne a meno:

http://www.genteepersone.it/2008/05/cera-una-volta-un-nano.html

Che fare? Beh, so cosa fare col tuo post: lo condivido su google reader.
Ciao
Mister_NixOS

modesty ha detto...

hai fatto un ottimo riassunto.
penso che però che chi legge il tuo post è già della tua stessa idea, mentre chi dovrebbe leggerlo non lo sarà mai.
è questo il vero successo "politico" di berlusconi.

love, mod

p.s. questa volta il video è proprio brutto. quanto detesto la bionda trash...:)

pisolo973 ha detto...

Io non la vedrei così tragica...
questo ha l' età che ha...ma quanto può campare ancora???
Al massimo dobbiamo soffrire altri 10/15 anni....
Lui può rallentare la giustizia e fare in modo che non se lo "bevino"..ma nn può ancora fermare il tempo...(per ora)
Stringiamo un altro poco i denti e soprattutto il culetto...che come disse il mitico De filippo:
"Adda passà a nuttata"....
besito a tutti..vostro "UNIEURO"

Ah dimenticavo... poi quando sta per morì vi rifilerà il figlio o qualche parente più giovane possibile ...se voi lo votate io non ci posso fà niente...
Mica sono un distributore di ottimismo a vita?!!!
aribacio

Chiara di Notte - Klára ha detto...

@ 215: buon giorno. Il titolo, come ho scritto alla fine del post, e' stato tratto da un commento che ho letto nel blog di Lameduck.


@ Marco: buon giorno anche a te. Come sai la questione italica non e' cosa che riguardi le mie tasche o la mia liberta', pero' mi meraviglio sempre del fatto che la gente, dopo cosi' tanti anni di presa per il culo, non s'incazzi.


@ Michael Crisafulli: si, e devo dire che non ci fate una bella figura. Perche' secondo me oggi c'e' da vergognarsi a dichiararsi allineati al sistema che vige in Italia se non si fa parte di qualche cricca o cricchetta. E sappiamo che almeno un italico su dieci da un sistema mafioso e liberticida, quindi sulla pelle altrui, trae i propri profitti.


@ Colei che: Perche' i ricchi banchieri d'Europa dovrebbero intervenire? A loro fa comodo una popolazione schiavizzata e piena di debiti. Perche' quando le persone sono assillate dai problemi e tenute sotto torchio, non hanno modo di pensare e reagire. Chi e' libero invece pensa, e pensando prima o poi si rende conto che certi parassiti, come in altri periodi della Storia, meritano solo di essere messi in condizione di non nuocere.


@ Mr Nixos: credo che se davvero si deve prenderlo da chi non ci piace, almeno che ci paghino. Lo dice una che il corrispettivo l'ha sempre preteso in anticipo e non ha mai fatto sconti.
Ma si vede che agi italici il nano piace. Se non fosse cosi' adesso sarebbe gia' in galera o costretto alla fuga.


@ Modesty: si', la bionda trash non era un granche'. Dimmi invece cosa ne pensi della brunetta di oggi. :-)


@ Pisolo973: ma quel figlio li' non avra' bisogno di essere votato. Potra' accedere alla corona per diritto divino.

Nicole ha detto...

Hai perfettamente ragione...ma non c'è peggior cieco di chi non vuol vedere e peggior sordo di chi non vuol sentire.
Quando parlo con i Destri mi muoiono in mano...Non sanno nemmeno cosa abbia fatto, cosa farà, nulla. Il vuoto assoluto, eppure lo hanno votato. Molti sull'onda dei sogni e delle chimere.
Mi chiedo una cosa però...volendo cambiare le cose, dove sono gli altri partiti, ma soprattutto dove sono le idee, gli uomini per contrastarlo.

Non comprendo se si siano fatti comprare tutti o cosa.
Verso il declino inesorabilmente...Ah mi hanno offerto 300 euro in una scuola privata dalle 7.30 del mattino fino alle 17.00.
E' questo il Risorgimento?

Chiara di Notte - Klára ha detto...

@ Nicole: mi hanno offerto 300 euro in una scuola privata dalle 7.30 del mattino fino alle 17.00.

Ormai siete "balcanizzati". 300 euro? Prende quasi di piu' un'operaia qui in una fabbrica di scarpe. Ti merita emigrare, Nicole. Pensa che in Repubblica Ceca quasi non esiste disoccupazione. Certo ti devi accontentare di pochi soldi rispetto a quelli che sono gli standard italici, ma anche la vita costa la meta'. In campagna addirittura meno.
Se invece preferisci un paese meno povero, ma piu' freddo, ti consiglio la Svezia. Arrivi col treno con il solo biglietto di andata. Non devi neppure cercare lavoro, vai dal primo poliziotto che trovi e gli dai uno schiaffo. Lui ti arresta, ti processano, ti dichiari colpevole e ti mettono in galera. Avrai la tua bella cella (ovviamente doppia) riscaldata con bagnetto separato, pasti 3 volte al giorno, tv, internet e cure mediche assicurate. Meglio di un hotel. Se poi sei fortunata e ti capita la compagna di cella che magari non e' male, trovi anche da divertirti. :-)
La galera in Svezia, paragonata alla vita che fanno i precari in Italia, oppure i pensionati sociali o chi non sa come tirare avanti, diventa quasi una vacanza.

http://www.crimeblog.it/galleria/prigione-svedese

modesty ha detto...

"Non devi neppure cercare lavoro, vai dal primo poliziotto che trovi e gli dai uno schiaffo. Lui ti arresta...ecc"

be-lis-si-mo!!!

:))) love, mod

davide ha detto...

Distinta Chiara,

prima delle elezioni mministrative (in tempi non sospetti) ti avevo detto che Berlusconi era cotto, quindi non è che ho nessuna particolare simpatia nei confronti del medesimo.

Alle elezioni politiche avevo votato il centro destra ritenendolo il MALE minore.

Alle elezioni europee ho votatato per Casini. In questo momento sono per il non voto.

Detto questo, per quante buffonate faccia Silvio, non mi sembra che in Italia manchi la libertà.

Non quardo molto la televisione, ma in genere in tutti (comunque la maggior parte) i programmi di approfondimento constato che si parla male di Silvio. Non parliamo poi dei giornali.

Sia ben chiaro che è giusto che i media critichino i governanti e credo che va preso a calci un presidente del consiglio che dice che in Italia c'è troppa libertà d'informazione.

Non vorrei che ti offendessi, ma trovo un pochino (sia ben chiaro solo un pochino) demagogico far intendere che Berlusconi sia la fonte di tutti i mali dell'Italia. La mia impressione è che quando alle prossime elezioni politiche Silvio sarà cacciato a calci in culo, l'Italia continuerà ad andare alla malora come adesso anche se governata dai sinistroidi.


Ciao Davide

Chiara di Notte - Klára ha detto...

@ Davide: non mi sembra che in Italia manchi la libertà.

La questione e' sottile. E' ovvio, quando manchera' nessuno potra' piu' dirlo, per cui se mai dovesse arrivare quel giorno, non potro' contraddirti (in Cina impediscono persino la navigazione verso i siti esteri che loro ritengono "pericolosi". Stessa cosa avviene nei paesi musulmani piu' integralisti.)
La denuncia, quindi, va fatta quando ancora c'e' possibilita' di farlo, prima cioe' che la liberta' venga tolta. Tu credi che sia del tutto superfluo farlo, ma e' mia opinione che i segni premonitori, nonostante tu sia convinto del contrario, ci siano tutti.

davide ha detto...

Distinta Chiara,


"La denuncia, quindi, va fatta quando ancora c'e' possibilita' di farlo, prima cioe' che la liberta' venga tolta. Tu credi che sia del tutto superfluo farlo, ma e' mia opinione che i segni premonitori, nonostante tu sia convinto del contrario, ci siano tutti."

Bisogna sempre stare in guardia.

Però Silvio più che minacciare la libertà, mi sembra che stia dando i numeri: un giorno dice una cosa e il giorno dopo dice l'opposto. Forse ha capito che sono i suoi che vogliono fargli le penne.

Ciao Davide

Vandana ha detto...

Peccato che quello che scrivi viene compreso solo da chi Berlusconi non lo vota e non dai suoi sostenitori, nonostante ora si dice che il suo consenso sia sceso ai minimi storici, il 40% circa. Penso che anche se i suoi elettori si dovessero accorgere dopo tutti questi anni dei danni fatti, sia comunque troppo tardi, visto che ormai fino al 2013 da li non lo smuove nessuno.

Penso, inoltre, che sia del tutto inutile dissuadere i suoi elettori, anche con argomentazioni logiche e politiche, in quanto si tratta di un circolo vizioso: se qualcuno ha gli strumenti intellettuali e culturali per comprenderle, viene da sè che non puo essere un elettore di Berluscuoni.

Chiara di Notte - Klára ha detto...

@ Davide: Però Silvio più che minacciare la libertà, mi sembra che stia dando i numeri

Credi che l'Italia sia nelle mani di un matto?
Dai matti c'e' da attendersi di tutto, ed al peggio non c'e' mai fine.
Ma dimmi, sono curiosa: qualora 'sto tizio che non ci sta con la testa, combinasse qualcosa di grave (oppure fosse riconosciuto responsabile di fatti gravi), non ti sentiresti in parte responsabile per avergli dato il voto e la possibilita' di governare?
E' solo una domanda ipotetica, pero' mi piacerebbe conoscere la tua risposta. E qualora tu dovessi riconoscere di essere stato un coglione a dargli il voto, che reazione ti attenderesti da coloro che invece, per colpa tua e di altri che hanno seguito la tua ispirazione politica, sono stati danneggiati da una politica scellerata?
Ti attenderesti comprensione, oppure temeresti una reazione piu' esagitata?
Grazie in anticipo se vorrai rispondermi.
Se non vorrai, non mi offendero'. :-)


@ vandana: se qualcuno ha gli strumenti intellettuali e culturali per comprenderle, viene da sè che non puo essere un elettore di Berlusconi

Se dico di essere d'accordo con te offendo sicuramente qualche papiminkia. Se, diplomaticamente, tento invece di dare una risposta che tenga conto della sensibilita' di costoro, offendo la mia intelligenza.
Sono assai dibattuta... :-)

rossoallosso ha detto...

ciao chiara,
segnalo questo libro:
http://www.attimo-fuggente.com/archivio20082009/32008/72008/15=lastupiditaunagrandeforzadistruttivamanoninvincibile=72008.htm

davide ha detto...

Distinta Chiara,

"E' solo una domanda ipotetica, pero' mi piacerebbe conoscere la tua risposta. E qualora tu dovessi riconoscere di essere stato un coglione a dargli il voto, che reazione ti attenderesti da coloro che invece, per colpa tua e di altri che hanno seguito la tua ispirazione politica, sono stati danneggiati da una politica scellerata?
Ti attenderesti comprensione, oppure temeresti una reazione piu' esagitata?
Grazie in anticipo se vorrai rispondermi.
Se non vorrai, non mi offendero'. :-)"


Non ho nessun problema a risponderti.

Quando dico che Silvio da i numeri mi riferisco alle dichiarazioni che fa e non all'attività di governo che in parte giudico buona.

Quando un Presidente del Consiglio telefona ad un trasmissione televisiva (Ballarò) dicendo che ha falsato i dati dei sondaggi sul suo gradimento (perchè secondo i suoi sondaggisti -da lui pagati lautamente- lui è ancora il più bello e figo) fa solo la figura del coglione.

Invece sull'azione di governo ci sono cose buone e cose meno buone. Proprio in questi giorni l'ISTAT ha pubblicato i dati che dimostrano che l'Italia è uno dei paesi che si stanno riprendendo meglio degli altri (qualche merito l'avrà, credo, anche il governo).

Sia ben chiaro che io non ho particolari simpatie per Silvio (l'ho votato ritenendolo il male minore), ma rimango convinto che se avessero vinto i demagoghi incapaci (Veltroni, Tonino e compagnia bella) della sinistra staremmo peggio.

Ciao Davide

Vandana ha detto...

@Nicole: Ah mi hanno offerto 300 euro in una scuola privata dalle 7.30 del mattino fino alle 17.00.
E' questo il Risorgimento?

Non so se hai letto un' intervista della Gelmini, rilasciata qualche giorno fa, dove parlava degli insegnanti che stavano sempre a lamentarsi, che ormai è più di un anno che ideate diverse forme di proteste e che non fatte altro che lanciare accuse. Il giornalista ha detto, che quando parlava era anche molto annoiata. Un modo come un altro per dire, subite e tacete.

@Davide: non mi sembra che in Italia manchi la libertà.

A me sembra il contrario invece. Non è il caso di citare i soliti casi di censura riguardanti Santoro, Biagi, Luttazzi, la Guzzanti, basta analizzare i fatti che succedono quotidianamente.

Un paio di giorni fa, 20000aquilani sono scesi in piazza a manifestare contro il governo, e solo un tg(immaginate quale) ne ha parlato.

Napoli e Palermo sono discariche a cielo aperto, 2 città sommerse dai rifiuti, ma ovviamente la tv non ne parla... è più facile nasconderli i problemi che risolverli.

E' stato creato un nuovo ministero, "Attuazione al federalismo" (alla faccia della crisi), come ministro è stato nominato Aldo Brancher, ex sacerdote, ex manager Finivest, arrestato perchè coinvolto nello scandalo di Tangentopoli, condannato in primo e secondo grado per finanziamento illecito (caduta in prescrizione) e per falso in bilancio (depenalizzato da Berlusconi) e attualmente sotto processo per lo scandalo Bnl, ma ora che è ministro si avvarrà del legittimo impedimento. Non è stato nominato lui per caso!!! e ovviamnte tutto ciò è avvenuto sotto il silenzio dei media.

Se questa è libertà di stampa.

Non a caso siamo stati declassati da Paese libero a parzialmente libero, e non a caso siamo al settantatreesimo posto per la libertà di stampa.

@Chiara:Ormai siete"balcanizzati".

"Cinesizzati" è più giusto. Pomigliano è solo l' inizio.

@Chiara: Se dico di essere d'accordo con te offendo sicuramente qualche papiminkia. Se, diplomaticamente, tento invece di dare una risposta che tenga conto della sensibilita' di costoro, offendo la mia intelligenza.
Sono assai dibattuta... :-)

Qui mi hai fatto ridere. Devo dirti che sei anche simpatica. Molto raramente. Però lo sei:)

davide ha detto...

Cara amica Vandana,

"@Davide: non mi sembra che in Italia manchi la libertà.
A me sembra il contrario invece. Non è il caso di citare i soliti casi di censura riguardanti Santoro, Biagi, Luttazzi, la Guzzanti, basta analizzare i fatti che succedono quotidianamente.
Un paio di giorni fa, 20000aquilani sono scesi in piazza a manifestare contro il governo, e solo un tg(immaginate quale) ne ha parlato.
Napoli e Palermo sono discariche a cielo aperto, 2 città sommerse dai rifiuti, ma ovviamente la tv non ne parla... è più facile nasconderli i problemi che risolverli.
E' stato creato un nuovo ministero, "Attuazione al federalismo" (alla faccia della crisi), come ministro è stato nominato Aldo Brancher, ex sacerdote, ex manager Finivest, arrestato perchè coinvolto nello scandalo di Tangentopoli, condannato in primo e secondo grado per finanziamento illecito (caduta in prescrizione) e per falso in bilancio (depenalizzato da Berlusconi) e attualmente sotto processo per lo scandalo Bnl, ma ora che è ministro si avvarrà del legittimo impedimento. Non è stato nominato lui per caso!!! e ovviamnte tutto ciò è avvenuto sotto il silenzio dei media.
Se questa è libertà di stampa."

Non mi sembra che i media abbiano tenuto nascosto quanto hai detto sopra. Io le ho sentite quelle notizie alla televisione, mi sembra al tg della sette.

Per qunto riguarda la libertà di stampa la maggioranza dei giornali (Repubblica, Corriere, Stampa ecc.) è molto critica con il governo. Lo stesso si può dire delle radio e delle televisioni locali.

Per quanto riguarda le televisioni nazionali (che sono quelle che più contano) è vero che la maggior parte sono filo governative.

Però dire che non c'è liberta di stampa è un'esagerazione, anche se è vero che ci sono dei problemi.

Ciao Davide

Vandana ha detto...

@Davide: Io le ho sentite quelle notizie alla televisione, mi sembra al tg della sette.

Sempre il solito tg.

Si per i quotidiani nulla da dire, il problema è la televisione,che è il mezzo di comunicazione più diffuso. Nessun presidente del consiglio, in nessun paese democratico si sarebbe sognato di telefonare ad un consigliere dell' Agcom per far chiudere un programma o di telefonare in diretta in una trasmissione, fare una scenata da checca isterica, chiudere il telefono in faccia come fanno i bambini di otto anni, perchè stavano mandando in onda dei dati che non sono di suo gradimento!
Per quanto riguarda l' Aquila non so se hai visto la scena che è andata in onda a matrix dove c' erano ospiti Gianna Nannini la Mannoia Giorgia ed Elisa (lelle per l' Abruzzo per intenderci). Quando la Nannini si è permessa di dire che nessun tg nazionale aveva passato la notizia dei 20000 aquilani scesi in piazza, quella nullità servile del conduttore l ha zittita, quella è censura a tutti gli effetti.Preoccupante e grave episodio che rispecchia la televisone di oggi.
Mi sono dimenticata di risponderti qualche giorno fa quando discutevamo di Craxi...negli 70 non ero neanche nata!!!

Willyco ha detto...

Ma ti rendi conto che a 56 anni mi tocca tornare nei cortei, prendermi ancora degli spintoni (e schivare, a fatica, qualche manganello) ed organizzare dibattiti di approfondimento nei centri sociali per portare persone preparate a parlare nelle fabbriche e nelle assemblee degli enti locali o delle municipalizzate?
E, dopo, non posso nemmeno più farmi di birra e gnocco fritto come una volta.

davide ha detto...

Distinta Chiara,

OT.

Dal Sole 24 ore:

"Condanna per diffamazione a Bruno Vespa confermata in Cassazione. L'intervista incriminata «era punteggiata da domande di cui appariva ovvia la risposta, nonché accompagnata da notizie allusive
La Corte di Cassazione (Terza civile, sentenza 16917/2010 depositata ieri) ha confermato la condanna di Bruno Vespa per diffamazione dei due pm napoletani che, negli anni'90, avevano ordinato l'arresto del manager Vito Gamberale, poi assolto. Vespa, citato a giudizio per un passaggio del libro "La sfida" in cui l'intervistato Gamberale definiva «illegittimo» il suo arresto, si era difeso sostenendo di aver solamente riportato la «sostanziale verità dei fatti», peraltro confutata da due sentenze di merito e anche da un'indagine ispettiva del ministero.
I giudici di piazza Cavour hanno però nuovamente avallato la condanna di Bruno Vespa (24 mila euro per ciascuna delle parti offese) sottolineando che al giornalista non basta riportare fedelmente le parole dell'intervistato, avendo anche il dovere di controllare la veridicità delle circostanze riferite e la continenza delle espressioni riferite, mantenendo comunque sempre una "posizione imparziale". Invece l'intervista incriminata «era punteggiata da domande di cui appariva ovvia la risposta, nonché accompagnata da notizie allusive, da sottintesi, da ambiguità tali da ingenerare nel lettore la convinzione della rispondenza al vero dei fatti esposti», e ignorava invece le circostanze di possibili ricostruzioni alternative «già conoscibili al momento della stesura del libro». (A.Gal.)"

Io ho letto il libro "la sfida" e trovo assurde le affermazioni dei giudici: Vespa si è limitato a riportare nel libro le affermazioni di un cittadino che ha subito un'ingiustizia dalla magistratura.

Però se in Italia qualcuno tocca la casta dei giudici viene fulminato.

Mi consolo pensando che ho convinto il mio amico poliglotta a non pubblicare il suo libro (dove parla di alcune -tra il resto quelle minori- ingiustizie subite dai giudici). A quest'ora lo avrebbero già rovinato.

Ciao Davide

Chiara di Notte - Klára ha detto...

Però se in Italia qualcuno tocca la casta dei giudici viene fulminato.

Non solo quella casta. In Italia, come da altre parti eccetto alcuni paesi ad alta concentrazione di pensiero liberale, chiunque tocchi un potente appartenente ad una qualsiasi casta, sia esso giudice, poliziotto, giornalista, imprenditore, o politico viene rovinato.

davide ha detto...

Distinta Chiara,


"Non solo quella casta. In Italia, come da altre parti eccetto alcuni paesi ad alta concentrazione di pensiero liberale, chiunque tocchi un potente appartenente ad una qualsiasi casta, sia esso giudice, poliziotto, giornalista, imprenditore, o politico viene rovinato."

Condivido al 100%. Però in Italia in questo momento le uniche due caste che contano veramente sono i giudici e i politici. Le altre caste, che pure ci sono, sono tutte di serie B).

Ciao Davide

Misura la forza della tua Password

Oggi mi sento un po' cosi'...

Oggi mi sento un po' cosi'...

Tokaj-Hegyaljai Borvidék

Áldott tokaji bor, be jó vagy s jó valál, Hogy tsak szagodtól is elszalad a halál; Mert sok beteg téged mihely kezdett inni, Meggyógyult, noha már ki akarták vinni. Istenek itala, halhatatlan Nectár, Az holott te termesz, áldott a határ! (Szemere Miklós)

A Budapesttől mintegy 200 km-re északkeletre, a szlovák és az ukrán határ közelében található Tokaj-Hegyaljai Borvidék a Kárpátokból déli irányban kinyúló vulkanikus hegylánc legdélebbi pontján fekszik. A vidéket és fő községeit könnyen elérhetjük akár autóval (az M3 autópályán és a 3-as úton Miskolcig, onnan a 37-es úton), akár vonattal (több közvetlen vonat indul Budapestről és Miskolcról)

Web Statistics