domenica 30 maggio 2010

14
comments
Tokaj-Hegyaljai Borvidék

Tokaj-Hegyaljai Borvidék e' la piu' antica regione vitivinicola magiara, un triangolo di territorio situato nell'Ungheria nord orientale al confine con la Slovacchia, ed e' la zona d’origine del tokaji.

I confini sono rigidamente delimitati fin dal diciannovesimo secolo. I Monti di Zemplen a Nord, il fiume Bodrog ad est e la Puszta, la Grande Pianura ungherese a Sud. I fiumi Bodrog e Tisza, che confluiscono proprio a Tokaj, determinano particolari condizioni climatiche che favoriscono il fenomeno della Botrytis cinerea, la cosiddetta muffa nobile, un fungo parassita che aggredisce i grappoli d'uva consentendo l'appassimento sulla pianta delle uve destinate alla produzione del tokaji aszu, un vino che e' famoso in tutto il mondo.

La qualita' del terreno, cinquemilacinquecento ettari di costituzione vulcanica a carattere sabbioso ed argilloso, eccellente in quanto ricco di potassio, elemento prediletto dalla vite, contribuisce in modo decisivo alla creazione di questo vino, ma determinante e' soprattutto il particolare microclima della zona. Infatti, le luminose e calde giornate di autunno, alle quali seguono le notti brumose, favoriscono la botrytizzazione delle uve con un processo che e' piu' che singolare: le nebbie che si alzano per contrasto termico dai fiumi Bodrog e Tisza innescano il processo che da' vita alla Botrytis cinerea. E cio' che per altri rappresenta una disgrazia, qui da noi, invece,costituisce una vera fortuna.

Ma prima di arrivare a quel momento c'e' tempo...


Adesso e' ancora la stagione in cui i vigneti diventano ogni giorno sempre piu' verdi...


Si vede l'uva che, piccola, inizia a comparire sulle piante...


E si possono cogliere le prime fragole.

14 commenti :

HogasH ha detto...

Ok, devo ammettere che sono shockato dall'ultima immagine :P

Il tuo blog è molto carino, dici un sacco di cose interessanti, curiose e molto serie. Abbiamo anche lo stesso tema O_o

Fatti un giretto sul mio blog!

http://ragazzobislacco.blogspot.com/

AccesoSpento ha detto...

Se le prime fragole si colgono solo a primavera, l'inverno a Tokaj deve essere piuttosto triste ....

Luigi N. ha detto...

Anche dove vivo io la viticoltura è ormai viticUltura, forte della tradizione e della magia dell'uva :) e poi dai, l'ebrezza è nell'essenza stessa di questo nettare di-vino, la natura ci dona l'ubriachezza... approfittiamone :D

Gio ha detto...

Che brutte le fragole!

Ma come, stavo già sognando, pensando che quelle foto forse le avevi fatte tu, e che dall'altra parte dell'obiettivo c'era il tuo bel viso ... e mi vedo una fragolastra sotto le viti?
Quando una si immagina il tuo viso, mia cara Klara, non c'è fragola che non deluda.

A presto!

marco ha detto...

Buone le fragole col vino!

rossoallosso ha detto...

solo tu chiara riesci a stupirci con effetti speciali cosi sapientemente mirati.
passeggiare tra vigneti,discorrendo di uve ,vini ,funghi,risvegliando attraverso le papille gustative,quella voglia di gaiezza ,spensieratezza,di disibinizione che la nostra mente anela e poi farci trovare ,lì,in mezzo a grappoli d'uva una fragola gia' matura pronta da cogliere,e' un colpo al basso ventre che ci cambia all'improvviso lo scorrere del sangue nelle vene. passaggio dalla mente alla carne in un completamento che ti ricorda di cosa e' la vita,quella vera,quella primordiale.
P.S.
si capisce che mi e' piaciuto il post?;-)

@chiara
approfitto sempre della tua ospitalita' per segnalare,in base ai recenti fatti,questi indirizzi.



Qui sotto metto una lista di indirizzi israeliani da mitragliare di messaggi di sostegno e solidarietà a quegli 800 da Irlanda, Grecia, Turchia, Spagna, Algeria, Cipro

Israeli e mail addresses:

INFO@NEWYORK.MFA.GOV.IL,INFO@WASHINGTON.MFA.GOV.IL,
INFO@MONTREAL.MFA.GOV.IL,INFO@BRUSSELS.MFA.GOV.IL,PM_ENG2@pmo.gov.il,
pniot@mod.gov.il,sar@mfa.gov.il,info@education.gov.il,
mancal@justice.gov.il,pniot@moh.health.gov.il,
sar@moin.gov.il,lishka.sar@moital.gov.il,sar@mot.gov.il,

sar@mops.gov.il,info@moia.gov.il,info@ng.pmo.gov.il,
pniot@mni.gov.il,pniot@sviva.gov.il,ministerts@most.gov.il,
minister@most.gov.il,mankal@moag.gov.il,sar@moch.gov.il,
dorital@molsa.gov.il,sar@tourism.gov.il,
dovrut@moc.gov.il,ifat.aloni@pmo.gov.il

Chiara di Notte - Klára ha detto...

@ HogasH: Ok, devo ammettere che sono shockato dall'ultima immagine

Si', lo so...
E' l'unica in bianco e nero (a parte la fragola). :-(
La prossima volta ne cerchero' una a colori, ok? :-)


@ AccesoSpento: Se le prime fragole si colgono solo a primavera, l'inverno a Tokaj deve essere piuttosto triste

Perche', da voi le fragole le cogliete anche in inverno?
Forse nelle serre... non certo quelle che nascono libere e spontanee. :-)


@ Luigi N.: Anche dove vivo io la viticoltura è ormai viticUltura, forte della tradizione

E dove vivi tu?


@ Gio: Che brutte le fragole!

Mi sa che sei uno dei pochi a cui non piacciono. :-)


@ Marco: Buone le fragole col vino!

Il Tokaji aszu' puo' essere cosi' dolce (sto parlando dell'Essencia), che piu' che di un vino penseresti ad un vero e proprio sciroppo dolce alcolico. Pensa che il livello di zuccheri e' cosi' elevato, infatti, che per far partire la fermentazione si devono utilizzare dei lieviti particolari.
Per voi, che non siete abituati, questo vino cosi' dolce e concentrato potrebbe risultare stucchevole e praticamente non abbinabile ad alcunche'.
Neppure alle fragole che, almeno quelle che ci sono qui, sono gia' dolcissime di per se'. Per voi ci vuole un vino diverso, piu' secco, piu' simile al vostro Chianti.


@ Rosso: solo tu chiara riesci a stupirci con effetti speciali cosi sapientemente mirati.

Sei troppo gentile. In realta sono soltanto una principiante. :-)

davide ha detto...

Distinta Chiara,

molto bello con un finale degno di un film speciale (non so cosa darei per leccare la fragola della fotografia).

Tanti anni fa a sud delle mie baite avevo anch'io un vigneto. essendo ad altitudini un po' elevate produceva dell'uva molto saporita (anche se poca per via dell'altitudine). Però mi dava troppo lavoro e l'ho abbandonato.

Ciao Davide

AccesoSpento ha detto...

@Chiara Forse nelle serre... non certo quelle che nascono libere e spontanee. :-)


Su questo ti devo dare ragione: le fragole spontanee sono più gustose, ma se colte al punto giusto di maturazione, altrimenti possono rivelarsi particolarmente … aspre :-)

rossoallosso ha detto...

@davide
sapresti dirmi ,se esiste ancora,di che vitigno si tratta?se e' autoctono?
forse val la pena riprendere la cura di tal vigneto,forse possiedi
anche piante da frutto ?
@chiara
una principiante dotata,in tutti i sensi ;-)

davide ha detto...

Caro amico Rossoalloso,

"@davide
sapresti dirmi ,se esiste ancora,di che vitigno si tratta?se e' autoctono?
forse val la pena riprendere la cura di tal vigneto,forse possiedi
anche piante da frutto ?"

Quel vigneto non esiste più da almeno 33 anni: adesso dove c'era quel vigneto esistono solo sterpaglie.

Tieni conto che io abito in alta montagna e per raggiungere quel vigneto dovevo scendere dalle mie baite, attreverso stradine scomode e ripide, fino a circa 600 metri di altezza. Per questo l'ho abbandonato.

Per le piante da frutto non ho molto, perchè vivendo in alta montagna più che ciliegie, prugne, mele, pere e simili non viene molto altro.

Ciao Davide

Alex ha detto...

Ciao Chiara,
avrei voluto anch io fare il contadino, il mio sogno avere un vigneto come quello delle foto:-)

Chiara di Notte - Klára ha detto...

@ Davide: non so cosa darei per leccare la fragola della fotografia

Magari una leccata allo schermo gliela hai pure data, eh?
Confessa. :-)
Oggi con la virtualita', la gente crede di saziarsi di esse... ma non e' cosi'. E' solo un'illusione, un miraggio, una proiezione dei desideri che sempre lascia l'amaro in bocca e la pancia vuota. :-)


@ accesoSpento: Su questo ti devo dare ragione: le fragole spontanee sono più gustose, ma se colte al punto giusto di maturazione, altrimenti possono rivelarsi particolarmente … aspre

Pero' in tal caso si deve porre attenzione. Se non vengono mangiate proprio in quel momento, diventano troppo mature e si sfanno tutte. :-)


@ Alex: avrei voluto anch io fare il contadino, il mio sogno avere un vigneto come quello delle foto

In Italia e' praticamente impossibile, pero' altrove potresti realizzare il tuo sogno. Basta volerlo. Pero' non credere che la vita del contadino sia simile a quella che viene proposta edulcorata dai luoghi comuni e dalle immagini che propinano le pubblicita' del mulino bianco.

Alex ha detto...

La mia idea era inizialmente l'oltrepò pavese con una somma accettabile si poteva iniziare comprando anche il casale, la seconda idea prendeva in considerazione la Toscana qui abbinando con degli uliveti, anche perchè a livello economico (non trascurabile) rendono di più oltre ad avere maggiori contributi da parte della comunità europea. So esattamente che è molto faticoso ma anche che può dare tante soddisfazioni:-)

Misura la forza della tua Password

Oggi mi sento un po' cosi'...

Oggi mi sento un po' cosi'...

Tokaj-Hegyaljai Borvidék

Áldott tokaji bor, be jó vagy s jó valál, Hogy tsak szagodtól is elszalad a halál; Mert sok beteg téged mihely kezdett inni, Meggyógyult, noha már ki akarták vinni. Istenek itala, halhatatlan Nectár, Az holott te termesz, áldott a határ! (Szemere Miklós)

A Budapesttől mintegy 200 km-re északkeletre, a szlovák és az ukrán határ közelében található Tokaj-Hegyaljai Borvidék a Kárpátokból déli irányban kinyúló vulkanikus hegylánc legdélebbi pontján fekszik. A vidéket és fő községeit könnyen elérhetjük akár autóval (az M3 autópályán és a 3-as úton Miskolcig, onnan a 37-es úton), akár vonattal (több közvetlen vonat indul Budapestről és Miskolcról)

Web Statistics