venerdì 12 marzo 2010

79
comments
Blog, ultima frontiera

Oggi qui nevica e fa freddo. In fondo non mi dispiace. Sono rintanata in casa, al calduccio, con il mio the e tutto quanto l'occorrente per sopravvivere davanti allo schermo, volendo, fino alla fine dell'inverno ed anche oltre. Posso quindi permettermi di andare in giro per Internet e leggere i vari blog che, di volta in volta, mi vengono segnalati dagli amici e dalle amiche che scrivono anche qui, nel mio.

Eccovi dunque i viaggi di Chiara di Notte durante la sua missione saltuaria nel mare del Web, diretta all'esplorazione di nuovi blog, alla ricerca di altre forme di pensiero, fino ad arrivare la' dove nessuna blogger e' mai giunta prima.

E' cosi' che riesco ad individuare delle autentiche perle. Oggi vorrei segnalare il blog di Agnese. Leggetelo attentamente in ogni sua parte, post e commenti compresi (e' abbastanza nuovo e non ci sono molti post, per cui lo farete velocemente) e ditemi cosa ne pensate. Soprattuto vi consiglio di mettere a fuoco quello che scrive Harry Haller, la persona che, anonimamente e disgiuntamente dalla proprietaria del blog (pare), collabora alla stesura di alcuni racconti e piccoli pezzi di poesia. Io trovo il tutto interessantissimo.

79 commenti :

Lorenzo ha detto...

Ti ringrazio per la segnalazione.
Davvero un bel blog. (Come il Tuo,del resto).

p.s.: anch'io a letto ho sempre mentito. L'unico uomo a cui non ho mai mentito sono io.:-)

davide ha detto...

Distinta Chiara,

Qua c'è un sole spendente e le piste da sci sono perfette. Però è vero che questo inverno stenta a lasciarci (io adoro l'estate).

Ho letto il blog che hai segnalato e lo ho trovato molto bello e originale.

Da quando ho conosciuto il tuo blog (più di tre anni fa) sono diventato un assiduo lettore dei medesimi.

All'inizio volevo commentare un po' su tutti i blog che indicavi (che è la cosa più affascinante e interessante dei blog e che li rende unici rispetto agli altri media).

Però per ragione di tempo è inevitabile commentare pochi bolg (nel mio caso solo il tuo e pochissimi altri) e accontentarsi di leggere gli altri.

In ogni caso credo che leggerò regolarmente il blog di Agnese.

Ciao Davide

rossoallosso ha detto...

troppo ermetico per i miei gusti,odio la poesia perche spesso lo trovo un'esercizio mentale fine a se stesso e raramente mi raggiunge.

Nicole ha detto...

Volevo astenermi , ma ho deciso di pronunciarmi.
Conosco uno degli autori. E' innegabile che sappia giocare con le parole.
Una volta però lo comprendevo meglio, ora non più.
Non mi piace assolutamente come blog e per svariati motivi.

Chiara di Notte - Klára ha detto...

@ Lorenzo: Benvenuto. Fantastico il tuo P.S. :-)


@ Davide: Si' gia' lo sapevo che tu leggi volentieri il mio blog. Lo hai ormai scritto molte volte. Sei per caso esperto anche tu di copia incolla? :-)


@ Rossoallosso: Anche io non gradisco molto la poesia improvvisata, quella di chi, avendo si' e no 4 libercoli in croce, inventandosi un'accozzaglia di frasi in cui mescola a caso soggetti, complementi e predicati, e' convinto di avere talento e cerca di vendersi in Internet per poeta. Ovviamente osannato da stupidi commentatori che di poesia ci capiscono ancor meno, ma che scrivono, anche loro, per farsi notare. Pero' questo non e' il caso del blog che ho segnalato.

Chiara di Notte - Klára ha detto...

@ Nicole: Non mi piace assolutamente come blog e per svariati motivi.

Ciao Nicole, conoscendomi un po' sai che non mi interessano i motivi che non ti rendono piacevole un certo blog o un altro. La blogsfera e' davvero un mare buio ed insondabile dove non bastano 3 frasi o tre commenti con scritto "brava", "fantastica", "sei magnifica", per sentirsi veramente apprezzati/e. Ed anche un "vaffanculo" non significa che ci sia antipatia.
A volte ho un po' fastidio a mettere la maschera dell' "anziana" del Web, perche' pare che salga in cattedra a fare la maestrina e per questo motivo tante persone mi detestano. "Chi crede di essere questa qui?", "Ma chi la conosce?", "Ma come si permette di dirci come stanno le cose? Che ne sa lei?"
E' tutto vero. In fondo io non so nulla e dopotutto alla gente non interessa niente se quello che ho imparato scavando la terra con le dita, mi ha insegnato molto sulle patate.
Non so se sia un'allegoria calzante. So che sono una contadina e non una letterata, ma il Web e' un po' come la terra e se si scava nel posto giusto si possono tirar fuori delle buone cose. Pero' si deve sapere come scavare, dove scavare e quando scavar, perche' soprattutto si deve avere la pazienza di attendere il momento giusto. Mentre molte persone non sanno attendere. Devono dire immediatamente quello che pensano perche' in tal modo si sentono sincere... quando spesso sono solo inesperte.

Mi viene in mente mia nonna. Mia nonna era una strana persona. Tzigana pura, qualcuno dice che avesse il potere di leggere quei segni che le persone comuni non sanno leggere, ma io credo che questa conoscenza che aveva della natura e dell'animo umano fosse qualcosa che non aveva niente di magico, ma che derivasse da un talento che la faceva essere qualcosa a meta' fra l'erborista e la psicologa, figura assai comune nelle comunita' tzigane di un tempo.
Comunque, mentre si impegnava a crescermi secondo le tradizioni, mi diceva sempre di osservare come si comportano le persone di fronte ad un fatto inatteso in cui prevalga l'istinto, ad esempio di fronte ad un'aggressione oppure, ancor meglio, di fronte ad una gentilezza disinteressata perche' la reazione indica cio' che davvero sono.
C'e' chi la gentilezza l'accetta e magari ricambia con una ancor piu' grande.
C'e' chi e' diffidente e pensa che quella gentilezza sia finalizzata a qualcosa di maligno.
C'e' chi, distratto, neanche si accorgera' di quella gentilezza.
C'e' chi non capira' assolutamente il motivo della gentilezza.
E altro ancora...
A me piace molto osservare. In Internet pero' l'osservazione non puo' seguire i canoni classici della realta'. Qui sono altri i sensi che si devono usare per capire un briciolo di quella che puo' essere la personalita' di chi ci circonda. Ed a me interessa circondarmi, sia nella vita reale che in questa dimensione virtuale, di chi non abbia dentro malignita', disonesta' intellettuale, scorrettezza, slealta' e tutto cio' che puo', se usato con cattiveria, distruggere quello che si e' costruito. Perche' basta una sola persona cattiva a volte per inficiare tutto il bello che puo' esserci all'interno di una comunita'.
Come mai ho fatto questo discorso?
Boh... non lo ricordo piu', ma mi verra' in mente. :-)
Un bacione.

Nicole ha detto...

C'è anche molto di più se è per questo...
C'è gente che manipola e c'è gente che si lascia manipolare è diventa strumento più o meno inconsapevole di un disegno.
Che dirti...il mondo virtuale non è che una trasposizione di quello reale, con una chance all'inizio in più...quella di poter mascherarsi, ma non dura a lungo.

Kameo ha detto...

Mi fido del tuo istinto di "cacciatrice nel web", solitamente hai fiuto per le persone :-)
Ad una prima occhiata sembra un blog interessante; lo seguirò in punta di piedi perchè ho avuto l'impressione di entrare nell'intimità di una coppia ... o forse sbaglio.

P.S. ti assicuro che non sono parente del sig. Haller, magari solo alla lontana ;-)

Chiara di Notte - Klára ha detto...

@ Nicole: C'è gente che manipola e c'è gente che si lascia manipolare è diventa strumento più o meno inconsapevole di un disegno.

Per mia esperienza, chi manipola e' di solito femmina e chi e' manipolato e' maschio. Dimmi se sbaglio.


@ Kameo: Mi fido del tuo istinto di "cacciatrice nel web", solitamente hai fiuto per le persone

Ho fiuto per "determinate" persone, che e' cosa diversa. :-)
Tu un po' mi conosci e sai leggere fra le righe, cara amica.

Nicole ha detto...

E' nella natura delle donne manipolare, in modo più o meno conscio o inconscio...poi ci sono uomini che si lasciano manipolare consapevolmente; vuoi per amore, vuoi per convenienza, gioco etc etc (ma sono rarissimi)E infine ci sono uomini che si fanno manipolare a 360° e sono tanti. Avviene nel reale come nel virtuale. Di recente ho avuto conferma e delusione di molti. Ma a pensarci bene non c'è da stupirsene.

Alessandro ha detto...

Ah ah ah...

Chiara di Notte - Klára ha detto...

Anche Alessandro sa leggere fra le righe. :-))

Chiara di Notte - Klára ha detto...

@ Nicole: Io credo che chi vuol manipolare, ma senza farsene accorgere, prima o poi incontri lungo la sua strada chi ne sa piu' di lui (o di lei in molti casi). Il Web e' una giungla in cui ciascuno e' spesso convinto di essere il piu' forte. Si convince da se', non ha bisogno di imparare niente, basta che abbia in mano un mouse. E quando qualcuno gli istilla dei dubbi, spegne facilmente qualsiasi voce che contraddice la sua convinzione.
Spero non ti offenda se dico che questo e' un fatto tipicamente italiano. Infatti, la percentuale di persone che si credono chissacchi' nei forum e nei blog italiani raggiunge livelli che altrove non sono neppure immaginabili: un esercito di bimbiminkia convinti di sapere tutto, di essere tutto, di poter fare tutto solo perche' dietro allo schermo sono al sicuro da ogni verifica e possono raccontare al mondo cio' che in quel momento vogliono.
Ti dico questo perche' proprio ieri discutevo sulla diversita' incredibile d'atteggiamento che si trova, ad esempio, frequentando blog e forum che sono frequentati da non italiani. Ti stupiresti, fidati, non e' un discorso razzista. Semplicemente c'e' da rilevare l'arretratezza culturale nei confronti di Internet e di tutte le relazioni sociali ad esso collegate che c'e' da parte della grande utenza italiana rispetto a quella di paesi in cui il virtuale e' stato da molto piu' tempo metabolizzato ed eticamente (anche) regolato.
Quindi, mentre su un forum (o blog) ad esempio canadese troveresti la maggior parte della gente pronta ad aiutarti e pronta a ripeterti da capo i concetti se non li hai compresi, senza darti dell'idiota e senza che nessuno marchi il territorio, su un forum (o blog) italiano troverai piu' o meno sempre lo stesso tipo di atteggiamento: persone tutte antagoniste che piu' che scambiare informazioni o eesperienze fanno di tutto per essere capibranco, spesso piene di boria e strafottenza e convinte di sapere tutto. Quando in realta' non sanno niente.
Perche' chi sa veramente non lo fa quasi mai pesare.
Io credo che il relazionare nelle comunita' virtuali esiga una certa esperienza, come in ogni cosa. Per tutto occorre esperienza, dalla piu' complicata alla piu' semplice. Per costruire un ponte oppure per fare la maglia... occorre sapere come si fa.
Anche per manipolare, come per copiare, e molte altre cose (mi azzarderei a dire anche per scopare, ma so che alcuni su questo punto sono molto suscettibili) si deve sapere come si fa.
E soprattutto, per quanto se ne sappia, si deve sempre considerare che c'e' sempre qualcuno che ne sa piu' di noi e non si finisce mai d'imparare.

Nicole ha detto...

@Chiara
forse ti stupirai, ma stavolta non ho niente da ridire, hai pienamente ragione.
Internet in Italia è concepito malissimo. Per alcuni è vissuto come un male assoluto, (Sodoma e Gomorra). Non hanno idea di che cavolo sia, non sanno neanche accenderlo un pc e pensano di contaminarsi solo a sfiorarlo. Altri ne sono disinteressati e sono affar loro giustamente. Poi c'è chi lo usa sentendosi Onnipotente e creandosi nuove e caleodoscopiche identità,che userà per abbindolare il suo prossimo.
Di volta in volta, sarà la fatalona, la poetessa, lo scrittore dannato e incompreso, l'affabulatore di cause perse, il consigliere, lo psicologo, l'ammmmica, l'ammmmore, cazzi e mazzi.
Saranno i primi a giudicare l'operato altrui, saranno lì a insegnarti la vita e la via. Usano il mezzo per sentirsi importanti...Molti di loro hanno a casa streghe che li azzerbinano e in rete si trasformano in masculazzi, o invece sono donne che cercano di manipolare qualche pollo o polla per avere una ragione in essere.
e poi ci sono i maniaci, i porci...le zoccole ma di quelle vere. Quelle che non dicono parolacce, hanno la vocina dolce dolce , scrivono mestamente, non 'alzano' la voce , mai una parola e un capello fuoriposto. Giudicano le altre, se metti una foto scinta ti tacciono di primadonna, puttana e tanto altro. Sono le stesse che però, pur non avendo meriti particolari o bellezze straripanti, ti portano via marito, compagno o fidanzato. Io le chiamo Vergini Cucce (Parini docet).
Per farla breve... in Italia, Internet non è un mezzo per conoscere, studiare, ampliare e scambiare o riceve informazioni...ma una portineria di sfigati e frustrati. Un dei tanti mezzi socialmente 'inutili'.

Ma come infine dici tu, tutte le rappresentazioni hanno un inizio e una fine.C'è sempre qualcuno/a non disposto ad essere spettatore passivo di operette da quattro soldi.

Nicole ha detto...

@Chiara
avevo dimenticato la competizione...
Una gara per vincere cosa e chi? e perché? Non mi sono mai iscritta a nessuna gara...e tu?

Eppure in molti si sentono in gara...gare solitarie però.

Neelps ha detto...

@Chiara

Quindi, mentre su un forum (o blog) ad esempio canadese troveresti la maggior parte della gente pronta ad aiutarti e pronta a ripeterti da capo i concetti se non li hai compresi, senza darti dell'idiota


Ma vala'

RTFM!

:)

Chiara di Notte - Klára ha detto...

@ Nicole: le zoccole ma di quelle vere

Ecco... questa sono io. :-)

Eppure in molti si sentono in gara...gare solitarie però.

Vero, pare che esita un torneo perenne. Ma, almeno si vince qualcosa? :-)



@ Neelps: Ma vala'

RTFM!


Ehm... e' la mia parte italiana... :-)

Nicole ha detto...

Ah...ovviamente sto generalizzando. C'è una parte di utenza ancora pochi in verità, che usa Internet come 'realmente' dovrebbe essere.

Chiara di Notte - Klára ha detto...

@ Nicole: C'è una parte di utenza ancora pochi in verità, che usa Internet come 'realmente' dovrebbe essere.

Non esiste l'assoluto. Esiste pero' una maggiore "propensione", oppure un'usanza diffusa se non addirittura un comune modo di fare che diventa "sistematico".
In Italia e' diverso da quello di ogni altra parte del mondo persino riguardo all'uso del telefonino, figuriamoci per quanto riguarda Internet. A proposito (e vado un attimo OT), le pubblicita' sulle suonerie a pagamento esistono solo in Italia, e per essere in tema con cio che sta accadendo in questi giorni, posso affermare: "Neppure nello Zimbawe". Lo dico con cognizione di causa perche' sono solita guardare le TV di molti paesi dell'Est dove esiste di tutto fuorche' le suonerie dei gattini virgola ed affini.
Internet e' in definitiva un ambiente in cui la cultura e gli atteggiamenti comuni di un popolo non possono essere celati, anzi certe peculiarita' emergono evidenti con tutta la loro forza.
Se solo navigassi fuori dalla ristretta cerchia dei blog italiani ti accorgeresti che il mondo (fuori) e' completamente diverso. E qui ci starebbe pure un bel discorso politico che evito solo perche' altrimenti Davide inizia con uno dei suoi soliti panegirici "alloristici". :-)

Nicole ha detto...

Purtroppo sono limitata dalla mia non conoscenza delle lingue.Parlo e comprendo discretamente solo il francese, l'inglese lo 'mastico' da quando sono in rete, ma sono scarsissima.
Ma ho amici italiani che mi confermano il tuo ragionamento. Qui si perde occasione di scambio discussioni, pareri e conoscenze.Ognuno è padrone di verità assolute. Mi sto cominciando a rompere francamente...Oggi ho letto su un blog l'ennessima lezioncella di vita. Tutti Santi/e poeti e navigatori...ecchepalle!

Chiara di Notte - Klára ha detto...

Tutti Santi/e poeti e navigatori...ecchepalle!

Eheheheh! Ottima sintesi. :-))
Fra l'altro qui e' ancora brutto tempo e freddo, per cui anche oggi mi rilassero' davanti al PC. Dialogare con te sara' quindi un piacere.

Allora, regoline semplici semplici per capire qualcosa (poco, non molto) di chi si ha di fronte in Internet: prendere cio' che viene detto, dividerlo a meta', poi ancora a meta' e togliere il 50%.
Inoltre, di solito, le cose stanno all'opposto di quello che viene dichiarato: ad esempio chi si dichiara benestante, colto e felice e' normalmente un povero sfigato, insoddisfatto della sua vita che probabilmente a scuola non e' arrivato neppure alla maturita'.
A maggior ragione gli "intenditori", di vini, di fotografia, di arte, di qualsiasi cosa compresa la gnocca, in realta' capiscono zero di tutto.
Sai Nicole, chi dice di "sapere" in fondo non sa una beata fava, chi dice di "essere" di solito lo dice perche' sente di non essere nessuno, chi dice di avere e' perche' vorrebbe ma non puo'.
Questa regola e' valida con una percentuale molto alta in Italia, ed i motivi sono molteplici. Uno fra tutti il decadimento repentino della qualita' della vita e della cultura che singolarmente le persone fanno fatica a metabolizzare e ad accettare.

davide ha detto...

Distinta Chiara,

""E qui ci starebbe pure un bel discorso politico che evito solo perche' altrimenti Davide inizia con uno dei suoi soliti panegirici "alloristici". :-)""

Alloristici? Lo sai benissimo che sono dell'opinione che noi italiani siamo tutti sporchi, brutti e cattivi (tranne il sire Silvio naturalmente).

Comunque qui, in questo momento, c'è un sole stupendo e non sto millantando (vieni a farti una sciata).

Ciao Davide

Chiara di Notte - Klára ha detto...

Comunque qui, in questo momento, c'è un sole stupendo e non sto millantando (vieni a farti una sciata).


Beato te! Qui invece e' tempo ancora da neve.
Si scia anche da queste parti, sai? Certo non ci sono posti belli come sulle Alpi, ma comunque non ci manca la neve. Se mai ci manca il sole, adesso. :-)

Senti, non c'entra nulla, ma secondo te perche' Agnese, la proprietaria del blog che ho segnalato, nel suo ultimo post mi ha risposto in quel modo cosi' piccato?
Ci capisci qualcosa?

Nicole ha detto...

Sai, in molti blog, non vado neanche più...quindi prevedo un calo delle visite da me, e francamente me ne frego. Non voglio una succursale della realtà...Mi basta e avanza.Mi scrive gente, che legge il blog in silenzio e non ti nascondo che mi fà immensamente piacere e non pretendo mi commentino. Non sono nemmeno loggati.
Dietro lo schermo ci sono persone, con pregi e difetti. Come me, come tutti. Anche io romanzo alcune volte, anche io ho una componente narcisistica...ma non l'ho mai nascosto. Ma non mi invento cose che non esistono o che non ho mai fatto o faccio. Se dico che sono uscita è vero, se scrivo, che sto a casa è cosi. E poi cara Chiara se proprio ci si deve inventare palle, bisogna prima sapersele raccontare e poi raccontarle eventualmente...Se scrivo ad esempio, che trascorrerò una serata all'insegna della MOVIDA, non posso poi liberare i commenti in moderazione ogni due secondi, non ti pare? A meno che, non paghi qualcuno per farlo...E se dopo una notte di bagordi, sono già sveglia di primo mattina a liberare altri commenti...probabilmente a letto non sono mai andata o no?
Questo è solo uno dei piccoli insignificanti esempi di balle da blogosfera.

E poi ci sono quelle/i che scrivono di sentirsi non compresi capiti, che il mondo è una merda...Tu gli manifesti comprensione e loro che fanno? O cancellano il commento o non ti cagano. Gli stavi per rovinare il festival del pietismo.

Vogliamo poi parlare di chi critica le foto di nudi, gli 'ammiccamenti' e gli argomenti un po' piccanti? Mentre lo fà lascia intendere, di avere un bel seno, un bel culo e stuole di ammiratori motorizzati e non alle calcagna. Ovviamente lascia cadere la cosa casualmente...con nonchalance.

Poi ci sono i blog 'elitari'...frustrate e frustrati che giocano a fare gli impegnati. Radical chic...minchiachic...e via dicendo. E mi duole dirlo, ma sono tutti di sinistra.

Devo continuare? Non vorrei annoiarti o peggio annoiare chi ti legge.

davide ha detto...

Distinta Chiara,

"Senti, non c'entra nulla, ma secondo te perche' Agnese, la proprietaria del blog che ho segnalato, nel suo ultimo post mi ha risposto in quel modo cosi' piccato?
Ci capisci qualcosa?"

Effettivamente è strana la reazione di Agnese.

Forse è rimasta "scotta" con alcune esperienze di devirtualizzazione e magari crede che la tua sia un'abile trovata per spingerla a devirtualizzarsi.

Comunque non capisco perchè dica che non può controbattere sul tuo blog. Se vuole postare un commento sono certa che non la censuri.

Ciao Davide

Chiara di Notte - Klára ha detto...

Devo continuare? Non vorrei annoiarti o peggio annoiare chi ti legge.

Si', ti prego. Mi terrai compagnia in questa giornata in cui il tempo fuori non mi consente neppure la consueta passeggiatina breve in riva al fiume.
Quindi liberero' i commenti appena mi arriveranno o poco dopo.
La mia non e' una vita molto interessante ed i miei impegni sono quasi tutti dentro casa. Per questo invidio molto chi ha vite "spericolate" e da film. :-)
Su questo punto siamo in sintonia, sai? Vedo che e' comune sensibilita' di poche persone accorgersi di certi dettagli che, anche se sono palesi, a molti sfuggono.
Hai notato che quasi tutte le donne che scrivono in Internet (a parte quelle simpaticissime che non esitano a mettersi in gioco per cio' che sono e che io ammiro), sono tutte strafighe incomprese?
Nessuna ha la cellulite, i brufoli, i capelli che quel giorno non cadono giusti... sono tutte splendide... pero' i loro cuoricini sanguinano perche' non riescono a trovare qualcuno di adeguato a loro... povere! :-(
Poi ci sono gli uomini, colti, intelligenti, con esperienze forti alle spalle, avventurosi e bei tenebrosi che ovviamente non si accontentano delle semplici ragazze che vedono per strada e ricercano la rarita': la porcella disinibita, strafiga, super arguta ed ironica che, se esistesse, sarebbe gia' stata presa 1000 volte. Oppure e' lesbica.
Poi esci per il mondo e cosa vedi?
Vedi l'umanita' vera. Quella di tutti i giorni. E tu sai, come me, qual e'. :-)

Allora ti chiedi: "Ma cavolo, ma dove stanno allora tutti i supereroi e le supereroine del Web?"

Te lo dico io Nicole: quando non sono in giro per il mondo ad esplorare l'Antartide, a scalare l'Everest, a combattere qualche guerra mercenaria in Africa oppure in orbita intorno a Marte, stanno tutti chiusi in palestra a farsi belli, oppure nelle biblioteche a studiare e ad accrescere la loro immensa cultura...
Per questo non li incontri fuori. E ti devi accontentare di quello che passa il convento, ahime'. :-(


@ Davide: Comunque non capisco perchè dica che non può controbattere sul tuo blog. Se vuole postare un commento sono certa che non la censuri.

Ha detto che non puo' controbattere? E perche'?
Io non ho avuto suoi commenti, finora, e se li ricevessi non li censurerei di certo. Non censuro piu' neppure Luciano61 e questo indica come sono liberale e democratica.
Ovvio, censurerei i commenti oltraggiosi, quelli fatti di insulti, ma se ha qualcosa da esprimere anche discorde da cio' che penso, non vedo il motivo di censurare.
E' strana la gente.... o forse c'e' altro. Boh!

Agnese ha detto...

CHE IPOCRITA CHIARA!
TI HO FATTO DELLE DOMANDE NEL MIO BLOG, E TU VEDO CHE PREFERISCI FARE UNO SHOW NEL TUO!
IO NON VOGLIO LEGGERE QUI PERCHè NON MI INTERESSA!
HAI GIA' LINKATO IL MIO BLOG SENZA ASPETTARE UNA MIA RISPOSTA DA PARTE MIA O DI HARRY!
A ME NON SERVE PUBBLICITA'!
COME TI HO GIA' RIPETUTO LA CORSA AI VISITATORI O AI COMMENTI NON MI SERVE!
NON FARMI SEGNALARE IL TUO BLOG, MI SEMBRA DI CATTIVO GUSTO, NON CREDI!?
STATE PARLANDO DI PERSONE CHE NON LEGGONO ABITUALMENTE QUESTO BLOG E CHE SONO PASSATE ECLUSIVAMENTE PERCHE' STAI PARLANDO DI NOI!
DETTO QUESTO, O RISPONDI E CHIEDI QUELLO CHE HAI DA CHIEDERE NEL MIO BLOG O LA SMETTI DI PARLARE DI PERSONE CHE NON CONOSCI E CHE NON HANNO NULLA DA DIRTI!
SAI RISPETTARE LE PERSONE O PER TE IL CONCETTO DI RISPETTO E' OBSOLETO?!
COSI' E' CHIARO O NO?

GRAZIE :)

davide ha detto...

Distinta Chiara,

"Ha detto che non puo' controbattere? E perche'?"

A dire il vero ha detto che lei sul tuo blog non c'è: forse lei commenta solo sul suo blog.

Comunque ho riletto quello che ha scritto e credo che si sia fatta un'idea sbagliata sul tuo conto.

Ciao Davide

Chiara di Notte - Klára ha detto...

@ Agnese: CHE IPOCRITA CHIARA!
TI HO FATTO DELLE DOMANDE NEL MIO BLOG, E TU VEDO CHE PREFERISCI FARE UNO SHOW NEL TUO!


Ehi!!!
Che impeto!!!
Lasciami almeno il tempo di prepararmi un the.
E' vero che non ho un cavolo da fare, ma pretendere che io sia costantemente fissa davanti al PC mi pare un po' troppo.
A volte vado anche in bagno, sai? :-)
Nessuno ti obbliga a leggere qui, ma sinceramente mi stupisco della reazione inconsulta, e per di piu' scritta in maiuscolo. Pare che ti abbia diffamata segnalando il tuo blog...
O forse non vuoi che venga segnalato perche' ci hai scritto cose che non vuoi che vengano lette?
Se e' cosi' basta cancellarle, oppure chiudere il blog al pubblico.
Sai che sei particolarmente interessante come personalita'? Con questo tuo messaggio dici molte piu' cose di quante tu ne esprima nel tuo diario.
Cerca di rilassarti dai... anche io lo faro'.
Posso offrirti un the? :-)

marco ha detto...

Poi ci sono gli uomini, colti, intelligenti, con esperienze forti alle spalle, avventurosi e bei tenebrosi

Chi mi ha chiamato?

:-)

Internet la uso da un po' di tempo ma la parte sociale l'ho veramente scoperta solo da poco, e anche per caso.
E' più emotivamente coinvolgente di quello che credevo. Ed è quello che mi fa paura, che mi tiene sempre pronto alla fuga.

Leggo di competitività, invidia...Sì, è meglio essere cagati, fa piacere, non c'è dubbio. Ma vivo in una giornata che, virtuale o no, dura 24 ore. Mica si può leggere tutto di tutti. Ciascuno ha le sue preferenze poi.

Se dovessi stancarmi non cancellerei neanche quello che ho scritto, smetterei di scrivere, punto. Se è solo per passare il tempo mi rimetto a giocare a pacman (mai giocato a pacman).

Ah, bel tenebroso me l'hanno detto veramente.
Ho risposto sgrunf.

Chiara di Notte - Klára ha detto...

Caro Marco, posso vantarmi di poche cose, ma di sicuro, per quanto riguarda questo diario, con il tempo e' avvenuta una selezione quasi naturale che mi porta ad essere piacevolmente sorpresa di quanto siano interessanti le persone che, come te, sono rimaste ed intervengono in modo ironico.
Non e' da tutti mantenere questa ironia (ed autoironia) in un mondo che sempre piu' assomiglia ad una giungla dove ciascuno/a lotta per il suo cagosissimo pezzetto di spazio web perche' paranoicamente teme che qualcuno glielo sottragga. :-)
Comunque, le missioni di Chiara di Notte alla scoperta di nuovi mondi e nuove forme di pensiero, laddove nessuna blogger e' mai giunta prima proseguiranno. E' quasi un'aberrazione "didattica" la mia. Forse qualcosa che ho subito da bambina, non so so, un trauma, ma non riesco a concepire un mondo in cui le regole siano eluse e tutti quanti si ritengano furbi e padroni di ogni cosa. Anche di cio' che non appartiene a loro. Per questo mi piace pensare che almeno in Internet possa esistere un'etica ed una netiquette che corrisponda un po' a quell'utopia che io tanto amo.
Posso offrire un the anche a te? :-)

Neelps ha detto...

@Chiara/@Nicole/@Agnese a proposito di blogs:

Poi ci sono i blog 'elitari'...
Devo continuare?


Certo che a leggervi mi e' venuta la pelle d'oca ;) dopo questa classificazione senza pieta' dei blogger mi sono intimorito.
Anzi adesso mi sento del tutto inibito, mi sento sotto giudizio, panico!! aiutooo!!!!

Poi dopo l'intervento dell'Agnese urlatrice, ho preso anche paura :)
Un blog e' un blog, voglio dire, rilassiamoci tutti quanti e che sara' mai !!! ;)))

pace e amore, non odiatemi :-P
neelps

Chiara di Notte - Klára ha detto...

@ Neelps: Non dici male: rilassiamoci. E cosa ci sara' di male se un blog viene segnalato all'attenzione del pubblico della blogsfera? Si chiama "blogsfera" per una qualche ragione o no? Se il blog e' pubblico e' chiaro che prima o poi qualcuno lo indichi come qualcosa da leggere oppure da non leggere. Non lo ordina il medico di aprire un blog, e se lo si fa rendendolo pubblico, allora si deve anche accettare che ci sia chi lo elogia e chi lo critica. Altrimenti significa non aver capito una beata fava non solo di Internet, ma neppure della vita.
E chi se ne frega se chi e' nominato non vuole pubblicita? Se non la vuole si tolga da li'. Non capisco dove stia il problema.
Qui pare che a nessuno interessi essere letto, a nessuno interessi avere pubblicita', a nessuno interessi cio' che pensano gli altri. Sono tutti se stessi, unici, perfetti incontrovertibili.
Cazzo!
Ma un po' di umilta' no, eh?
Non fa parte del lessico la parola "umilta'"...
Ripeto: e' un fatto legato soprattutto all'Italia. Odiatemi se ribadisco questo, ma e' cosi'.

gullich ha detto...

più leggo (ehm, leggere è troppo forse pretenzioso... diciamo sbircio, perchè non ho tempo per leggere davvero... tutto) e più rimango stupito...

Ascrivo a Chiara molta della mia crescita nel web, perchè mi ci sono avvicinato da tonto e inesperto. In anni lontani Chiara mi ha dato qualche dritta per leggere fra gli elettroni.

Ogni tanto si incrocia qualcuno di piacevole, nè più ne meno che sull'autobus. Capita di fare qualche chiacchiera piacevole, di intrabbedere qualche bella testa e qualche bella sensibilità non ostentata ma piacevolmente intrecciate alle righe scritte.

questo è l'unico blog che seguo continuativamente e dove ogni tanto scrivo qualche minchiata sperando che qualche lettrice un pò gnocca intravveda la mia vita di supereroe fra le righe... senza tuttavia per ora aver avuto un gran successo :o)

Ciò che però ho imparato e sto imparando con lo scorrere del tempo e dell'età è la calma e la capacità di discernere al volo...(e questo più nella vita che nell'etere, ma magari alla fine le due cose si toccano).
Insomma, al volo... ogni tanto mi scontro frontalmente con qualcuno (tipo nicole :o), ogni tanto prendo solenni cantonate anche nel reale, ma rispetto ad anni fa ho radicalemnte accorciato il tempo necessario a visualizare con chi (per me, in soggettivo, ovviamente) vale la pena interagire o meno...

La vecchiaia è un mirabolante accentuatore di sensibilità e percezioni :o)))

Ciò che invece continua a farmi sorridere è chi si sente vate, chi parla su un blog come se fosse dio. VE lo immaginate uno sull'autobus di prima che si fa chiamare come il protagonista del lupo della steppa di Hesse e declama verità assolute dal finestrino con un linguaggio e una spocchia da scrittore di fama in vacanza a cortina...?

beh, io che - nel web - mi sento perennemente alla fermata dell'autobus mi scompiscerei dallle risate.

TRovo che il virtuale, con la possibilità per ognuno di lanciare nell'etere sillabe (in sè un bene) induca molte persone a parlarsi addosso ed a prendersi terribilmente sul serio sentendosi un pò aldrin sulla luna solo perchè han calpestato il sasso dietro casa.

Meno male che ci son quelli che stanno alla fermata. e meno male che ci sono gli autobus reali, dove scambiare due chiacchiere ridendo...

vabbeh, ho avuto un sabato difficile, perdonatemi :o)

Un saluto a chiara, nicole, eva.... (non in ordine di grado) :D

wgul

Nicole ha detto...

Eccomi!
Tre commenti di tre uomini: Marco, Neelps, Gullich molto garbati e anche divertenti.
Lo vedi Chiara che gli uomini alle volte sanno smussare gli angoli?;)

Comunque non voglio volutamente entrare tra Chiara e il blog in questione.Il mio discorso era riferito a largo spettro, tipo certi antibiotici.

Agli uomini alcune sfumature non arrivano e non per mancanza di intelligenza (e lo penso davvero). Noi donne siamo più malignette, ma anche più 'sensitive' su determinati argomenti e questioni.
Non sopporto la prevaricazione, ma sopra ogni cosa la competizione malevole. Questo sentirsi perennemente in gara, lo sgomitare o infilare un dito nell'occhio del vicino.
Non sono competitiva...ma se messa alle strette mi scateno.E so giocare sporco anche io, ma pure su Internet? Con Gullich come lui accenna ho avuto un 'attacco', ma gli ho chiesto scusa per i toni usati. Se sbaglio non mi vergogno ad ammetterlo e chiedere scusa.
E invece 'qui' trovo una superbia senza pari.

Cara Chiara tu dici che è un fenomeno tutto italiano...Non so risponderti, ho viaggiato, ma non abbastanza per dirti se sia così o meno. Ho imparato qualcosa dalle letture , dal cinema (sono una cinefila accanita) e da alcune frequentazioni.
E quindi credo di poterti dire che certa spocchia si trova soprattutto in alcuni ambienti di sinistra e soprattutto tra gli arricchiti ( Le nouveau richie),ma anche in ambienti elitari, dove viene solo meglio mascherata da falsi sorrisi e non è solo un fenomeno italiano, ma anche Francese e americano.
A destra trovi moltissimi nouveau richie, ma sostituiscono la superbia con la prepotenza e l'arroganza.
Ad ogni modo non mi interessa cosa facciano gli altri, mi spiace solo dover fare polemica con alcune persone. E quando la polemica è sterile, non porta da nessuna parte.

Neelps ha detto...

@Chiara
blah blah...

Si vabe, cmq, mi stai sul cazzo!
Hai offerto il the a tutti tranne che a me! :-/


:)

davide ha detto...

Cara amica Nicole,

"E quindi credo di poterti dire che certa spocchia si trova soprattutto in alcuni ambienti di sinistra e soprattutto tra gli arricchiti ( Le nouveau richie),ma anche in ambienti elitari, dove viene solo meglio mascherata da falsi sorrisi e non è solo un fenomeno italiano, ma anche Francese e americano.
A destra trovi moltissimi nouveau richie, ma sostituiscono la superbia con la prepotenza e l'arroganza."

Condivido quanto hai detto sui vizi di destra e sinistra.

Personalmente la sinistra italiana mi è sempre apparsa come una vecchia maestra superba che pensa che tutti gli altri sono dei scolaretti ritardati che non capiscono niente.

Ciao Davide

Chiara di Notte - Klára ha detto...

@ Gullich: Ciò che invece continua a farmi sorridere è chi si sente vate, chi parla su un blog come se fosse dio

Dio con il Ctrl+C e Ctrl+V
Questa mi mancava! :-))



@ Nicole: Lo vedi Chiara che gli uomini alle volte sanno smussare gli angoli?

Vuoi vedere che alla fine, dai e dai, mi convinci all'eterosessualita' completa? :-))



@ Neelps: Hai offerto il the a tutti tranne che a me!

Oooops! Era finito!
Ne preparo un altro, ok? :-)



@ Davide: Personalmente la sinistra italiana mi è sempre apparsa come una vecchia maestra superba che pensa che tutti gli altri sono dei scolaretti ritardati che non capiscono niente.

Non entro nell'aspetto "politico" (hai voluto forse dire che anche io mi comporterei allo stesso modo?). Comunque, puo' darsi che tu e Nicole abbiate ragione, non so. Di sicuro posso dirti che si tratta soprattutto di un atteggiamento italiano.

gullich ha detto...

@chiara "Dio con il Ctrl+C e Ctrl+V"

non comprendo, uso mac :D

Chiara di Notte - Klára ha detto...

@ Gullich: non comprendo, uso mac

Ah beh... allora...

Mela+c
Mela+v

:-)


A proposito, so che non te ne frega nulla, ma colei che secondo Davide si lamentava di non poter intervenire qui e che era ingiusto che si parlasse di lei fuori dal suo blog, in realta', se adesso le scrivo un commento, lo censura.
Certe persone sono fantastiche. Vogliono dare di se' un'immagine fatta di onesta' e correttezza e poi cadono miseramente su questi stupidi ostacoli dove solo chi e' nevrotico cade.
E poi, se credono che censurando i commenti certe cose non si vengano a sapere, sono pure ingenue. :-)

Agnese ha detto...

non mi sei simpatica!
forse così lo capisci!
;)
e stai continuando a parlare di me!
[chiaramente io vengo a controllare visto che continui a farlo ;)]
buona vita!
ora se per favore vuoi cambiare argomento :)
p.s. non ho nulla da nascondere, infatti il mio blog è aperto a tutti!
vedo che continui ad avermi tra i blog che "segui" e non capisco davvero il perchè!!!
addio ;)

Agnese ha detto...

lo sai che calunniare è reato no?
"Certe persone sono fantastiche. Vogliono dare di se' un'immagine fatta di onesta' e correttezza e poi cadono miseramente su questi stupidi ostacoli dove solo chi e' nevrotico cade.
E poi, se credono che censurando i commenti certe cose non si vengano a sapere, sono pure ingenue. :-)"

;)

la Volpe ha detto...

Ciao Chiara,

vado decisamente off-topic e ritorno su una promessa che ti feci, se non erro, esattamente una settimana fa, l'8 marzo. Il pezzo dell'Economist su quello che viene ormai chiamato con un neologismo "gendercide" (la strage di bambine appena nate e gli aborti selettivi durante il parto) è ora accessibile al pubblico e ti invito a leggerlo qui:

http://www.economist.com/opinion/displaystory.cfm?story_id=15606229

Buone cose

Chiara di Notte - Klára ha detto...

Agnese ha detto...
non mi sei simpatica!
forse così lo capisci!


Ma dai...
Non ti sono simpatica...
E perche'?
Ti ho fatto qualcosa?
Ma se sono buonissima... ed anche molto divertente, sai?
Ma siccome cerco sempre un modo perche' le persone si accorgano dei loro piccoli errori, a volte mi comporto un po' da Grillo Parlante ed io so bene (ahime') la fine che di solito fa il povero Grillo.
Gradisci un'altra tazza di the? :-)

ora se per favore vuoi cambiare argomento

Ohibo'... perche' dovrei?
Vuoi anche indicarmi tu di cosa devo parlare nel mio blog?
Non ti pare una pretesa... come dire... un po' presuntuosa?
Di solito chi ha un blog parla di cio' che ritiene sia interessante, ed il tuo diario pieno di belle poesie e di racconti originali, lo e'. :-)
E poi, sono cosi' interessata alla splendida vita che descrivi che un po' (lo confesso) sono invidiosa... essi' :-(
Mi perdoni?
Pero' se vogliamo parlare di altro, sono ben disposta, sai?
Per esempio, sai come e' chiamata in Internet la gente che crea sciami di nick e blog diversi recitando sempre una parte diversa e proponendosi sempre con una maschera diversa?
Forse non lo sai. Sarebbe un bell'argomento di conversazione, non credi? :-)


vedo che continui ad avermi tra i blog che "segui" e non capisco davvero il perchè!!!

Te l'ho detto. Perche' mi piace il modo che hai di scrivere. Posso?
Semplicemente leggo le belle poesie ed i racconti originali nel tuo blog e mi sento bene. Capisci?
Leggere e' un reato? Ti senti molestata perche' leggo?
Oppure ti senti molestata perche' qui discuto del tuo bellisssimo blog con poesie e racconti originali?
Se e' cosi' allora anche tu molesti il regista del film di cui fai la recensione?
Suvvia, non essere sciocchina. :-)
C'e' ancora del the rimasto... ne vuoi un altro po'? :-)

lo sai che calunniare è reato no?

Beh, se tu credi di essere stata calunniata da qualcuno, allora denuncia questa persona.
Sta di fatto che io ieri ho inviato un commento in un blog che non e' stato pubblicato.
Ma questo tu lo sai. :-)

Dolcissima, piccola Agnese, mi trovi nei giorni in cui la mia anima esulta di felicita', per cui non potrei mai farti qualcosa di male. Non ne avrei motivo, quindi non temere, nessuno invadera' il tuo prezioso spazio web. Resterai sempre la regina incontrastata. Pero' non potrai impedire, ne' a me ne' a nessun altro/a, fino a quando avrai un blog pubblico che tutti potranno leggere, di elogiarti o di criticarti ogni qual volta ne avremo voglia. Adesso, torna alla tua splendida vita fatta di tante belle cose e rilassati. Se sei nervosa ti consiglio un po' di Valium, ma senza esagerare, ok? :-)

Agnese ha detto...

SI'!
TI HO SEGNALATA: SAI LA VOCE "SEGNALA UNA VIOLAZIONE"?
QUESTO E' STALKING!
QUESTO SI' CHE LO E'!
BUONA FORTUNA!
STAI PARLANDO DI ME E IO NON LO VOGLIO! IL BLOG E' TUO MA NON PUOI PARLARE DI ME SE NON E' COSA GRADITA!
TU NON SEI ASSOLUTAMENTE MIA AMICA, QUINDI NON HAI IL PERMESSO!
STAI CERCANDO DI FAR CAPIRE CHE IO NASCONDA QUALCOSA E QUESTA E' DIFFAMAZIONE!
L'IRONIA E LA SIMPATIA SONO LONTANISSIME DA TE!
INOLTRE IO NON TI HO MAI VIETATO DI LEGGERE O COMMENTARE SUL NOSTRO BLOG!
TI VIETO CATEGORICAMENTE DI SCRIVERE COSE FALSE E TENDENZIOSE SU DI ME NEL TUO BLOG!
ORA SE NON TI DISPIACE, SMETTILA!
NON FARMI SEGNALARE ANCHE ALTROVE IL TUO COMPORTAMENTO!

Chiara di Notte - Klára ha detto...

SI'!
TI HO SEGNALATA: SAI LA VOCE "SEGNALA UNA VIOLAZIONE"?
QUESTO E' STALKING!
QUESTO SI' CHE LO E'!
BUONA FORTUNA!
STAI PARLANDO DI ME E IO NON LO VOGLIO! IL BLOG E' TUO MA NON PUOI PARLARE DI ME SE NON E' COSA GRADITA!
TU NON SEI ASSOLUTAMENTE MIA AMICA, QUINDI NON HAI IL PERMESSO!
STAI CERCANDO DI FAR CAPIRE CHE IO NASCONDA QUALCOSA E QUESTA E' DIFFAMAZIONE!
L'IRONIA E LA SIMPATIA SONO LONTANISSIME DA TE!
INOLTRE IO NON TI HO MAI VIETATO DI LEGGERE O COMMENTARE SUL NOSTRO BLOG!
TI VIETO CATEGORICAMENTE DI SCRIVERE COSE FALSE E TENDENZIOSE SU DI ME NEL TUO BLOG!
ORA SE NON TI DISPIACE, SMETTILA!
NON FARMI SEGNALARE ANCHE ALTROVE IL TUO COMPORTAMENTO!


Lo riporto per intero prima che tu lo cancelli. Non si sa mai.

Allora... Agnese: lo stalking e' un reato odioso. Io stessa non lo sopporto e lo combatto. Pero' ci sarebbe se io venissi sul tuo blog a scrivere ripetutamente come stai facendo tu con me. Ma io neanche commento piu' sul tuo blog da quando mi censuri. Per cui dov'e' lo stalking?
E poi ricevi per caso telefonate o email da me? Non ti conosco neppure.
Suvvia, rilassati... non hai preso le gocce, vero?
Ti avevo consigliato il Valium ma tu non mi hai voluto ascoltare. :-)
Comunque segnalarmi e' un tuo diritto. Ti faccio presente pero' che sono ben conosciuta del gruppo di supporto di Google (quello americano) e conoscono bene, ormai da anni, la mia correttezza ed il mio rispetto delle regole.
Se non fosse cosi', sai da quanto tempo mi avrebbero gia' chiuso il blog? Credi di essere la sola ad essersi scontrata con me perche', da nevrotica, ha creduto di essere insultata per il semplice fatto di essere stata citata? Ho avuto a che fare con gente assai piu' cattiva ed abile di te. Quindi non mi intimorisci.
Tu, piuttosto, sei certa di non violare alcuna regola?
Questo che tu stai facendo nel mio blog si chiama stalking, ed anche minacce. E le minacce sono reato.
Per cui ti consiglio di calmare i tuoi bollenti spiriti e di rientrare nel dialogo civile che deve esserci fra due persone.
Sia chiaro: io continuero' a parlare qui nel mio blog di quello che mi pare: film, musica, blog e tutto cio' che mi interessi e non saranno certo le tue minacce a farmi desistere o ad intimorirmi.
Se hai dei problemi ti consiglio di farti curare.
Per quanto riguarda tutto cio' che hai scritto nel tuo blog, sei certa che sia tutto materiale tuo (o di chi collabora con te) originale? Se lo e', allora non ci sono problemi.

PS: so che risponderai ancora e mi accuserai di stalking solo perche' nel mio blog ho l'ardire di rispondere ai tuoi commenti piccati, ma almeno sono certa che non potrai usare un carattere piu' grosso del maiuscolo. :-)

Chiara di Notte - Klára ha detto...

[OT] @ La Volpe: Grazie per la segnalazione. :-)[/OT]

Ev@ ha detto...

Rispetto al “sul web” e le sensibilità, o personalità, che vi girano, molte volte, osservo le strade affollate e penso che tra quelli potrebbe esserci qualcuno che ha una sua qualche esistenza virtuale. Al riguardo, negli incontri, più o meno accidentali, mi capita di immaginare che “farebbe” quello, quella, se si muovesse in un roleplay, quale ruolo, che tipo di personaggio potrebbe interpretare. Comunque, in proposito al fatto web/realtà, cito spesso che una volta mi è anche capitato, anni fa, quando avevo idee molto più confuse in proposito, di stabilire un contatto con una persona che calcava i miei stessi luoghi e che potevo aver incontrato 1000 volte per strada. Fu un esperienza particolare. Ma dico subito che la magia dei nostri discorsi “evocativi” si dissolse quando ci incontrammo personalmente. Evidentemente determinati argomenti, lo scambio che ne deriva, è qualcosa che per instaurarsi ha bisogno di una certa magia che un determinato ambito indubbiamente favorisce. Aggiungo che questa è sempre stata una mia convinzione, che con il tempo, per questo episodio e altri di cui sono a conoscenza anche se non diretta, si è solidificata.

Per quanto riguarda la veridicità dei fatti narrati “dalla gente sul web” non occorre trascurare la capacità di “vedere” di chi descrive, una dote che sempre ha a che fare con l’arte. Certo esiste anche chi vuole impossessarsi di tecniche ma per chi si svaluta (dicendo magari: io artista? Ma quando mai…), dico che un racconto (anche di un fatto più vero del vero) è sempre soggettivo, quindi arte: perché è quello il luogo dove essere soggettivi è primo requisito essenziale.

Per variare esempio, anche la fotografia di un ameno ponte è sempre arte. Perché io lo inquadro da sopra, tu di lato, quell’altro di sbieco. Sempre un punto di vista contenente un “effetto”. Poi, magari, a furia di fare foto, singolarmente ci accorgiamo che le cose tendiamo a fotografarle con un inquadratura bassa, altezza-bambino. Un fatto inconscio? Sviluppiamo il tema… E via a fare foto di cose e persone, consapevolmente, da “altezza-infanzia”. E vediamo che salta fuori.
Nota a margine: non ho mai fatto nulla di tutto ciò, però questo è un criterio che certamente uso per fotografare i bambini. Le foto di bimbi inquadrati dall’alto, “bloccati” da un flash frontale, le trovo agghiaccianti. Perché per prima cosa le trovo rappresentazione di un mondo che soverchia... ecc. ecc.

Ecco, queste mie assolute convinzioni fotografiche mi portano a considerare le foto delle persone sempre come “false”, mentre magari alcune cose messe nel profilo di un personaggio inventato posso considerarle radicate in un qualcosa di estremamente vero, altrimenti strozzato... che condurre a sola, semplice questione di “sesso” è perlomeno riduttivo.

In un altro punto di questo blog, Chiara mi ha fatto la domanda su chi inviterei… penso intendesse nella situazione web 3D nella quale io e lei siamo solite incontrarci… Beh, non ho preclusioni.
Chi approccia per la prima volta però è meglio sappia che in quei “mondi” si possono incontrare personaggi pazzeschi. Per fare un esempio, incontrai uno tempo fa, non italiano, che con un avatar animale si limitava a fare il verso dell’animale e semplicemente stare con te, accompagnarti… Nel suo profilo aveva scritta solo una cosa: tutto quello che so dire è “bau!”. Eccezionale.

In ogni caso, anche le polemiche veementi, fanno parte dell’arte. Nessun luogo è idilliaco.

Saluti

Salazar ha detto...

Caspita, Chiara, ma che belle baruffe ciosotte, quasi quasi me le perdevo. È che, secondo me, il tuo è un maledetto blog equivoco: pensa è frequentato da gente come me... e te.
Ma ero (e sono) più interessato a quella delle patate. Questa: “ [...] quello che ho imparato scavando la terra con le dita, mi ha insegnato molto sulle patate.”
C’è è una storia sotto, vero?, non solo le patate.

Chiara di Notte - Klára ha detto...

@ Salazar: C’è una storia sotto, vero?, non solo le patate.

Oh si'. Piu' di una. :-)

Chiara di Notte - Klára ha detto...

Bene. Io il the l'ho offerto, ed ho dato modo alle persone di dire la loro in modo pacato ed onesto, ma poiche' in un certo blog mi si da' di seminazzizzanie priva di argomenti, farei notare intanto questo:

http://iraccontidiagnese.blogspot.com/2010/03/laltra-mano.html

e poi questo:

http://lunamareterra.wordpress.com/2007/06/24/la-parola-in-corpo

Poi, se interessa, proseguiamo. Ma e' piu' divertente scoprire certe similitudini di pensiero da soli.

gullich ha detto...

sono di corsa, ho letto i primi commenti dopo il mio ultimo, ma non ho ne tempo ne voglia di leggere gli altri... lo farò dopo con calma (forse...).

solo per amor di chiarezza: la calunnia (art. 368 c.p.) prevede una denunzia all'autorità in cui si incolpa qualcuno di un reato sapendolo innocente.

lo dico un pò come se fosse una scena di waiting for godot, attesa l'assurdità della contesa, ma scrivere su un blog non è denunzia, cendurare i post non è reato.

:D

calma, su....

che le aule ci son per cose più serie, e il lupo della steppa (quello vero) se la ride di certi pensi epigoni.

regards

wgul

Chiara di Notte - Klára ha detto...

@ Eva: In ogni caso, anche le polemiche veementi, fanno parte dell’arte. Nessun luogo è idilliaco.


Le polemiche veementi hanno sempre un inizio. Potevo benissimo partire all'attacco e segnalare tutte le parti copia incollate pari pari da altri blog. Almeno da 3 blog diversi. Invece ho scelto la via morbida, sottintesa, cercando di far intuire alle persone (o alla persona) che non tutto il Web e' composto da scemi e che se volevano potevano far sparire quelle evidenti copiature senza sollevare alcun polverone. Tutto sarebbe rimasto sottaciuto. So come trattare certe cose senza rovinare la reputazione dei blogger, quando costoro sono in grado di capire la parola "umilta'".
Ma quando la gente non capisce, e' boriosa ed invece di scusarsi anche di fronte ad una palese figura di cacca si ostina a dire che io sarei una calunniatrice che non ha argomenti... beh allora qui scatta il meccanismo che mi porta ad essere un po' fetente. E faccio emergere tutta quanta la mia esperienza decennale e le mie conoscenze in fatto di Web. A me ci vogliono 3 secondi per scoprire se uno scritto e' copiato o originale, e se ce n'e' uno copiato e' probabile che ce ne sia anche piu' di uno.
A questo punto basterebbero delle scuse rivolte a me e a tutti coloro che hanno letto e commentato quelle poesie e raccontini e forse costoro potrebbero ancora uscire a testa alta dalla diatriba.
Invece si ostinano a negare l'evidenza e addirittura ad attribuire a me la seguente descrizione: "strega e fattucchiera, una di quelle che vanno a leggere tutti i post di qualcuno a cui per motivi legati solo alla loro psiche malata hanno preso di mira e girano girano girano fino a che non trovano qualcosa di simile".

Hai capito? "Di simile!". Chiamano "simile" qualcosa che e' copiata PARI PARI, parola per parola. Che coraggio!

Chiara di Notte - Klára ha detto...

@ Gullich: il lupo della steppa (quello vero) se la ride di certi pensi epigoni.

Non solo lui. Anche quelli di Google per le segnalazioni di "Abuse" inesistenti. Altrimenti sarebbe facile chiudere un blog "scomodo", soprattutto un blog che tratta argomenti di politica. Basterebbe che gli oppositori si mettessero d'accordo per segnalarlo perche' viola le regole.

Ma il fatto e' che certa gente piu' che blaterare su di una tastiera (come blatera, scommetto, nella vita) o smanettare con il mouse di piu' non sa fare. Altrimenti saprebbe che quando si apre un Blog su Blogger (come su qualsiasi altra piattaforma) si accettano i "Termini di Servizio". E nei Termini si Servizio sono ben specificate le condizioni in cui vengono violate le regole.
Scommetto che costoro hanno accettato in automatico senza neppure leggere cosa c'era scritto. Tipicamente "italico". Come tipicamente "italico" e' poi venire nel gruppo di supporto di Google a lamentarsi perche' non capiscono i motivi per i quali il loro Blog e' stato chiuso o non funziona. Come tipicamente "italico" e' minacciare di querele per diffamazione o calunnia chi e' in contrasto.
E non conoscono un'accastracca ne' della legge e neppure si rendono conto che, chi conosce a menadito i "Termini di Servizio", potrebbe scovare nel loro Blog i motivi per una eventuale segnalazione. Perche' chi e' ignorante in materia, sicuramente di errori, anche non volendo, ne commette. E chi copia incolla pari pari dei brani presi qua e la' da Internet senza sapere che in 3 secondi puo' essere sgamato, dimostra di non essere molto ferrato.

davide ha detto...

Distinta Chiara,


"Non entro nell'aspetto "politico" (hai voluto forse dire che anche io mi comporterei allo stesso modo?). Comunque, puo' darsi che tu e Nicole abbiate ragione, non so. Di sicuro posso dirti che si tratta soprattutto di un atteggiamento italiano."

Sopra ho detto che condivido quanto detto da Nicole sui vizi di destra (arroganza) e sinistra (superbia).

Quindi non mi riferivo certo a te.

Alle prossime elezioni amministrative spero vinca la sinistra, perchè ultimante l'arroganza della destra è stata insopportabile.

Solo una sconfitta può far capire alla destra che deve cambiare subito atteggiamento, perchè se continua così perderà le prossime elezioni politiche.

P.S. Si dice che c'è crisi in Italia, ma qui vedo che c'è gente disposta a spendere soldi in avvocati per una scoreggia: strano posto il web.

Ciao Davide

Nicole ha detto...

E non solo...La diffamazione è tale se il nick è riconducibile ad una persona reale , in questo caso io, che ho messo mie foto in passato. Non le ho copia incollate come qualcuno fà con altro.
Anche le affermazioni, sempre nel mio caso...
Per non parlare della persecuzione...A mezzo mail, commenti e tanto altro. Una persona intelligente sa sempre quando fermarsi. Ho appena scoperto da un'affermazione chi mi perseguitava su un Forum che frequento. E non esiste anonimato su Internet che tenga...anche usando tor o altri sistemi, è solo più contorta la cosa.

Neelps ha detto...

@L'Urlatrice

lo sai che calunniare è reato no?
...
QUESTO E' STALKING!
...
STAI PARLANDO DI ME E IO NON LO VOGLIO! IL BLOG E' TUO MA NON PUOI PARLARE DI ME SE NON E' COSA GRADITA!
TU NON SEI ASSOLUTAMENTE MIA AMICA, QUINDI NON HAI IL PERMESSO!


Che spettacolo!!! PMS?

Cmq non ascoltare Chiara, lo fa apposta ad offrirti il the per farti dispetto, lei sa che contiene caffeina e che per te non va bene.

Ma se io adesso volessi venire a leggere il tuo blog che devo fare? qual'e' la procedura? Posso diventare il tuo amichetto?

ciao ciao
neelps

Chiara di Notte - Klára ha detto...

@ Davide: Si dice che c'è crisi in Italia, ma qui vedo che c'è gente disposta a spendere soldi in avvocati per una scoreggia: strano posto il web.

No Davide. C'e' gente che "dice" di essere disposta. E' ben diverso.
Bla bla bla... parlare parlare parlare... luoghi comuni... per sentito dire... dalla parrucchiera "Sa, signora un amico del cognato del fratello di mia cugina fa il tirocinio da un avvocato e mi ha detto che..."
O dal salumiere... mentre comprano il prosciutto:
"Cosa desidera dopo sciura?"
"Ah, mi dia anche 3 etti di parmigiano... sapesse... io quello li' lo querelo per calunnia!"

Persone che non hanno ancora chiaro, nonostante la loro veneranda eta' ultratrentenne, e quindi si presumerebbe "matura", che il mondo "fuori" della loro testa bacata e' ben altro.
Vabbe'... dai... troppo the. Devo rallentare. :-))


@ Nicole: E non esiste anonimato su Internet che tenga...anche usando tor o altri sistemi, è solo più contorta la cosa.

In realta' "non esiste anonimato se si commette un reato". Altrimenti l'anonimato e' garantito. Se io non commetto alcun reato e qualcuno "rompe" per qualche ragione il mio anonimato, allora deve solo sperare che qualcuno non rompa il suo, di anonimato. Ed anche il suo culo. :-)

Ah, prendo l'occasione per dirlo a tutti: io uso sempre il proxy quando navigo in Internet. Di quelli anonimi e tosti. Qualsiasi cosa faccia, fosse anche per guardare che ora e'. Quindi, se rilevi qualche connessione strana da Ulan Bator, puo' darsi che sia io. :-)


@ Neelps: Ma se io adesso volessi venire a leggere il tuo blog che devo fare? qual'e' la procedura? Posso diventare il tuo amichetto?

E che te ne fai? Posso dirti io da dove copiano (o copia) i loro pezzi. Ad esempio, per scrivere questo post:

http://iraccontidiagnese.blogspot.com/2010/03/senza-titolo.html

Hanno dovuto prenderne due (a quanto pare uno non bastava).

Questo:

http://lunamareterra.wordpress.com/2007/11/03/le-stanze-invisibili-andrew-wyeth-%E2%80%93-day-dream/

e questo:

http://lunamareterra.wordpress.com/2007/07/16/si-e-soli-ovunque/

Bibi ha detto...

oddio..una lite furiosa per una segnalazione di un blog, questa me la stavo per perdere..
sono andato a leggere il blog del misfatto..e mi sono addormentato alla seconda lettura...ma io sono stupido ed ignorante e quindi è possibile che sia un bellissimo blog..anzi se mi addormento io ..lo sarà senza dubbio.
a parte questo..una reazione simile mi pare da neuro..forse una scopatina ogni tanto non farebbe male..altro che il thè.
a.y.s. Bibi
P.S. per denunce .. segnalazioni..violazioni ..stalking e quant'altro ..mettersi in coda dopo "luciano61" ed uno pseudo italo/ucraino che mi farà visita a luglio..

Chiara di Notte - Klára ha detto...

Ciao Bibi. Non credo che la persona del blog in oggetto possa eguagliare le gesta di Luciano61.
Luciano e' a suo modo un fuoriclasse nel suo genere: un rompicoglioni globale. Mentre la ragazza del blog rientra nella banalita'. Ce ne sono a centinaia come lei. Ciascuna convinta di essere originale ed unica.
La mia segnalazione era mirata piu' che altro a farle capire che in Internet esiste una Netiquette da rispettare. Roba che persone come noi che hanno iniziato a conoscersi nel Web molti anni fa conoscono bene, ma che oggi mi pare sia una cosa obsoleta. Oppure dimenticata. Un po' come le regole del buon vivere civile, che vengono sempre piu' calpestate.
Il blog in questione mi e' stato segnalato. Io non lo conoscevo e mai mi sarei soffermata a leggere un tale concentrato di luoghi comuni e di ululati senza senso (questo e' il mio giudizio critico sul contenuto del blog che va al di la' della considerazione che ho per la persona che sta dietro). Poi, quando ho visto che c'erano numerosi post copia incollati, ho cercato di lanciare un messaggio soft. Messaggio che non e' stato recepito, anzi che ha scatenato quella reazione inconsulta che hai potuto vedere.
Adesso sono molto indecisa se lasciarla perdere, perche' in fondo non sono una stronza totale ed un po' mi fa tenerezza, oppure insistere a martellarla, e tu, conoscendomi, sai che se voglio in questo campo sono capace di ammorbidire qualsiasi "pasta".
Dipendera' ovviamente da lei. E' ovvio che se continuera' a darmi della bugiarda, io saro' costretta a dimostrare che bugiarda non sono.
Dopotututto a me non toglie nulla se copia incolla dal Web, pero' toglie a se stessa. Questo lei forse non lo sa, ma e' peggio che togliere agli altri, perche' rubando le idee altrui ed attribuendosele per ottenere elogi e consensi, insieme ad esse non porta via anche il talento di creare qualcosa di originale. Talento che gli altri avranno sempre ma che a lei inevitabilmente manchera'. Manchera' perche' a copiare troppo ci si impigrisce e non si da' modo alla nostra creativita' di emergere, e la si lascia perennemente ricoperta dalla coltre della pigrizia.
Invece la ragazza (la chiamo ragazza anche se e' quasi una mia coetanea) un po' di talento lo possiede, ed e' un peccato che si renda ridicola agli occhi della blogsfera in quel modo.
Copiare i temi a scuola per ottenere un bel voto puo' funzionare per un certo periodo, come puo' funzionare il giochetto di crearsi decine di nick maschili o femminili allo scopo di scardinare ed entrare nell'intimita' altrui, ma alla fine arriva, anche per un'ultratrentenne, il momento di crescere. Spero che lo faccia.
E spero che questo post che le ho dedicato possa segnare l'inizio, per lei, di una presa di coscienza della quale, a me poco interessa, ma che a lei, invece, servirebbe molto.

Bibi ha detto...

Bon.. ti dirò la mia. Se copia o no...poco importa perchè copia cose che non mi interessano e non mi piacciono.
Riguardo alla Netiquette, è questo il punto più interessante di quello che hai scritto, il resto riguardante la "xeroxatrice" dipende dalla tua voglia di perderci tempo.
Quando ho iniziato a girare in internet (ed oramai sono secoli considerati i tempi di sviluppo della rete), non avevo alcuna conoscenza di netiquette ed un comune amico un giorno mi fece anche un panegirico per questo.
Andai a cercare che cazzo fosse sta "netiquette" e trovai le varie regole del web. Oddio..nulla di trascendentale od esoterico, l'unica cosa particolare era il fatto che scrivere in maiuscolo era considerato un urlo, il resto mi sono sembrate normali regole di convivenza.
Ecco il punto. Più che la "netiquette" bisognerebbe tornare ad insegnare "educazione civica" e non l'inglese o meglio ancora l'inglese e l'educazione civica.
E' questo il punto veramente importante, la gente non ha più regole ma non nel web, bensì nella vita reale.
a.y.s. Bibi

Kameo ha detto...

(...) E' uscito un po' di sole da questo cielo nero
l'inverno cittadino sembra quasi uno straniero
Agnese dolce Agnese color di cioccolata
adesso che ci penso non ti ho mai baciata (...)

Questa strofa tratta da Agnese di Ivan Graziani dedicata alla giovane "amica" per addolcire l'amara pillola della "perfida" Klara :-)

Chiara di Notte - Klára ha detto...

@ Bibi: Quando ho iniziato a girare in internet (ed oramai sono secoli considerati i tempi di sviluppo della rete), non avevo alcuna conoscenza di netiquette ed un comune amico un giorno mi fece anche un panegirico per questo.

Non so se ci conoscevamo gia' quando in IER (non ricordo se fosse l'1 o il 2) un certo Orwell (un bergamasco leghista e stronzo) posto' un racconto esilarante che fece ridere tutti fino alle lacrime. A quei tempi la tecnica di ricerca non era molto diffusa (gli italici sono sempre stati arretrati per Internet) e tutti si complimentarono con lui che per alcuni giorni divenne il divo del forum. Gongolava, si compiaceva, si beava dei complimenti, e tutti lo glorificavano perche' era piacevole interloquire con una persona cosi' divertente. E lui, grazie anche a questa "fama" del momento, riusci' ad imporsi come capobranco di coloro che poi si dilettavano ad insultare me.
Un giorno rivelai che quel racconto l'aveva rubato da un sito di un vero cabarettista. Oltre a fargli fare una figura di cacca galattica, creo' nei suoi estimatori la sensazione di aver fatto la figura degli stupidi. E da quel momento tutti mi odiarono assai di piu'.
Ma come sai me ne sono sempre fregata dell'odio di chi, scorretto, non segue le regole. Per questo ho una certa idea che mi fa schierare politicamente da una parte.
Il rispetto delle regole e' alla base della Democrazia e del vivere civile. Se si inizia a far saltare questo principio, allora e' il caos, la barbarie, lo sterminio dei piu' deboli, di chi non puo' contare su altri mezzi che non siano appunto le regole.



@ Kameo: per addolcire l'amara pillola della "perfida" Klara

Da quando in qua sono "solo" perfida? Mi sottovaluti. :-))

Bibi ha detto...

@ Chiara
No, non ci conoscevamo perchè io non ero ancora in IER. Doveva essere IER2 se non erro. Io entrai quando divenne IER3 e tu eri già fuori, ci siamo incrociati per la prima volta nel lontano novembre 2005 (ho guardato per cso oggi..).
Ricordo comunque la cosa perchè quando sei rientrata...non ti sei fatta mancare nulla e come moderatore ho conosciuto anche questa storia.
Comunque non so se sia stata solo la storia del racconto a farti... "ingraziare"..parecchi forumisti, diciamo pure che hai sempre avuto un bel caratterino e ne so qualcosa ed in ogni caso IER è morto come tutti i forum.
Del resto non c'è più nessuno che scrive o copia...

@ kameo
"agnese dolce agnese.." l'ho messa questo febbraio, era tanto che volevo inserirla, bellissima.

Neelps ha detto...

Netiquette

Non sentivo questa parola dai tempi di FidoNet, ci sara' mica qualcuno qui che bazzicava da quelle parti?

Chiara di Notte - Klára ha detto...

@ Neelps: Netiquette
Non sentivo questa parola dai tempi di FidoNet



Invece credo che oggi piu' che mai ci sia bisogno di riguardarsi certe regole.

http://it.wikipedia.org/wiki/Netiquette

Neelps ha detto...

@Chiara

Invece credo che oggi piu' che mai ci sia bisogno di riguardarsi certe regole.


Posto che stiamo parlando di comportamenti da tenere in rete, ho sempre trovato l'applicazione di queste regolette alquanto fastidiosa e limitante.Piu' danni che benefici.
Questa e' ovviamente una mia personale opinione formatasi su FidoNet, poi con internet in realta' tutto si e' dissolto.

che ricordi :-)

A Milano pero' c'era una BBS fantastica, si chiamava come l'omonima rivista: Decoder.

Nicole ha detto...

esistono oltre alle Netiquette, anche regole non scritte, che vanno alla voce: Buon senso, educazione e rispetto del prossimo. Se non si è provvisti di ciò, nessuna regola scritta serve a delimitare il confine.

Pensa che io mi firmo da una certa persona e la commento, ma mi banna.e poi fà la vittima e proclami a destra e a manca di una volgarità assoluta. Solo una volta l'ho commentata da anonima per non farmi bannare e guarda caso quel commento l'ha pubblicato, quelli da loggata, no. Io volto pagina, mi ha oltre che annoiata, scocciata con questi giochini, se a lei la vita serena che racconta di avere l'ha stressata probabilmente... a me basta la mia di vita, che al contrario della sua non è sempre serena, e quindi non ho tempo di annoiarmi e rompere le palle al mio prossimo.. Se va oltre ne riparleremo nelle sedi di competenza.

Se ritieni che questo messaggio sia OT distruggilo.

Chiara di Notte - Klára ha detto...

@ Nicole: Pensa che io mi firmo da una certa persona e la commento, ma mi banna.e poi fà la vittima e proclami a destra e a manca di una volgarità assoluta.

Si', la persona in questione, fra l'altro, oltre a credere di avermi bloccata, e quindi tolto il diritto a leggere il suo blog (si vede che non capisce una beata fava di Internet), non vuol darsi per vinta (tipico di chi soffre della sindrome di Asperger) e continua ad arrampicarsi sugli specchi per giustificare i suoi innumerevoli copia-incolla.
Nel frattempo continuo con la rassegna di materiale che la suddetta a prelevato dal Web attribuendoselo per poter ricevere un po' di elogi. A lei piace molto che i commentatori dicano: "Brava! Stupenda! Magnifica! Che bel blog! Ma come fai a scrivere cosi tante belle cose? Piene di sentimenti... Che sensibile che sei!" :-)))

Ebbene, il "meraviglioso post pieno di sentimenti" qui:

http://iraccontidiagnese.blogspot.com/2010/03/partenze.html

E' stato tratto da questo blog (scorrete la pagina e lo troverete):

http://spazio.libero.it/claryssa_k/

Ma forse e' stata la povera Claryssa che l'ha copiata...

Fra l'altro la pisquana sta anche facendo una certa confusione fra i due nick (HARRY/Agnese) ed a volte sbaglia pure a loggarsi, come e' avvenuto in un commento in cui si firma HARRY, ma che ha scritto usando l'account Agnese (quando HARRY fino a quel momento aveva sempre postato come "anonimo"). Il commento in questione e' il sesto, quello che inizia con: "Molti dei miei amici sono spariti nel tempo..." In cui se la canta e se la suona, come Antony Perkins nel famoso film che tutti ricorderanno.
Osservate qui:

http://iraccontidiagnese.blogspot.com/2010/03/esse-come-serena.html?showComment=1268762202867#c8220515597952192711


Altre incredibili novita' prossimamente in arrivo. Restate sintonizzati!!! :-))

Alex ha detto...

Buongiorno Chiara,
Chiara scrive:
avevo dimenticato la competizione...
Una gara per vincere cosa e chi? e perché? Non mi sono mai iscritta a nessuna gara...e tu?

Nicole scrive:
Eppure in molti si sentono in gara...gare solitarie però.

Scusate se mi intrometto ma credo che la competizione deve esserci in una gara, che sia la massima espressione della gara anche negli sport che giochi solo contro te stesso e solo per te stesso perchè alterni momenti di delusione a momenti di euforia, la fortuna ti sorride e a volte le difficoltà e le insidie hanno il sopravvento. Pensi di aver fatto tutto ciò che la mente, la routine ed il corpo ritengono necessario, ma è il momento in cui sbagli ma non ci si deve mai arrendere. L’importante è concentrarsi, andare avanti, affrontare le nuove difficoltà che si presentano, giorno dopo giorno anno dopo anno come nella vita, per me lo sport corre pari passo con la vita, questa è la risposta a cosa e chi.....
La volontà può unirsi al destino e se pensi che hai fatto quello che potevi e che la prossima volta forse potrai fare di più, allora avrai capito la vita. Questo è il senso dello sport.Non si deve avere paura. Non bisogna mai avere paura nello sport come nella vita perché nulla è impssibile. A volte lo sport mi riporta l’orgoglio e il coraggio quando qualcosa va male e mi fa sentire pronto per la prossima gara, la prossima sfida e per la vita, se ho esagerato detelo pure:-)) ma è la verità.

Auguri a tutti i papà:-)

Nicole ha detto...

@Alex
Hai ragione, ma il punto fondamentale è un altro...Bisogna essere in due minimo...altrimenti qualcosa non quadra.
Se si è in gara, una Sana competizione, ma anche qualche sgambetto ci sta...ma se non sono in gara, nessuno può costringermi a partecipare o no?

Alex ha detto...

@ Nicole

Vero Nicole, in due le cose riescono sempre bene:-))
scusa la battuta, la solitudine porta alla pazzia anche se il matto sa di esserlo, a parte la metafora, se così si può chiamare, ha ragione, se vi è una costrizione non è più una sana competizione ma un obbligo e la competizione è bella quandoogni concorrente esprime il massimo di se stesso, ma per esprimere il massimo si deve essere liberi e questo vale in ogni cosa.
un sorriso

Chiara di Notte - Klára ha detto...

@ alex: la solitudine porta alla pazzia anche se il matto sa di esserlo

Ecco, leggi qui, appena scritto:

http://iraccontidiagnese.blogspot.com/2010/03/giulia-la-notte-di-s-lorenzo-unestate.html

Pare originale?
No... non lo e'. Lo e' solo la prima frase, il resto e' preso pari pari e copia incollato da qui:

http://iterceptor.blogspot.com/2009/08/s-lorenzo.html

Pero' e' tagliato il finale, "Harry-Agnese" lo interrompe prima della parte "piccante", prima che lui slacci il reggiseno a Giulia.
Quanto e' pudica e sensibile la dolce Agnese. :-)

Come dicevi, Alex?
La solitudine porta alla pazzia?

Alex ha detto...

Sarà copiato, ma sono sentimenti che molte persone possono provare allo stesso modo e non sapendole scrivere si immedesimano copiandole.
Comunque, è la dimostrazione che chiunque può scrivere bene qui, ovviamente , se vuole e soprattutto se ha il tempo.
La dolce Agnesee? Anche capuccetto rosso pensava che la nonna avesse gli occhi e una bocca grande ed era buona e gentile:-)
Vero molto pudica, Agnese farebbe perdere la testa anche a chi non vuole, ma è cosa comune di alcune donne:-), l’uomo intelligente deve saper valutare e stare allegramente alla larga altrimenti è un bagno di sangue:-) mi chiedo quanti uomini sono intelligenti:-)?????
Correggo, la solitudine porta alla pazzia ma anche alcune donne:-)

Chiara di Notte - Klára ha detto...

@ Alex: Sarà copiato, ma sono sentimenti che molte persone possono provare allo stesso modo e non sapendole scrivere si immedesimano copiandole.

Cio' che dici e' vero...
Aspetta ho anche io una poesia tratta dalla mia raccolta (Eh si'... tu non lo sai ma io sono una grande poetessa) :-)


Simile a un Dio mi sembra quell'uomo
che siede davanti a te, e da vicino
ti ascolta mentre tu parli
con dolcezza
e con incanto sorridi. E questo
fa sobbalzare il mio cuore nel petto.
Se appena ti vedo, sùbito non posso
più parlare:
la lingua si spezza: un fuoco
leggero sotto la pelle mi corre:
nulla vedo con gli occhi e le orecchie
mi rombano:
un sudore freddo mi pervade: un tremore
tutta mi scuote: sono più verde
dell'erba; e poco lontana mi sento
dall'essere morta.
Ma tutto si può sopportare...


Ecco... a questo punto potrei firmarla Klara oppure, come fa lei, "Harry".
O anche potrei mettere il nome della vera autrice: "Saffo".
Comprendi la differenza?
E l'inganno in questo presuppone anche inganno in molteplici altri aspetti che esprime nel blog, ad iniziare dal racconto che fa della sua vita e delle sue esperienze.
Che senso ha stare a leggere frasi copia incollate e farneticazioni di una persona che si appropria di frammenti di vita altrui?
Per cui anche in Internet, che e' il luogo ove le persone si "mascherano" quasi per abitudine, anche una persona "non vera" puo' essere assai meno vera di un'altra.

Alex ha detto...

Certo che capisco la differenza,
ma ognuno è quello che è, se compro un portafoglio di Prada da un marocchino dentro sono consapevole di avere un portafoglio "tarocco", così è l’esistenza di molti, se fai copia e incolla nel momento in cui ti trovi davanti ad una persona,senza più lo schermo, non potrai più nasconderti e ne uscirai con le ossa rotte. La mia idea è che preferisco farmi vedere come sono qui che nella vita reale, dove invece esistono situazioni in cui devi "per forza" simulare.
A volte rileggo quello che scrivo e penso di essere stupido (ma se qui sono reale forse lo sono davvero), ma non me ne frega nulla.
Un sorriso
Alex

Chiara di Notte - Klára ha detto...

@ Alex: se compro un portafoglio di Prada da un marocchino dentro sono consapevole di avere un portafoglio "tarocco"

Io credo che troppe volte fra certa gente il marocchino si spacci per Prada.
Poi e' chiaro, quando e' sputtanato la gente lo sa che e' un tarocco ed allora resta lui, il suo portafogli e qualche gonzo che ancora ci crede.
Ma le notizie nella blogsfera girano veloci.
Cio' che mi infastidisce e' vedere chi avrebbe la capacita' di poter scrivere qualcosa di originale ricorrere a questi mezzucci che mi ricordano molto coloro che copiavano i temi a scuola.
Ma allora c'era un buon motivo per farlo: ricevere un bel voto ed ottenere la promozione.
E poi non esisteva Google.

nel momento in cui ti trovi davanti ad una persona,senza più lo schermo, non potrai più nasconderti e ne uscirai con le ossa rotte.

Dai per scontato che alla fine tutt* si vada ad una bella cena insieme e ci si conosca.
Ma dove sta scritto?
Il 99% di chi scrive nel Web non ha alcuna intenzione di farsi conoscere nel reale per innumerevoli motivi che non sto qui a spiegarti. Alcuni plausibili, logici, accettabili. Altri che non stanno ne' in cielo ne' in terra.
Ma e' giusto che sia cosi'. Immaginati ad esempio un ragioniere brianzolo con barba e baffi che finge di essere una donna. Credi che ti mostrera' mai una sua mano?
Non lo fara'. Al limite ti mostrera' la sua postazione PC con un bicchiere di birra, oppure con una mela morsicata, tanto per darti la sensazione della sua esistenza, ma non mostrera' mai neppure un'unghia.
E chi fa il colto (o la colta) traendo tutta la sua conoscenza da Wikipedia perche' in vita sua non ha mai aperto un libro (se non per copiare qualche tema), credi che accettera' mai di misurarsi in un dialogo diretto, serrato, sol anche tramite chat o telefono?
No, non lo fara'. Perche' non potrebbe reggere il confronto.
Ma anche chi teme di vedere la sua vita inficiata dal virtuale e da tanti personaggi strani che lo popolano, alla stessa maniera, non lo fara'. Come non lo fara' chi in passato ha gia' provato ed ha avuto qualche esperienza negativa.
Insomma, il Web va accettato cosi'. Non lo si puo' piegare ai nostri desideri.
Se si trova chi e' disposto a trasferire la relazione virtuale sul piano reale, va bene. Ma se non e' cosi' va bene lo stesso.
E il non mostrarsi, il mantenere il proprio anonimato, non significa "ingannare".
Ingannare e' altro.
Ingannare e', ad esempio, chi mostra amicizia e magari sotto sotto complotta per distruggerti la reputazione o cercare i tuoi punti deboli per sputtanarti.
E ingannare e' anche raccontare storie prese pari pari da blog di altri.
Almeno si sforzassero di modificarli un minimo mettendoci qualcosa di personale. Neanche quello sforzo fanno, e questo mi indica che il tempo speso con certa gente e' davvero tempo perso.

Alex ha detto...

Buongiorno Chiara, se uno ha le capacità non copia Chiara.
Assolutamente no, nella vita non do nulla per scontato, tanto meno conoscere qualcuno qui, non ho tempo per me, e una conoscenza qui, fuori dal video, sarebbe molto difficile da sostenere soprattutto se poi nella vita reale si hanno interessi diversi. Sono dell’idea che le amicizie virtuali, siano solo virtuali, solo quelle speciali vanno coltivate, chi meglio di te può dirlo, avrai 5000 contatti , già è un’impresa gestire il blog, non so proprio come fai, figuriamo conoscere anche una minima parte, naturale che prendi il meglio, chi ha le tue idee, chi la tua cultura, chi riesce a dimostrarti qualcosa di importante con sensazioni positive.
Sono convinto che Chiara sà di me più di tutte le persone con cui lavoro insieme e quel sono convinto è una parola vera, il fatto di vedere inficiata la propria vita non è solo qualcosa di virtuale ma di reale, dipende come la conduci, invidia, prevaricamento, cattiverie sono il male della società, di quelli che si accorgono che nella vita non riescono a concludere, vedere qualcuno che arrivando dal nulla ti passa da fastidio e innesca certi meccanismi, potrebbe essere anche solo un blog come il tuo, ovviamente questo è solo il mio pensiero e ognuno è libero di pensarla come vuole.
Sarò strano ma penso che se nella vita non sei nulla nessuno ti può invidiare, anzi, son tutti li pronti a darti consigli per come poter migliorare etc etc, ma se per caso riesci a combinare qualcosa, sicuramente i loro pensieri cambieranno.Un amico, un vero amico, che nella vita si realizza sicuramente sarà sempre pronto ad "aiutare" e invidiarlo è proprio da poveretti.
Ribadisco se uno si sente di fare copia incolla sono fatti suoi, dentro saprà di avere fatto copia incolla.
Cultura spesso non è sinonimo di intelligenza.

Anonimo ha detto...

http://rebstein.wordpress.com/2011/10/24/signori-signore/#more-43644
leggi

Misura la forza della tua Password

Oggi mi sento un po' cosi'...

Oggi mi sento un po' cosi'...

Tokaj-Hegyaljai Borvidék

Áldott tokaji bor, be jó vagy s jó valál, Hogy tsak szagodtól is elszalad a halál; Mert sok beteg téged mihely kezdett inni, Meggyógyult, noha már ki akarták vinni. Istenek itala, halhatatlan Nectár, Az holott te termesz, áldott a határ! (Szemere Miklós)

A Budapesttől mintegy 200 km-re északkeletre, a szlovák és az ukrán határ közelében található Tokaj-Hegyaljai Borvidék a Kárpátokból déli irányban kinyúló vulkanikus hegylánc legdélebbi pontján fekszik. A vidéket és fő községeit könnyen elérhetjük akár autóval (az M3 autópályán és a 3-as úton Miskolcig, onnan a 37-es úton), akár vonattal (több közvetlen vonat indul Budapestről és Miskolcról)

Web Statistics