domenica 27 dicembre 2009

7
comments
Il seminatore

In questo periodo in cui si discute tanto di “seme dell’odio” e di chi lo genera, facendo una ricerca nel web ho scovato questo libro che parla di ingiustizia, di odio, di vendetta e di zingari. Vi pare dunque possibile che una come me potesse mai farselo sfuggire? Ho deciso quindi di regalarmelo; mi e’ arrivato in tre giorni ed in due l’ho divorato. Adesso avrei desiderio che anche le mie sorelle lo leggessero, ma a parte Karolin ed altre due ragazze che lo parlano un po', qui l’italiano non e’ che sia molto conosciuto. Pertanto, secondo l’abitudine che abbiamo, nelle serate in cui ci riuniremo davanti ad una buona torta e ad un bicchiere di aszu', tocchera’ a me raccontare la drammatica storia di Lubo.

"Gli zingari sono sempre stati un problema. Ma siccome Lubo Reinhardt era uno zingaro, a lui interessavano poco i problemi degli altri. Aveva i suoi, di problemi. E gli davano fastidio. A Lubo piaceva suonare la chitarra, stare con gli amici e i parenti, spostarsi spesso col suo carro. Gli piacevano la moglie e i figli. Gli dava gusto anche lavorare, perche’ no, battere il rame col suo martello: vedere le bacinelle o le casseruole prendere piano piano la forma giusta tra le sue mani era un piacere come suonare. Tutti calderai e musicisti, nella sua famiglia, da secoli. Imparavano fin da piccoli, senza sforzo, con divertimento. Solo i maschi pero’. Le femmine no, le femmine dovevano servire gli uomini, allevare i bambini, andare a vendere il rame, procurare e cucinare il cibo, parlare e trattare con i gage’. Gli uomini se potevano evitavano di parlare con i gage’. Non era una razza simpatica. Era dai gage’ che arrivavano i problemi di Lubo e della sua gente. S’impicciavano dei fatti loro, volevano insegnare a vivere".

E’ in questo modo che inizia “Il seminatore”, il romanzo di Mario Cavatore che narra la storia di un uomo vittima e artefice al tempo stesso del proprio destino. Lubo Reinhardt e’ uno zingaro naturalizzato svizzero. Non ha mai capito bene perche’ suo nonno abbia preso la cittadinanza. Certo ha il vantaggio di non essere espulso, e tutto sommato ha anche imparato a leggere e scrivere, ma deve fare anche il servizio militare obbligatorio, ed e’ proprio mentre porta la divisa che accade il fatto che gli sconvolge la vita: i suoi bambini vengono presi dalla polizia e sua moglie, che tenta invano ad opporsi, viene uccisa. Nel 1939, anno in cui inizia la storia, tutto cio’ in Svizzera avviene nel segno della piu’ completa legalita’. Kinder der Landstrasse, Bambini della Strada, e’ un'organizzazione che si definisce umanitaria, ma usa mezzi tutt'altro che umanitari per debellare il nomadismo, portando via i bambini zingari ai loro genitori con l’intento di salvarli da un’educazione antisociale e antigienica.

Lubo e’ straziato dalla brutale prevaricazione ammantata di legalita’. Freddamente pianifica la sua terribile vendetta, istintiva, viscerale ma a suo modo coerente, rigorosa, epica e che racchiude un involontario significato politico. Molto bello, con un aspetto che puo’ farlo sembrare indiano, Lubo finge di essere quello che non e’: si impadronisce di una nuova identita’ e diventa un Don Giovanni. Il suo piano e’ quello di sedurre ed ingravidare il maggior numero possibile di donne svizzere, mescolando beffardamente il suo sangue zingaro con quello che pretenderebbe la purezza, rispondendo cosi’ alla violenza subita con un gesto uguale e contrario d'immensa portata simbolica: vogliono eliminare gli zingari? La Svizzera gli ha tolto due figli? Ne avra’ in cambio duecento con sangue misto. Ma dal seme di quel sopruso germina altra violenza: una violenza che dura nel tempo, tenace ed oscura, che arriva a sconvolgere il futuro anche di una famiglia di immigrati italiani a Lugano.

E’ un libro che fa riflettere sul male che puo’ nascere dall’ingiustizia, e dalla vendetta generata dal risentimento prodotto da quell’ingiustizia che, a sua volta, ha un’unica origine: la paura. La paura che i gage’ hanno degli zingari, forse perche’ li vedono diversi, con quell'aspetto un po’ selvaggio, forse perche’ credono che vivano al di fuori di ogni comunita’ sociale, senza una dimora fissa… e con tutti quei bambini, poi, che potrebbero anche essere rubati. Ma se fosse tutto il contrario? Se fossero invece i gage’, i non zingari, che avanzando pretesti di legalita’, cercano da sempre di sottrarre i bambini zingari per cancellare la loro identita', per integrarli in un sistema in cui possano essere controllabili cosi' che poi, da grandi, non facciano piu' paura?

Adesso, come al mio solito, esprimero' una banalita', lo so, ma la societa' nella quale viviamo e' cosi' piena di contraddizioni che inevitabilmente si creano contrasti insanabili: da una parte c'e' la volonta' di uniformare tutti ad un unico modello, quello di chi comanda, di chi stabilisce le leggi, i costumi, lo stile di vita, i valori, mentre dall'altra le persone vengono separate in caste, in chi occupa una posizione di privilegio al di sopra di tutti e di tutto, addirittura al di sopra delle leggi che egli stesso ha stabilito e chi, invece, deve ringraziare persino di essere tollerato. Ma e' una societa' giusta quella in cui un essere umano deve dire "grazie" ad un altro?

7 commenti :

Gio ha detto...

Il 'problema' non è la razza, ma la cultura.

E' la cultura zingara ad essere invisa, e proprio perchè non rientra negli schemi conosciuti e quindi prevedibili.

Un po' come la musica di Django, anche lui Reinhardt, anche lui chitarrista, anche lui zingaro.

Se il pregiudizio arriva prima di Django, o di Klara, vince.

A presto

modesty ha detto...

non amo i "libri consigliati".
infatti tu non dici "leggilo anche tu"
ed è esattamente perchè lo andrò a comperare.
perchè mi piacciono le storie autentiche in cui il protagonista segue il filo logico delle ragioni del cuore.

tutti gli altri ragionamenti li lascio lì. troppe le ingiustizie. troppe le crudeltà. riesco a concentrarmi su una cosa per volta. i mali del mondo sono incurabili e la mia energia la voglio impegnare scegliendo e non facendomi travolgere sempre dagli eventi brutti che altri causano.

sul "huffington post" (giornale online americano) oggi c'è la foto di un iraniano che prende a calci un poliziotto che vorrebbe impedirgli di stare lì per strada a protestare. la faccia stupita del poliziotto e la faccia rabbiosa ma anche stanca e disperata del insorto per me riassumano il "male del mondo" di cui sopra.

...ufff, ho perso il filo....

:) love, mod

Gio ha detto...

Un commento di Mod a un post di Chiara - giornata felice oggi ;-)

davide ha detto...

Distinta Chiara,

sono proprio curioso di leggerlo questo libro. Almeno spero perchè io ho l'abitudine di comprare un sacco di libri, che inizio a leggere ma che non riesco mai a finire. A volte mi chiedo come fai tu a fare così tante cose assieme, quando io non riesco a fare neanche una cosa alla volta.

Ciao Davide

Chiara di Notte - Klára ha detto...

A volte mi chiedo come fai tu a fare così tante cose assieme, quando io non riesco a fare neanche una cosa alla volta.

Ho gia detto che anche io ho i miei limiti: ad esempio non riesco a fare due cose contemporaneamente come camminare e masticare la gomma allo stesso tempo, ma in effetti, si', nel leggere, nello scrivere e nel telefonare sono sempre stata molto veloce.
E come dicevo ad alcuni mei clienti riferendomi alle loro prestazioni sessuali, "quando una cosa e' fatta bene la velocita' e' solo un pregio". :-)

sonome ha detto...

Leggo solo adesso il tuo commento al mio libro. Mi complimento con te, è tra i più acuti e sensibili che abbia mai ricevuto... grazie
Mario Cavatore

Chiara di Notte - Klára ha detto...

@ Mario Cavatore: Grazie. Non avrei mai pensato che a farmi visita, qui, fosse l'autore di uno dei piu' bei libri che abbia letto.

Misura la forza della tua Password

Oggi mi sento un po' cosi'...

Oggi mi sento un po' cosi'...

Tokaj-Hegyaljai Borvidék

Áldott tokaji bor, be jó vagy s jó valál, Hogy tsak szagodtól is elszalad a halál; Mert sok beteg téged mihely kezdett inni, Meggyógyult, noha már ki akarták vinni. Istenek itala, halhatatlan Nectár, Az holott te termesz, áldott a határ! (Szemere Miklós)

A Budapesttől mintegy 200 km-re északkeletre, a szlovák és az ukrán határ közelében található Tokaj-Hegyaljai Borvidék a Kárpátokból déli irányban kinyúló vulkanikus hegylánc legdélebbi pontján fekszik. A vidéket és fő községeit könnyen elérhetjük akár autóval (az M3 autópályán és a 3-as úton Miskolcig, onnan a 37-es úton), akár vonattal (több közvetlen vonat indul Budapestről és Miskolcról)

Web Statistics