giovedì 24 dicembre 2009

9
comments
Da bambina

Ho gia’ scritto che in Ungheria Babbo Natale non arriva la notte del 25 dicembre, ma quella del 6. E’ in quella notte infatti che i bambini ricevono i regali. Pero’, dalle mie parti coesistono culture ed usi differenti, un po’ cristiani, un po’ pagani, un po’ magiari, un po’ slavi... un po’ tzigani. Una cosa che si crede e’ che gli animali parlino, ma solo nella notte di Natale.

Quando ero bambina Nagyanya mi raccontava che, se si fa abbastanza silenzio ed attenzione da non farci scorgere dagli animali nelle stalle, non e’ difficile sentirli far conversazione nel loro bizzarro linguaggio. Percio’, quando il tempo lo permette ed il clima e’ abbastanza mite, la vigilia di Natale c’e’ l’usanza per i bambini e per gli adulti di travestirsi da animali, come lupi, orsi e caprette per poi andare davanti alle case a cantar canzoni, per ricevere in regalo dolci, soldi e frutta secca.

Ricordo che anche io lo facevo. A mezzanotte ci si recava tutti in chiesa, ed alla fine il sacerdote ci benediceva cospargendoci la fronte prima con l'acqua santa, poi con l'incenso ed infine il miele. Poi andavamo in giro con i carri con le ruote in legno trainati dai cavalli, e si continuava cosi’ per tutta la notte. Era un gran divertimento e per l’occasione in famiglia si preparavano dolci a base di frutta secca, oppure torte con crema e frutta. E poi il vino cotto con lo zucchero ed i chiodi di garofano.

9 commenti :

davide ha detto...

Distinta Chiara,

mi fa piacere che hai scritto questo bel post, perchè non avrei mai voluto passare il natale con un post triste come quello che hai fatto ieri.

Anche se non sei credente ti ricordo che Gesù bambino è morto anche per te e perciò oggi è giusto festeggiare.

Ti faccio di nuovo tanti auguri di buon natale.

Ciao Davide

Neelps ha detto...

@Chiara
E poi il vino cotto con lo zucchero ed i chiodi di garofano.


Sara' mica nostro "vin brule'" ???
Mooooolto buono!! :-)

marco ha detto...

Quando ero bambino i miei mi hanno sempre parlato di Gesù bambino che portava i regali, anche se babbo natale già si stava affermando. Questo vicino a Milano negli anni '60. Qualche Km. a est, nel bergamasco, i regali li porta Santa Lucia, il 13 dicembre.

Chiara di Notte - Klára ha detto...

Anche se non sei credente ti ricordo che Gesù bambino è morto anche per te e perciò oggi è giusto festeggiare.


Tu dici che e' giusto festeggiare la morte di Gesu' bambino nel giorno della sua nascita?
Mah...
A proposito, sai perche' non credo? Perche' proprio nella giornata dedicata all'amore, come in ogni altra giornata che la natura mette su questo pianeta, si assiste a certi fatti che mi fanno capire come in fondo, religione o non religione, fede o non fede, preti o non preti, la violenza e' insanabile e capita ogni giorno, ovunque, indifferentemente dal credo religioso. Anzi, spesso e' proprio il credo religioso che fa emergere la violenza. Per cui, dopo aver assistito l'anno scorso al massacro di bimbi innocenti mi chiedo: a cosa serve la religione se non a cercare di tenere sotto controllo le coscienze cancellando le domande dell'essere umano sotto la coltre opaca della fede in modo che nessuno abbia mai una vera risposta?

davide ha detto...

Carissima Chiara,

""Per cui, dopo aver assistito l'anno scorso al massacro di bimbi innocenti mi chiedo: a cosa serve la religione se non a cercare di tenere sotto controllo le coscienze cancellando le domande dell'essere umano sotto la coltre opaca della fede in modo che nessuno abbia mai una vera risposta?""

Le cose che dici sono vere, ma non sono in nessun modo in contrasto con il pensiero cristiano.

Tieni conto che da sempre chi è al potere utilizza le religioni come più gli fa comodo. Questo però è indipendente da ciò che dice effettivamente una religione.

In ogni caso Gesù ha detto "date a Cesare quel che è di Cesare e a Dio quel che è di Dio". Quindi i potenti che strumentalizzano il messaggio cristiano per i loro scopi, lo fanno in dispregio a quanto ha detto Gesù.

Ciao Davide

davide ha detto...

Caro amico Marco,

"Qualche Km. a est, nel bergamasco, i regali li porta Santa Lucia, il 13 dicembre."

Anche da noi (Trentino) i regali li ha sempre portati Santa Lucia la notte fra il 12 e il 13 dicembre.

Ciao Davide

Neelps ha detto...

@Davide

Anche se non sei credente ti ricordo che Gesù bambino è morto anche per te


Fallo prima nascere sto povero cristo! :-)

@Chiara
la violenza e' insanabile e capita ogni giorno

E ma anche te come sei grigia pero!
Beviti qualche tazza di vino cotto con chiodi di garofano! Anzi mi hai fatto venire voglia, adesso vado a prepararlo!

via!

Dolce-Alexia ha detto...

Non sapevo che in Ungheria il Natale è come in Russia. Ad esempio in Bulgaria è come qui in Italia accade nella notte tra 24 e 25 decembre. Ma io lo festeggiato secondo i tradizioni russi. Sono molto simili i nostri tradizioni.
Quando ero piccola mi piacevano Koliadki. Di solito sono i maschi che giravano da una casa all'altra, raccogliendo dolci e soldini,cantando la canzone tradizinale natalizia, ma io mi travestivo da maschio e ci andavo lo stesso con una amica e i nostri fratellini. Alla fine raccoglievamo un bel pò di soldini e ci compravamo qualcosina. :-)

Chiara di Notte - Klára ha detto...

@ Alexia: Non sapevo che in Ungheria il Natale è come in Russia

Infatti non lo e'. Il Natale e' il 25 dicembre. Ho detto invece che Babbo Natale (San Nicola) arriva il 6 dicembre (non gennaio).

Misura la forza della tua Password

Oggi mi sento un po' cosi'...

Oggi mi sento un po' cosi'...

Tokaj-Hegyaljai Borvidék

Áldott tokaji bor, be jó vagy s jó valál, Hogy tsak szagodtól is elszalad a halál; Mert sok beteg téged mihely kezdett inni, Meggyógyult, noha már ki akarták vinni. Istenek itala, halhatatlan Nectár, Az holott te termesz, áldott a határ! (Szemere Miklós)

A Budapesttől mintegy 200 km-re északkeletre, a szlovák és az ukrán határ közelében található Tokaj-Hegyaljai Borvidék a Kárpátokból déli irányban kinyúló vulkanikus hegylánc legdélebbi pontján fekszik. A vidéket és fő községeit könnyen elérhetjük akár autóval (az M3 autópályán és a 3-as úton Miskolcig, onnan a 37-es úton), akár vonattal (több közvetlen vonat indul Budapestről és Miskolcról)

Web Statistics