domenica 18 ottobre 2009

16
comments
Qualcosa di turchese

Il daltonismo mi impedisce da sempre di vedere i colori. E' questo il motivo per cui questi mi affascinano pur non potendone avere un’esatta percezione. Come di solito avviene, infatti, si desidera di piu’ avere cio’ che sappiamo non potremo mai ottenere. Tuttavia, non so per quale motivo, di tanto in tanto alcuni cromatismi riescono ad emergere dal grigiore in cui e' intinto il mio mondo e lo accendono di bagliori mai visti. L’azzurro, da bambina, mi incantava quando al chiaro di luna ascoltavo le fiabe che mi raccontava la nonna, ed il rosso ha saputo piu' di una volta colorare i miei sogni, e le mie immaginazioni.

E’ da qualche giorno pero’ che, per qualche strana ragione, riesco ad intravedere anche un altro colore. Lo percepisco sempre piu' vivido ed illumina oggi cio’ che fino a ieri per me era oscuro, sbiadito, spento, incolore: la speranza. Credo che chi non riesce a vivere senza disagio l’ignoranza, la prevaricazione e la superbia di cui tutto cio’ che ci sta intorno e’ dipinto, debba indossare qualcosa di turchese. Per me ho scelto un paio di calzette come quelle nella foto. Fra l’altro qualcuno dice che sia il colore dei miei occhi e se fosse cosi’, sarebbe davvero magnifico.

16 commenti :

Dolce-Alexia ha detto...

Colore turchese mi affascina tanto, forse perchè si avvicina al verde che è il mio colore preferito in tutte le sfumature.
In realtà mi piacciono tutti colori di arcobaleno e li cambio secondo l'umore.
Stranamente, nel mio lavoro uso solo il bianco e nero. :-)

Alberto ha detto...

Finalmente, e adesso voglio vedere cosa c'è di stravagante, maledetti invidiosi.

marco ha detto...

Mi succede una cosa strana.
Ho sempre visto l'azzurro ed il turchese come due varietà, abbastanza simili, del blu.
Da qualche giorno li trovo diversissimi, opposti, antitetici.
Sono attratto dal turchese e vedo l'azzurro come un colore pallido, stinto quasi fastitioso nella sua mancanza di carattere.

@ Alexia.
Fino a qualche giorno fa vedevo anch'io in quel modo.
Un po' come quando non si capisce quando il giallo smette di essere giallo e diventa arancione.
Da un po' invece non riesco ad associare il turchese al verde.
Ho il sospetto che non sia solo questione di sfumature cromatiche.

Saluti

Dolce-Alexia ha detto...

Ciao marco. Avrai le tue buone ragioni anche tu. Ma da bambina mi piaceva giocare con i colori. Con un penello mischiavo il blu e il verde, ed ecco che creavo un colore turchese. E' un colore che si avvicina più al blu e al verde.
L'arancione è un misto tra giallo e rosso. :-)
Poi, è un altro conto come li vede il colore ciascuno di noi. A volta basta togliersi occhiali rosa e vedi solo il grigio.

Alex ha detto...

Buonasera Chiara,
mi sono ricordato di avere un marchino di color turchese, l ho preso e messo nel portafoglio, così ogni volta che lo vedo penserò....
vale lo stesso vero?

Gio ha detto...

Non ho capito il morale della favola.
La fata turchina è comunista?

davide ha detto...

Distinta Chiara,

per prima cosa noto come voi donne, vale per te come per Alexia, come per Lameduck e per tante altre donne che gestiscono blog, quando postate una foto per un articolo sapete sempre trasmettere delle emozioni, che ramente provo per le foto che postano i maschietti nei loro blog. Ho detto questo, anche se non era in tema, perchè ogni giorno constato che i blog femminili hanno sempre un qualcosa in più che non hanno i blog gestiti dai maschietti.

Quanto alla tua percezione di speranza non so che dire.

Certamente il servizio di Mediaset, che cercava di sputtanare una persona perchè portava i calzini di un certo colore, è stato uno dei servizi televisivi più idioti che abbia mai visto.

Per quanto riguarda la politica italiana Silvio ha fatto in questo periodo una cazzata dopo l'altra. Resta il fatto che dall'altra parte c'è la nebbia più fitta che esiste.

Ciao Davide

Lucien ha detto...

Beh, complimenti per la scelta: questo è un turchese che si guarda molto volentieri!
Bandiera turchese alla mia finestra.

marco ha detto...

La fata turchina è comunista?

Comunista?
Presto, avvertite Pinocchio che lo vuole mangiare!


@Klara
Strano paese...
Ci si difende da cose turche con cose turchesi...

Un saluto

Willyco ha detto...

Da sempre, ho calze nere, cammello, blu e marroni. Sabato ero a Napoli, ed al mercato di S. Antonio ho comperato tre paia di calze turchesi: ce n'era una bancarella piena, ed un mucchio di persone che ne comprava. Ci guardavamo e sorridevamo con un sorriso complice e pieno di sottintesi. Era come se ci stessimo iscrivendo a delle primarie da cui potesse saltar fuori una speranza nuova.
P.S. e nessuno aveva i baffetti;-)

Pinocchio ha detto...

Delle fate moderne mai fidarsi,sopratutto se hanno le calze a rete color....non mi ricordo il colore Chiara mi aiuti?????

scusa Chiara ma vai in giro solo con le calze???? no perchè se si, ti vorrei vedere...wow

Grazie Marco, ma dopo il gatto e la volpe neanche la sirena turchese mi frega più:-)

Un bacio a Chiara il mio amore sei sempre nel cuore...

rossoallosso ha detto...

sottile ed ironico,complimenti

Errante ha detto...

Anche a me piace molto questo colore.
Da qualche giorno, poi, inspiegabilmente lo adoro ancora di più...

davide ha detto...

Caro amico Willyco,

"P.S. e nessuno aveva i baffetti"

Scusa una mia curiosità: cosa significa "nessuno aveva i baffetti"?

Ciao Davide

Willyco ha detto...

intendevo solo dire che nessuno assomigliava a d'alema

davide ha detto...

Caro amico Willyco,

"intendevo solo dire che nessuno assomigliava a d'alema"

Grazie. Per un attimo ho temuto che ti riferissi al "baffone" (Stalin).

Ciao Davide

Misura la forza della tua Password

Oggi mi sento un po' cosi'...

Oggi mi sento un po' cosi'...

Tokaj-Hegyaljai Borvidék

Áldott tokaji bor, be jó vagy s jó valál, Hogy tsak szagodtól is elszalad a halál; Mert sok beteg téged mihely kezdett inni, Meggyógyult, noha már ki akarták vinni. Istenek itala, halhatatlan Nectár, Az holott te termesz, áldott a határ! (Szemere Miklós)

A Budapesttől mintegy 200 km-re északkeletre, a szlovák és az ukrán határ közelében található Tokaj-Hegyaljai Borvidék a Kárpátokból déli irányban kinyúló vulkanikus hegylánc legdélebbi pontján fekszik. A vidéket és fő községeit könnyen elérhetjük akár autóval (az M3 autópályán és a 3-as úton Miskolcig, onnan a 37-es úton), akár vonattal (több közvetlen vonat indul Budapestről és Miskolcról)

Web Statistics