sabato 18 luglio 2009

81
comments
Puttanieri

Ne ho incontrati molti, credimi. Quelli che pagano le donne per vizio hanno dei seri problemi. Quasi mai sono uomini felici e di solito hanno una vita sentimentale sofferta e disastrosa. Sono soli, separati, divorziati oppure se hanno una relazione la vivono senza affetto, superficialmente, pensando alla forma, non alla sostanza. E, come normalmente accade, la colpa delle incomprensioni non e’ mai loro, ma delle partner incapaci di capire i loro intimi desideri che poi, immancabilmente, sono sempre gli stessi: farsi gli affari propri incuranti degli altri.

Francamente capisco benissimo perche’ alle donne, che per sopportarli non prendono soldi, questi uomini non siano graditi. Se li incontrerai lo comprenderai anche tu. Costoro, infatti, oltre a vivere nell’incoerenza, nella bugia e nella scorrettezza sono anche molto esigenti come clienti. Pesanti, fastidiosi. Soprattutto quando raccontano di sentirsi coinvolti. Ma non e’ vero, e’ solo un’abile menzogna che a loro serve per ottenere qualcosa in piu’…

All’inizio ti sembrano normali. Credi d'individuare in loro quelle sfumature tipiche delle brave persone. A tratti ti fanno persino tenerezza, talvolta anche pena, ma chi ha esperienza dopo un po’ riesce ad inquadrarli e si rende conto di come arrivino a millantare ogni aspetto della loro vita al solo scopo di ingannare se stessi e gli altri. Forse per sentirsi diversi rispetto a quello che in realta’ sanno di essere perche' cio' che sono non piace neppure a loro.

Quando ti contattano lo fanno dopo averci pensato e ripensato mille volte. Ci mettono sempre una vita a fare la loro scelta. Non sanno mai chi scegliere. Dicono che cercano il meglio ma neppure loro sanno bene quello che vogliono. Questa e’ piu’ carina di viso… no, quell’altra ha le tette piu’ belle…

Frequentano assiduamente piu’ ragazze ma non sanno mai quale scegliere. Li affascina una, pero’ l’altra la vorrebbero conoscere meglio e sono eternamente indecisi su chi sia quella da incontrare. Poi chiedono quanto prendi. Ti dicono di doverci pensare, non li senti per un po’ e quando ti ricontattano tirano sul prezzo. Davvero, fino all’ultimo non riesci a capire che intenzioni abbiano e quando alla fine si decidono ad incontrarti non e’ che paghino per far sesso e basta. Parlano, chiedono, si fanno raccontare, vogliono sapere tutto di te.

La classica domanda che fanno ogni volta e’: perche’ lo fai? E subito devi avere la risposta giusta… che poi dovrebbe essere sempre la stessa: per soldi e per vivere bene. Pero’ a loro non puoi dirlo e t’inventi qualcosa che possano accettare, cosi' che si sentano tranquilli, puliti, quasi dei benefattori.

Puoi rispondere che hai da pagare un grosso debito oppure che hai il fratellino o la mamma che hanno bisogno di cure molto costose ed altre assurdita’ del genere. Chi fa un certo mestiere racconta queste balle a tutti… proprio a tutti e talvolta si resta incredule ad ammirare il loro comportamento: e’ come se credessero davvero a quello che dici. Allora s’informano nei dettagli... quanto e’ l’importo da pagare, con quali scadenze, eccetera. Sembrano realmente interessati e premurosi. E immancabilmente promettono di aiutarti.

Non illuderti, i soldi non li hanno oppure anche se li hanno non non sono intenzionati a darli a te, pero’ a loro piace recitare tutta la scena da uomini ricchi e generosi. Vogliono farti vedere che sono capaci di far qualcosa per aiutarti, ma di aiutarti non hanno alcuna intenzione e una volta stanchi di te oppure quando avranno capito che hai intuito il loro gioco, spariranno per andare in ricerca di altre orecchie che possano ascoltare le loro fandonie.

81 commenti :

davide ha detto...

Distinta Chiara,

adesso ho capito cosa intendevi quando mi hai detto che sono il dottor Jekyll e il signor Hyde!!!

Ciao Davide

Dolce-Alexia ha detto...

Ehe, sorella, quanto hai ragione.
Un puttaniere vuole sempre far parte da buon samaritano. Raccontano le loro storielle, vogliono i consigli e poi vanno a sparare in giro che quella parla troppo, l'altra fa troppo la psicologa e cosi via. E sempre devono trovare mille difetti in una escort per essere sempre in un gradino più in alto. Daltronde loro pensano che chi paga ha sempre ragione.
Ho avuto una volta un cliente che frequentavo molto spesso. Non sapevo nulla della sua vita sentimentale. Una sera mi ha sorpreso, dicendomi che vorebbe che io faccia qualcosa di particolare per lui, perchè si sta per divorziare per colpa mia. Ero infuriata, manco sapevo che era sposato, lo mandato in quel paese. Ma ti rendi conto, mi ha dato la colpa solo perchè non riesci a tenersi il pisellino nelle mutande.

Luca Massaro ha detto...

È un post splendido. Complimenti.

gatsby ha detto...

@Chiara
Beh, che dire?
Un bel post, ma che lascia sempre l'amaro in bocca per la tua tendenza a generalizzare.
Non c'è niente di sbagliato in quello che hai scritto, se non fosse per il fatto che rappresenta solo una parte dell'immensa e variegata categoria di puttanieri.
Puo' darsi che fosse nelle tue intenzioni quella di darci una porzione, un quadro, una pennellata di quel mondo maschile, con i suoi desideri ed i suoi bisogni, i suoi contesti emotivi, che portano così tante persone a pagare una donna per andare a letto con loro.

Salazar ha detto...

Caspita! Come mi riconosco! (... e questo per farmi dire: ma no!, tu sei diverso, tu non sei così, e avanti.)
Quanti sotterfugi per dissimulare la fragilità maschile, che non sempre c’è, ma quando c’è pesa, e allora via alle manovre diversive per dominare (o solo controllare) la donna non subalterna, l’amazzone, la donna guerriera, la donna in parità con il maschio – perché anche lei combatte, anche fuori dalle guerre - e che ha il non gradito effetto di sminuire il muscoloso io maschile.
Ci si è messa anche l’etimologia in questa danza di pregiudizi, prevenzioni e tabù. Amazzone: dalla negazione “a” e “mazos”, tetta (in linguaggio specialistico), che trasmette subito il parametro inderogabile del predominio: dev’essere maschio, cioè senza tette, e una donna per raggiungere la parità (o la superiorità, non sia mai detto) si deve adeguare a questo parametro e rinunciare alla propria femminilità, in senso figurato, alle tette.
Ma, di nuovo, l’etimologia anche aiuta in questo, perché esistono diverse ipotesi per amazzone, una delle quali è: “ama” che sta per insieme e “zoo” che sta per vivere, come dire: siamo fragili tutti e due, ognuno con la propria precipua, caratteristica fragilità, è solo questione di vivere insieme, senza dare spazio a tante (quasi sempre) inutili stronzate sul predominio.

Alex ha detto...

Buongiorno Chiara,

Come le escort hanno il proprio carattere, anche il puttaniere ha il proprio, non si può riunire tutto e tutti nella stessa fascia

Chiara di Notte - Klára ha detto...

@ Davide: adesso ho capito cosa intendevi quando mi hai detto che sono il dottor Jekyll e il signor Hyde!!!

E tu chi saresti dei due?


@ Alexia: Ho avuto una volta un cliente che frequentavo molto spesso. Non sapevo nulla della sua vita sentimentale. Una sera mi ha sorpreso, dicendomi che vorebbe che io faccia qualcosa di particolare per lui, perchè si sta per divorziare per colpa mia.

Cara sorella, c'e' chi, non riuscendo a vivere relazioni affettive soddisfacenti, ha bisogno di costruirsi un paradiso dei sensi artificiale e fugace ed in quegli incontri di piacere a pagamento tratta la prostituta come una fidanzata: la coccolano, la riempiono di attenzioni e soddisfano i suoi desideri.
Per questo capita che il cliente, frequentando la stessa ragazza, finisca per innamorarsi dimenticando che gli incontri sessuali tra una prostituta e il cliente non contemplano l’innamoramento.
I problemi veri sorgono quando l’innamoramento diventa persecuzione e questo avviene molto spesso, soprattutto se la ragazza fa bene il suo mestiere, recitando bene la sua parte ed evitando di essere fredda e distaccata.


@ Luca Massaro: Grazie :-)


@ Gatsby: Ovviamente so che quando scrivo un post sul "popolo d'imbecilli" oppure sui "blogger inutile" oppure sui "puttanieri con seri problemi", stimoli le reazioni di chi si sente coinvolto.
Ebbene tutto cio' dovrebbe far riflettere piu' chi e' coinvolto per le reazioni che ha ed invece ci si limita ad contestare il "grillo parlante" per la sua propensione a generalizzare.
Generalizzare non e' criminale, sai? Spesso serve a mettere in luce aspetti che molti tendono a tenere nascosti.
Comunque hai ragione, il mio e' solo uno spaccato, una pennellata di colore che non dipinge TUTTO l'universo dei puttanieri cronici ma solo la stragrande maggioranza.


@ Salazar: e una donna per raggiungere la parità (o la superiorità, non sia mai detto) si deve adeguare a questo parametro e rinunciare alla propria femminilità, in senso figurato, alle tette.

La mia idea di amazzone e' completamente opposta. Il grande potere della donna non risiede nella negazione della sua femminilita' ma nella sua esaltazione. Quindi una donna donna, femminile, sensuale, intrigante che stimoli gli appetiti del maschio ma in un contesto in cui il suo NO sia rispettato e valga come NO, perche' possa poi "trattare" da una posizione di forza e non di debolezza.
Ovviamente "l'uomo" temendo la forza della femminilita' ha sempre cercato di schiacciarla, reprimerla, annullarla arrivando ad aberrazioni terribili come l'infibulazione oppure socialmente piu' efficaci come la cultura dello stupro.
Vorrei segnalare questa notizia di qualche mese fa dimostrare come la femminilita sia una forza potente ed inarrestabile se solo agita nel modo appropriato.

http://blog.libero.it/taniarocha/7014089.html

davide ha detto...

Distinta Chiara,

hai sempre detto che per una ragazza fare la escort è uno dei migliori lavori. Inoltre hai detto che grazie al lavoro di escort tu hai passato dei bei anni in cui hai potuto studiare e fare quello che volevi.

Se non ci fossimo stati noi puttanieri, tanto vituperati, non credi che saresti finita a fare lavori sottopagati in nero, come è successo a tante ragazze extracomunitarie (qundo sei arrivata in Italia, negli anni
'90, l'Ungheria non era ancora entrata nell'Unione).

Ciao Davide

davide ha detto...

Distinta Chiara,


""E tu chi saresti dei due?""

Da buon puttaniere non posso che essere tutti e due. Scherzo perchè in realtà io sono, come tutti i veri puttanieri, diverso.

Ciao Davide

Chiara di Notte - Klára ha detto...

@ Davide: Se non ci fossimo stati noi puttanieri, tanto vituperati, non credi che saresti finita a fare lavori sottopagati in nero, come è successo a tante ragazze extracomunitarie (qundo sei arrivata in Italia, negli anni
'90, l'Ungheria non era ancora entrata nell'Unione)
.

Innanzi tutto "extracomunitaria" non e' sinonimo di "disgraziata da lavoro sottopagato in nero" (le stesse giapponesi sono extracomunitarie). E poi neppure il termine "extracomunitaria dell'est Europa" lo e' in quanto all'Est esiste si' tutta una fascia di poverta' diffusa, ma esiste anche tanta preparazione e professionalita' che in Italia neppure immaginate ed il fatto che gli italici siano abituati solo alla prima fascia e' perche' l'Italia oggi attira solo "QUELLA" fascia e non l'altra che, invece, preferisce altre destinazioni come i Paesi del Nord Europa, ad esempio. Ti ricordo inoltre che negli anni novanta sono arrivata in italia come modella "ben pagata" e non stipata in un camion bestiame o su un barcone come invece accade oggi.
Pero' posso dire di essere stata privilegiata e se fossi nata 10 anni piu' tardi forse anche io farei parte di quella schiera di persone delle quali tu parli.
Comunque, posso dire che se non avessi fatto la prostituta per evidente mancanza di "utilizzatori finali", avrei sicuramente fatto altro in un mondo che pero' sarebbe stato TOTALMENTE diverso da quelle che attualmente e'. Ma se col tuo commento vuoi che ringrazi i puttanieri cronici per avermi permesso di fare una bella vita e realizzare alcuni miei sogni, beh... li ringrazio esattamente come l'avvocato Ghedini potrebbe ringraziare l'esistenza di Berlusconi. :-)

davide ha detto...

Distinta Chiara,


""Ma se col tuo commento vuoi che ringrazi i puttanieri cronici per avermi permesso di fare una bella vita e realizzare alcuni miei sogni, beh... li ringrazio esattamente come l'avvocato Ghedini potrebbe ringraziare l'esistenza di Berlusconi. :-)""

Non volevo proprio dire questo. Naturalmento so benissimo che con la tua intelligenza avresti trovato qualcosa di meglio. Però non tutte le ragazze hanno le tue doti e il lavoro di escort può essere (papponi a parte) una risorsa.

Ciao Davide

Gio ha detto...

@ Salazar, sull'etimologia di 'Amazzone'.
Ricordo una vecchia versione di latino in cui si narrava che le amazzoni volontariamente si privassero di uno dei due seni per poter tenere meglio l'arco.

Quello che vorrei chiedere è questo: dato per scontato che spessissimo (e non dico sempre per poter comprendere situazioni di cui non sono a conoscenza ma che potrebbero esistere) c'è un deficit alla base della frequentazione di prostitute, la mia domanda è questa: questo deficit viene colmato?
E' utile, per chi ci va, andarci?
Quali potrebbero essere le alternative?
E quali sono le alternative con le quali l'uomo tenta di riempire la propria vita?
Quando vado in moto, quello che cerco è anche l'emozione, i paesaggi, ma soprattutto la concentrazione: doversi contentrare in modo totale sulla guida aiuta parecchio a non vedere la realtà un po' triste che c'è.

Sto ascoltando un quartetto d'archi di Beethoven - nel modo più triviale possibile temo ...

Dagmar ha detto...

cara sorella,
come sempre il tuo "spaccato" è perfetto, chiunque ha avuto a che fare con i puttanieri conosce anche troppo bene la tristezza che esalano. E quel che fa più tristezza è l'accanimento con il quale ognuno di loro pensa davvero di essere diverso.. benefattore.. salvatore..individualista colto e unico..ecc ecc.

La mia personale "palla misericordiosa" era quella della famiglia finita nei debiti per colpa di un investimento sbagliato di mio padre, e di due sorelle più piccole che con il mio lavoro stavo mantenendo a studiare.. la vecchia storia delle povere creaturine pure e innocenti che sopravvivono grazie al sacrificio della "donna perduta".. irresistibile!

Neelps ha detto...

gatsby scrive:


Un bel post, ma che lascia sempre l'amaro in bocca per la tua tendenza a generalizzare.


Secondo me questa generalizzazione comprenda un buon 90% di questi "puttanieri".

Neelps ha detto...

Chiara scrive:


Sono soli, separati, divorziati oppure se hanno una relazione la vivono senza affetto,


Ci mettono sempre una vita a fare la loro scelta.

Dicono che cercano il meglio ma neppure loro sanno bene quello che vogliono.

Quindi mi pare di capire che, secondo te, se non ho frainteso, il soggetto "puttaniere" e' una persona con dei problemi affettivi/relazionali che oltrettutto ha anche una morale dubbiosa ?

Da qui la necessita' di pagare una donna per soddisfare i propri bisogni sessuali.

Concordi?

davide ha detto...

Distinta Chiara,

vorrei farti una domanda. Secondo te gli uomini che non vanno con le escort sono migliori di quelli che ci vanno?
Naturalmente non andare con le escort non vuol dire essere fedeli: io conosco degli uomini che fanno corni lunghissimi (amanti, scappatelle ecc.) alle mogli senza pagare le escort.

Ciao Davide

Fabio ha detto...

Io sono un puttaniere ma personalmente preferisco quelle di strada alle escort, se hanno un pappone è ancora meglio perché così sono più sottomesse...le escort non mi danno soddisfazione, i prezzi sono alti e bisogna trattarle come donne normali mentre molte delle ragazze in strada hanno bisogno di guadagnare e quindi si lasciano fare di tutto.
Chiara a me fanno un po' ridere gli uomini descritti nel tuo post perché si illudono che ci possa essere qualcosa oltre al sesso e pensano di avere a che fare con una fidanzatina ma con una prostituta non è mai così.

Chiara di Notte - Klára ha detto...

@ Neelps: Concordi?

Se si tratta del puttaniere cronico, cioe' quello che ha il vizio, allora si' concordo.


@ Davide: Secondo te gli uomini che non vanno con le escort sono migliori di quelli che ci vanno?

Non esprimo giudizi morali. Come donna preferisco quelli che con le prostitute evitano di andarci.


@ Fabio: Io sono un puttaniere ma personalmente preferisco quelle di strada alle escort, se hanno un pappone è ancora meglio perché così sono più sottomesse...le escort non mi danno soddisfazione, i prezzi sono alti e bisogna trattarle come donne normali mentre molte delle ragazze in strada hanno bisogno di guadagnare e quindi si lasciano fare di tutto.

No, tu sei un troll... nessuna persona dotata d'umanita' scriverebbe mai qualcosa del genere. Quindi o sei un troll o sei uno stronzo. Decidi tu. E d'ora in poi avrai il trattamento che riservo ai troll o agli stronzi.
Non sei piu' gradito, tutti i commenti provenienti da te saranno cassati.
Addio.

Fabio ha detto...

Cosa vuol dire troll?
Comunque pensavo ci fosse la libertà di espressione, io ho espresso i miei gusti personali e ti assicuro che sono in molti a condividerli, tra cui anche coloro che fanno la morale.

Neelps ha detto...

Fabio il troll scrive:

Chiara a me fanno un po' ridere gli uomini descritti nel tuo post perché si illudono che ci possa essere qualcosa oltre al sesso e pensano di avere a che fare con una fidanzatina ma con una prostituta non è mai così.


Il mondo e' pieno di tristezza che tu lo voglia o no, depressione, angoscia, ansia, violenza.

Ci si appiglia ad ogni cosa, vera o illusoria che sia, non ha importanza, l'unica cosa che conta e' tener viva quella debole fiammella della speranza.

Alcool, droga, puttane ed altro ancora che importa?

A volte, dalle puttane si cerca solo un po di affetto con la scusa di farsi una bella scopata. Lo so, non e' facile ammetterlo. Io invidio tutti quelli che vivono la loro vita in modo lineare, senza mai alcun dubbio, senza l'ansia della notte nera, senza domande, senza rimpianti, senza la malinconia che ti cattura al tramontare del sole.

Tanto poi so che la razionalita' vince sempre l'illusione e ti schiaccia a terra per l'ennesima volta.
E cosi ancora, una puttana, dell'alcool o della vaniglia riaccendono ancora quella debole fiammella per qualche istante.

puttaniere ha detto...

Di puttanieri ce ne sono diversi e come affermare che tutte le puttane si prostituiscono perché non hanno altra scelta.
Semplici affermazioni populiste, confutabili in ogni momento.

Salazar ha detto...

@Klàra
Guarda che stiamo dicendo la stessa cosa, sennò perché avrei scomodato le amazzoni, l’etimologia e tutte quelle pallosità: quella è la descrizione del concetto che quella etimologia di “amazzone” comunica. Un concetto molto diffuso (storicamente, ora un po’ meno, ma tiene duro) che ovviamente disapprovo.

@Gio
Si, Diodoro Siculo, storico del primo secolo aC, ha piazzato questa robaccia della mutilazione quando descrisse la storia/leggenda delle amazzoni africane guidate dalla regina Myrina: una società perfettamente ginecocratica. La ipotetica mutilazione è stata poi ripresa da altri, che addirittura si sono sbizzarriti in descrizioni più o meno sadomaso del procedimento. Ma, nella totalità delle raffigurazioni di amazzoni dell’antichità, le signore ritratte sono tutte munite di tette in numero di due, e crdo che un particolare così drammatico come la mutilazione del seno destro sarebbe stata di certo riportato. In più, una ipotesi etimologica di amazzone prende la “a” iniziale come rafforzativo, in questo caso si potrebbe dedurre che le amazzoni erano delle gran tettone.
Ma se vuoi leggere - e vedere le foto – di amazzoni vere e non leggendarie procurati questo: Stanley Alpern, "Amazons of Black Sparta: The Women Warriors of Dahomey" New York University Press 1999. Anche qui, molto più rapido ed economico, c’è qualcosa, molto poco in verità.
Infine, si può dire che la guardie del corpo di Gheddafi non è altro che una tradizione africana, mica una gran novità, come ce l’hanno rifilata.

Un uomo che riesce a relazionarsi con una donna solo dall’alto di un pagamento, cioè da una posizione di superiiorità recepita solo da lui e ovviamente fittizia, qualche problema di relazionamento con le donne c’è l’ha di sicuro. O no?

modesty ha detto...

certo. son problemi questi.
quello che traspare, leggendo il blog è la totale noia.

suppongo che la differenza tra una "di classe" e una "distrada"sia che la prima è annoiata, mentre la seconda è con le spalle al muro.

genomaxycopy ha detto...

Ma tu mi conosci,Chiara....hai descritto me.Non hai considerato una cosa molto importante:gli uomini che descrivi tu,sono figli di donne dalle quali sono stati ricoperti di eccessive attenzioni ed amore sproporzionato senza alcun merito.Cosi nella vita di relazione,sono conquistati e subiscono l'amore eccessivo di donne altrettanto immeritato.Parte da qui tutta la tua relazione,che con questa premessa diventa scentifica

Chiara di Notte - Klára ha detto...

@ Troll: Comunque pensavo ci fosse la libertà di espressione.

La liberta' di espressione ce l'hai in casa tua. In casa tua fai tutte le espressioni che vuoi, qui ti attieni alle regole e ad una forma consona per esprimerle. La forma consona non e' quella usata da te, ma un'altra. Te la indico:

"Siccome sono un devastato mentale preferisco le ragazze disperate, che da me devono accettare tutto altrimenti il pappone le mena, invece delle escort che mi mandamo a fanculo perche' mi puzza il fiato."

Ecco, capito qual e' la forma consona? D'ora in poi cerca di attenerti alle regole e vedrai che con me non avrai problemi.

ti assicuro che sono in molti a condividerli, tra cui anche coloro che fanno la morale.

Dato che per il momento altri devastati mentali, diversamente da te, non si sono confessati vuoi dire che SOLO tu sei sincero?
E per avere questa certezza hai fatto uno studio scientifico oppure semplicemente dai aria alla bocca?


@ Neelps: l'unica cosa che conta e' tener viva quella debole fiammella della speranza.

L'unica cosa che conta e' mantenere la dignita' e non tradire, con i nostri comportamenti, le aspettative delle persone alle quali abbiamo chiesto di fidarsi di noi e che da noi si attendono coerenza e correttezza.
Se alle tue spalle non c'e' nessuno e non hai fatto alcun "patto" allora puoi fare cio' che vuoi. Diversamente devi rispettare cio' che vorresti gli altri rispettassero nei tuoi confronti.


@ Puttaniere: Di puttanieri ce ne sono diversi e come affermare che tutte le puttane si prostituiscono perché non hanno altra scelta.
Semplici affermazioni populiste, confutabili in ogni momento
.

Se le vuoi confutare, confutale, ma non mi pare tu sia in grado. Sono certa che piu' delle solite trite e ritrite accuse di qualunquismo (che c'entra poi il populismo?) rivolte alla sottoscritta non potrai fare.
In ogni caso la mia e' la descrizione del puttaniere cronico cosi' come lo vedo io. Descrizione per altro condivisa da altre due ragazze (Alexia e Dagmar) che hanno voce in capitolo per parlare in quanto conoscitrici del mestiere.


@ Modesty: quello che traspare, leggendo il blog è la totale noia.

Visto? Faccio di tutto per renderlo il piu' noioso possibile. Sono contenta di esserci riuscita. :-)


@ Genomaxycopy: gli uomini che descrivi tu,sono figli di donne dalle quali sono stati ricoperti di eccessive attenzioni ed amore sproporzionato senza alcun merito.Cosi nella vita di relazione,sono conquistati e subiscono l'amore eccessivo di donne altrettanto immeritato.


Tradotto significa che mammina ha li ha convinti di aver un bel pisellino e da grandi vanno alla ricerca di quelle lo dicono a pagamento perche' le donne che non si fanno pagare lo dicono chiaro e tondo che sono dei sottodotati?
Sai che non ci avevo mai pensato? Ma potrebbe essere, si'... grazie per l'illuminazione. :-)

modesty ha detto...

intendevo la tua di noia - quella provata da te.

ma c'è qualcuno di loro che riesce a bucare quella noia.

oppure sono tutti cosi deprimenti.

se fosse cosi, meriti di guadagnare il triplo di qualunque tarifa tu applichi.

love, mod :-)

Chiara di Notte - Klára ha detto...

modesty ha detto...

intendevo la tua di noia - quella provata da te
.

Ah ecco... adesso mi e' piu' chiaro. Scusami ma a volte non capisco se ci sono dei doppi sensi e sono sempre interdetta quando devo rispondere. :-)

se fosse cosi, meriti di guadagnare il triplo di qualunque tarifa tu applichi.

In realta' non applico piu' alcuna tariffa. La mia esperienza si e' conclusa nel 2001 e non ho intenzione di ricominciare.

Anonimo ha detto...

Chiara, come al solito MI PIACI!

Odill

Chiara di Notte - Klára ha detto...

Dagmar ha detto...

cara sorella,
come sempre il tuo "spaccato" è perfetto, chiunque ha avuto a che fare con i puttanieri conosce anche troppo bene la tristezza che esalano. E quel che fa più tristezza è l'accanimento con il quale ognuno di loro pensa davvero di essere diverso.. benefattore.. salvatore..individualista colto e unico..ecc ecc
.

Si'... e non se ne salva uno...

http://espresso.repubblica.it/dettaglio/silvio-e-patrizia-tutte-le-intercettazioni/2104809//1

davide ha detto...

Distinta Chiara,


""Se alle tue spalle non c'e' nessuno e non hai fatto alcun "patto" allora puoi fare cio' che vuoi. Diversamente devi rispettare cio' che vorresti gli altri rispettassero nei tuoi confronti.""


Condivido al 100%. Però si può tradire anche senza andare con le escort e viceversa. Personalmente non sono mai andato con le escort quando avevo una relazione con una donna.

Comunque ritengo che vi sia una contraddizione nel dire che fare la escort è uno dei migliori lavori, mentre i puttanieri è gentalia che sarebbe meglio che non ci fosse. E' come volere la botte piena e la moglie ubriaca.

So bene che tu mi dirai che le escort ci sono perchè ci sono i puttanieri, ma è vero anche il contrario: se non ci fossero le escort non potrebbero esistere neanche i puttanieri.

Per questro trovo un po' contradditorio dire che una cosa è positiva (escort) e l'altra (clienti) negativa.

Ciao Davide

Neelps ha detto...

Chiara scrive
L'unica cosa che conta e' mantenere la dignita' e non tradire, con i nostri comportamenti, le aspettative delle persone alle quali abbiamo chiesto di fidarsi di noi e che da noi si attendono coerenza e correttezza.

Leggo nella tua frase un certo romanticismo fiabesco, forse.
Pero' quando dici che l'importante e' non tradire la fiducia delle persone che ti stanno accanto(non ho usato volutamente la parola "amare") a me viene da pensare che qualcosa non va.

Qualcosa non va perche' i rapporti interpersonali sono difficili da gestire.(non mi riferisco solo al sesso, quello ha poco senso).

Ma parliamo di esperienze personali altrimenti non ci capiamo.
Quando stavo con una ragazza che amavo non ho mai nemmeno avuto la voglia di tradire. Pero' questo periodo di "batticuore" prima o poi finisce oppure si affievolisce lentamente, sommerso dallo stress quotidiano, dal lavoro, dai mille problemi della vita.
E capita che allora cio' che prima ti faceva battere il cuore diventa noia, indifferenza e allora qualsiasi cosa capace di portarti via diventa interessante e da li a "tradire" ci vuole solo l'occasione.
Mi e' capitato una volta, ho avuto dei sensi di colpa, ma non mi sono pentito, anzi e' stata una boccata d'aria fresca per avere la forza di troncare. Certamente non c'e' nulla di cui vantarsi in questo. Ci sono solo molti rimpianti, se avessi combattuto di piu', piu' impegno, piu' sforzo per far funzionare le cose, magari oggi sarei sposato, con una bimba o un bimbo da portare al parco o al planetario per raccontargli le stelle. Ma il resto?

Io a volte dubito che le persone siano fatte per vivere una vita intera assieme, ma forse sono solo pensieri immaturi, non ne ho idea, molti miei coetanei sono gia' sposati con dei bambini, quando li incontro provo da un lato pena per me' stesso perche' non ho una persona con cui condividere tutte queste cose e un bambino da crescere, e dall'altro lato provo per loro una gran tristezza perche' so che hanno vissuto la vita assai poco, sono nati e cresciuti a milano, non conoscono nulla al di fuori di esso, se non tramite le guide della lonley planet, provo un profondo imbarazzo per il tipo di vita che conducono. Ma e' un sentimento combattuto dentro di me.

(segue...)

Gio ha detto...

@ Dagmar & Chiara
Ho una domanda per voi.
Tu Dagmar sostieni che
'ognuno di loro pensa davvero di essere diverso.. benefattore.. salvatore..individualista colto e unico..ecc ecc.' e tu Chiara sembri concorde.
Penso che sicuramente avete i migliori motivi del mondo per avere questa idea.
Quello che vi voglio chiedere è questo: tra chi va con una prostituta, può esserci davvero gente 'diversa, benefattrice, colta etc. etc.'?
Mera curiosità :D

Neelps ha detto...

Kiara scrive:
Diversamente devi rispettare cio' che vorresti gli altri rispettassero nei tuoi confronti

Sarei felice che fosse tutto cosi semplice. A volte capita che tu fai delle scelte o prendi delle decisioni che non possono che provocare dolore a tutti quelli che ti stanno vicini.
E magari loro non capiscono cosa ti sta accadendo e non riescono a comunicare con te. E li c'e' un circolo vizioso che ti spinge sempre piu' in basso.

Esistono sempre delle situazioni complicate che non si adatteranno mai alla tua troppo semplice regoletta.
Davvero non e' per schernirti o provocarti ma e' troppo semplice, non funziona cosi.

Ho tradito perche' non stavo bene, perche' la mia vita mi soffocava.
L'ho fatto di nascosto perche' non avevo la forza di troncare.
L'ho fatto per avere un contatto con un'altra persona, piu' per l'affetto che per il sesso. Perche' forse non ero adatto a quel tipo di vita o perche' egoisticamente non mi sono voluto adattare a lei.L'ho fatto perche' forse ho poca dignita'.Forse perche' sono sempre stato privo di quella forza di volonta' che in tanti sembrate avere, fin da piccolo ho sempre combinato casini,ho provocato dolore alle persone che mi erano vicine, perche' non provavo emozioni e ho iniziato a provarle in modo, come dire, artificiale. E questo non perche' mi mancavano le attenzioni o perche' ne avevo troppe, tutte cazzate, sapevo quel che facevo e lo facevo volontariamente!

E poi sono stato anche con delle puttane. Perche' non avevo tempo e voglia di trovarmi un amore vero.
Ho pagato per averne uno fasullo e a volte quello che interessava era solo avere una persona vicina, un'abbraccio.

Allora forse tu mi dirai che ho davvero poco rispetto per tutti quelli che mi stanno accanto, ho, come dire una scarsa dignita'.

E forse hai ragione.
Forse contesto la semplicita' grezza delle tue regolette perche' tento in qualche modo di difendermi.

Forse.

Neelps ha detto...

Puttaniere scrive:

...
Semplici affermazioni populiste, confutabili in ogni momento.


Ma che dici?
Generalizzare significa soltanto individuare un fattore comune.

Sicuramente e' impreciso, molti soggetti non rientreranno nelle casistiche descritte.

Ma la maggior parte, se la generalizzazione e' fatta bene, rientrano eccome.

Chiara, da contadina, ha disegnato con il bastone una bella curva a campana.
Prova tu a disegnarne una migliore se vuoi.

ciao

Fabio ha detto...

Non sono un devastato mentale e non pensavo di offendere qualcuno, c'è chi va con le puttane perché ha bisogno di affetto o di sentirsi importante e chi invece ci va per sfogare le proprie voglie, ogni cliente ha le sue esigenze...certo a volte mi fanno un po' pena e gli do qualcosa in più, alla fine loro sono contente e mi ringraziano pure quindi dove sta il problema?

Bibi ha detto...

Che bello, si torna a parlare di zoccole e puttanieri!
Avendo militato nella seconda categoria per un discreto periodo di tempo e con discreta fortuna, posso dire che non mi riconosco nel ritratto ma che parecchi puttanieri sono effettivamente così. O meglio.. il ritratto ha caratteristiche simili a parecchie categorie di puttanieri, è una specie di riassunto.
Ad esempio anche a me piaceva interpretare un personaggio, ogni volta diverso. Medico, avvocato, calzolaio..ect..insomma se finzione doveva essere che lo fosse in tutto e per tutto e poi era più divertente. Ho però sempre evitato il clichè dell'agente segreto e similari..troppo stupidi.
Ho sempre fatto anche la fatale domanda "perchè lo fai" anche perchè non sapendo di che cazzo parlare (non essendo avvocato, medico ect ect) preferivo spostare il baricentro delle palle sulla sfortunata occasionale compagna di evoluzioni sessuali.
E devo dire che di palle ne ho ascoltate parecchie e molto belle ma ho anche sentito alcune storie vere. Dipendeva dal momento forse.
Per il resto sono sempre stato anomalo, in quanto non ho mai frequentato assiduamente la stessa.
Quella della fidelizzazione è un tratto caratteristico del puttaniere; conosco casi di frequentazioni a tre cifre...intesi come incontri.
Comunque anche tra le zoccole ci sono delle belle categorie: quella che appena l'incontri comincia a parlare e per farla smettere devi subito cominciare l'attività motoria altrimenti non la pianta; quella che invece per farle dire il nome devi inventarti cose turche; quella che vuole essere la tigre del sesso e comincia a sviluppare un'attrazione fatale per lampadari, sedie, comodini vari , tutto tranne che il letto; all'opposto c'è il genere "santa maria goretti" che nonostante eserciti da anni (e tu puttaniere di lungo corso lo sai perfettamente) prima che possa sdraiarla, devi recitare il rosario completo.
Insomma, di categorie sono piene entrambe le parti.
Bello ricordarle un pò.
a.y.s. Bibi

A-Woman A-Man ha detto...

Personalmente tendo ad idealizzare le puttane, per la capacità di governare il sesso amorale. Questa pagina è interessante e pone luce sui puttaniere e sui loro limiti notevoli, come io ho sempre pensato.
Osho diceva che le puttane parlano di dio, sono spesso persone che hanno capito della necessità spirituale di andare oltre.
Insomma Puttane - Puttanieri, 3 - 0
direi.
Forse non le ho idealizzate neppure troppo.

Alex ha detto...

Buongiorno Chiara,

ho idea tutta mia sulla prostituzione e del mondo che gira intorno ad essa.

Vorrei fare una premessa con un reato che tutti conoscono...

un furto viene punito con tot mesi di carcere, se provi a vendere la refurtiva, chi l'acquista, commette il reato di ricettazione, le attenuanti sono ben poche e il reato che si concretizza è punito in modo molto più grave.

l'induzione alla prostituzione, soprattutto dove avvengono sopprusi, violenze ed altro è un reato, secondo me, se qualcuno va con una prostituta, una volta che viene riconosciuto che la stessa è stata oggetto di induzione alla prostituzione, con violenza, si macchia del reato di violenza carnale con tutti gli aggravanti previsti dal C.P. e quindi dovrebbe essere inflitta una pena da 6 anni a salire.........

se il fatto viene commesso su una minorenne 25 anni a salire.

Sono violenze su ragazze chè non possono permettersi neanche di far scendere una lacrima e potrebbe essere la figlia di chiunque, con la sola sfortuna di non avere nessuno che la tutela per mille motivi.

La scusa, io non sapevo, troppo facile, la stessa che viene fuori quando si compra merce rubata, io non sapevo, non immaginavo, invece sanno perfettamente, come si sà perfettamente che le ragazze sulle strade sono costrette con violenza alla prostituzione.

Una sola su mille per avere il rimorso che potrebbe essere la figlia di qualcuno, una su mille per pensare che stai violentando una persona e potrebbe essere la propria moglie, come se venisse a casa qualcuno e facesse la stessa cosa con i propri familiari, secondo me darebbe fastidio.......appena appena......

illustre1966 ha detto...

Wow, siete ancora qui!
E con gli stessi argomenti per giunta! ;-)
Chiara, ho capito come fai a non invecchiare..... ;-D

Un saluto fugace a tutti!
Buona 'discussione'! :-D

Gio ha detto...

Ogni condizione che mette un essere umano alla mercè di un altro è triste.
Auspicare di avere padronanza di un altro essere senziente invece è semplicemente rivoltante.

Chiara di Notte - Klára ha detto...

@ A-Woman A-Man
Personalmente tendo ad idealizzare le puttane.

Solo quelle che non sono obbligate e lo fanno per libera scelta, pero'. Non si deve porre la prostituzione tutta sullo stesso piano.
A chi dice "io come faccio a saperlo?" rispondo Informati! E se non sei in grado di stabilirlo evita di andarci oppure lotta perche' si arrivi presto ad una regolamentazione della professione.
Ma si sa come funzionano le cose. Se ne parla spesso nei forum che trattano l'argomento: prevale la tirchieria. I puttanieri preferiscono che le cose restino cosi': pagano di meno il servizio e, come dice il gentiluomo di Fabio, possono pretendere di piu' da quelle disperate che vengono menate dal pappone se non incassano un minimo a serata.


@ Alex: Hai perfettamente ragione ad equiparare chi va con le ragazze sfruttate (sapendo che sono sfruttate) con i ricettatori.
Molti, quasi tutti quelli che si accompagnano con prostitute extracomunitarie che esercitano per strada lo sanno, ma fanno finta di niente.
Purtroppo gli italici sono famosi nel mondo per la loro ipocrisia oltre che per avere un presdelcons che nei paesi civili non potrebbe fare neppure l'amministratore di condominio.


@ illustre1966:
Wow, siete ancora qui! E con gli stessi argomenti per giunta! ;-)
Chiara, ho capito come fai a non invecchiare....
.

Invece tu sei coerente.
Il giorno 12/12/2008, nel mio post "Ragazze in vendita"

http://chiara-di-notte.blogspot.com/2008/12/ragazze-in-vendita.html

mi inviavi il seguente commento che io non avevo pubblicato in quanto troppo "educato" e per niente astioso:

"E' esattamente ciò che penso.
Per questo non commenterò più il tuo blog.
Vedo che stai bene in mezzo ai tuoi galletti: ognuno ha il pollaio che si merita"
.

A quanto pare, nonostante gli sforzi, non si riesce a stare lontani dalla sottoscritta.
Essi'... brutta cosa l'invidia.

illustre1966 ha detto...

Eh??? :-D

uff....due commenti l'anno sono già troppi!

chicchirikì! :-)

Chiara di Notte - Klára ha detto...

@ Illustre: uff....due commenti l'anno sono già troppi!

Bravo... tornatene nel luogo dove sei nato. Magari puoi partecipare alle discussioni appoggiando le tesi di pierluigi & co.

http://www.escortforumit.com/forum/t/133397

http://www.escortforumit.com/forum/t/133484


Anzi... pare che tu ci sia gia' ritornato:

http://www.escortforumit.com/forum/search.php?from_user=212577

illustre1966 ha detto...

Meno male che oggi ho tempo da dedicarti...
Non è che per caso sei una dipendente della cordata espresso/repubblica che hai questa propensione alla pubblicazione di notizie poco verificate?

http://illustre-1966.blogspot.com/2009/04/millantatori.html

ehm .... con questo fanno tre!
Per il 2009 sei a posto: spero di ritrovarti nel 2010!

Se non ci dovessimo rivedere spero che....ecco non sia colpa mia. :-)

ciao chiaretta

P.S. rinnovati negli argomenti....lo share sta diminuendo 'anche' nel web... :-D

Chiara di Notte - Klára ha detto...

Non è che per caso sei una dipendente della cordata espresso/repubblica che hai questa propensione alla pubblicazione di notizie poco verificate?


Si' certo... poco verificate. :-)
Come questa?

http://espresso.repubblica.it/multimedia/home/6959303

Poco verificato anche l'audio?

Certo che avete proprio una venerazione per il vostro papi. Come i fan di Elvis vi vestite come lui e lo imitate in tutto... anche nel mistificare la verita'.

Ok dai, attendo il tuo prossimo commento nel 2010. Spero sia astioso come al solito altrimenti non mi diverto. :-)


PS: mi sa che sei ipovedente o non sai leggere bene i dati... lo share sta salendo vertiginosamente grazie anche alla presenza dei bimbiminkia come te che mi danno argomenti sui quali scrivere.

Fabio ha detto...

(Commento censurato per evidente deficienza mentale del commentatore).

Flyingboy ha detto...

http://www.ansa.it/opencms/export/site/notizie/rubriche/daassociare/visualizza_new.html_1619515759.html

Il quotidiano ABC - in un articolo di commento dai toni ironici, intitolato "Su Berlusconi scorre il rimmel" - scrive che il premier "é il Benny Hill italiano. Ma in fatto di segreti di bellezza ha molto da imparare da Joan Crawford". Poi, riprendendo la frase del titolo, il giornale scrive: "Berlusconi, con il sudore sulla fronte, si passa per il volto fazzoletti bianchi impregnati di maquillage. O cerca fazzoletti coloranti, o chiama Jimmy Coco, grazie a cui si abbronza Victoria Beckam"

Phil Daoust in "The Guardian", Tuesday 2 September 2008 :

Whenever I hear the name Silvio Berlusconi, I get visions of an Italian Benny Hill chasing topless models across the Tuscan hills, complete with deedle-deedee music and pursuing carabiniere.

http://www.youtube.com/watch?v=H2quEHJP7jQ&feature=PlayList&p=6EFD555224AAAFE5&index=2

Yuna90_42 ha detto...

Ogni condizione che mette un essere umano alla mercè di un altro è triste.

Concordo!!

Auspicare di avere padronanza di un altro essere senziente invece è semplicemente rivoltante.

La mia domanda è: in un rapporto tipo Escorting...chi ha padronanza di chi?
Attenzione parlo di Escorting, non di meretricio "stradale", meditare :-)

Yuna

Fabio ha detto...

Yuna, sarà triste ma è molto divertente.
Comunque in un rapporto escort/cliente secondo me è la escort che ha in mano la situazione e se è brava riesce a far credere al cliente che sia lui a comandare...ah poveri ingenui.

davide ha detto...

Carissima coccolona Yuna,

""La mia domanda è: in un rapporto tipo Escorting...chi ha padronanza di chi?
Attenzione parlo di Escorting, non di meretricio "stradale", meditare :-)""


Secondo me, nella maggioranza dei casi, nessuno dei due. Certo se l'uomo si innamora della ragazza e perde la testa la escort gli prosciugherà in un baleno il conto in banca. Ma questo potrebbe succedere anche con una ragazza che non fa la escort: quando si perde la testa si fanno tante cazzate.

Ciao Davide

Salazar ha detto...

la escort gli prosciugherà in un baleno il conto in banca
Davide, Davide! È bello vedere che preconcetti proprio non ne hai.
Neanche i luoghi comuni ti interessano, ne tantomeno le massime al bacio Perugina.
Bene, proprio bene.

Yuna90_42 ha detto...

Secondo me, nella maggioranza dei casi, nessuno dei due.

:-)

Ma questo potrebbe succedere anche con una ragazza che non fa la escort: quando si perde la testa si fanno tante cazzate.

Una escort però la testa, te la fa perdere per professione, e le "vittime", se interrogate in merito, diranno: ma no, non è vero, può succedere con chiunque, ma va la va la, ma chi l'ha detto, ma non è così :-)
Non con tutti, ovvio, ma c'è una predisposizione nel popolo dei puttanieri a credere, perchè vogliono credere, ne hanno bisogno, e sono molti, casisticamente direi un buon 80%.
Parlo chiaramente sempre di rapporti escorting veri, non di rapporti basati su "prestazioni" con tanto di locandina e menù del giorno :-)...a mio modo di vedere un pò "poveri" e squallidi :-).

Con affetto :-)
Yuna

Alex ha detto...

Buongiorno Chiara,

è più facile che i soldi te li "freghi" una che non fa la escort:-)

Se sei un pollo e ti fai riconoscere come tale, andando da una escort, ovviamente, cercherà di prendere il più possibile, daltronde i soldi li sa gestire meglio lei di te:-))

ma questo avviene in ogni situazione di contrattazione.

Il rapporto è alla pari, l'uomo inventa una marea di cazzate per cercare di fregare la escort e la escort cerca di riempire il più possibile il portafoglio:-))

o sbaglio?

ps: l'amministratore di condominio è l'essere più strano e volta gabbana che conosco:D

Chiara di Notte - Klára ha detto...

@ Alex: Il rapporto è alla pari, l'uomo inventa una marea di cazzate per cercare di fregare la escort e la escort cerca di riempire il più possibile il portafoglio:-))

Per darti un'idea del rapporto esistente fra la escort ed il cliente prendi la relazione che intercorre fra il papi e gli italici.

Gli italici (che sono i clienti) credono di controllare il papi con le regole della Democrazia, invece il papi li frega tutti, fregandosene delle regole e riempiendo sempre di piu' il proprio portafogli, lasciando pero' i clienti contenti e convinti di essere stati loro ad aver ricevuto di piu'. :-))

ps: l'amministratore di condominio è l'essere più strano e volta gabbana che conosco:D

E' vero. Di' pure che e' anche "mariuolo". Ed infatti fra di loro c'e' un'altissima percentuale, (quasi la totalita' di quelli che conosco) che vota per papi.
Si capisce a chi si ispirano. :-))

Alex ha detto...

Non credo che tutte le escort freghino il cliente, al massimo, prendono qualcosa in più per quello che danno. Credo che un sogno non ha valore a volte...

Il papi è in una struttura (soprattutto quella italica) che gli permette, come a tutte le persone che siedono in determinate posizioni di essere dominanti nei confronti del popolo.

Non è semplice cambiare....ci vogliono le persone giuste e i tempi tecnici e l'impegno di tutti non a sole parole:-)

vero mariuolo è il termine più appropriato:-)

davide ha detto...

Caro amico Salazar,

""la escort gli prosciugherà in un baleno il conto in banca
Davide, Davide! È bello vedere che preconcetti proprio non ne hai.
Neanche i luoghi comuni ti interessano, ne tantomeno le massime al bacio Perugina.
Bene, proprio bene.""

Che le escort (non tutte naturalmente) siano specialiste nel prosciugare i conti dei clienti che si invaghiscono di loro, non lo dico solo io ma anche la nostra Chiara.

Come vedi sono in buona compagnia.

Ciao Davide

Fabio ha detto...

Alex a mio parere i sogni sono altri, le escort se possono lo fregano eccome il cliente, non lo fanno solo con i clienti che non gliene danno la possibilità...non le biasimo comunque, è ciò che succede regolarmente quando si accumulano molti soldi in modo facile: se ne vorrebbe sempre di più.
A certi puttanieri piace pensare di avere un rapporto esclusivo con la escort di turno e sono disposti a pagarlo a caro prezzo, chi non ne approfitterebbe?
Non si può confondere la merce con i sentimenti.

Alex ha detto...

Ciao Fabio,
non conosco la realtà del mondo delle escort, mai frequentate, anche se, quando vedo certe "topone" in giro non posso che seguirle con la coda dell'occhio:-)

la ritengo una professione, capisco i motivi per cui le persone le frequentano e sono motivi molto validi:-)

Sono daccordo con te che non si può confondere la merce con i sentimenti ma dobbiamo sempre ricordarci che anche le persone che sono obbligate a stare in strada hanno dei sentimenti che vengono uccisi e violentati ogni volta che sono costrette a vendere il proprio corpo sotto la minaccia di morte sua o della sua famiglia.

Se dovessi scegliere, meglio una escort, anche a livello sicurezza sanitaria, che una obbligata a fare qualsiasi cosa senza sicurezza.

Ovvio, se possono ti fregano, come i commercianti, solo che loro fanno leva sui sentimenti e magari sarei il primo a farmi fregare, anzi,con buone percentuali(:, anche se nel mio caso avrebbero poco da rubare(:

Ribadisco, per me è domanda ed offerta, libera, nessuno è costretto ad accettare la parte, il cliente, se vuole paga quanto richiesto, la escort, se vuole, può rifiutare il cliente, alzare il prezzo se lo ritiene opportuno senza vincoli od obblighi.

Nella speranza che liberalizzazino la professione almeno, parzialmente, secondo me, finirebbero alcuni reati

Anonimo ha detto...

Se non è maniacalità compulsiva questa!!!

Le donne di Modena hanno le ossa grandi
le donne di Modena hanno larghi i fianchi
le donne di Modena accettano un invito
e non è il caso di essere il marito
Le donne di Genova portano gonne strette
le donne di Genova non ridono per niente
le donne di Genova pensano sia normale
mettersi a letto e leggere il giornale


I puttanieri invece sono tutti... (completare a piacere per la "Saga delle banalità)


Ciao Chiaretta!!!!!!!!

Siggy

(se mi pubblichi come anonimo ti ringrazio, non riesco più ad usare il mio account google)

Chiara di Notte - Klára ha detto...

@ Siggy: completare a piacere per la "Saga delle banalità

Vedo che comunque, da anni, delle banalita' che scrivo, non puoi farne a meno.

Se non e' maniacalita' compulsiva questa !!! :-)

Fabio ha detto...

Alex sono d'accordo, anche loro hanno dei sentimenti ma un po' se le cercano le disgrazie, non penso che le carichino a forza in un furgone per farle prostituire in Italia, queste ci vengono perché sono delle credulone e si fanno infinocchiare da tante belle promesse, secondo me bisogna essere un po' cretine per credere che l'Italia sia il paese dei balocchi, soprattutto senza avere un titolo di studio valido o un minimo di talento.

Alex ha detto...

Fabio scrive:
"perché sono delle credulone e si fanno infinocchiare da tante belle promesse"

Quando hai delle speranze, la vista si annebbia come quando ami, il risveglio, però, è nella triste realtà.

Le persone più deboli vanno tutelate, ai delinquenti viene data la possibilità di ravvedersi, una crudulona, invece, viene segregata, stuprata, violentata e condannata a non essere più libera nonostante il sorriso sulle labbra.

marco ha detto...

Che ne sapessi un cazzo lo sospettavo, ma vedere che è un cazzo così piccolo mi ha sorpreso. Non è che non ci dormissi la notte pensando alla prostituzione ma mi è capitato diverse volte di discuterne.
Tutto, o quasi tutto quello che chiamavo prostituzione era in realtà schiavismo, solamente maledetto schiavismo.
Sarò un ingenuo ma per me leggere questi blog, mi riferisco al tuo e a quello di altre donne che hanno scelto, a questo punto devo usare scegliere, questo mestiere è da una quindicina di giorni un susseguirsi di sorprese.
E sì che mi ci sono trovato per caso. Una ricerca di qualcosa che aveva a che fare con la parola truffa e mi trovo tra i primi risultati un articolo che parla di un sito in cui le escort, almeno il significato di escort già lo sapevo, anche senza le avventure dello psiconano, erano recensite dai clienti.
Solito articolo, sul corriere ce ne saranno almeno due all'anno, alla lunga annoiano, sempre le solite cose. Andiamo a vedere il sito che può essere divertente, clikko il link.
E mi sono divertito, alcune recensioni sono comiche, altre poetiche, alcune sembrano cartelle mediche o addirittura verbali. Poi per uno che non frequenta l'ambiente, anche se mi sta venendo una certa curiosità, si trova davanti ad un codice di difficile interpretazione. Leggo "location molto pulita, CIF CIM DATY"...CIF,CIM, DATY???
BOH!?!?!?
Saranno i detersivi per tenere la location pulita. A che cazzo frega ad uno che va a scopare che detersivi usa non lo so, ma ci sono talmente tante perversioni...
Insomma, per farla breve, la cosa mi ha incuriosito e ho seguito la vena. Dalle recensioni alle presentazioni delle ragazze, ai loro siti, gran belle fotografie, fino ad arrivare ai blog.
Azzo!!!
Ragazze di madrelingua non italiana che scrivono bene in italiano, non solo della loro vita e del mestiere ma anche le storie di migranti, le loro e quelle dei loro conoscenti. Per me che vivo dove imperversa la lega una boccata d'ossigeno. Bei racconti, niente moralismi, spiegazioni delle politiche per gli immigrati che sono state usate in altri paesi...Quest'estate risparmio i soldi dei libri leggendovi:-)

Ho le idee più chiare adesso. Non pensavo che la prostituzione fosse una scelta per migliorare la propria condizione economica. La pensavo più come una scelta, quando scelta poteva essere, per la maggior parte la confondevo con lo schiavismo, dettata dalla sola disperazione. Se i guadagni sono quelli che si intuiscono che sia una scelta razionale è credibile. Certo non per tutti, tutte anzi, ma questo vale per qualsiasi mestiere.

Una curiosità che mi è venuta leggendo questi commenti, tra escort, sia ex che in attività vi chiamate sorelle?

Cari saluti

Chiara di Notte - Klára ha detto...

Ragazze di madrelingua non italiana che scrivono bene in italiano, non solo della loro vita e del mestiere ma anche le storie di migranti, le loro e quelle dei loro conoscenti. Per me che vivo dove imperversa la lega una boccata d'ossigeno.

Essere prostitute non significa essere ignoranti. Molte ragazze sono piu' istruite della maggior parte dei loro clienti. Specialmente in Italia.

Una curiosità che mi è venuta leggendo questi commenti, tra escort, sia ex che in attività vi chiamate sorelle?

Si', lo si fa soprattutto se si proviene da realta' molto simili.

Anonimo ha detto...

Ciao Chiara, non ho mai provato a tenerti testa, ma leggerti mi piace tantissimo.
Oggi mi è capitato di trovare un vecchio LancioStory con il fumetto tuo omonimo. Mi sei tornata in mente, ti ho cercata e ti ho ritrovata, a quanto pare più viva che mai.
Continuerò a leggerti per comprendere come ti sei evoluta in questi ultimi anni.
Ciao

Fabio ha detto...

Marco non pensavi che la prostituzione fosse una scelta per migliorare la propria vita economica? A me sembra tanto ovvio, le escort guadagnano un mucchio di soldi (esentasse tra l'altro) e non li guadagnerebbero mai con un altro lavoro.
Chiara le zoccole di strada che frequento io se la cavano bene con l'italiano e non posso dire che siano stupide ma da qui a dire che sono istruite ce ne passa, anche le famose escort che si vantano di avere una laurea, come se fosse una cosa tanto straordinaria, sarei curioso di sapere in cosa sono laureate e magari vedere come si comportano sul posto di lavoro.

Chiara di Notte - Klára ha detto...

@ Anonimo: Ciao Chiara, non ho mai provato a tenerti testa [...]
Continuerò a leggerti per comprendere come ti sei evoluta in questi ultimi anni.


Ciao. Pero' se non so chi sei e' difficile per me capire il significato delle tue parole.


@ Fabio: anche le famose escort che si vantano di avere una laurea, come se fosse una cosa tanto straordinaria, sarei curioso di sapere in cosa sono laureate e magari vedere come si comportano sul posto di lavoro.

E' certamente brutto vivere sapendo di non avere altre chance se non quella di andare su una strada ad incontrare clienti putridi, ma ancor piu' brutto e' vivere la vita invidiando profondamente chi si disprezza.
Fra quelle ragazze di strada e chi disprezza ma e' costretto a comprare, non c'e' poi cosi' tanta differenza.

PS: ho notato che tieni il tuo profilo rigorosamente segreto. Che c'e', hai paura di essere riconosciuto?

Fabio ha detto...

Non lo so non vado mai sul mio profilo, o l'ho impostato così quando mi sono iscritto a google (anni fa) o è così per default...ma perché vuoi vedere il mio profilo? Non penso ci siano dati personali.
Comunque io non disprezzo le ragazze di strada, ho già spiegato perché vado con loro e cioè perché con una prostituta mi piace sfogarmi come meglio mi piace, senza che mi dica cosa non devo fare.
Non le disprezzo e non le stimo...per me è una semplice trattativa economica.

Chiara di Notte - Klára ha detto...

@ Fabio: Non le disprezzo e non le stimo...per me è una semplice trattativa economica.

Si' comprendo...
Solo che il tuo accenno all'improbabile istruzione delle escort, che tu non puoi valutare in quanto, come hai detto, non le frequenti, fa pensare ad un personale disagio che provi rispetto a cio' che potrei individuare come una tua arretratezza culturale nei confronti di chi, poi, sei costretto a pagare. Sai non e' facile accettare di essere inferiori a cio' che si considera feccia, perche' vorrebbe dire di valere assai meno della feccia, ed ammetterlo e' difficile...
Ma questa e' solo l'impressione che dai tramite quello che scrivi. Magari non e' cosi'... :-)

Per quanto riguarda il profilo, e' una questione di educazione. Forse quella non te l'ha mai insegnata nessuno, ma sarebbe educato, quando si entra in casa di altri, almeno di togliersi la maschera...
Pero' posso comprendere che ci sia chi, a farlo, provi una certa vergona... :-)

Fabio ha detto...

Peccato non poter esprimere un parere senza essere insultato...la mia voleva essere una battuta perché alcune escort, nelle loro inserzioni, scrivono di essere laureate, questo mi fa un po' ridere visto che loro lo valutano come un valore aggiunto ma è ininfluente ai fini della trombata.
Non mi reputo per niente arretrato culturalmente, potrei anche parlarti dei miei studi e del lavoro che svolgo ma non non mi interessa andare fuori argomento.
Ti sei infastidita per il modo in cui tratto le prostitute ma non capisco dove stia il problema...a me piace e trovo chi mi lascia divertire senza ribattere.

Chiara di Notte - Klára ha detto...

Non mi reputo per niente arretrato culturalmente, potrei anche parlarti dei miei studi e del lavoro che svolgo

Si' si'... certo certo... :-))

Ti sei infastidita per il modo in cui tratto le prostitute ma non capisco dove stia il problema...

Te lo dico io dove sta il problema.
Dato che e' impossibile che tu conosca me e che io conosca te, l'unico modo che ho per valutare le persone che entrano in questo mio spazio, e' attraverso cio' che scrivono e per come lo scrivono.
Ebbene, se posso permettermi, i tuoi commenti sono maleodoranti. Emanano un olezzo terribile ed io non posso fare a meno di dirtelo.

a me piace e trovo chi mi lascia divertire senza ribattere.

Beh, mi sa che in questo posto non potrai avere cio' che a te piace.

Chiara di Notte - Klára ha detto...

@ Fabio:

Da questo momento in poi, potrai utilizzare il tuo tempo in modo migliore. I tuoi commenti, tipicamente da troll, ti hanno fatto ottenere un bel ban.
Ti aggiungi cosi' alle decine di pisquani e multinick che nel tempo abbiamo visto, come meteore, capitare qui, dire le loro stronzate (sempre le solite, fra l'altro) e sparire presi a calci nel culo.
Addio e buon viaggio.

marco ha detto...

Marco non pensavi che la prostituzione fosse una scelta per migliorare la propria vita economica? A me sembra tanto ovvio, le escort guadagnano un mucchio di soldi (esentasse tra l'altro) e non li guadagnerebbero mai con un altro lavoro.

---------------------------------

No,pensavo fosse l'ultima scelta, o una delle ultime. Pensavo anche di averlo scritto. Evidentemente non è così, sto perdendo l'uso della lingua.

Se vogliono migliorare la loro condizione economica e guadagnare un mucchio di soldi cercheranno un lavoro pagato un mucchio di soldi.
...
Incidentalmente ci sono un mucchio di uomimi disposti a pagare un mucchio di soldi...

Uff...torno alle equazioni, ci sono un pelino più portato.

E le tasse vanno coi tassi.

Sul fatto che faccia fatica a capire come si possa andare con -
mettiamo persone visto che sono un maschio - persone senza provare attrazione dipenderà da come sono io, a me da fastidio essere toccato, tranne che in quei rari momenti.
Me lo diceva sempre mia nonna che ero selvatico.
Ma se ad altri questo non pesa...

Scusate ma 'sta sera un po' mi girano e la parola ovvio o l'avverbio ovviamente usato per far passare come verità quelle che sono opinioni me le fa girare ancor di più. Solo per la forma, neanche per la sostanza.

Saluti

Chiara di Notte - Klára ha detto...

@ Marco: Non credo che il povero Fabio (povero in senso: povero di spirito) possa ormai piu' risponderti. Mi sa che sta facendosi un lungo giro tutistico dalle parti di Zhopinsk, dove sicuramente ne ammirera' gli incantevoli paesaggi.
Non tornera' tanto presto; almeno non con l'account che ha usato finora visto che, per uno sfortunato errore, e' andato a finire fra quelli bannati. :-)
Comunque, dato che sei nuovo, e' bene che tu sappia che, in questo blog, vengono periodicamente a farmi visita, talvolta utilizzando piu' nick per non farsi riconoscere, ritardati mentali, psicotici, stalker, masochisti, narcisisti affetti da sindrome d'Asperger... in definitiva tutta una categoria di SFIGATI CRONICI che intendono riscattare qui la loro pochezza esistenziale. Magari con l'infantile speranza di far colpo sulla sottoscritta utilizzando una specie di provocazione idiota, banale e scontata, fatta delle solite cose trite e ritrite, da analfabeti conclamati che in internet immaginano di essere psicanalisti esperti, che non farebbe colpo neppure su una dodicenne scesa da un pero.

marco ha detto...

Avevo capito, frequentavo un forum finanziario e anche lì...sarà anche l'anonimato che ne favorisce il proliferare. Mi ci metto anch'io, qualche doppio nick l'utilizzavo. Ma davanti a casi clamorosi di pesca al totano, o caccia al pollo, non riuscivo a stare zitto e creavo un personaggio, lo psichiatra per esempio. Me l'hanno bannato quasi subito. Però quando consigliavo "elettroshock in attesa dell'uso pietoso della pena di morte" a certi personaggi messi lì per manovrare titoli sottili, quelli a bassa capitalizzazione, un piccolo, piccolissimo piacere lo provavo. Il gioco era sempre quello. Si presentavano come vincenti e postavano figa. Mi sembra ancora incredibile ma bastava. Il titolo continuava a scendere e loro lì a dire: "tenete, pazienza, ho fatto non sapete quanti soldi quella volta che...e ora sono in barca al sole e "trado" tra una scopata e l'altra".
Cazzo, bastava solo questo!
Non c'era niente da fare, un po' di polli li trovano sempre.
No, non sono un esperto, ma quando questo gioco lo vedi un po' di volte, se hai un po' cervello ancora funzionante, non puoi non capirlo.
Forse è vero che la borsa è quella macchina che serve a separare gli stupidi dai propri soldi.

Avevo anche letto alcuni dei tuoi primi post dove parli di un immodezzaio.
Credo di esserci passato pochi giorni prima di arrivare qui. A me era venuto in mente: "Ma questa è una discarica"!
C'era uno che si firmava piazza.
Se era un sito del genere come hai fatto a rimanerci per più di 5 minuti?

Una domanda. Secondo te esiste il cliente "sano"? Oppure c'è sempre dietro una storia più o meno pietosa?
Escludendo i puttanieri per vizio, su questo sei stata chiarissima.

Buona giornata

Chiara di Notte - Klára ha detto...

Una domanda. Secondo te esiste il cliente "sano"? Oppure c'è sempre dietro una storia più o meno pietosa?
Escludendo i puttanieri per vizio, su questo sei stata chiarissima.


Il concetto di "sanita'" e' alquanto relativo ed assume sempre un significato personale.
Chi sono i sani e gli insani? Quando si tratta di stabilire i limiti che concernono il comportamento, a questa domanda ciascuno dara' una risposta diversa. Per cui non credo di saper rispondere in modo obiettivo.
Dal mio punto di vista, pero', non esiste un cliente che non abbia una qualche forma di problematica interiore, a meno che il suo accompagnarsi con escort non sia solo un voler provare un'esperienza solo per capire cosa si prova. In tal caso, tutto si risolve in qualche uscita e niente piu'.
Ma se poi la persona sente che quella cosa diventa per lui essenziale, e che solo in tale modo riesce ad avere accesso alla femminilita' e all'erotismo, beh... qualcosa che non va sicuramente c'e'.

Anonimo ha detto...

Mi confesso:
io vado a puttane per scoparmi delle belle fiche e non mene frega un cazzo delle seghe mentali altrui, come me ci sono milioni di uomini che trombano per il piacere di trombare.
punto

tutto il resto qui descritto è pseudo-psicologia da 4 soldi.

L'uomo chiava per il gusto di possedere e per il piacere di scopazzarsi una bella fica che diversamente ci metterebbe più tempo per portarsela a letto senza Rate.

Baci & Abbracci

Chiara di Notte - Klára ha detto...

Anonimo ha detto...
Mi confesso


Un anonimo che si confessa e' il massimo dell'onesta' intellettuale. :-)

Non dico che ci si debba mettere la faccia, ma certa gente non ha neppure il coraggio di metterci un nomignolo a caso.

ElenoireDelacroix ha detto...

Anonimo ha detto...
Mi confesso:
"io vado a puttane per scoparmi delle belle fiche e non mene frega un cazzo delle seghe mentali altrui, come me ci sono milioni di uomini che trombano per il piacere di trombare.
Tutto il resto qui descritto è pseudo-psicologia da 4 soldi.L'uomo chiava per il gusto di possedere e per il piacere di scopazzarsi una bella fica che diversamente ci metterebbe più tempo per portarsela a letto senza Rate."

Approvo,sottoscrivo e te lo firmo. Grandiosa e semplice verità.
Bacio!

Chiara di Notte - Klára ha detto...

@ ElenoireDelacroix: Approvo,sottoscrivo e te lo firmo. Grandiosa e semplice verità.
Bacio!


Occhebbello! Un commento che arriva a distanza di oltre un anno dalla data del post. :-)
Pero' devo dire: che diversita' di vedute, a volte, si riscontra fra le opinioni di due diverse donne che fanno - o che hanno fatto - lo stesso mestiere. E cio' e' anche logico essendo ciascuna nata e cresciuta in luoghi diversi.
No no, non parlo di me e di te, ma di te (se sei la vera Eleonoire e non qualche pisquano che usa questo nick a sproposito) e di mia sorella Alexia che, oltre un anno fa, in questo commento

http://chiara-di-notte.blogspot.com/2009/07/puttanieri.html?showComment=1247918127668#c3967249770470854658

ha praticamente detto cio' che anche io penso e cioe' che non e' proprio cosi' semplice e schematico il comportamento di un puttaniere. Almeno non quel tipo di puttaniere che frequentava me oppure Alexia.
Ma ciascuna di noi puo' basarsi, ovviamente, solo sulle proprie esperienze.
Buona giornata. :-)

Anonimo ha detto...

Grande Chiara, hai tutta la mia ammirazione!
Paola.

Misura la forza della tua Password

Oggi mi sento un po' cosi'...

Oggi mi sento un po' cosi'...

Tokaj-Hegyaljai Borvidék

Áldott tokaji bor, be jó vagy s jó valál, Hogy tsak szagodtól is elszalad a halál; Mert sok beteg téged mihely kezdett inni, Meggyógyult, noha már ki akarták vinni. Istenek itala, halhatatlan Nectár, Az holott te termesz, áldott a határ! (Szemere Miklós)

A Budapesttől mintegy 200 km-re északkeletre, a szlovák és az ukrán határ közelében található Tokaj-Hegyaljai Borvidék a Kárpátokból déli irányban kinyúló vulkanikus hegylánc legdélebbi pontján fekszik. A vidéket és fő községeit könnyen elérhetjük akár autóval (az M3 autópályán és a 3-as úton Miskolcig, onnan a 37-es úton), akár vonattal (több közvetlen vonat indul Budapestről és Miskolcról)

Web Statistics