venerdì 8 maggio 2009

39
comments
Lettera aperta all'avvocato Ghedini

Egregio avvocato Ghedini, lei che ha quello sguardo fisso, spento e privo d’espressione tanto che, quando la guardo, mi viene da pensare ad uno zombie oppure al pupazzo di un ventriloquo, ed ha quella bocca che, glielo confesso sinceramente, dovrebbe tanto farsela risistemare da un carrozziere, ho ammirato la sua arringa difensiva ad Anno Zero e, come giustamente dice, le accuse a carico del suo cliente "sono cose che non hanno alcuna importanza e non significano niente".

Ed infatti, e’ davvero cosa di poca importanza che una diciassettenne, forse anche sedicenne ma volendo abbandonarsi alla malignita' finanche quindicenne giacche' il book fotografico con le foto ammiccanti mandato in giro da mammina e’ stato realizzato tre anni fa, abbia dichiarato che da tempo era solita raggiungere il tal signore quando lui la chiamava a Roma e a Milano dove lo stava ad ascoltare in estasi mentre lui, sapiente, le raccontava di Romolo e Remolo e poi, dopo, insieme, facevano karaoke.

Se m’immagino la simpatica scena, da vero film di Verdone, resto basita: lui, un ultrasettantenne noto per avere una delle cariche istituzionali coperte dal Lodo Alfano, talmente impegnato in politica e negli affari da non aver neppure il tempo di recarsi ai compleanni dei suoi figli e lei, una minorenne che fino a pochi giorni fa nessuno aveva mai visto e conosciuto se non in un book fotografico spedito qua e la', che fanno karaoke cantando a squarciagola.

L'anziano signore non ha ancora motivato in modo convincente quali siano i suoi reali rapporti con la ragazzina e dato che, pare, neppure i genitori della stessa abbiano saputo rispondere a tale domanda, la moglie Veronica, come la scema del villaggio si e' fatta manipolare dall'opposizione e, rispondendo a chi aveva ipotizzato che la ninfetta potesse essere in realta’ una figlia magari tenuta nascosta di suo marito, ha risposto: "Magari fosse sua figlia!".

Poveretta, e’ caduta nella trappola della Sinistra perche’ di suo marito sono tutti un po' invidiosi. Invidiosi per la sua ricchezza, per la sua popolarita’ (che e’ quasi al 150%), per la sua scultura e per il suo fascino.

Fascino che gli e' stato riconosciuto addirittura dalla "nasona" direttrice di quel giornale, serissimo, che e' Novella2000, la quale lo definisce un "bell'uomo galante e d’altri tempi”. Talmente galante che se ne va in giro normalmente equipaggiato con collanine di diamanti per omaggiare le signorine che, di volta in volta, sanno meritarsele.

No, caro avvocato Ghedini, tutto cio’ non significa niente. Non significa niente che il suo cliente faccia cucu’ da dietro le colonne ricevendo premier donna d’altri Paesi, oppure chieda di palpare le belle signore presenti, oppure si rivolga alle donne non piu’ giovani chiamandole “quelle in menopausa”, oppure, parlando di Margareth Tatcher, come commento dica che a vent’anni anche lei era una gran gnocca.

E lei ha ragione, avvocato, quando dice che chi lo contesta solo su tali argomenti di scarsa importanza compie un errore strategico fondamentale e sara’ destinato a perdere per sempre. Pero’ cio’ che le chiedo, gentile avvocato, e’ il motivo per il quale si sta dando tanta preoccupazione per avvertire gli avversari politici mettendoli in guardia dei loro errori strategici e non approfitta invece di questa loro stupidita’ e del fatto che sara’ proprio grazie a cio’ che il suo cliente non dovra’ temere piu’ alcuna sconfitta e potra’ tranquillamente dedicarsi a fare il karaoke con le minorenni per il resto della sua vita.

Ed ora un piccolo stacco pubblicitario!


Non fare come Veronica.

Non farti fregare dalla Sinistra.

Alle prossime elezioni del 6 e 7 giugno scegli il partito giusto!


La campagna e’ sponsorizzata da VINALCOLVIT la colla vinilica che non si stacca.

VINALCOLVIT e quello che attacchi non si stacca piu’!

39 commenti :

davide ha detto...

Distinta Chiara,

su alcune televisioni locali ho visto il filmato dove Silvio chiedeva di palpare l'assessore trentina Beltrami in quel dell'Aquila.

Quello che mi domando è se fa queste pagliacciate volontariamente perchè così pensa di risultare simpatico agli italiani.

Forse la cosa può giovargli perchè così nessuno parla più della crisi economica e delle cose veramente serie.


Ciao Davide

Minu ha detto...

io credo che il distinto signore scherzoso, ogni mattina, sciolga nella tazza della colazione coca e viagra e poi se ne vada allegramente a spasso dimenticando di indossare la camicia di forza

forsenonstotroppobene ha detto...

Ho visto anch'io Ghidini, ieri sera. Uomo basso e privo di scrupoli. Un infame. Ha giocato tutta la sua arringa sul fatto che "fino a prova contraria" il suo "cliente" è innocente, QUINDI gli altri sono dei farabutti e dei maligni perché accusano una persona innocente...
Oltre Ghidini, però, ho visto una Emma di gran classe assestare un "siete degli ipocriti" nel punto giusto. Una Barbara e una Concita annacquate (con qualche visibile, ma incomprensibile, screzio alle spalle). Un Santoro che non osava fermare l'indiavolato avvocato più di tanto. E un tentativo, da parte di Ruotolo, di scavare nella fanghiglia politica...
Mah...
E vogliamo parlare dei giovani rampanti di Confindustria?...
Anche no. Chiudo.

Complimenti per le PP!

Ciao Chiara!

Duval ha detto...

Egregio avvocato Ghedini, lei che ha quello sguardo fisso, spento e privo d’espressione tanto che, quando la guardo, mi viene da pensare ad uno zombie oppure al pupazzo di un ventriloquo, ed ha quella bocca che, glielo confesso sinceramente, dovrebbe tanto farsela risistemare da un carrozziere...Fascino che gli e' stato riconosciuto addirittura dalla "nasona" direttrice di quel giornale, serissimo, che e' Novella2000...

La sfiga dei sostenitori del Malefico è senza fine: sono farabutti, e questo era noto; sono egoisti, e questo era pure noto; sono coglioni, e questo è ampiamento evidenziato dalla blogosfera; non era ancora certo che fossero pure brutti.

Bocche e nasi da rifare! Sguardi da zombie!

Anche io ho visto Annozero ma non mi ero soffermato sull'aspetto fisico di Ghedini e della Morvillo; ero rapito dalla meravigliosa bocca della Emma nazionale e, soprattutto, dallo sguardo "vivo" e "perspicace" del grande giornalista Alexander (non Ugo, per carità, che, casualmente, era suo padre) Stille (cosa volesse dire non l'ho capito perchè Santoro lo interrompeva a metà, per compassione).

Se Cartagine piange, Roma non ride ...

Siamo ancora e sempre a Coppi e Bartali, Milan o Inter ...

I Fatti che determinano gli Argomenti sono un optional, l'importante è discutere gli Argomenti, in maniera esclusivamente ideologica, alla Don Camillo e Peppone.

Occorrono mesi o anni a cercare di capire cosa è successo a Garlasco o a Perugia, sono bastati tre giorni per capire che il Malefico scopa le minorenni; l'ha fatto intendere la moglie affranta annunciando l'intenzione di disfarsi del "malato" che va, sperando di NON essere riconosciuto, in discoteca alla festa di una diciottenne e le regala pure un gioiello (di nascosto, al cesso dove si erano rifugiati).

MA PER PIACERE :-)))

A volte penso proprio che il Malefico goda a prender per il culo gli avversari ... :-)))

e adesso ... via alle danze :-)))

Kameo ha detto...

@ Duval : "e adesso ... via alle danze :-)))"

Vuoi forse sostenere che è stata tutta una messa in scena per disfarsi di una moglie scomoda?
Forse avrebbe fatto prima pagandola profumatamente.
O forse è solo una manovra pubblicitaria della serie "bene o male purchè se ne parli"?

Chiara di Notte - Klára ha detto...

e adesso ... via alle danze.

Parlando con un adoratore del nano (ormai si puo' parlare di setta), e rivolgendogli la domanda: "Se per assurdo venissero fuori le prove che quella persona si accompagnava con una bambina di 15-16 anni e queste prove fossero incontrovertibili, tu che faresti? Gli daresti sempre fiducia?"

Chi e' perspicace provi ad indovinare la risposta che ho ottenuto.

Duval ha detto...

Se per assurdo venissero fuori le prove che quella persona si accompagnava con una bambina di 15-16 anni e queste prove fossero incontrovertibili, tu che faresti? Gli daresti sempre fiducia?

Io penserei che è veramente malato: di arteriosclerosi.

Uno che si può scopare tante meravigliose quarantenni che sanno come far godere un maschio e perde tempo con una bambina (bambina?) di 15-16 anni, con la figa che sa ancora di latte, non può essere altro che malato!

No, non gli darei fiducia pensando che sia rincoglionito.

Intanto pensavo, a proposito delle minorenni, ma ... non fanno sesso? Come funziona la cosa? A me dicono che oggi alcune ragazze fanno sesso coi ragazzi già a 13-14 anni?

I maschietti sarebbero passibili di denuncia?

Boh! Ci capisco poco.

p.s. donne del blog, aiutateci, a che età avete perso la verginità?

Chiara di Notte - Klára ha detto...

No, non gli darei fiducia pensando che sia rincoglionito
.

Molto interessante. Cosi' questa sarebbe la tua motivazione. Npn gli daresti fiducia perche' rincoglionito. Rincoglionito per il fatto di non saper riconoscere la qualita'...

Che tutto cio' sia contrario alla legge non viene neppure preso in considerazione, anzi si ironizza persino che una ragazzina di 15 anni possa non essere una bambina, quindi papabile per un lurido porco di 70 e piu' anni.

A volte mi chiedo se certi ragionamenti siano ragionamenti da malati oppure solo da stronzi.

E' piu' probabile pero' che siano ragionamenti da stronzi malati.


Intanto pensavo, a proposito delle minorenni, ma ... non fanno sesso? Come funziona la cosa? A me dicono che oggi alcune ragazze fanno sesso coi ragazzi già a 13-14 anni?
I maschietti sarebbero passibili di denuncia?
.


Esistono delle leggi ben precise a riguardo. Forse i vecchi maiali (ed aggiungo di mio "laidi") non le conoscono o fanno finta di non conoscerle oppure credono di non doverle rispettare ma le leggi ci sono e tengono in considerazione sia l'eta' di lei, sia l'eta' di lui sia la differenza d'eta' fra i due.

Il mio post del 24 aprile http://chiara-di-notte.blogspot.com/2009/04/eravate-un-popolo-di-latin-lover.html
scritto prima che avvenisse il fatto di cui si parla descrive esattamente cio' che e' diventato il 75% dei maschi italici...


ma non mi ero soffermato sull'aspetto fisico di Ghedini e della Morvillo.

Ah, la nasona si chiama Morvillo? Buono a sapersi.
Comunque ho messo l'accento sul'estetica perche' mi pare che proprio il vecchio rimbambito abbia iniziato con discorsi su parlamentari malvestite e maleodoranti nonche' con frasi del tipo "non possiamo candidare tutte Rosi Bindi".

Si fanno critiche all'esteriorita' dell'opposizione e poi si mandano in giro personaggi come Ghedini, Bondi, Gasparri, Brunetta... che non sono proprio modelli vincenti di bellezza.

parseval ha detto...

sarebbe interessante sapere se questi berluschini che per difendere il loro idolo arrivano a fare una apologia della pedofilia, consentirebbero alle loro figlie 15enni di frequentare uomini 70enni in cambio di collanine di diamanti. Al loro idolo perdonerebbero tutti i reati, dalla corruzione alla pedofilia.
la differenza tra chi vota Berlusconi e chi non lo vota, e' che la maggior parte di quelli che vota a sinistra lo fa turandosi il naso, mentre quelli che votano a destra sono convinti di respirare aria fresca di montagna.

Vision ha detto...

bel blog; mi fa piacere diventare un tuo sostenitore
ciao, apresto

Duval ha detto...

Chiara, non t'incazzare!

Non hai risposto ad una domanda che non era ironica, proprio non lo so.

Come funziona il sesso fra i minorenni? Un ragazzo che faccia sesso con una minorenne rischia qualcosa?

Io ogni tanto chiedo alle escort quando hanno fatto sesso la prima volta, i miei sondaggi valgono un cacchio, statisticamenmte, ma la maggior parte lo ha fatto giusto attorno ai 16 anni.

E non mi dare dello stronzo malato, cazzo! Almeno solo stronzo :-))

Buona domenica

Chiara di Notte - Klára ha detto...

@ Duval: La materia e' regolata dall'art. 609 del c.p.

http://isd.olografix.org/faq/cod_pen.htm

Alex ha detto...

Buona domenica Chiara,

credo che, se veramente è andato con una minorenne, ha dei grossi e seri problemi, primo per essere andato con una minorenne, secondo perchè ne ha così tante a disposizione di 18 enni che arrivare ad una minorenne è da coglioni (e sono gentile e molto educato con i termini), anche se, in ogni caso, con la carica che ricopre, e il personaggio che è, non dovrebbe andare neanche con le maggiorenni.
Per finire, dovrebbe capire che rappresenta delle persone e ci vedono per quello che lui fa.

Chiara di Notte - Klára ha detto...

Per finire, dovrebbe capire che rappresenta delle persone e ci vedono per quello che lui fa.


Non dovrebbe capirlo lui. Forse, come dice la moglie, e' davvero un uomo malato che ha bisogno di cure. Dovrebbe capirlo chi gli da' il voto.

Comunque, perche' non si perda memoria di cio' che e' stato dichiarato dalla ragazzina, ecco qui la sua intervista.

http://www.marco-ferri.com/?p=2115

Duval ha detto...

@ Parseval:
la differenza tra chi vota Berlusconi e chi non lo vota, e' che la maggior parte di quelli che vota a sinistra lo fa turandosi il naso, mentre quelli che votano a destra sono convinti di respirare aria fresca di montagna.

Ma adesso c'è l'alternativa: il Centro di Casini (e presto di Rutelli), sponsorizzato dal Vaticano attraverso la CEI.
Sono già iniziate le grandi manovre ...

E, ad esempio, Davide (momentaneamente a puttane a Roma, sperando che il Vaticano non se ne accorga!) si è già convertito.

Io sono irrecuperabile: fascista, pedofilo e berluschino ...:-))

Chiara di Notte - Klára ha detto...

E, ad esempio, Davide (momentaneamente a puttane a Roma, sperando che il Vaticano non se ne accorga!) si è già convertito.

Forse Davide non si accompagna con 15enni.

Forse Davide non ha una carica e degli obblighi istituzionali.

Forse Davide, le puttane, le paga con i suoi quattrini e non promettendo favori, particine in TV o seggi alla Camera che poi vengono i soldi vengono prelevati dall'erario e quindi a carico ogni contribuente.

Duval ha detto...

Mi sono letto gli articoli del codice penale segnalatimi da Chiara: ne ero all'oscuro.

Prima di lanciarsi in elucubrazioni bisognerebbe sempre conoscere le cose e io non ne sapevo nulla.

Dunque ho fatto questa ipotesi: supponiamo che Berlusconi abbia scopato la Noemi quando aveva 15 o 16 anni, e NON CON LA COSTRIZIONE NE' FISICA NE' MORALE, non trovo nulla che potrebbe configurarsi come reato perseguibile penalmente, nell'unico caso possibile e cioè che la denuncia parta dall'interessata.

Se ho interpretato male gli articoli del codice suddetto, per cortesia, corregetemi.

La questione etica è tutt'altra cosa, ovviamente.

Gio ha detto...

Risposte possibili del sostenitore di Berlusconi:

a) 'Ma a 15-16 anni non sei una bambina' (nausea)
b) 'Sono solo invidiosi gli altri che al limite possono rimorchiare quel cesso della Bindi'

Chiara di Notte - Klára ha detto...

@ Duval: Se ho interpretato male gli articoli del codice suddetto, per cortesia, corregetemi.

Hai perfettamente ragione. Non esisterebbe reato a meno che non si inquadri in uno dei seguenti casi:

609 bis

1) abusando delle condizioni di inferiorità fisica o psichica della persona offesa al momento del fatto.

609 ter

3) da persona travisata o che simuli la qualità di pubblico ufficiale o di incaricato di pubblico servizio;

Resta da stabilire che titolo ricopre il presidente del consiglio e se non esista un abuso delle condizioni d'inferiorita' della persona offesa.


La questione etica è tutt'altra cosa, ovviamente.

In effetti in un caso del genere la gente potrebbe tranquillamente pensare ad un "vecchio maiale" e per giunta "laido".

Mi chiedo se una nazione civile ammetta, come alta carica istituzionale, una figura del genere.

Chiara di Notte - Klára ha detto...

Risposte possibili del sostenitore di Berlusconi:

a) 'Ma a 15-16 anni non sei una bambina'
A questo punto diventa perfettamente lecita la prostituzione di una 15enne. Basta che lei dichiari di essere consenziente.
E sono legittimati coloro che vanno a Santo Domingo o in Tailandia a far turismo sessuale con queste giovani ragazze.

La legge e' legge.

Altro fatto e' il discorso etico e se un'alta carica istituzionale puo' comportarsi allo stesso modo di un puttaniere frequentatore di minorenni.

Duval ha detto...

Chiara, alla fine dei miei post (solo i miei) dopo la data c'è una iconcina che è un bidone della spazzatura.

E' un messaggio subliminale?
Un invito a buttarli nella spazzatura?
Un segno di disprezzo?

Se hai qualche problema con i miei interventi, è sufficiente dirlo, provvederò immediatamente :-)

Grazie

Chiara di Notte - Klára ha detto...

Io ogni tanto chiedo alle escort quando hanno fatto sesso la prima volta, i miei sondaggi valgono un cacchio, statisticamenmte, ma la maggior parte lo ha fatto giusto attorno ai 16 anni
.

Esiste un sesso adolescenziale, quando lo si scopre, preferibilmente con coetanei o persone poco piu' grandi.
Poi esiste il sesso "professione", quando si decide di darla via per soldi, favori o collanine.

A tal riguardo ho scritto pure un racconto qui:
http://chiara-di-notte.blogspot.com/2009/02/lolita-e-il-professore.html

Certo che dev'essere assai brutto quando i due momenti, quello della scoperta del sesso che dovrebbe avvenire in un contesto diverso dal meretricio, e quello di darla ad un vecchio maiale laido in cambio di un favore o di una collanina coincidono.

Chiara di Notte - Klára ha detto...

@ Duval: Chiara, alla fine dei miei post (solo i miei) dopo la data c'è una iconcina che è un bidone della spazzatura.

E' un messaggio subliminale?
Un invito a buttarli nella spazzatura?
Un segno di disprezzo?
.


Niente di tutto cio'. Solo la possibilita' che hai di poter cancellare le cazzate che scrivi.
Ciascuno dei commentatori ha il suo bidoncino, non temere, solo che tu sei stato l'unico tanto perspicace a non averne colto il senso e ad aver immediatamente pensato al complotto.

Gio ha detto...

In verità la cosa è addirittura diversa
secondo me.

Una cosa è la prostituzione di una 15enne (cosa per la quale io appenderei lo stupratore-cliente), che, nella migliore delle ipotesi (a cui non credo) 'sceglie' di esercitare questa professione, e frequenta il primo che capita.

In questo caso, 'il primo che capita' è uno tra i centomila potenziali clienti.
Ma quello che avviene quando un uomo, in una posizione non comune, ricorre alla propria carica-nomea per 'perpetrare' questo 'avvicinamento', la cosa peggiora assai.

La detta Noemi non si sarebbe fatta avvicinare da 'mio nonno in cariola, uomo qualunque', ma si sarebbe lasciata invitare a Roma da un produttore o similia.

Approfittare dalla propria carica per 'avvicinare' donnicciole denota un bassissimo senso di responsabilità secondo me.

Come si può avere fiducia in un simile uomo?

Scusate se il messaggio è scritto male ma sto per uscire.
Al limite più tardi mi esprimo meglio ;-)

Chiara di Notte - Klára ha detto...

Scusate se il messaggio è scritto male ma sto per uscire.
Al limite più tardi mi esprimo meglio
.

Ti sei espresso benissimo e condivido al 100%.

Ev@ ha detto...

Per annacquare quanto è successo nel "privato" del "nostro" leader politico, sono usati, come diluente, argomenti di gradimento vari (terremoto compreso - vedi un post precedente su questo stesso blog: è coerentissimo).

Per spiegare cosa intendo, faccio un esempio di "chiacchiera": in una trasmissione televisiva pomeridiana, qualcuno ha "sparato" che il governo godrebbe di una percentuale di consenso pari al 75% (!)

Mi chiedo: è merito tutto suo? E gli altri? Si, dico "e gli altri", perché il 75% del consenso mica uno lo raggiunge da solo. Di certo contribuirà anche qualcun altro, ma, vabbé, lì sono tutti amiconi e quindi avranno pensato: "ma guarda quell'annunciatrice, che burlona... ahahahah" (risata tutta loro).

Per quanto mi riguarda, io non posso confutare dati (come potrei, quella era in TV, mica in chat), ma penso che presto, per la piega che prendono le cose, quanto è avvenuto sarà sommerso da una tale mole di chiacchiere che alla fine sarà un bel problema capirci qualcosa.

Tutto ciò, però, non intaccherà l'immagine oscena che si è fissata, in molti di noi, di lui con la "ragazzina", e che molto probabilmente rimarrà a simbolo di un'altra ventennale epopea stavolta tutta nazionale italiana.

Tornando all'attuale, non è solo perché sono un originale che troverò interessante vedere come si cercherà di nascondere i risultati invece mediocri, tutta la lunga serie di "flop", cui la filosofia di questo "protagonista" ci porterà, mentre da un altro canto sarà curioso osservare i segni che manderanno i suoi sostenitori che, credo, stiano iniziando a pensare che la copertura data dalle barzellette e dal sorriso del "leader" cominci a scricchiolare per come comincia a rivelare quanto è tetro ciò vi è dietro quell'immagine "virtuale" che è la faccia liftata del loro idolo.

Quindi, quando si calmeranno le acque, ci saranno "movimenti". Altri, invece, andranno fino in fondo, credendo di appartenere alla categorie dei "duri" (e delle "dure"). A costoro non accadrà nulla da parte di chissà chi, perché tutto, oggi, avviene su piani virtuali. Però, non garantisco che personalmente, singolarmente, questi possano incorrere in un finale simile a quello del nazista che, appunto nel finale dei "Predatori dell'Arca Perduta", apre l'Arca e ci guarda dentro.

Saluti.

Ev@ ha detto...

Ah! Scusate... Un piccolo omaggio alle adolescenti, sensibilmente differente da quelli "omaggi" che sanno fare gli "statisti", lo trovate a Roma, esposto alla Galleria Brancolini Grimaldi.
Documentatevi qui:

http://www.brancolinigrimaldi.com/

Kameo ha detto...

@ Gio : "Una cosa è la prostituzione di una 15enne (cosa per la quale io appenderei lo stupratore-cliente), che, nella migliore delle ipotesi (a cui non credo) 'sceglie' di esercitare questa professione, e frequenta il primo che capita."

Ma i genitori della minorenne dov'erano? E che ruolo avrebbero in tutto ciò?

davide ha detto...

Caro amico Duval,

""E, ad esempio, Davide (momentaneamente a puttane a Roma, sperando che il Vaticano non se ne accorga!) si è già convertito.""

Voto Casini perchè si vota con il proporzionale. Se anzichè elezioni europee fossero politiche, dove c'è il premio di maggioranza, non so per chi voterei.

PS. Per Chiara. Che vado con maggiorenni ed a mie spese è garantito.

Ciao Davide

Anonimo ha detto...

Intervista a Zeffirelli



«La prima volta che l'ho vista, mi sono incazzato. Poi un po' mi è passata. Adesso ne ho anche fatto incidere una copia». E così il nastro di Anno Zero, la puntata dell'altra sera su Veronica Lario, riposa nella videoteca di Franco Zeffirelli, accanto alle pellicole dei suoi capolavori. «La tengo per le serate no», confessa il più conosciuto e premiato regista italiano, «così la guardo e rido».

Ride per non piangere, Zeffirelli. Siede in poltrona, nel patio dal gusto liberty della sua villa sull'Appia antica. Beve acqua gelata e si tormenta le tempie stringendole tra le mani con un ritmo costante: «Chiamare la Guerritore come vestale di virtù? Sono scemi?», si indigna. Per le mani ha i bozzetti del Centro internazionale delle arti e dello spettacolo di Firenze. Dove il regista metterà a disposizione il suo archivio artistico. Molla tutto, però, quando si tratta di parlare del divorzio dell'anno. Conosce tutti i personaggi del dramma di Arcore. Parlarne lo intriga.

L'attrice Guerritore ha dato voce alle parole della signora Lario. Che male c'è?
«Ma lei è famosa per averne fatte di cotte e di crude. Non ha mai avuto problemi a esibire quelle chiappe che aveva (devo dire molto carine)».

Nessun titolo per dare giudizi morali?
«Ha avuto la spudoratezza di venire lì, con la sua faccia da attrice drammatica di un dramma scandinavo e ha declamato il testamento spirituale della signora Berlusconi. Adoprando parole che mi sono girate dentro. C'è Hedda Gabler di mezzo (dramma dello scrittore Henrik Ibsen, ndr) che lei ha conosciuto bene quando lavorava con Strehler».

Cos'è che non andava?
«Che intorno a questa donna pettinata, triste, dolorosa e alle sue parole grondanti amarezza, c'erano gli ingrandimenti delle bistecche della signora Berlusconi».
veronica lario

Bistecche?
«Le labbra carnose di Veronica. Su, andiamo: intorno alla presentazione del dolore della povera donna tradita ci voleva un'atmosfera più grave».

Errore di Santoro?
«Io ho vissuto con il meglio che il secolo scorso ha dato. Non posso trovarmi mischiato in un mondo di gente come questa. La televisione non è solo una vetrina. È una cattedra. E vi ritroviamo questa vecchia signora, un dì bella, della Guerritore. Poi c'è quel Travaglio...»

Marco Travaglio.
«Durante la Rivoluzione francese sarebbe stato il primo personaggio a essere ghigliottinato. Ha anche quello stile, la gestualità delle mani, parla forbito: è il cattivo del Settecento».

Veronica Lario ha le sue ragioni.
«La signora Berlusconi ha fatto una polemica di bassa lega. Mi aspettavo altro da lei».

Tipo?
«Cappello con cappuccio e via: all'Aquila col marito. Come una vera prima lady».

S'è sentita umiliata.
«Ma lasciamo perdere tutto questo troiaio. Chi se ne frega se Silvio c'ha provato con una ragazza. Tutti abbiamo debolezze. Non per questo si deve sfasciare una famiglia».
veronica enrico maria salerno

Anche se la ragazza è minorenne?
«Chiariamo: se io fossi il genitore di Noemi non avrei mai permesso che mandasse in giro la propria immagine a 15 anni. Così bellina e suscitatrice di desideri negli adulti, buttata sul mercato...».

Però?
«Gli italiani hanno altri problemi. Il momento è delicato e Berlusconi sta facendo cose positive. E avrei voluto vedere Veronica affianco a suo marito. Non contro».

Amarcord: la prima volta con Berlusconi?
«Primi anni Ottanta. Conobbi questo ometto molto simpatico che, da giovane imprenditore televisivo, voleva affacciarsi anche nel mondo della cultura».

Che fece?
«Comprò il teatro di via Manzoni e lo inaugurò con un grande spettacolo, la Maria Stuarda di Schiller. Ne ero il regista. Accanto c'era la compagnia di Enrico Maria Salerno con una commedia bella e forte, "Le cocu magnifique" di Crommelynck, dove c'era una donna».
veronica-pd

Veronica Lario.
«Impressionante. Giovane, bella, forte, precisa, crudele. Una attrice di calibro. Una donna sensazionale. Con un seno così. Salerno aveva perso la testa per lei».

E Franco Zeffirelli?
«Quel tipo di donna non mi stuzzica. In effetti, neanche le altre. Magari preferisco un giovanotto: fatti miei».

Silvio, invece?
«Bellino e piccolino, gli piacevano tutte. A Veronica disse: ti voglio, ti voglio, ti prendo».

Quando iniziano i problemi?
«Quando ad Arcore entra in scena un chirurgo plastico. In pochi anni ha sterminato questa famiglia. Anche Silvio».
Guerritore legge Lario

Spieghi meglio.
«Se vediamo il nostro primo ministro conciato male con quella parrucca tinta (o quello che è) lo dobbiamo a quel chirurgo. Ma Berlusconi lo perdono: il governo sta facendo delle cose straordinarie».

Ma trascura la famiglia.
«Veronica odia suo marito. Altrimenti non scriverebbe quelle cose lì».
monica guerritore nuda a 50 per Vanity Fair

Qual è il vizio di Berlusconi?
«È malato di giovanilismo. Questa voglia di gioventù lo porta a fare errori veniali. Come tingersi i capelli o - come dicono - a pensare di toccare il culo alle biondine. Ma, a 73 anni, al massimo si parla di un pizzicotto, qualche bacino, un regalino».

Assolto con formula piena?
«Più fanno per distruggerlo, più lo esaltano. Scommetto: Berlusconi arriverà all'82% di popolarità. Con questa presunta storia delle corna alla moglie, nel segreto dell'urna, gli uomini non lo abbandonano».

E le donne?
«Stanno con lui. Veronica è antipatica».



Saluti
Gugge

Duval ha detto...

Davide,
facevo per scherzare!
Qui si sparano cazzate a ruota libera, ed è anche purificante, in un certo senso, oltre che diradare la pesantezza dell'atmosfera.

Tu potrai ingannare i "cavalieri bianchi" ma Duval non lo freghi: sai di politica e la conosci dal vivo, nel bene e nel male.

Poi, nella Gabina (come dice Bossi), le scelte sono sempre (ed ancora) libere e personali, ci mancherebbe!

Qui c'è gente che probabilmente non conosce neppure il meccanismo di ripartizione dei voti fra europee ed amministrative; che confonde il gradimento al governo con quello al presidente del consiglio ....

Che magari non conosce l'iter dei disegni di legge dal Consiglio dei Ministri alle Commissioni Parlamentari, deliberanti o semplicemente consultive.

E che non sanno che i loro "idoli" (di tutto l'arco parlamentare) in quelle sedi mercanteggiano su tutto: "io ti voto questo e tu mi rifinanzi domani la bocciofila di Monteriggioni, dove prendo 753 voti ... non fare troppo lo stronzo questa sera a Porta a Porta ... dove ceniamo dopo?"

Se non è troppo tardi vedi di rintracciare Mora a Roma: russa di San Pietroburgo, sui 35 forse più; meno cara di Yolanda ma con nulla in meno, anzi ...
Ha quella classe innata che non è rara scorgere nelle donne di quella città, un misto di europeismo parigino e di raffinata estetica baltica ... un must per gli intenditori.

Buona caccia.

Chiara di Notte - Klára ha detto...

Sull'intervista rilasciata da Zeffirelli sulla moralita' della Guerritore (da che pulpito...) non so, forse tratta da Libero o da Il Giornale (sostitutivi della carta igienica quando manca), esprimo il mio personale parere: I VOMIT!

A voler essere cattiva potrei dire che quell'uomo li' e' la peggior specie di gay che esista: quella che odia le donne (la puntualizzazione sul bel fondoschiena della Guerritore denota una certa invidia).

Fra l'altro, oltre ad esprimere concetti a mio giudizio putridi che potrebbero essere degni solo di un cervello imbevuto di alcol e cocaina, non e' neppure un granche' come regista.

davide ha detto...

Caro amico Duval,

""Se non è troppo tardi vedi di rintracciare Mora a Roma: russa di San Pietroburgo, sui 35 forse più; meno cara di Yolanda ma con nulla in meno, anzi ...
Ha quella classe innata che non è rara scorgere nelle donne di quella città, un misto di europeismo parigino e di raffinata estetica baltica ... un must per gli intenditori.
Buona caccia.""

Grazie per il consiglio, ma ho già una lunga lista.

Però scusa questa escort "Mora" su che sito è riportata.

Ciao Davide

Chiara di Notte - Klára ha detto...

Però scusa questa escort "Mora" su che sito è riportata.

Questo non e' un luogo dove si scambiano queste informazioni. Mi spiace.

Prego quindi di riportare il discorso in argomento. Grazie.

davide ha detto...

Distinta Chiara,



""Prego quindi di riportare il discorso in argomento. Grazie.""

Obbedisco! Ringrazio nuovamente Duval per il consiglio: comunque in questi giorni ho già incontrato delle spendide ragazze russe e sono più che soddisfatto.

Ciao Davide

Duval ha detto...

Le farmacie spagnole venderanno liberamente la pillola del giorno dopo, senza più l'obbligo di presentazione di ricetta medica: la decisione è stata annunciata dal ministro della Sanità Trinidad Jimenez e da quello per l'Uguaglianza Bibiana Aido, in una conferenza stampa congiunta.

La misura, decisa dal governo socialista di José Luis Zapatero nell'ambito del programma di "salute sessuale" per la riduzione delle gravidanze indesiderate e degli aborti, diventerà operativa entro tre mesi, tempo necessario per inserire questi farmaci nel prontuario di quelli senza ricetta. Acquistabili dunque, senza restrizioni, anche dalle minorenni.

Nel 2007, nel Paese, ci stati oltre 6mila aborti fra le minori di 18 anni, e 500 tra quelle under 15, su un totale che ormai supera i 100 mila casi. "Le cifre ci dicono che abbiamo un problema da affrontare con urgenza", ha detto la Jimenez. Le esponenti del governo Zapatero hanno però tenuto a precisare che il ricorso alla pillola del giorno dopo "non deve trasformarsi in un metodo anticoncezionale abituale". "E' una soluzione di emergenza", ha ricordato ancora la Jimenez. Sottolinenando che gli studi condotti nei paesi dove questo farmaco già si vende senza ricetta "non si è trasformato in un sistema anticoncezionale come un altro". Anche per questo, la pillola del giorno dopo sarà fornita a 20 euro a confezione, hanno annunciato le ministre.

Quanto a eventuali problemi con i farmacisti, le esponenti dell'esecutivo hanno spiegato che "una volta autorizzata la vendita libera" del farmaco "c'è un obbligo delle farmacie a renderlo disponibile: non crediamo che esista un problema di obiezione di coscienza perché è un metodo anticoncezionale e non abortivo". Una volta che lo zigote si è impiantato nell'utero, infatti, la pillola non ha più effetto.


Articolo di Repubblica

Sono basito! Io mi ero fatto l'idea in questi giorni che le quindicenni sono bambine ed in rari casi pensano al sesso, boh?!?

E voi, se foste i farmacisti, dareste volentieri la pillola ad una quindicenne?

Rez ha detto...

Sono basito! Io mi ero fatto l'idea in questi giorni che le quindicenni sono bambine ed in rari casi pensano al sesso, boh?!?Certo che ci pensano.
Di solito pensano di saltare addosso al cantante che gli piace e/o al ragazzo muscoloso abbronzato o a quello che gli piace di più.

Poi se fra queste ragazze c'è ne qualcuna che, portata per mano dalla famiglia, decida di darla al *Papi* con il quale ha un rapporto di età pari a 4,86 periodico personalmente non mi scandalizzo.

E' una questione storica, una evoluzione culturale, il fatto che l'attività sessuale sia svolta secondo morale, dopo una certa età, che dovrebbe corrispondere alla reale maturità e capacità di responsabilità personale.
Ma nella storia, Baroni, Re, Imperatori e Cavalieri si sono sempre scopati le figlie ragazzine dei popolani... si tratta di una manifestazione di superbia e potere che chiunque può valutare come vuole.

Quello che trovo meno comprensibile in verità, è il fatto che molti uomini nei popoli che formano la base elettorale del BelPaese sembrino ammirati da questo comportamento e mirino a riprodurlo.

Come al solito si tratta di ignoranza.
Di pura e semplice ignoranza.

La vita non è eterna come qualcuno vorrebbe; certo ultimamente lo stesso qualcuno si sarebbe accontentato di arrivare sui 120 anni.
Ma in ogni caso la vita non è eterna.
Mi riferisco alla vita di un singolo individuo.

Ma la crescita globale si rifà al concetto di generazione.

Se ammettiamo che una generazione duri 25 anni abbiamo che un uomo di 73 anni che si riproduca sessualmente con una ragazzina fertile di 15 inferisce, con un rapporto di 2,92, sulla terza generazione.

Sarà banale dirlo, ma il "Nonno" (perché di questo che si tratta), che si trombi la "Nipotina" non aiuterebbe certo a migliorare il parco genetico.

Qualcuno forse potrebbe osservare che qui non si parla di biologia, evoluzione o quant'altro, ma solo di servilismo facile da parte di una ragazzina con l'animo peggiore.

A me non interessa sapere cosa sia la ragazzina; la società del Belpaese fornisce a milioni di ragazze e ragazzi una serie di modelli di questo tipo.
Non mi interessa giudicare la famiglia di questa ragazza, perché in certi popoli la mentalità dell'asservimento, dell'inchino al potente, della *grande fortuna* che ci è capitata è addirittura cultura, storicamente parlando.

Il problema vero è che le generazioni significano anche mutamenti nel tempo delle condizioni sociologiche, politiche, culturali, ambientali.

E un "Nonno" sempre giovane tanto da *farsi* la Nipotina porta a imporre idee e concezioni che originano tre generazioni fa.

Questo credo sia il problema se si parla di sviluppo e futuro.

Ma non credo interessi a nessuno dei potenti nel Belpaese lo sviluppo, o il futuro.

Basta avere potere sufficiente, soldi in abbondanza, mogli "di presenza" che non rompano i coglioni e "figa giovane e fresca" da scaldare e cambiare il più spesso possibile, no?

E voi, se foste i farmacisti, dareste volentieri la pillola ad una quindicenne?Se fossi farmacista venderei anti concezionali e pillole del giorno dopo.

Se fossi insegnante farei corsi seri sull'uso del preservativo ai ragazzini e ragazzine di 11 anni per la prevenzione delle malattie e delle gravidanze che arrivano perché esiste il mito del "lo butto su senza niente fino in fondo...", perché sennò non è bello e non sei un uomo.

Se fossi un politico imporrei la visita da un medico specialista (ginecologo, andrologo) a tutti a partire dai 13 anni per ribadire quello che l'insegnante spiega a scuola, in modo che poi non ci sia bisogno di andare dal farmacista.

Ma tutti questi "se" possono verificarsi in un paese mediamente civile e non ipocrita come questo.

Ecco: "ipocrisia" è una altra bella definizione aggiuntiva per italianità.

Soprattutto visto quanti lo hanno "sempre duro" e, orgogliosamente, difendono a tutti i costi la libertà di essere servi del padrone che scelgono...

Anonimo ha detto...

@Duval: "E voi, se foste i farmacisti, dareste volentieri la pillola ad una quindicenne?"


Perche' no?

Ma il vero problema non è la pillola del giorno dopo ma il preservativo.
Perchè non distribuirlo gratuitamente?
Aggià la chiesa......

Gugge

Chiara di Notte - Klára ha detto...

@ Rez: Ma nella storia, Baroni, Re, Imperatori e Cavalieri si sono sempre scopati le figlie ragazzine dei popolani... si tratta di una manifestazione di superbia e potere che chiunque può valutare come vuole.

Tale schema era stato superato (si credeva) con la Rivoluzione Francese, ma si vede che le teste tagliate non sono state abbastanza.

Non sarebbe infatti tanto fantascentifico, oggi in Italia, un Lodo IUS PRIMAE NOCTIS del quale potessero avvalersi le piu' alte cariche dello stato (soprattutto una)... giustificandolo col fatto che chi governa deve avere il cervello sgombro e quindi perche' non fargli trombare una volta per tutte tutto quanto il trombabile, persino sua figlia, cosi' che possa, con la mente sgombra. portare avanti il suo compito?

Gia'... il suo compito?

Ecco... qualcuno che lo vota saprebbe spiegarmi qual e' il suo compito? Perche' a sto punto mi sfugge.

Credo che Lameduck nel suo bellissimo articolo qui:

http://ilblogdilameduck.blogspot.com/2009/05/cori-di-pappagalli-ultras-cappella.html

descriva perfettamente come ragionano oggi i figli di Papi.

Sarà banale dirlo, ma il "Nonno" (perché di questo che si tratta), che si trombi la "Nipotina" non aiuterebbe certo a migliorare il parco genetico.

Forse alcuni ultrasettantenni di oggi ossessionati dalla figa che con l'avanzare dell'eta' deve essere sempre piu' giovane, che qualcuno chiamerebbe "buongustai invidiati dai comunisti sfigati che si possono trombare solo quelle come Rosi Bindi", ma che io semplicemtente definisco "vecchi maiali laidi", con Papi s'identificano. Diversamente dai loro coetanei che, con una pensione infima, hanno reali problemi di sopravvivenza e di salute, grazie a lui si sentono ricchi ed ancora giovani, come quando ai tempi dell'universita' quando cantavano:

Sara' capitato anche a voi
di avere un casino in famiglia:
il padre che tromba la figlia
e il nonno finocchio
che incula il marmocchio:
zum zum zum zum zum,
zum zum zum zum zum
...


Sono basito! Io mi ero fatto l'idea in questi giorni che le quindicenni sono bambine ed in rari casi pensano al sesso, boh?!?

Cio' che invece basisce me non e' che le quindicenni pensino al sesso, quella e' l'eta' in cui il sesso si scopre e deve essere fresco, puro... a tratti anche ingenuo, ma e' che dei vecchi maiali laidi pensino di essere i maestri di sesso per queste giovani donne.

Sono usi tribali; usi che tanta gente come te, fino a ieri, criticava (giustamente) e diffusi in certe popolazioni giudicate culturalmente arretrate.
Pensa che e' uno di quegli aspetti della cultura gitana contro i quali da sempre mi batto. E tutti sanno quanto io ci tenga a mantenerla viva dentro di me quella mia essenza zingara.

Misura la forza della tua Password

Oggi mi sento un po' cosi'...

Oggi mi sento un po' cosi'...

Tokaj-Hegyaljai Borvidék

Áldott tokaji bor, be jó vagy s jó valál, Hogy tsak szagodtól is elszalad a halál; Mert sok beteg téged mihely kezdett inni, Meggyógyult, noha már ki akarták vinni. Istenek itala, halhatatlan Nectár, Az holott te termesz, áldott a határ! (Szemere Miklós)

A Budapesttől mintegy 200 km-re északkeletre, a szlovák és az ukrán határ közelében található Tokaj-Hegyaljai Borvidék a Kárpátokból déli irányban kinyúló vulkanikus hegylánc legdélebbi pontján fekszik. A vidéket és fő községeit könnyen elérhetjük akár autóval (az M3 autópályán és a 3-as úton Miskolcig, onnan a 37-es úton), akár vonattal (több közvetlen vonat indul Budapestről és Miskolcról)

Web Statistics