domenica 23 novembre 2008

8
comments
Effetto domino

C'e' un video che mostra come, all'ultima riunione del G20, tutti si scambiassero amichevoli strette di mano evitando accuratamente di sfiorare il povero GiDabliu. Se fosse stata una scena dei Promessi Sposi avrei chiesto per lui l'intervento dei monatti. Magari sarebbe stato piu' a suo agio al lazzaretto e forse avrebbe trovato conforto nelle parole di Fra' Cristoforo.

Povero... faceva quasi tenerezza. Aveva gli occhi da cane bastonato ma io sapevo che in fondo un po' se l'era meritato e se non avessi avuto consapevolezza che quello sguardo era quello dell'uomo che negli ultimi otto anni ha definitivamente mandato a fanculo il mondo, gli avrei inviato un SMS con scritto: "Suvvia, non prendertela, in fondo ti vogliamo bene..."

In effetti mi chiedo come faremo quando non ci sara' piu'? Con chi ce la prenderemo? A chi daremo le colpe dei complotti? Chi accuseremo di aver definivamente dato il colpo di grazia all'Epoca Contemporanea? Sappiamo che non e' stato lui la causa per cui essa e' tracollata, pero' si e' impegnato davvero tanto per affondarla.

La storiografia potra' finalmente individuare quest'epoca, sulla quale era ancora aperto un dibattito sul suo inizio ma grazie a GiDabliu non lascia dubbi sulla sua fine.

Come sempre il premier italico, quantunque sembri un stupido e finga a volte di sbagliare come nel caso del "Romolo e Remolo", anche in questo caso mostra il suo acume; aveva ragione quando all'ultimo incontro avuto con GiDabliu, prima della vittoria di Obama, gli ha detto fra un bacio in bocca e l'altro: "Caro George, sara' la Storia a giudicare la tua opera".

Adesso, dopo aver visto il video dove persino l'amico Silvio evita di stringere la mano allo zombie, quelle parole suonano un po' strane ma dopotutto e' comprensibile: chi vorrebbe essere fotografato mentre stringe la mano amichevolmente a Don Rodrigo?

Pero' devo dire che alcuni di quei "capoccioni" che fino a prima delle elezioni americane usavano la lingua al posto della carta igienica dopo che GiDabliu aveva "espletato", non fanno una bella figura. Mi hanno dato una sensazione spiacevole, da viscidi, da opportunisti. Persino Vermilinguo mi e' sembrato piu' simpatico di loro.

Anche perche' ancora non hanno capito cio' che e' lapalissiano: GiDabliu e' solo la prima tessera del domino, quella che cadendo innesca l'effetto. Uno alla volta, verranno giu' tutti.

8 commenti :

davide ha detto...

Distinta Chiara,

"Anche perche' ancora non hanno capito cio' che e' lapalissiano: GiDabliu e' solo la prima tessera del domino, quella che cadendo innesca l'effetto. Uno alla volta, verranno giu' tutti."

In realtà Bush non è caduto, perchè se anche avesse fatto bene non avrebbe potuto ricandidarsi.

Sul fatto che cadranno tutti e 20 ho forti dubbi.

Negli stati democratici quando ci saranno le elezioni è probabile che chi governa in questo momento non venga rieletto: durante le crisi economiche la gente tende a punire chi è al governo, sia che si tratti di conservatori o di socialdemocratici.

In ogni caso niente ci garantisce che chi verrà dopo sia migliore di chi c'è adesso.

Ciao

Anonimo ha detto...

zzo. E' un video della CNN.
A rete 4 non l'avrebbero mai mostrato.
Povero George. ;-))


"Anche perche' ancora non hanno capito cio' che e' lapalissiano: GiDabliu e' solo la prima tessera del domino, quella che cadendo innesca l'effetto. Uno alla volta, verranno giu' tutti."

Anche la Merkel?
Chi dopo silvietto, uno nuovo?
Non vedo nessuno all'orizzonte.

Prosit
Gugge

Chiara di Notte - Klára ha detto...


Anche la Merkel?
Chi dopo silvietto, uno nuovo?
Non vedo nessuno all'orizzonte.


Verranno tutti giu'. Nessuno si salvera' dallo tsunami. Tutti saranno sostituiti. E' un momento della Storia focale quello che stiamo vivendo. Per uscire da questa crisi, che per il momento e' solo nella sua fase iniziale, dovranno cambiare le politiche sociali di tutti i Paesi del mondo e dato che i "vecchi" governanti non potranno farlo per evidenti conflitti d'interesse e scarsa credibilita', la classe politica attuale sara' scalzata via.
E chi si illude di essere il Gattopardo del 2000 ha fatto male i suoi conti. Questa volta perche' tutto cambi se ne deve andare pure lui.

Obama non e' un meteorite piovuto per caso. La sua politica dovra' essere forzatamente di tipo socialdemocratico se vorra' che l'America esca dalla crisi. Dovra' per forza operare una redistribuzione del reddito (almeno all'interno del suo Paese) se non vuole una seconda guerra civile.
E' ovvio che il processo impieghera' qualche anno ma anche la crisi durera' qualche anno.

Certo non sono un'indovina ma altre soluzioni non ce ne sono. Se ci si ostinera' a voler riparare sempre la solita vecchia barca che cade ormai a pezzi prima o poi si affondera' con essa.

La situazione e' simile a quella del '29 ed il rischio e' una nuova guerra globale fra anche meno di 10 anni, che se verra' combattuta con le armi attuali, quella successiva potrebbe essere combattuta con le clave.

davide ha detto...

Distinta Chiara,

""La situazione e' simile a quella del '29 ed il rischio e' una nuova guerra globale fra anche meno di 10 anni, che se verra' combattuta con le armi attuali, quella successiva potrebbe essere combattuta con le clave.""

Che la crisi sia gravissima non c'è dubbio. Però non riesco a capire quali siano le ricette per guarire il malato.

Le politiche socialdemocratiche di Obama non è detto che funzionino.

Ciao

Chiara di Notte - Klára ha detto...

Le politiche socialdemocratiche di Obama non è detto che funzionino.

Quando daranno i primi risultati positivi le altre tessere cadranno piu' veloci.
Per questo motivo TUTTI sperano che le sue ricette non funzionino.
Primo fra tutti silvietto che' sa perfettamente che se dovessero funzionare lui sarebbe il primo ad essere mandato via a calci nel culo.
Ed anche il lodo alfano a quel punto non potrebbe piu' salvarlo.

davide ha detto...

Distinta Chiara,

""Quando daranno i primi risultati positivi le altre tessere cadranno piu' veloci.""

Non capisco su cosa si basi il tuo ottimismo riguardo alle ricette socialdemocratiche: faccio presente che sono in crisi anche gli stati govermati dai socialdemocratici.

Io purtroppo sono molto più pessimista di te e non riesco a vedere (nè a destra, nè a sinistra)
nessuna ricetta valida per uscire dalla crisi.

A questo punto non mi resta che sperare che tu abbia ragione grazie al tuo intuito da zingara che ti permette di vedere cose positive che io non vedo (comunque io sono un pessimista per natura e non faccio testo).

Ciao

Anonimo ha detto...

1) Infrastrutture
2) Spesa sociale
3) Lotta all'evasione
4) Incremento debito pubblico

relativamente al 3 propongo l'obbligo di pagare tramite moneta elettronica.

A fine anno "il grande fratello" effettuerà il conteggio entrate uscite di ognuno.

Si lo so non sei d'accordo

Prosit
Gugge

davide ha detto...

Caro amico Gugge,


"1) Infrastrutture
2) Spesa sociale
3) Lotta all'evasione
4) Incremento debito pubblico
relativamente al 3 propongo l'obbligo di pagare tramite moneta elettronica.
A fine anno "il grande fratello" effettuerà il conteggio entrate uscite di ognuno.
Si lo so non sei d'accordo"

Non so se ti stai rivolgendo a me o a Chiara.

Comunque le proposte che hai fatto le stanno proponendo quasi tutti i governi: se poi funzioneranno è un'altra cosa.

Non capisco perchè io dovrei essere contro la lotta all'evasine fiscale. L'unico problema per me sarebbe pagare le escort "elettronicamente".

Però la cosa non mi interessa molto, perchè da casa mia in poche ore posso andare in Austria o Svizzera dove le escort lavorano legalmente senza problemi di sorta.

Ciao

Misura la forza della tua Password

Oggi mi sento un po' cosi'...

Oggi mi sento un po' cosi'...

Tokaj-Hegyaljai Borvidék

Áldott tokaji bor, be jó vagy s jó valál, Hogy tsak szagodtól is elszalad a halál; Mert sok beteg téged mihely kezdett inni, Meggyógyult, noha már ki akarták vinni. Istenek itala, halhatatlan Nectár, Az holott te termesz, áldott a határ! (Szemere Miklós)

A Budapesttől mintegy 200 km-re északkeletre, a szlovák és az ukrán határ közelében található Tokaj-Hegyaljai Borvidék a Kárpátokból déli irányban kinyúló vulkanikus hegylánc legdélebbi pontján fekszik. A vidéket és fő községeit könnyen elérhetjük akár autóval (az M3 autópályán és a 3-as úton Miskolcig, onnan a 37-es úton), akár vonattal (több közvetlen vonat indul Budapestről és Miskolcról)

Web Statistics