venerdì 24 ottobre 2008

21
comments
Ancora poco e ci siamo

La ripresa e' vicina. Almeno parzialmente, almeno quella che riguarda la finanza, voglio dire. Per la crisi economica reale, invece, quella che alla classe dirigente, ai manager con compensi milionari oppure ai politici con pensioni stratosferiche non interessa (tanto i soldi per una pinacolada alle Mauritius, per loro, non mancheranno mai), si dovra' attendere un anno, forse due, o anche tre; ma il "popolino" ha la pelle dura e puo' sopportare persino di peggio.

E poi, con le varie rottamazioni previste dal Governo, si potra' cambiare l'auto, ed anche gli elettrodomestici. Volete mettere il vantaggio, dopo una bella scorrazzata con la nuova Punto superaccessoriata, di tornare a casa e prepararsi un pranzetto con il nuovo forno a microonde per poi spaparanzarsi sul divano davanti al nuovissimo, stupendo "plasma" 42 pollici?

Una libidine!

Comunque la crisi finanziaria incombente, la cui storia era gia' scritta nei grafici, oltre che nei fatti, avra' un punto d'arresto in occasione delle imminenti elezioni che consacreranno Obama come il primo presidente nero nella storia degli States.

Se non gli sparano prima...

Cosa non improbabile visti i precedenti in quel fantasmagorico Paese che e' l'Unione degli Stati Americani.

Chi dunque non ha "mollato" le posizioni azionarie nei giorni scorsi (come consigliato dai Tarocchi di Nagyanya), a questo punto puo' anche attendere che arrivi il momento d'inversione del trend. Che ci sara', non dubitate. Ancora un 10-15% di ribasso, cosi' da arrivare con gli indici ai livelli minimi del 2002-2003 e poi, per un mesetto almeno, vedremo risalire il tutto.

Al 4 novembre manca ormai poco.

21 commenti :

Antonio ha detto...

tu pensi che posso aspettare ancora un calo di 15 punti prima di comprare ? per poi rivendere dopo una ventina di giorni con un rialzo di circa 20 punti ?

Chiara di Notte - Klára ha detto...

@ Antonio: Io non penso niente. Io solo faccio parlare i Tarocchi e mi muovo di conseguenza.

Non credevo che una persona come te credesse a queste baggianate. :D (lol)

Comunque tieni d'occhio l'S&P500 e quando si va sotto ai minimi mai raggiunti da 7-8 anni a questa parte, allora forse ci siamo. :D

Sarei pronta a scommettere il mio reggiseno che cio' avverra' qualche giorno prima delle elezioni americane. :-)

Antonio ha detto...

:-)))) anche io ci scommetto le mie mutande !!
ma stai certa che questa speculazione la faranno in molti ! ed è questo il vero problema !
però... a pensarci bene potrei usare i miei 100 euro rimasti per arrivare a fine mese !! quante fiat potrei comprare ? :-)))
no no.. forse meglio Unicredit.

Antonio ha detto...

ok ! me ne vado ! buon fine settimana a tutti !

davide ha detto...

Distinta Chiara,

in tanti anni ho sentito tantissime previsioni sui mercati finanziari, alcune anche di grandi menti dell'economia, ma di azzeccate ne ho viste pochissime.

Il vero problema è che dopo la crisi finanziaria arriverà la crisi dell'economia reale e lì per noi italiani saranno sorci verdi. Mentre la crisi finanziaria incide poco sull'Italia perchè da noi le banche i soldi li danno solo a chi non ne ha bisogno, la crisi economica colpirà l'Italia più degli altri per via della fragilità della sua economia.

Ciao

Chiara di Notte - Klára ha detto...

a crisi economica colpirà l'Italia più degli altri per via della fragilità della sua economia.

Ma come?
Ma se lui (che non nomino perche' altrimenti la sfiga mi indicizza) ha detto esattamente il contrario? :-)

davide ha detto...

Distinta Chiara,


""Ma come?
Ma se lui (che non nomino perche' altrimenti la sfiga mi indicizza) ha detto esattamente il contrario? :-)""

Chi è al governo deve sempre dire che va bene per dovere d'ufficio.

Comunque la debolezza dell'economia italiana è strutturale e non dipende da Lui: un po' di colpa ce l'ha anche Lui, perchè da quando è al governo non ha fatto niente di concreto per fare le centrali atomiche (uno dei punti deboli delle industrie italiane è che pagano l'energia più cara dei concorrenti).

Ciao

Chiara di Notte - Klára ha detto...

Questo commento mi pare sia dovuto a coloro che credono ai Tarocchi di Nagyanya.
Come si puo' intuire in questi giorni sono molto impegnata a fare altre cose diverse dallo stare in Internet a cazzeggiare fra i blog; c'e' la vendemmia, gli affetti, il riposo, il buon cibo, ma il giro di Tarocchi che ho teste' fatto, ha dato dei segnali alquanto ambigui per quanto riguarda la borsa.
E' assai probabile che stia entrando in trend positivo, per cui ho deciso di liquidare ogni posizione short in attesa di segnali piu' stabili.

Qualcuno mi chiedeva quale fosse la mia occupazione da quando mi sono ritirata da quella "nota".
Ebbene, oltre a fare la contadina, mi diletto nel leggere i Tarocchi. :-)

davide ha detto...

Distinta Chiara,

""Ebbene, oltre a fare la contadina, mi diletto nel leggere i Tarocchi. :-)""

Ottima professione leggere i tarocchi. Un tempo avevo letto una statistica che dimostrava che leggere i tarocchi è una delle attività che rendono di più, perchè il mondo è pieno di polli che amano essere spennati.

Ciao

Jakala ha detto...

Secondo me invece è meglio quella di contadino/a perché è emozionante il veder generare le piante e i frutti.
Solo comporta fatica e sacrificio, visto che i tempi te l'impone la natura, che non conosce feste e weekend.

Jak

Chiara di Notte - Klára ha detto...

@ Davide: in tanti anni ho sentito tantissime previsioni sui mercati finanziari, alcune anche di grandi menti dell'economia, ma di azzeccate ne ho viste pochissime.

Adesso, a distanza di oltre due anni, posso confermare che le mie previsioni erano azzeccate, e tutto si e' svolto secondo le tappe da me indicate.
Vuol dire che i tarocchi, a saperli leggere, sono un ottimo strumento di previsione. :-)

davide ha detto...

Pregiatissima Chiara,

"Adesso, a distanza di oltre due anni, posso confermare che le mie previsioni erano azzeccate, e tutto si e' svolto secondo le tappe da me indicate.
Vuol dire che i tarocchi, a saperli leggere, sono un ottimo strumento di previsione.

Sono anni che ti leggo con la massima attenzione, e non so a quali previsioni ti riferisci.

Alcuni anni fa tu avevi previsto il crollo dell'Italia e non quello degli altri stati che sono andati in crisi prima: Grecia, Iralanda, Portogallo, Spagna.

Ricordo brnissimo che tu hai parlato della crisi greca solo dopo che ne avevano parlato gli esperti di economia.

La previsione che avevi fatto in tempi non sospetti che l'Italia sarebbe stata la prima a cadere si è rivelata errata.

Adesso Berlusconi si è messo in testa di ridurre le tasse per recuperare voti. Ma come ha detto il professor Giovanni Sartori (uno che le previsioni le azzecca veramente a differenza di te) i mercacati ci tengono gli occhi puntati sopra. Se si accorgono che l'Italia fa la stupida la speculazione colpirà noi anzichè la Spagna (Zapatero in questi anni ha fatto una politica di forte risanamento, pur sapendo che questo gli costerà le elezioni, dimostrando lui (non qualcun altro che blatera di essere un grande statista, che guarda agli interessi della Spagna e non del suo partito).

Se l'Italia cade perchè i nostri governati fanno gli idioti non è detto che l'Europa ci salvi e finiremo nel burrone.

In questo caso rischiamo seriamente di finire in una dittatura di tipo argentino.

Ciao Davide

Chiara di Notte - Klára ha detto...

@ Davide: La previsione che avevi fatto in tempi non sospetti che l'Italia sarebbe stata la prima a cadere si è rivelata errata.

Per il momento, nessuno e' caduto, mi pare. La Grecia e' traballante e sono convinta che nel momento esatto in cui cade la Grecia, un istante dopo la stessa fine la fa anche l'Italia, ma non e' questo di cui parlavo riguardo alle mie previsioni.
Le mie previsioni, che puoi leggere in questo post, dicono esattamente cosa, dal punto di vista finanziario, e' accaduto negli ultimi tre anni.

davide ha detto...

Pregiatissima Chiara,

"Le mie previsioni, che puoi leggere in questo post, dicono esattamente cosa, dal punto di vista finanziario, e' accaduto negli ultimi tre anni."

Dire che negli ultimi tre anni è avvenuto esattamente quello che dici sopra mi sembra un po' azzardato.

Però io da tempo ho abbandonato gli investimenti in borsa (ero già stato scottato una decina di anni fa) e quindi non ho elementi certi nè per comfermare, nè per smentire quanto sopra. Mi fido di te.

Ciao Davide

Chiara di Notte - Klára ha detto...

Dire che negli ultimi tre anni è avvenuto esattamente quello che dici sopra mi sembra un po' azzardato.

Basta che rileggi quello che ho scritto nell'articolo e lo confronti con i grafici di un qualsiasi indice di Borsa.

davide ha detto...

Pregiatissima Chiara,


"Basta che rileggi quello che ho scritto nell'articolo e lo confronti con i grafici di un qualsiasi indice di Borsa."

Ho detto sopra che mi fido di te.

Non vado a guardare gli indici di borsa degli ultimi tre anni, perchè a suo tempo ho perso parecchi soldi in borsa ed ho deciso di abbandonare quel tipo di investimento.

Spero che tu ne abbia approfittato per farti un bel gruzzoletto.

Ciao Davide

Chiara di Notte - Klára ha detto...

@ Davide: Alcuni anni fa tu avevi previsto il crollo dell'Italia e non quello degli altri stati che sono andati in crisi prima: Grecia, Iralanda, Portogallo, Spagna.

Aggiornamento:

http://tinyurl.com/6xhuuz6

oppure

http://tinyurl.com/6fr66no

davide ha detto...

Pregiatissima Chiara,



"Davide: Alcuni anni fa tu avevi previsto il crollo dell'Italia e non quello degli altri stati che sono andati in crisi prima: Grecia, Iralanda, Portogallo, Spagna.
Aggiornamento:
http://tinyurl.com/6xhuuz".

Tu hai parlato della Grecia solo dopo che ne avevano parlato i giornali economici. Prima non avevi mai previsto che fallisse prima dell'Italia.

Comunque il punto è un altro. Io che l'Italia andasse in malora lo dicevo molto prima che tu nascessi.

Silvio sarà pure un grandissimo buffone, ma il debito pubblico non lo ha inventato lui.

Le leggi che fra gli anni '70 e '80 hanno prodotto il debito pubblico, sono state votate da tutti i partiti, comunisti in testa.

Ciao Davide

Chiara di Notte - Klára ha detto...

Le leggi che fra gli anni '70 e '80 hanno prodotto il debito pubblico, sono state votate da tutti i partiti, comunisti in testa.


azzz... ma questo e' un mantra... :-)))

davide ha detto...

Pregiatissima Chiara,


"azzz... ma questo e' un mantra... :-)))".

Voglio solo dire che il disastro italiano non colpa di una piccola minoranza, ma di comportamenti diffusi.

Che Berlusconi vada fuori dalle palle è cosa giusta (uno che al vertice dei grandi pensa al culo della Merkel o alle tette della Obama ha il cervello fuso), ma poi il debito pubblico italiano rimane.

Ciao Davide

LucaM_Best ha detto...

Voglio solo dire che il disastro italiano non colpa di una piccola minoranza, ma di comportamenti diffusi.

Sono pienamente d'accordo.
Però aggiungerei colpa di mentalità diffuse. Cioè il problema è ancora più alla radice..
Esaminando i comportamenti e la politica si vedono solo i risultati negativi di queste mentalità (mafiose, egoistiche, criminali, idiote, ignoranti, vigliacche, incoerenti, ecc.. ecc..), che sono ormai parte integrante dell'"italoDNA" di molti!

Misura la forza della tua Password

Oggi mi sento un po' cosi'...

Oggi mi sento un po' cosi'...

Tokaj-Hegyaljai Borvidék

Áldott tokaji bor, be jó vagy s jó valál, Hogy tsak szagodtól is elszalad a halál; Mert sok beteg téged mihely kezdett inni, Meggyógyult, noha már ki akarták vinni. Istenek itala, halhatatlan Nectár, Az holott te termesz, áldott a határ! (Szemere Miklós)

A Budapesttől mintegy 200 km-re északkeletre, a szlovák és az ukrán határ közelében található Tokaj-Hegyaljai Borvidék a Kárpátokból déli irányban kinyúló vulkanikus hegylánc legdélebbi pontján fekszik. A vidéket és fő községeit könnyen elérhetjük akár autóval (az M3 autópályán és a 3-as úton Miskolcig, onnan a 37-es úton), akár vonattal (több közvetlen vonat indul Budapestről és Miskolcról)

Web Statistics