martedì 20 maggio 2008

52
comments
Hanno colpa loro!


Quelle che la Tv ha mostrato sono scene che, in certi momenti, mi hanno ricordato il ghetto di Varsavia sgomberato dagli ebrei durante il periodo nazista, oppure le deportazioni delle minoranze etniche in Siberia ad opera del regime stalinista. Si' certo, sono dotata di una grande fantasia, lo so, ed Hitler e Stalin rappresentano l'apoteosi dell'intolleranza: entrambi sterminarono milioni di persone ma non voglio far paragoni in quel senso. Sarebbe oltremodo intellettualmente disonesto.

Oggi, a differenza di allora, esiste la "democrazia", pero' anche nei civilissimi e democraticissimi Stati Uniti, gli amerindi, cacciati nelle riserve annientati delle malattie quasi sempre trasmesse dai bianchi, non furono trattati molto meglio.

Comunque e' normale che l'Italia si protegga da tutta questa delinquenza dilagante. I cittadini devono poter avere una vita in cui possano uscire tranquillamente, indossando la loro catenina d'oro senza il timore che qualcuno la rubi. Oltretutto i campi nomadi, luoghi ove prolifera la delinquenza, sono ricettacolo di sporcizia ambientale, oltre che umana, per cui una pulizia in tal senso diventa d'obbligo.

In Italia e' arrivato finalmente il momento di fare le pulizie e di mettere un po' d'ordine nel Paese. Obiettivamente se non ci fossero tutti questi immigrati, i cittadini italici potrebbero vivere una vita pulita, agiata, avere i servizi adeguati, trovare un lavoro, una casa... o no?

Mi pare giusto che si inizi, come quando si pulisce la propria abitazione, a spazzare via il "grosso" dello sporco, quindi gli zingari. Purtroppo, pero', ho come un sesto senso che si allarma ogni volta che sento le parole "ordine" e "pulizia". Subito mi si alzano le antenne, ma fa nulla...

"Che bella l'Italia, che bravi i governanti che vogliono solo il bene dei cittadini, ed anche di quei poveri zingari allo sbando - ho pensato - mi chiedo se, adesso che hanno ridotto le loro baraccopoli in poltiglia, quelle persone saranno inserite in delle strutture adeguate, avranno case, scuole, lavoro, cure sanitarie..."

Poi ho letto un po' in giro e mi sono resa conto che tutte queste cose (case, scuole lavoro ed ospedali) mancano anche agli italiani (ahime'), allora resta il mistero sulla fine che faranno quelle decine di vecchi, donne e bambini che sono stati sgomberati, e spero che in questo momento non si trovino ammassati in qualche "centro di raccolta", con i capelli rasati a zero (per via dei pidocchi, mica possono essere lasciati nella sporcizia), il tatuaggio di un numero sul braccio (per il riconoscimento, mica si puo' impazzire per identificarli, sono cosi' tutti uguali, scuri, brutti), pronti per la doccia di domattina (sara' un toccasana!).

Devo essere sincera, nei tanti anni vissuti in Italia (ma anche prima, durante il mio lungo girovagare), non ho mai avuto un solo centesimo o un solo oggetto che mi sia stato sottratto da uno zingaro. Giuro, mai alcuno zingaro, di qualsiasi eta' o sesso, finora si e' messo in tasca qualcosa che io non abbia voluto dargli.

Che dire? Saro' stata fortunata? Eppure vi assicuro che a Milano uscivo spesso ben abbigliata, anche indossando qualche gioiellino, pero' l'unica volta che sono stata derubata e' stata ad opera di due balordi drogati... italiani, e del nord. Dagli zingari, invece, mai nessun problema.

Si deve dire che gli zingari si riconoscono da lontano, si sa dove bazzicano, si sa come agiscono, quindi si fa in tempo a proteggersi: si tiene stretta la borsa, si chiude il colletto intorno alla catenina, si mettono le mani in modo da nascondere l'orologio. Insomma, con gli zingari bisogna comportarsi come se dovessimo attraversare i Quartieri Spagnoli di Napoli. Anzi no, i Quartieri Spagnoli sono assai piu' pericolosi, e mi chiedo perche' cio' non abbia mai rappresentato allarme sociale. Stranezze della vita!

Comunque, anche se personalmente sono stata fortunata, ho saputo di chi ha subito furti dagli zingari, C'e' chi e' stato derubato del portamonete, chi dell'orologio, chi dei gioielli (addirittura in casa!). Persino chi ha visto sottrarsi il carrello della spesa fuori del supermercato. Roba da matti, ma fa capire come ormai questi ladruncoli siano pronti a tutto.

Insomma, tutti furti che hanno letteralmente messo in ginocchio le economie di intere famiglie. Danni incalcolabili, spavento, frustrazione dei derubati, pero' se penso che quel carrello della spesa possa essere stato usato per sfamare un banda di piccoli mostriciattoli sporchi mi viene da sorridere. Anche se non dovrei; lo so che non dovrei.

Queste azioni vanno condannate fermamente. I reati devono essere puniti categoricamente. Se uno e' sporco, derelitto, senza istruzione, rifiutato da tutti e non ha lavoro (ovvio, chi si fiderebbe di assumere un elemento del genere?), pero' ha otto figli da sfamare, prima di rubare qualcosa dovrebbe pensare che quella e' una cosa che non si fa, perche' la legge e' uguale per tutti... lo diceva anche l'onorevole Previti. :-)

Inoltre si deve tener conto che questi zingari, con i proventi dei loro furti, riescono ad avere una vita talmente agiata che l'italiano medio se la sogna... ville, piscine, servitori, lenzuola di seta e di lino, tavole imbandite come dei banchetti rinascimentali, barche a vela e veline, riserve di caccia e vulcani eruttanti in giardino... ehm... no, scusate (che vergogna) mi sono confusa con qualcun altro. :-)

Quindi sono completamente d'accordo sul modo in cui e' stato impostato il nuovo pacchetto sicurezza che sara' varato dal Consiglio dei Ministri italico; le mele marce devono essere separate dalle mele buone... lo diceva anche l'omonimo onorevole, mentre "separava" la striscia di "farina".

A proposito di mele... avete visto i prezzi che hanno raggiunto al dettaglio? Eppure pare che al produttore diano meno di un decimo... mah! Dicono che sia l'effetto del rincaro dei costi dell'energia, dei tassi d'interesse, del cambio euro-dollaro, della crisi dei mutui subprime, del debito pubblico, dei costi della politica, della crisi economica...

Secondo me, invece, anche qui hanno colpa sempre loro: gli zingari!

52 commenti :

michail tal ha detto...

Buongiorno Chiara

Chissà se ti eri poi ascoltata
KHORAKHANE', a forza di essere vento, di De Andrè...era un grande amico degli zingari sai?

Direi che per farci un'idea di come siamo messi in questo paese basta vedersi Gomorra.
Ovviamente consiglio pure il libro, magnifico e aberrante allo stesso tempo.

Alex ha detto...

I fatti diranno che non è un governo razzista, sicuramente da fastidio a chi vota a sinistra, come te, vedere un attività che da anni mancava, gli italiani hanno chiesto, quando hanno espresso il voto, un po’ di sicurezza in più…
I campi nomadi della Campania, sono stati degli eventi a se, capitati in quel frangente per una situazione diventata insostenibile, non ho visto cose simili al nord Italia, quel Nord della Lega per intenderci.
Hai ragione quando scrivi dei “mostriciattoli” loro non hanno nessuna colpa e forse non ne ha neanche il genitore, perché è il loro modo di vivere, però se continua così si sposterà in Italia una quantità di disperati, senza lavoro, che è una cosa diversa dall’etnia, lo so, che la situazione, già critica, anche per motivi economici, diventerà insostenibile.
Quando scrivi certi post, sembri la giornalista che deve vendere il pezzo, la realtà è che a Napoli la camorra ha approfittato per dimostrare qualcosa, e ora i Ns “dirigenti” devono far vedere che la fiducia accordatagli è stata riposta bene, era già previsto il pacchetto sicurezza e non solo per i Rom, ma per qualsiasi straniero che violi la legge, sai che la meta più ambita per uno straniero che commette un grave reato è l’Italia? Reati che verrebbero puniti con gravi condanne e qui sono liberi di circolare e fare tutto quello che vogliono tanto al max rischiano qualche anno di galera, salvo condoni, della sinistra, e tu sei contenta di vivere in un posto dove chi delinque è tutelato?
tu madre che trovi una in casa con tua figlia nelle braccia di una zingara cosa faresti? Se poi è una Rom? avresti un pregiudizio o no?
Nessuno dice che i Rom di professione rapiscono bambini, ma è successo.....
Nel civile nord nessuno avrebbe fatto quello che è successo a Napoli o non sei daccordo?
Parlare di ghettizzazione, come fai capire nelle tue parole, è aizzare le folle, significa alzare il tiro, e poi, si finisce per degenerare.
Le persone posso essere aiutate ma non ci si deve far prendere per il culo.

Chiara di Notte - Klára ha detto...

sicuramente da fastidio a chi vota a sinistra, come te, vedere un attività che da anni mancava, gli italiani hanno chiesto, quando hanno espresso il voto, un po’ di sicurezza in più…

Veramente io non voto a sinistra, e gli italiani si accorgeranno presto quanta sicurezza in piu' avranno ottenuto.
Un popolo di precari che continuera' a vivere precariamente la propria condizione (ormai) di ULTIMI (sono primi solo per quanto riguarda il numero e gli stipendi dei parlamentari).
Troppa boria, ma arrivera' il momento di abbassare la cresta perche' l'Italia e' un'azienda in fallimento, esattamente come la Parmalat e come l'Alitalia. Solo che il CdA non lo dice ai soci... prima devono vendere le "azioni" che hanno nel loro portafoglio e far man bassa di tutto cio' che e' rimasto nella cassa, mentre il popolino si abbuffa di "panem" (poco e ad alto prezzo) et "circenses" (qualche scudetto qua e la', condito da veline ed esibizioni di clown con sorrisi dipinti sulla faccia.

I campi nomadi della Campania, sono stati degli eventi a se, capitati in quel frangente per una situazione diventata insostenibile, non ho visto cose simili al nord Italia, quel Nord della Lega per intenderci.

Veramente le scene degli sgomberi dei campi nomadi di Napoli, Roma e Milano (alla presenza dei sindaci e gli amministratori che dirigevano le ruspe) sono state trasmesse via satellite e tutti gli europei hanno potuto vederle. Non per nulla e' gia' stata richiesta una convocazione del parlamento europeo per discutere del "problema Italia" e per evitare (testuali parole) che cio' che sta accadendo in Italia non avvenga anche in altri paesi della Comunita' Europea.
Come sempre gli italici si distinguono, oltre che per il loro buon gusto nella moda, anche per quella particolare attitudine a voler essere considerati unici e speciali...

Quando scrivi certi post, sembri la giornalista che deve vendere il pezzo, la realtà è che a Napoli la camorra ha approfittato per dimostrare qualcosa, e ora i Ns “dirigenti” devono far vedere che la fiducia accordatagli è stata riposta bene

Quindi il tutto e' solo "UNA RISPOSTA ALLA CAMORRA"... :-)

Sai cosa credo? Credo che con la campagna elettorale avevano promesso tante cose, come ad esempio la soluzione del problema rifiuti e adesso, non potendo mantenere un bel niente di tutte le cose UTILI PROMESSE, buttano tutta l'attenzione della gente su un problema che non e' un problema, sperando che gli allocchi ci caschino e che si dimentichino presto delle promesse elettorali non mantenute.
PS: non sono una giornalista, pero' ravviso un certo modo di comportarsi di chi, simpatizzante a destra, crede che tutti quelli che contraddicono le sue opinioni siano comunisti, giornalisti comunisti, magistrati comunisti, eccetera.
Come se al mondo esistessero solo due FAZIONI... mah...
Manca cultura, questa e' la verita', e temo che fra poco chi ne e' sprovvisto e si sente inferiore nei confronti di chi ce l'ha, cerchera' di riequilibrare il tutto con la forza della sopraffazione. Come sempre avviene ed e' avvenuto nella Storia.
A quando i roghi dei libri comunisti?
Al prossimo pacchetto sicurezza? Si dira' che "minano le teste degli infanti"?
Finalmente ci sara' un utile uso per quei luoghi beceri e vocianti che sono gli stadi... Pinochet docet.

tu madre che trovi una in casa con tua figlia nelle braccia di una zingara cosa faresti? Se poi è una Rom? avresti un pregiudizio o no?

Farei esattamente cio' che farei se lo trovassi in braccio ad una veneta... Cioe' farei emettere un pacchetto sicurezza contro i veneti rapitori di bimbi.

era già previsto il pacchetto sicurezza e non solo per i Rom, ma per qualsiasi straniero che violi la legge

Invece gli italici, come si sa, possono usare gli escamotage. :-)
Oppure per loro i pacchetti sicurezza sono inutile perche' di reati non ne commettono?
Ah gia', scusa dimenticavo: per loro "vanno in prescrizione".
La legge per PUNIRE CHI COMMETTE REATI c'e' gia' ed e' la stessa che vale per italici e stranieri.
A che pro farne una ad hoc per gli stranieri?
Te lo dico io perche': per inculcare nella gente la convinzione che gli stranieri sono quelli che piu' delinquono, per lanciare un messaggio FALSO E XENOFOBO, per gettare le basi di un regime nel quale non intravedo nulla di tranquillizzante.
Ma quando gli italici se ne accorgeranno sara' troppo tardi. E' il destino di un popolo di "furbi" che non sono furbi ma che credono di essere furbi... pero' governato da veri furbi.

nessuno dice che i Rom di professione rapiscono bambini, ma è successo.....

Quando?
Vuoi forse REVISIONARE la realta'?
Vuoi dirmi che la percentuale di RAPIMENTI da parte dei rom e' SUPERIORE a quella da parte degli svizzeri?

Nel civile nord nessuno avrebbe fatto quello che è successo a Napoli o non sei daccordo?

Intendi dire con questo che al sud sono incivili?

Parlare di ghettizzazione, come fai capire nelle tue parole, è aizzare le folle, significa alzare il tiro, e poi, si finisce per degenerare.

Bella questa tesi per la quale sarei IO ad aizzare le folle :-)))
L'hai letta sul Mein Kampf?

Chiara di Notte - Klára ha detto...

http://www.corriere.it/esteri/08_maggio_19/parlamento_europeo_italia_rom_99c43576-25ba-11dd-9a1d-00144f486ba6.shtml

Chiara di Notte - Klára ha detto...

Sempre meno vicina all'Europa, sempre piu' vicina all'Africa.

http://it.notizie.yahoo.com/ansa/20080519/video/vwl-ondata-xenofoba-in-sudafrica-abcae5b.html

Alex ha detto...

Sono il primo a dire che l’Italia ha preso la via del declino e i dati lo confermano, sempre più in discesa.
La politica non è più di dx o sx, ma tra chi ruba e non ruba e normalmente gli onesti non vincono le elezioni(:
La Spagna, giusto per citare l’intervento del parlamento europeo, che ci critica, ha creato un muro di 10 km per impedire agli extra comunitari di passare e se vai a leggere, scoprirai, che hanno fatto molto di più di noi a livello xenofobia e poi criticano noi?
Il discorso stranieri, è inteso, solo perché chi non ha un documento può tranquillamente continuare a delinquere cambiano nome senza scontare la pena, di fatto vi è troppo immigrazione illegale e in qualche modo devono vivere, dopodichè chiunque compia un reato deve pagare, ma è sottointeso, però se ci vuoi giocare con le parole, fai pure. A volte mi sembra che fai finta di non capire o voler strapolare solo alcune frasi per affermare la tua ragione che poi nel contesto dcino altro....
Ed in ogni caso i rom non saranno rapitori ma la ragazzina aveva in mano il bambino e si deve capire cosa ci voleva fare.... Tu lo sai? Io no!!!e comunque fino a quando le cose non capitano personalmente non si può capire la sensazione che si prova.
Un sorriso

Chiara di Notte - Klára ha detto...

Ed in ogni caso i rom non saranno rapitori ma la ragazzina aveva in mano il bambino e si deve capire cosa ci voleva fare

Sicuramente il bollito...
Nell'altra mano le hanno trovato il vasetto della salsa verde.

Vattelappesca come e' stata confezionata la notizia e chi ha ciurlato nel manico proprio nel momento in cui c'era bisogno di un pretesto.

I metodi mi ricordano molto quelli dell'incendio del Parlamento Tedesco prima dell'ascesa al potere di Hitler, ma io (come hai detto) gioco con le parole. Comunque anche allora fu trovato un tizio con il fiammifero in mano.

Ed anche se fosse?... ammettiamo anche che quella rom avesse voluto rapire una bimba, ammettiamo anche che fosse tarata di cervello, che avesse desiderato essere mamma, che avesse deciso di risolvere in quel modo sbrigativo, che significa? Che i rom hanno bisogno di essere deportati nelle riserve?

Allora la signora Franzoni? Che facciamo? mettiamo nelle riserve anche i valdostani?

Suvvia, se sei un minimo intelligente non PUOI giustificare gli atti del governo con il fatto della ragazzina rom, altrimenti mi deludi.

Pero', ahime, temo che il tuo modo di pensare sia quello piu' diffuso e cio' mi fa capire cosa provassero gli intellettuali durante i regimi nazisti e stalinisti in cui era diffuso il sentimento che il partito e lo Stato agivano sempre per il benessere del popolo...

Ma non temere, fra un po' anche gli italici si renderanno conto come si viveva in Ungheria e nei paesi comunisti ai tempi di Stalin... anche se non avranno il comunismo. :-)

C'e' un tempo ed un modo per tutti. La natura e' fatta di cicli, come la storia, ed io sto vivendo, a distanza di anni, cio' che deve aver vissuto mia nonna in un altro contesto.

Alex ha detto...

Appunto esiste la possibilità che la bambina volesse un figlio e se le presa..... tutto qui niente condanne per i rom

ma questo lo avevo già detto e ti avevo anche dato ragione

illustre1966 ha detto...

Ma non eri a-politica?

Lascia stare chiara: parla di escort che te ne intendi di più...

I pensieri che esprimi in quest'ultimo post e sovrapponibile a quelli che adesso non sono più rappresentati nel Parlamento Italiano: han fatto troppi danni in poco tempo.

Lascia stare: fai la seducente ex escort e non ti infilare in discorsi pseudo social-politici dove trasudi un distillato del peggio del qualunquismo sinistrorso.

Sei molto più interessante (e meno banale) se parli di come "Irina" irride gli uomini/polli.

Ciao devonchka

Chiara di Notte - Klára ha detto...

tutto qui niente condanne per i rom ma questo lo avevo già detto e ti avevo anche dato ragione

Giusto!

E adesso entriamo nello specifico dei fatti.

A Strasburgo intanto si discute dell'Italia e di come non solo i socialisti, ma anche i liberaldemocratici (testuali parole), accusino che "in Italia si è raggiunto verso le comunità di immigrati «un livello di violenza inusuale», dovuto anche - secondo il leader dell'Eldr - alla natura della recente campagna elettorale che «ha portato avanti una cultura dell'impunità» per coloro che attaccano gli stranieri."

http://www.corriere.it/politica/08_maggio_20/europarlamento_dibattito_rom_italia_schulz_frattini_07327886-2659-11dd-8ccd-00144f02aabc.shtml

E qui si discute delle norme contenute nel cosiddetto pacchetto sicurezza:

http://www.antoniodipietro.com/2008/05/la_norma_ad_personam.html

Ma non bisogna credere a cio' che scrive Di pietro. e' sicuramente un fazioso, un invidioso delle ricchezze del Cavaliere, un astioso perche' il Cavaliere non lo ha voluto con lui nel suo governo... e' un arruffapopoli, aizza le folle, alza i toni dello scontro. Un po' come me. :-)

Dagli all'untore! Scriveva il Manzoni nel suo romanzo piu' famoso "I Promessi Sposi", ma quanta gente ha letto (sempre del Manzoni) anche "La Colonna Infame"?

Credo pochi di quelli che sanno tutto di tutto e scrivono ovunque volendo dire la loro... avendo studiato la Storia sulla Settimana Enigmistica.

Eppure "La Colonna Infame" e' forse il lavoro piu' significativo del Manzoni, poiche' la sua validita' e' eterna ed esprime concetti e situazioni ancor oggi attuali.

Si racconta di come il popolino ignorante possa essere manovrato, di come i testimoni possano essere "indotti" a riconoscere sospetti indicati dalla polizia, di come i "prescelti colpevoli" siano costretti a confessarte cio' che non hanno mai fatto.

A leggere vi assicuro che viene un senso di fastidio, eppure... eppure e' cio' che avviene ovunque quando un potere si appropria dei mezzi d'informazione e manipola le coscienze semplicemente sbattendo i mostri in prima pagina.

Diceva un noto statista italico: "a pensar male si fa peccato, ma quasi sempre ci si azzecca".

michail tal ha detto...

Una domanda per te Chiara

Sarei curioso sapere cosa ne pensi dei famosi articoli dell Fallaci apparsi sul Corriere successivamente all'11 Settembre.
In particolare questo (la rabbia e l'orgoglio):

http://www.corriere.it/Primo_Piano/Cronache/2006/09_Settembre/15/rabbia1.shtml

poi questo

http://www.corriere.it/Primo_Piano/Cronache/2002/11_Novembre/06/fallaci.shtml

e infine questo

http://www.corriere.it/Primo_Piano/Cronache/2006/09_Settembre/15/falultimopezzo.shtml

Devo dire la tua lettura me la evoca spesso, se non altro per il caratterino :-)

Senza contare che se non ho capito male fu proprio in quei giorni che tu decidesti di cambiare il corso della tua vita...giusto? Un punto sul quale non mi sembra tu sia poi tornata...o magari mi è sfuggito.

Alex ha detto...

schulz!!!
e chi è costui?
è come chiedere ad un milanista cosa pensa degli interisti oggi!!!
Di Pietro? forse se si parla di giustizia qualcosa la può anche dire visto che non sì piegò ai poteri quando fù il suo momento, anche se poi il suo comportamento non fù esemplare......
Invidia e gelosia la più brutta cosa, anche se qualcuno vi è imune, si quelle che nella vita non hanno combinato niente per non scrivere una parolaccia........

Chiara di Notte - Klára ha detto...

Lascia stare: fai la seducente ex escort e non ti infilare in discorsi pseudo social-politici dove trasudi un distillato del peggio del qualunquismo sinistrorso.

Ma io non ho mai negato di esere qualunquista :-)

Comunque ti ringrazio dei consigli. Dati da un ILLUSTRE luminare come te sono sicuramente preziosi :-)

Si, lo so. Di queste cose dovrebbero parlare solo gli uomini come te.. oppure le donne come la Brambilla :-))

Una donna come me, una ex puttana cosa vuoi che ne capisca?

Le donne come me devono (come dici?) usare la bocca solo per certe cose... mi trovi d'accordo... e scommetto che e' d'accordo anche tua moglie quando glielo spieghi.

Le donne stiano al loro posto (bambini, fornelli, cucinare e stirare) e facciano parlare solo chi se ne intende. Perche' gli uomini se ne intendono di rumeni... anzi, DI RUMENE.

:-)

Come va il tuo blog? Molto letto si? Hai riscontri di gente che partecipa con cognizione di causa?

Posso esprimere un parere?
Certo che si! Come sai, questa e' casa mia e qui NON SEI TU a dirmi cosa e come scrivere. Per cui se non ti va di leggere le mie INSULSE opinioni basta che clicchi oltre e sei tranquillo.

Allora il mio parere, caro illustre, derivato da molti mesi di "conoscenza virtuale" della tua persona, in base a cio' che scrivi e che hai scritto, e' quello che tu rappresenti benissimo il tipico maschio italico medio di questa generazione di quarantenni idioti che credono di essere intelligenti.

Quelli che Irina (se non fosse stato per i soldi) avrebbe affogato nella cacca che usciva dalle loro bocche.

Una generazione di spocchiosi cagacazzo, bimbi viziati dai genitori, ma che adesso "battono i piedini" perche' devono fare i conti con la vita... che non conoscono perche' quella che loro hanno in testa non e' la vita: e' un surrogato, un'immagine, una finzione. UN FILM!

Una generazione che crede di essere "matura", perche' anagraficamente dovrebbe esserlo, che s'illude di essere privilegiata, ma il cui piano d'esistenza sta scricchiolando da tempo (i cinesi e gli indiani vi fagociteranno nonostante i pacchetti sicurezza. E' matematico).

Una generazione che reprime la propria frustrazione e che incolpa il resto del mondo (i diversi, i negri, i musulmani, i comunisti, , i gay) della perdita di quella sicurezza alla quale i genitori, figli del dopoguerra e del boom economico regalato dagli americani, l'avevano abituata.
Una generazione che crede basti pagare o avere un bel vestito o una bella auto o un bell'orologio per attrarre l'altro sesso, ma che in realta' non sa accettare IL RIFIUTO DI UNA DONNA CHE LORO DESIDERANO senza entrare in crisi.

Tu che credi d'essere tanto migliore, che cazzo di vita hai vissuto? Non sopravviveresti un giorno in una determinata situazione in cui vivono milioni di esserei umani, e parli e scrivi solo perche' hai imparato ad emettere suoni dalla bocca.

Ma il cervello, caro illustre, va collegato, e nonostante tutta la boriosa millanteria che puoi manifestare, esiste gente che, nonostante una piu' giovane eta', ha vissuto mille volte piu' di te, ed in situazioni assai piu' precarie. Quelle in cui si forma il carattere e la tempra. Fisica e morale.

Quindi, d'ora in poi evita di CONSIGLIARMI cosa e come scrivere. Consiglia chi cazzo vuoi ma non me. Prima di consigliare me pulisciti la bocca, istruisciti di piu', cresci un altro po', e pensa prima di parlare...

Umanamente sei un nulla, e scommetto che ti piace leggere, e consideri un giornalista, quella testa di cazzo, prezzolato della peggior specie, faccia storta di Facci.

Addio.

illustre1966 ha detto...

Filippo Facci mi sta sul cazzo, ma vedo dalla rabbia che trasudi che ho colpito nel segno: se tu capissi un filo di politica e fossi realmente "acculturata" come speri di far credere, ti renderesti conto delle castronerie che stai scrivendo.

Sulla tempra ed il carattere manco ti rispondo perchè non ne vale la pena.

Sui rifiuti da parte di donne sorvolerei: non necessito di alcun status symbol per interessare chi mi interessa.

Sul giudizio "umano" che proclami dall'alto del tuo scranno virtuale, tu comprendi che rimane virtuale almeno quanto te: noi "viziati quarantenni" siamo attaccati ai giudizi reali di gente in carne ed ossa, quelli virtuali li lasciamo a chi piace soltanto giocare alla scrittrice/ex-escort/virtuale dietro ad un pc e nulla più....

Chiara di Notte - Klára ha detto...

ma vedo dalla rabbia che trasudi che ho colpito nel segno

Tipici discorsi del cazzo di chi non ha altri argomenti... quando non si sa cosa rispondere si indica solo l'irritazione dell'interlocutore.

Del resto ci sguazzi nei luoghi comuni.

Vuoi sapere se quelli come te mi fanno irritare?
Si', e sai perche'? Perche' detesto l'idiozia e la stupidita'. Lo puoi leggere anche nel mio profilo.

Ri-addio.

michail tal ha detto...

"I pensieri che esprimi in quest'ultimo post e sovrapponibile a quelli che adesso non sono più rappresentati nel Parlamento Italiano: han fatto troppi danni in poco tempo.
"

Guarda il danno principale è stato voler imitare la destra. Si ha sempre solo da perdere a voler annacquare o addirittura perdere la propria identità. Si è visto.

Secondo me è solo con le politiche di inclusione che si risolvono i problemi nel medio-lungo periodo, non con la demagogia, specie poi se arriva da quelle capre tipo Borghezio & Co . Welfare per chi se lo merita, esattamente come in nord europa, quello ci vorrebbe.

Incentivi all'integrazione, scuole multietniche, edilizia popolare ben congegnata e non avremo piu' campi nomadi, e nanche tanti altri problemi sociali.

Siamo alla frutta finanziariamente? Cominciassero a far pagare le tasse a chi evade, e poi vedi quanti soldi verrebbero fuori, pure il ponte sullo stretto faremmo...basta vedere quanto scalpore ha suscitato la pubblicazione dei redditi. Che schifo.

Detto per inciso:
A differenza dei paesi anglosassoni, ai quali ipocritamente e falsamente la destra dice di ispirarsi, qui non c'è uno che guadagni tanto che non si vergogni di dirlo (avete mai visto nelle interviste). Perchè? LA', se guadagni tanto il primo pensiero che sovviene è che te lo meriti, perchè sei bravo, QUA', è che hai inculato qualcuno, o sei raccomandato, o evadi...in piu' l'antico retaggio CATTOLICO di provare (IPOCRITAMENTE) vergogna per il denaro. Cosa che odio.

Viva la trasparenza invece, l'informazione è potere, soprattutto per chi non ne ha mai avuto.


Tanta enfasi contro gli immigrati.
L'economia capitalistica consta di due fattori:
Capitale e Lavoro.
Non ho mai capito perchè, in un mondo in cui il capitale è libero SENZA FRENO ALCUNO di circolare, (cosa che ha innescato crisi finanziarie di dimensioni bibliche negli ultimi 20 anni) il fattore lavoro non debba esserlo altrettanto.
Quando non ci sarà piu' convenienza alla mobilità perchè le remunerazioni relative si saranno abbassate ecco che questo cesserà di spostarsi.
E' l'ABC del liberismo. Solo che qualcuno, che certe leggi dell'economia non le conosce nemmeno, avvoca a se' un pensiero che distorce come piu' gli fa comodo.

Poi che si debba far rispettare le leggi è indubbio.
Solo che le generalizzazioni mi danno fastidio, che siano sugli zingari, o sui maschi, o su chi sta a sinistra...

Antonio ha detto...

si, è tutto vero. purtroppo è così siamo in mano ad una classe dirigente nata e vissuta nella bambagia, incapace di discernere da ciò che è bene e da ciò che è male.
i nostri vecchi nati durante e prima dell'ultima guerra e che hanno creato il miracolo economico italiano hanno voluto dare ai propri figli in maniera del tutto gratuita ciò che loro hanno guadagnato con il sangue e con il sudore.
è molto triste constatare ora quale sia il prezzo della libertà e del benessere gratuito ora siamo pronti per precipitare nel baratro, e precipiteremo sicuramente perchè non esiste soluzione politica, non è un problema di desta o sinistra, berlusconi o prodi piuttosto che di pietro o veltroni, è semplicemente un problema generazionale.
moriremo molti in fondo al burrone ma quelli che non moriranno e riusciranno con le loro mani a risalire saranno pronti a ricominciare consci del valore del benessere e della libertà

Chiara di Notte - Klára ha detto...

@ Michail Tal: Sono andata a rileggermi quei pezzi che avevo letto tanto tempo fa.
Allora, pur avendo un altro spirito, li condividevo in parte, mentre alcune cose erano per me inaccettabili. Forse perche' gia' dal principio, dietro a tutta la questione 11 settembre ho sempre visto mani molto piu' forti di quelle di un Osama Bin Laden o di un gruppo terroristico qualsiasi.

Questo suo criminalizzare l'intero mondo musulmano per un'azione che a quei tempi ritenevo isolata da parte di un gruppo terrorista, oppure quel suo odio feroce nei confronti di tutti gli arabi solo perche' aveva vissuto episodi particolari legati a fatti di sangue, era per me inaccettabile, ed ancor di piu' lo e' stato quando e' stato inventato il pretesto per attaccare l'Iraq.

Ma il fatto che Bush, Cheney e la CIA mentissero sulle armi di distruzione di massa inesistenti questo lei non poteva saperlo.

Infatti fino al momento in cui non fu chiaro il complotto contro l'Iraq anche io dicevo piu' o meno le stesse cose che diceva lei sulle liberta' in America e sulla democrazia.

Ma dal 2001 ad oggi la democrazia e' cambiata, ed ai miei occhi non lo e' piu' tanto... e forse non lo sarebbe stata piu' neanche per la Fallaci.

Oggi, a distanza di anni, ancora noto (con piccoli spostamenti di opinione) che le divergenze continuano ad esistere come continuano ad esistere i forti punti di contatto con lei.

Devi tener conto che la mia educazione di base, la mia cultura ed il mio pensiero si sono formati, mio malgrado, in un sistema totalitario, anche se in forma annacquata. Sistema che per il mio carattere spigoloso ho comunque criticato ed osteggiato aspramente proprio perche', come diceva il padre della Fallaci, "invece di riscattare la plebe il comunismo trasformava tutti in plebe. Rendeva tutti morti di fame."

Pero' il padre della fallaci non lo aveva "vissuto" come invece l'ha vissuto la mia famiglia e non poteva sapere delle numerose contraddizioni implicite in quel sistema che poi, non a caso, oggi e' rimpianto da molti anziani.

In effetti credo che il liberismo e la democrazia sia il sistema che piu' si adatta ai giovani, agli spiriti liberi che hanno dentro il seme della contestazione ad ogni costo, che vogliono emergere, divenire individui, far vedere cosa valgono. Sono certa che anche quei giovani che fanno parte dei numerosi movimenti che s'ispirano all'estrema sinistra (i cosiddetti comunisti italiani di oggi) in realta' poco si rendano conto di cosa sia il vero comunismo e di come invece siano fortunati a potersi esprimere in un sistema democratico e liberista.

Il totalitarismo invece e' un sistema per vecchi, per quando l'appiattimento e' cio' che alla gente resta come baluardo per non sentirsi esclusa, messa fuori gioco. Che serve ai vecchi, che sono deboli per antonomasia, per sentirsi protetti, integrati, liberi di morire senza problemi, avendo a disposizione uno stato che si occupa di loro come una badante.

Questa e' l'analisi sommaria che posso dare in un commento fatto a caldo in un blog, scritto extemporaneo e senza rilettura. Spero mi perdonerai se ho detto delle assurdita'.

Per quanto riguarda invece il mio ritiro (avvenuto proprio in quei giorni) non capisco che importanza rivesta in questo ambito, dato che si tratta di una decisione personale che non ha certo a che fare con i pensieri e le opinioni della Fallaci.

Se vuoi sapere se e' legato al fatto dell'11 settembre, beh... sarebbe una coincidenza molto forte se non lo fosse.

Ma cosa e', oggi, che non sia legata ai fatti dell'11 settembre? Esiste qualcosa che non lo sia?

duval ha detto...

Chiara ma non avevi detto che bisognerebbe ragionare con la propria testa, e non con quella dei giornalisti cazzoni?

Avevo inteso “dei giornalisti (che sono tutti) cazzoni”; mi sorge un dubbio: intendevi "i giornalisti cazzoni come Facci al contrario dei giornalisti illuminati come Travaglio"?


non sono una giornalista, pero' ravviso un certo modo di comportarsi di chi, simpatizzante a destra (sinistra), crede che tutti quelli che contraddicono le sue opinioni siano comunisti (fascisti), giornalisti comunisti (fascisti), magistrati comunisti (fascisti), eccetera.
Come se al mondo esistessero solo due FAZIONI... mah...”


Ognuno si fida di chi vuole ma così usi un metodo dialettico simile ai tifosi di calcio.

Ma non bisogna credere a cio' che scrive Di pietro. e' sicuramente un fazioso, un invidioso delle ricchezze del Cavaliere, un astioso perche' il Cavaliere non lo ha voluto con lui nel suo governo... e' un arruffapopoli, aizza le folle, alza i toni dello scontro. Un po' come me. :-)

Manca cultura, questa e' la verita', e temo che fra poco chi ne e' sprovvisto e si sente inferiore nei confronti di chi ce l'ha, cerchera' di riequilibrare il tutto con la forza della sopraffazione. Come sempre avviene ed e' avvenuto nella Storia.


Di Pietro … cultura … un laureato analfabeta. … se hai tempo vai a fargli qualche lezione di italiano, anche la forma vuole la sua parte.

Eppure "La Colonna Infame" e' forse il lavoro piu' significativo del Manzoni, poiche' la sua validita' e' eterna ed esprime concetti e situazioni ancor oggi attuali.

Poiché considero il Manzoni una vera calamità artistica ed intellettuale ti proporrei in sua vece Alexis de Tocqueville, "La democrazia in America":

"Nella vita di ogni popolo democratico c'è un passaggio assai pericoloso, quando il gusto per il benessere materiale si sviluppa più rapidamente dell'abitudine alla libertà. Arriva un momento in cui gli uomini non riescono più a cogliere lo stretto legame che unisce il benessere di ciascuno alla prosperità di tutti. Una nazione che chieda al suo governo il solo mantenimento dell'ordine è già schiava in fondo al cuore e da un momento all'altro può presentarsi l'uomo destinato ad asservirla. Non è raro vedere pochi uomini che parlano in nome di una folla assente o distratta e che agiscono in mezzo all'universale immobilità cambiando le leggi e tiranneggiando a loro piacimento sui costumi. Non si può fare a meno di rimanere stupefatti di vedere in quali mani indegne possa cadere anche un grande popolo".

… pero' ha otto figli da sfamare …

Certo, poveracci, non hanno altro divertimento …
Certo, poveracci, non hanno le necessarie conoscenze scientifiche per uscire prima di sborrare …
Certo, poveracci, non hanno la necessaria cultura/sensibilità per capire che se non hai da sfamare un figlio, peggio sarà con otto …
Certo, poveracci, la tradizione impedisce loro di risparmiare i soldini delle sigarette per qualche preservativo …

Ma in fondo i figli saranno aiutati dalla Provvidenza e così impartiscono una lezione morale a noi capitalisti che, per egoismo, facciamo un figlio solo.

Ma a noi (ex) capitalisti quegli otto figli fanno paura (rom, mussulmani, albanesi, …), è questione di sopravvivenza fisica e culturale.

In Sudafrica i neri autoctoni stanno sparando ai neri immigrati per via della pagnotta.

UNA SOLA VERITA’ PLANETARIA:

Homo homini lupus
Mors tua, vita mea

P.S.
Ma non temere, fra un po' anche gli italici si renderanno conto come si viveva in Ungheria e nei paesi comunisti ai tempi di Stalin... anche se non avranno il comunismo. :-)

Verrà AIDS e si prenderà froci, puttane e puttanieri;
verrà MUCCA PAZZA e si prenderà tanti;
verrà AVIARIA e si prenderà tanti altri;
verrà SICCITA’ e brucerà il globo;
verrà DISGELO e lo inonderà;
verrà la Morte ed avrà gli occhi di ghiaccio di Chiara.

Facciamo un gioco: oggi è il 20 maggio 2008; troviamoci qui ogni 20 maggio i prossimi anni e vediamo come sarà la situazione in Italia.
Io credo che me la cavo, insieme agli italici :))

Chiara di Notte - Klára ha detto...

@ Antonio: Meno male che c'e' chi, almeno su questo punto, concorda con me.

Chiara di Notte - Klára ha detto...

@ Duval: che agglomerato di luoghi comuni misti a ideologia, perdonami.

Non c'e' che dire. Devo darti ragione: Internet crea "una cifra" di bluff e di millantaminchia.

Guarda le faccine: :-( :-( :-(

"i giornalisti cazzoni come Facci al contrario dei giornalisti illuminati come Travaglio"?

Sai cosa, Duval? Due personaggi, oggi, che non hanno capito una beata fava di me nonostante scriva tonnellate di di stronzate sono troppi, e mi fanno venire voglia di chiudere il blog.

Forse non ti sono chiare (come non sono chiare all'illustrissimo gasato), alcune cose. Vediamo se facendo un elenco (stile tavole delle leggi degli ebrei), riesco ad inculcartele una volta per tutte:

1) io non sono comunista, non sono fascista, sono atea e me ne sbatto di tutto cio' che nel mondo significa DOTTRINA. Fosse anche solo quella di tifare i colori di una squadra.
2) non voto Di Pietro, non voto Veltroni, ne' Berlusconi, ne' Bossi, ne' Casini, ne' Bertinotti, ne' altri. La politica italica mi fa orrore (vedi punto uno). Ed orrore mi fanno anche tutti i vari giornalisti, opinionisti e cazzoni che in genere dalle loro opinioni ricavano un introito.
3) sono contraria alle guerre se non quelle PALESEMENTE di difesa da un'aggressione (significa che un esercito deve entrarmi in casa prima di vedermi reagire), Cerco di essere tollerante nei confronti di tutto, persino degli idioti, il che e' tutto dire!
4) le mie opinioni sono mie, solo mie, elaborate in base alla mia vita ed alle mie esperienze. Me ne frego se non sono condivise e se la gente crede che io sia assurda, posso dire che la sensazione e' reciproca.
5) se a volte assumo come mie certe opinioni di altri e' perche puo' accadere una correlazione fra cio' che penso io e cio' che pensano anche altri. Non ho preferenze di partito, razza o religione. Mi intrigano le cose coerenti ed intelligenti, mentre rifuggo l'imbecillita' ed il luogocomunismo (ho forgiato un neologismo?), pero' difficilmente trovo correlazione fra le mie idee e quelle di Bondi.
6) per me Travaglio e' un borioso, mentre Facci e' un idiota. Non so a chi dei due toglierei prima dalle mani mio figlio, se ne avessi uno.
7) considero la Fallaci una grande donna, grande testa, grande coerenza, grande umanita', come del resto doveva essere quel giornalista storico che era Montanelli.
8) Manzoni per me e' un grande scrittore ITALIANO. Conosco tutte le sue poesie a memoria ed ho letto piu' volte i suoi romanzi piu' famosi. Non e' comunque IL MIGLIORE esistente nel panorama letterario. Questione di gusti.
9) considero gli italici (si "italici" e' il termine giusto che si differisce dagli "italiani") un popolo con un alta percentuale di cittadini che hanno i seguenti difetti: ignoranza crassa, boria, prosopopea, millanteria, pigrizia ed immaturita'.
Il loro peggior difetto e' comunque quello di negare l'evidenza.
10) ho un evidente conflitto d'interessi quando si parla di puttane e di zingare.

Chiara di Notte - Klára ha detto...

Contrordine!

http://www.corriere.it/politica/08_maggio_20/ghedini_mills_f9240fd2-2650-11dd-8ccd-00144f02aabc.shtml

Pero' penso e mi chiedo...

E se nessuno avesse denunciato quella stortura?

davide ha detto...

Gentile Chiara,

""Una certa qual meraviglia la desta invece la riesumazione da parte della SVP, per le elezioni regionali dell'ottobre 2008, del signor Roland Atz, il noto personaggio che dava delle “Ziege” (capre) ai suoi colleghi di partito se di genere femminile, per non parlare delle sue esternazioni sugli zingari (che andrebbero tutti gasati)...""

Ti ho riportato sopra un pezzo di un articolo di un giornale locale del Trentino Alto Adige, perchè alcuni anni fa Roland Atz, Vicepresidente della Regione, in un comizio fece delle dure dichiarazioni contro gli zingari. Naturalmente il giorno dopo disse di essere di stato travisato dai giornali che avevano distorto il suo "pensiero".

Le sue dichiarazioni non mi stupirono perchè l'uomo non aveva mai fatto mistero di avere determinate simpatie politiche di estrema destra.

La cosa che mi stupì è che il giorno dopo (i giornali avevano riportato in prima pagina con caratteri cubitali le sue affermazioni contro gli zingari)
in giro per i bar ho sentito della gente che elogiava le dichiarazioni di Atz sugli zingari: "ha ragione Atz gli zingari non lavorano e rubano è ora di farla finita .."
... "finalmente un politico che ha il coraggio di dire la verità su quei ladri di zingari ..." ecc."

Non ricordo nessuno fra chi ascoltava queste invettive contro gli zingari che abbia reagito dando dei razzisti a chi le pronunciava.

Quello che mi chiedo è come sia stato possibile arrivare a questo punto e di chi siano le responsabilità.

Non vorrei che adesso si dicesse che le responsabilità sono tutte di una parte politica ma che si cominciasse a ragionare sui fatti senza pregiudizi o demogagia da parte di tutti.

Faccio presente che non mi risulta che Berlusconi abbia mai detto una parola contro gli zingari. Credo che tutti, in questa situazione, dobbiamo avere, come dicevi ieri, tanto buon senso.


Tanti saluti dal tuo Davide

Chiara di Notte - Klára ha detto...

Credo che tutti, in questa situazione, dobbiamo avere, come dicevi ieri, tanto buon senso.

Se gli italici che mi leggono, e che criticano le mie "profezie" (che non sono certo basate sull'esame dei tarocchi quanto da un'analisi di chi riesce a percepire l'odore di situazioni gia' viste, anche attraverso lo studio di testi storici), non fossero pigri e andassero a leggersi un po' indietro cio' che scrivevo, capirebbero perche' in certi momenti mi sono sentita un po' "Cassandra".

I piu' responsabili dovrebbero prendere nota di quanto sta avvenendo, perche' un giorno potrebbero chiedersi cosa li avra' posti nella situazione in cui si troveranno.

Non esiste fuoco che si sparge con piu' furore e velocita' dell'odio razziale. Popoli che fino a ieri erano pacifici e tolleranti, messi di fronte a gravi difficolta' economiche e sociali sono pronti ad accettare CHIUNQUE come capro espiatorio.

Salvo poi, dopo la immane tragedia, pentirsi per decenni.

Ed i tedeschi ne sono l'esempio eclatante. Non a caso sono i piu' strenui oppositori dell'attuale politica italiana riguardo a come viene gestito il conflitto sociale.

Dovremmo tutti prendere esempio dalle grandi democrazie del Nord Europa: Svezia, Norvegia, Finlandia, Danimarca, Islanda invece di imitare la xenofobia di chi ancora non riesce a digerire la diversita' e crede di appartenere ad una razza eletta.

Il personaggio di cui tu parli credo sia assai conosciuto persino negli ambienti dell'estrema destra ungherese, fra cui la magyar gárda e' famosa esponente.

davide ha detto...

Gentile Chiara,

""Il personaggio di cui tu parli credo sia assai conosciuto persino negli ambienti dell'estrema destra ungherese, fra cui la magyar gárda e' famosa esponente.""

Questo non lo so, anche se so che una volta aveva l'abitudine di recarsi spesso in Ungheria a spese di "Pantalone". Poi è stato coinvolto in alcuni scandali e messo da parte dal suo partito. Adesso il suo partito lo richiama perchè teme di perdere voti a destra a causa della forte crescita di partitini di estrema destra tedeschi verificatasi recentemente in Alto Adige.

Comunque io non credo che gli italiani perderanno la testa e spero che fra un po' si ritornerà a ragionare. Certamente la crisi economica può generare delle isterie pericolose, ma penso che le persone di buon senso (che ci sono anche se si sentono poco)prevalgano su chi istiga all'odio.

Tanti saluti dal tuo Davide

duval ha detto...

Boh! Ti vien voglia di chiudere il blog solo perchè due coglionazzi non ti capiscono? E uno di loro scrive un agglomerato di luoghi comuni misti a ideologia?

Allora ti dico cosa pensa il coglionazzo Duval:

sono intervenuto per la prima volta (ed ahimè con ben due post) in discussioni di carattere social-politico-culturali perchè ... lasciamo perdere, forse proprio perchè sono un coglionazzo.

Ma, a cose fatte, rotto per rotto, un sassolino devo togliermelo.

Non mi rivolgo ai tuoi ospiti perchè questo è un blog e non un forum e non vorrei mai innescare una deriva forumistica.

Ma a te posso dire ciò che penso e tu fanne l'uso che riterrai opportuno.

le mie opinioni sono mie, solo mie, elaborate in base alla mia vita ed alle mie esperienze

Immaginando che tu sia in buona fede non capisco come tu possa fare questa incredibile affermazione (sempre in riferimento al contesto social-politico-culturale).

Scrivi bene ma, in questo contesto (ripeto: in questo contesto, e ciò vale per quanto segue) esprimi contenuti assolutamente modesti, e sempre mutuati da informazioni assorbite e non filtrate autonomamente.

Al contrario da quanto tu affermi (ed i più credono), mai elabori un tuo pensiero originale, mai applichi il metodo Sosigene; non ci sarebbe nulla di male, sei una come tanti, il problema è che ti "vedi bene" sulla preda arringadora; ma se la dialettica è da bar dello sport la preda arringadora è sprecata.

Chiara di Notte - Klára ha detto...

duval said... blablabla blablabla blablabla...blablabla blablabla

Non ho mai preteso molto. Sono una persona umile, sia caratterialmente che intellettualmente. Tutto il decalogo che ho scritto sopra... e' una cazzata. Non tenerne di conto ok?
In realta', come dici tu, non ho idee mie, poche esperienze, e mi affido a trucchi scenici per apparire interessante in assenza di vera sostanza.

Naturalmente m'inchino di fronte alla sagace analisi che haui fatto, evitando di controbattere :-)

Pero', scusa la domanda idiota: se io sono cosi' "semplice" e "poco originale", perche' cavolo perdi il tuo tempo per leggere le mie banalita' e, addirittura, per rispondere?

Antonio ha detto...

c'e' qualche cosa che io non capisco e che vorrei chiarire.
perchè perdi tempo con gente che tu consideri così ?
"considero gli italici (si "italici" e' il termine giusto che si differisce dagli "italiani") un popolo con un alta percentuale di cittadini che hanno i seguenti difetti: ignoranza crassa, boria, prosopopea, millanteria, pigrizia ed immaturita'.
Il loro peggior difetto e' comunque quello di negare l'evidenza"
Perchè tu, non Italiana, hai deciso di rivolgere i tuoi pensieri, di far leggere il tuo diario a gente che tu consideri così meschina ?
Perchè non hai fatto questo blog in Ungherese ?
sono riuscito a spiegarmi Chiara ?

michail tal ha detto...

"Questa e' l'analisi sommaria che posso dare in un commento fatto a caldo in un blog, scritto extemporaneo e senza rilettura. Spero mi perdonerai se ho detto delle assurdita'"

No figurati, anzi grazie.


Non è un caso che ti abbia chiesto di lei, leggerti me l'ha ricordata piu' volte.

Da ragazzino mi ero letto "Intervista con la storia" e mi era piaciuto. Lei mi piaceva.. mi piacciono le tipe cazzute e lei lo era, decisamente.
Poi, facevo l'università, uscirono quegli articoli...ne rimasi alquanto sdegnato. Proprio perchè mi piaceva rimasi scioccato.

La trovai di un fazioso/unilaterale/sprezzante in qualificabile.

Come tanti mi sentivo vicino a certe sue tesi, ma i corollari che ne treva li trovai piuttosto discutibili.
Non c'è niente di peggio di una retorica che surrettiziamente mescola argomenti facilmente condivisibili a una chiara dottrina di odio.

Non apprezzai tutto il veleno indirizzato verso gli immigrati "in generale", non solo gli arabi, e verso tante categorie di persone che hanno passato la vita a difendere i piuì deboli.

E' facile prendere "per lo stomaco" certi lettori, non chiedono altro. Piu' difficile fare analisi tipo questa(http://www.scudit.net/mdguerraeco.htm)

Mi piacciono le persone spregiudicate, ma non è che con la scusa di essere politicamente scorretti si puo' sparare a zero su tutto.

Vabbè, comunque ora devo ammettere che ora, passati da poco i 30, rivedo tutto in luce un po' diversa, ma certe sue esternazioni continuo a non apprezzarle.
Fa parte del personaggio comunque.



"Per quanto riguarda invece il mio ritiro (avvenuto proprio in quei giorni) non capisco che importanza rivesta in questo ambito, dato che si tratta di una decisione personale che non ha certo a che fare con i pensieri e le opinioni della Fallaci.

Se vuoi sapere se e' legato al fatto dell'11 settembre, beh... sarebbe una coincidenza molto forte se non lo fosse"


Si in effetti non centrava, sry, solo mi stupiva che non ci fossi piu' tornata sopra, mi sembrava un punto interessante.


buona giornata

Chiara di Notte - Klára ha detto...

Perchè tu, non Italiana, hai deciso di rivolgere i tuoi pensieri, di far leggere il tuo diario a gente che tu consideri così meschina ?
Perchè non hai fatto questo blog in Ungherese ?
sono riuscito a spiegarmi Chiara ?


Certo. Sei riuscito. Adesso vediamo se riesco a spiegarmi io.

Da qualche parte ho letto il termine "italiota". Non l'ho inventato io. Sicuramente lo ha fatto qualcuno che e' italiano e viene utilizzato (mi pare) per identificare una certa categoria di italiani. Seconto l'inventore del termine, molto probabilmente voleva unire i termini italiano+idiota.

Sono termini che, a volte, possono essere usati. Non tutti gli italiani sono italioti, cosi' come non tutti gli italiani sono italici.

Se tu ravvisi nel termine "italico" un qualcosa di offensivo sappi che, personalmente ho sempre trovato i termini con desinenza in "ano" un po' buffi perche' mi fanno pensare all'unione (anch'essi) di due parole :-)

Comunque quando parlo d'italici mi riferisco (forse hai ragione), in modo un po' antipatico, nei confronti di quegli italiani che possiedono (a mio avviso) determinate caratteristiche.

Forse a te (come a molti) potra' non piacere, ma come ben sai io di cio' che gradisce la gente che mi legge me ne frego anzicheno'.

Per quanto riguarda la tua domanda "perche', se (secondo te) disprezzo gli italici ho scelto di rivolgermi a loro con questo blog", ebbene forse la risposta e' che non considero TUTTI i lettori del blog degli "italici". ci sono anche (tanti) italiani. Se tu ti consideri italico me ne dispiaccio (sinceramente), pero' e' un problema tuo, non mio.

Inoltre ho scelto di scrivere in italiano perche' mi infastidisce vedere una tal bella lingua deturpata dall'idioma degli italici. forse c'e' anche un po' di vanita' nel mettermi alla prova in un campo che i miei lettori dovrebbero conoscere assai meglio di me... insomma tutta una serie di cose.

Pero' la tua domanda era legittima.

Adesso permettimi una domanda a te: perche' se cio' che scrivo t'infastidisce tanto, perdi il tuo tempo a leggermi ed a rispondere?

Se la risposta e' (come quella che in passato molti mi hanno dato) "perche' mi diverto a criticarti sapendo che forse riesco a farti incazzare" allora sappi che il giochino e' reciproco.

Se invece la risposta e': "perche' m'interessa cio' che scrivi", allora sappi che se non usassi i miei termini ed il mio atteggiamento forse non t'interesserebbe piu'.

A meno che non ci sia, in coloro che continuamente intervengono per criticare, a volte per cio' che scrivo, a volte per COME lo scrivo, una specie di "ossessione salvifica" nei confronti di un'emerita sconosciuta incontrata sul web. Una paranoia terapeutica atta a "migliorarmi".

Anche in questo caso il problema sarebbe loro e non mio. :-)

Buona giornata.

Chiara di Notte - Klára ha detto...

@ Michail Tal: Si in effetti non centrava, sry, solo mi stupiva che non ci fossi piu' tornata sopra, mi sembrava un punto interessante.

Se oltre a dire che sembrava interessante mi spieghi anche perche', forse potrei anche essere tentata.

Antonio ha detto...

no chiara, ciò che scrivi non mi infastidisce ne mi offende, nella vita ci sono altre cose per cui valga la pena infastidirsi ed offendersi.
Io non so se sono un Italiano, un Italico o un Italiota.. :-)), ritengo che il nosto valore dipenda comunque dal giudizio degli altri. Magari Italico per te ma forse Italiano per molti altri. (per mia moglie un Italiota..? :-)))
Io, cara chiara, leggo il tuo blog e intervengo perchè ritengo che, a volte, tratti argomenti interessanti ai quali forse anche io posso dare un minimo contributo.
Giudico i tuoi post non per i termini che usi ma per i concetti che esprimi.
Ecco..tutto qui, a volte mi vengono dei dubbi, delle domande, e ti ringrazio di avermi risposto.
ora sono io che spero di averti risposto in maniera adeguata !
Ciao

michail tal ha detto...

"Se oltre a dire che sembrava interessante mi spieghi anche perche', forse potrei anche essere tentata"

Certo!

Non ti nascondo che mi aspettavo un bel seguito da parte tua, o molte domande da parte dei lettori per quello che mi sembrava uno degli spunti piu' interessanti delle ultime settimane, invece nulla. Poco male.

Interessante perchè i nodi decisionali sono da sempre al centro della mia attenzione.

Per curiosità personale, da sempre, mi sono interessato ai processi cognitivi che conducono una persona a fare una scelta piuttosto di un'altra.
Capire come la razionalità si intersechi con l'emotivita' ha implicazioni molto feconde.
(esistono bellissimi libri in merito)

QUANDO ci rendiamo conto di trovarci di fronte ad una scelta rilevante, e COME la affrontiamo?

Perfino la finanza e gli scacchi, apparentemente scevre di influenze irrazionali e dunque sempre apparentemente riconducibili ad una metodologia modellizzabile, e dunque prevedibile, non sono in realtà esenti da elementi di alea dovuti ovviamente all'irrazionale umano.

Forse deriva anche da una sorta di deformazione professionale, in quanto per lavoro mi trovo a prendere continuamente decisioni in condizioni di incertezza (anche se la cosa in senso lato, vale un po' per tutti)

In quella tua scelta l'elemento emotivo direi che ha giocato un ruolo dentro di te, o sbaglio?
Non è stato solo il salvadanaio straboccante a farti scegliere di cambiare vita, è stato cruciale uno shock emotivo.
O forse quel fatto ha innescato in te ulteriori calcoli utilitaristici?

Mi sembrava un interessante crocevia di sesso politica emozioni e progetti di vita futura...

Chiara di Notte - Klára ha detto...

Ecco qui un ulteriore notizia che ci indica qualcosa... almeno a me la indica:

MILANO - Due ragazzini rom di 11 e 14 anni (secondo l'esame osseo), sono stati bloccati dai carabinieri dopo aver borseggiato un uomo di 84 anni in via Foppa vicino al Parco Solari a Milano. L'episodio si è verificato giovedì mattina verso le 10.30. Ma la grande sorpresa è venuta dal computer: in complesso i ragazzini erano stati già fermati e controllati ben 124 volte per furti e borseggi. Consegnati all'istituto dei Martinitt sono subito fuggiti.

CONTROLLI - Vasile, il più grande, e Kostantin, il più piccolo (questi i nomi di fantasia dati dei militari ai due minorenni) proprio in coppia erano stati già fermati nel capoluogo lombardo il 18 maggio scorso, quindi quando giovedì un passante si è accorto di quello che stavano facendo e ha chiamato il 113. I carabinieri li hanno presi dopo una breve fuga, in via California: i due si erano disfatti del bottino, un portafoglio, e tentavano di nascondersi fra le auto. I militari, vista l'età incerta, non hanno potuto fare altro che consegnarli ai Martinitt in via Pitteri da dove sono fuggiti quasi subito. Kostantin, dagli elaborati, risulta aver rubato almeno 32 volte, a partire dal 2005, in particolare a Milano, Roma e Venezia: ai militari ha raccontato di vivere nel campo nomadi in via Barzaghi e che i genitori sono attualmente in Romania. Vasile, ha invece asserito che madre e padre si trovano in Spagna e di dormire anche lui nello stesso posto dell'amico: a suo carico ci sono 92 controlli fra Milano, Genova, Pavia, Piacenza, Livorno e Roma.


Non so, ma leggere certe notizie mi crea delle domande alle quali non so dar risposta...

Chiara di Notte - Klára ha detto...

Non ti nascondo che mi aspettavo un bel seguito da parte tua, o molte domande da parte dei lettori per quello che mi sembrava uno degli spunti piu' interessanti delle ultime settimane, invece nulla

Caro Michail, vedo che non conosci abbastanza gli appartenenti al tuo stesso genere.

Cio' che a molti uomini interessa e' sapere se Irina lo succhiava e come lo succhiava, se le piaceva succhiarlo, eccetera... il resto e' superfluo.

Perche' poi interessi cosi' tanto, dato che e' una curiosita' pleonastica, non lo capisco, ma anche quando facevo la escort erano molti quelli che mi chiedevano di raccontar loro le "avventure" che avevo con gli altri. E si eccitavano di piu'.

A pochi interessava CHI ERO (e vorrei anche vedere, mica erano li' per scrivere la mia biografia), ma assai di piu' interessava cio' che FACEVO.

A volte intravedo in alcuni miei lettori quegli aspetti tipici di molti miei ex-clienti. Purtroppo, pero' non avendo un contraccambio economico rilevante, mi piace predermi la soddisfazione, stavolta, di condurre almeno il gioco.

Sei forse l'unico (fra coloro che non mi conoscono) che ha letto il riferimento fra le mie decisioni e l'11 settembre. Cio' denota che hai capacita' analitica e sai distinguere i pezzi sulla scacchiera che sono determinanti nella partita. Molti altri, non sapendo giocare, mettono tutta la loro attenzione su un unico pezzo, magari quello che secondo loro e' il piu' forte, dimenticandosi della strategia generale.

Sto gia' pensando a come scrivere il racconto per rispondere alla tua domanda.

davide ha detto...

Gentile Chiara,

""Sei forse l'unico (fra coloro che non mi conoscono) che ha letto il riferimento fra le mie decisioni e l'11 settembre. Cio' denota che hai capacita' analitica e sai distinguere i pezzi sulla scacchiera che sono determinanti nella partita. Molti altri, non sapendo giocare, mettono tutta la loro attenzione su un unico pezzo, magari quello che secondo loro e' il piu' forte, dimenticandosi della strategia generale.
Sto gia' pensando a come scrivere il racconto per rispondere alla tua domanda.""

Non per vantarmi (nè millantare) ma il riferimento all'11 settembre e la tua decisione di cambiare lavoro l'avevo notato. Però ho pensato che si trattasse di una coeincidenza, perchè non capisco che relazione possa esserci fra due cose così distanti. E' come se io cambiassi lavoro perchè in Cina c'è stato il terremoto.

Tanti saluti dal tuo Davide

Chiara di Notte - Klára ha detto...

E' come se io cambiassi lavoro perchè in Cina c'è stato il terremoto.


Cosa ci sarebbe d'assurdo se tu fossi (per esempio) un imprenditore che con il terremoto ha perso tutto cio' che aveva la'?

Non e' il mio caso. Ovviamente non e' che mi sono ritirata perche' l'11 settembre ha influito sull'economia della mia professione. La questione e' leggermente diversa, ma comunque l'evento e' stato determinante nel farmi scegliere una strada piuttosto di un'altra.

Con grande soddisfazione di Duval e Gatsby, se l'11 settembre non fosse avvenuto cio' che e' avvenuto, molto probabilmente oggi farei compagnia a Yolanda in qualche sito di escort e di Chiara di Notte, intesa in questa veste attuale, non vi sarebbe traccia. :-)

davide ha detto...

Gentile Chiara,

""Con grande soddisfazione di Duval e Gatsby, se l'11 settembre non fosse avvenuto cio' che e' avvenuto, molto probabilmente oggi farei compagnia a Yolanda in qualche sito di escort e di Chiara di Notte, intesa in questa veste attuale, non vi sarebbe traccia. ""

Per una volta dal grande male (l'11 settembre) è nato un bene infinito: la nostra regina Klarà.

Tanti saluti dal tuo Davide

Chiara di Notte - Klára ha detto...

Per una volta dal grande male (l'11 settembre) è nato un bene infinito: la nostra regina Klarà.

Si' ok, va bene...

Pero' adesso smetti di prendere per il culo che' non e' serata :-)

davide ha detto...

Gentile Chiara,


""Pero' adesso smetti di prendere per il culo che' non e' serata ""

Obbedisco!

Tanti saluti dal tuo Davide

HH ha detto...

Cara Chiara,

hai torto e lo sai. Ti sei sfogata, hai fatto finta di argomentare e invece hai solo messo in fila i soliti luoghi comuni della tiritera antirazzista.
Ti allego una risposta dignitosa a ciò che scrivi: non mia, ché non ne sarei capace.

"Caro Beppe,
allora vediamo un po'. Vivo in una media cittadina del centro sud. Vado in ospedale ed al parcheggio (totalmente libero) una giovane e grassa zingara mi chiede l'obolo per portarmi fortuna. Parcheggio e non mollo. Torno e trovo la macchina graffiata, non c'è nessuno intorno ed il parcheggio era libero. Vado al supermercato e per terra una giovane zingara con un povero bimbetto sporco tra le braccia mi chiede l'elemosina. Vado via ed all'incrocio un bimbo con la fisarmonica mi chiede l'elemosina. Parcheggio al centro ed un simpaticissimo bimbetto mi chiede soldi; gli dico no, ma se vuole gli offro un bicchiere di latte: lui mi guarda titubante, poi scorge a pochi metri il capo bastone e se ne va. Tutto in poche ore. Mai viste in giro per il mondo civile (Europa ed America) cose del genere. Quante leggi sono state violate? Voi buonisti, vi va bene così questo Paese? Sono incivile a detestare questo?"

Da Italians: http://www.corriere.it/solferino/severgnini/08-05-20/02.spm

Buona Serata,

etrusco

Chiara di Notte - Klára ha detto...

@ Etrusco: hai solo messo in fila i soliti luoghi comuni della tiritera antirazzista

Prendo atto. Ciascuno ha il diritto di pensarla come crede. Persino Severgnini, che non e' certo il Messia.
Anche lui in quanto a luoghi comuni non si ritiene... solita tiritera del buon cittadino probo ed onesto (sara' poi cosi'?) che non sopporta cio' che sta accadendo, e pare che tutta la colpa stia solo da una parte e guarda il fuscello che la zingara gli infila nell'occhio ma non la trave che i suoi "vate" gli infilano nel...

Tu puoi seguire una linea o l'altra o nessuna; mai entrambe pero'. Ne hai il diritto e la liberta'. Come del resto ce l'ho io di non essere d'accordo con Severgnini.

Ti prego, visto che sei nuovo qui, leggiti tutto il blog (ed i commenti) prima di etichettarmi come comunista, femminista o lesbica.

Puo' darsi che sia almeno una di queste cose, ma non tutte e tre :-)

Chiara di Notte - Klára ha detto...

Ovviamente, questo blog e' pieno di luoghi comuni. E' un patchwork di stronzate "lesbofemministcomuniste": le vado a scovare e le assemblo.
Eccone un'altra che indica come IL VERO PROBLEMA per la sicurezza dei bambini in Italia sia il ROM. Eppure...
«Troppi di loro, ancora oggi, vivono privati in tutto o in parte di diritti fondamentali, come quello ad una vita dignitosa, all'istruzione, al gioco, alla salute - commenta Arianna Saulini, Coordinatrice del Gruppo Crc (altra lesbofemministcomunista - ndr)- Sono inoltre preoccupanti la disuguaglianza e la disomogeneità geografica nella tutela dei diritti tra le varie aree del nostro paese».

Lo potete leggere qui:
http://www.corriere.it/cronache/08_maggio_26/minori_poverta_00707fd2-2b01-11dd-9793-00144f02aabc.shtml

Chiara di Notte - Klára ha detto...

Solo per conservarne memoria.

http://www.corriere.it/cronache/08_giugno_02/vaticano_immigrati_reato_clandestinita_f8006234-3093-11dd-9a04-00144f02aabc.shtml

Ovviamente le opinioni su questo tema sono discordi.

Alex ha detto...

Sai qual è il problema cara Chiara, che molte di queste nazioni che urlano allo scandalo si comportano peggio di noi e hanno una gran paura che il colabrodo Italia, finalmente per noi, imponga delle misure serie. Quindi utilizzano tutti i mezzi, ONU compresa ( guarda chi parla per l'ONU), per tenerli lontani.
Perché invece di parlare non fanno sapere che da loro sono ben accetti.

Sai la cosa che mi da più fastidio? che tutti parlano male dell'Italia e poi vogliono venire tutti qui.
Il problema è che noi tutte queste persone non le possiamo accoglierle e quindi si crea disagio per tutti, noi e loro, mentre i signori che "urlano", dovrebbero invitare queste persone nelle loro strutture
molto accoglienti, adeguate e con grandi sovvenzioni.....
che noi non abbiamo!!!!!!!


non capisco o qualcosa mi sfugge???

Non è cattiveria ma una situazione che va risolta e mi sembra, sempre di più, che esser entrati in europa, per noi, non è stato un gran vantaggio visto che dobbiamo solo dare........

Chiara di Notte - Klára ha detto...

non capisco o qualcosa mi sfugge???

Evidentemente e' cosi' :-)

http://www.corriere.it/politica/08_giugno_03/venezia_bliz_lega_Campo_nomadi_7463a7fa-3139-11dd-a85a-00144f02aabc.shtml

Da una parte si chiede alle istituzioni di risolvere un problema, dall'altro lo si impedisce adducendo motivazioni giuste ma strumentali.

In realta' il problema clandestini, nomadi, eccetera viene USATO da piu' parti per fini che vanno oltre cio' che vogliono far credere i politici quando parlano in TV.

Certe persone al governo, che vengono criticate in tutto il mondo, basano la loro politica SULL'IGNORANZA della gente per far passare la loro ideologia RAZZISTA che chi ha un minimo di memoria storica non puo' accettare.

Ma si sa... oggi le cose importanti per i tanti che sbraitano(molti appena ritornati dal ponte delle festivita' italiche), messi su ad arte dai vari sobillatori mediatici, sono ormai i vetruzzi colorati e le cianfruscaglie che vengolo loro fatte ondeggiare di fronte al naso come veniva fatto con i selvaggi ai tempi del colonialismo.

Che adesso si potrebbe chiamare COGLIONALISMO.

Coglionalismo mentale.

L'Italia e' un bellissimo paese ma, ahime', ormai il senso civico dei suoi abitanti sta precipitando ad un ritmo vertiginoso.

Alex ha detto...

Letto l’articolo e, in questo caso, sono d’accordo sui giochi politici, ci sono diversi bilanci e dico che se si spendono male i soldi per le case degli italiani poi non si può andare a chiedere i soldi ad altro capitolo di bilancio destinato ad altre situazioni.

La lega è a se e spesso esagera, come esagerano i giornalisti pur di vendere i propri articoli, ma anche Chiara gioca molto con le parole ed alla fine ha sempre ragione, anzi la vuole avere....
un sorriso

Chiara di Notte - Klára ha detto...

ed alla fine ha sempre ragione, anzi la vuole avere....


Veramente io metto in fila solo le notizie che trovo su Yahoo. Il resto e' solo un'analisi personale di chi legge.

I rom veneziani di cui si parla in quell'articolo sono CITTADINI ITALIANI a tutti gli effetti ed hanno gli stessi DIRITTI di tutti gli altri.

O se ne vuol fare una questione di etnia?
A questo punto a chi devono toccare le case? Ai milanesi? Ai torinesi? Ai padovani?

COsa accadrebbe se questa idea del regionalismo dovesse attecchire come vogliono i leghisti? Si tornerebbe ai tempi che vorrebbero loro? Quelli dei Comuni e di Alberto da Giussano?

La strumentalizzazione dell'intolleranza e del razzismo essa e' sempre stata usata dai movimenti NAZIONALISTI ed INDIPENDENTISTI per ottenere la secessione. Ma ogni secessione non e' indolore, ne' per una parte ne' per l'altra.

Ricordo che, seppur in altro contesto storico e' stata il pretesto per la guerra di secessione americana, poi (in tempi piu' recenti) per la rinascita dei sogni nazionalisti tedeschi durante il nazismo, ed ancora (attualmente) dalle frange secessioniste dell'Abkazia e dell'Ossezia, nonche', qualche anno fa, nel conflitto balcanico.

Insomma, aizzare la gente contro le minoranze porta sempre ad uno stato di tensione che quasi sempre sfocia in qualcosa di non molto salubre.

Ma chi non ha mai visto la propria casa distrutta da una bomba non puo' capire e crede che sia tutto un giochino al computer.

Che poi le minoranze siano composte in modo variegato sia da persone per bene e delinquenti questo fa parte della COMPOSIZIONE di ogni popolo. Italiano compreso.

Le minoranze esistono anche in altri Paesi europei e non creano problemi perche' LO STATO agisce in modo consono. Se le minoranze non creano tensioni di tipo secessionista esse non rappresentano un problema.

Piu' che altro, forse, non si e' capito bene che in Italia ESISTE una MINORANZA che crea REALI PROBLEMI, ed e' quella dei leghisti.

Fra qualche anno, se continua cosi', temo che gli italiani rimpiangeranno i rom che, fino a prova contraria, sono l'unico popolo che in tutta la sua esistenza NON HA MAI bombardato nessuno, ed ha sempre SUBITO.

Alex ha detto...

Non voglio rubarti troppo tempo per non sforare nella tua disponibilità giornaliera:-)

Sul post che hai scritto credo non si possa dire niente perché hai detto delle verità e concordo molto con quello che hai scritto, l’unica cosa è che molti hanno votato Lega, che attualmente è al governo, e rappresenta una parte degli elettori che possono votare, e se la votano, un motivo ci sarà?

Chiara di Notte - Klára ha detto...

rappresenta una parte degli elettori che possono votare, e se la votano, un motivo ci sarà?

Certo...
Anche chi votava Hitler aveva dei motivi, cosi' come chi ha votato Ahmadinejad...

Sta di fatto che comunque sono una MINORANZA e neanche etnica... MENTALE :-)

Chiara di Notte - Klára ha detto...

Questo post diventera' un archivio.

http://it.notizie.yahoo.com/adnkxml/20080608/tit-pesaro-giovane-rom-incinta-di-6-mesi-afde0ec.html

Chiara di Notte - Klára ha detto...

Si', lo so, non c'entra nulla con gli zingari, ma criminalizzare secondo l'etnia e' un metodo che implica molte contraddizioni, e che non esonera i criminalizzatori dalle loro responsabilita' etiche.

Cosa sarebbe accaduto se un fatto del genere fosse avvenuto con i fattori invertiti, cioe' una coppia di romeni che avesse ucciso un italiano in tale modo?

http://it.notizie.yahoo.com/adnkxml/20080610/tit-verona-rumeno-bruciato-in-auto-arres-afde0ec.html

Tutti avrebbero gridato che certi barbari sarebbero stati da sterminare. Prime pagine di giornali e programmi televisivi pieni di dettagli raccapriccianti, l'intero governo indignato, il ministro degli interni avrebbe proposto misure piu' repressive, coprifuoco...

Il male annida dappertutto. Basta guardare la cronaca per capire che il vero problema della gente, della brava gente, non sono 4 straccioni di zingari che rubacchiano il carrello della spesa ma i signori in doppiopetto che ormai fanno il loro comodo e che scorrazzano impuniti, che pur di guadagnare milioni (necessari a mantenere il loro schifoso tenore di vita) non si spaventano neanche di fronte all'omicidio.

I fatti di Milano, dei medici implicati nelle operazioni chirurgiche "facili" e redditizie che sono costate la salute ed in alcuni casi anche la vita a persone innocenti, non sono ne' saranno gli unici in Italia, e dimostrano che solo chi ha molto potere puo' veramente MOLTO danneggiare la comunita'.

Le istituzioni, invece di pensare alle cazzate, dovrebbero rendere la vita dei cittadini migliore, iniziando a ripulire da dove veramente si annida il marcio...
Purtroppo ho quasi l'impressione che per far cio' si dovrebbero andare ad intaccare interessi troppo forti.

E allora giu' botte agli zingari, ed agli extracomunitari. Molto meglio avere in giro assassini in doppiopetto, piuttosto che ladruncoli pezzenti.

Misura la forza della tua Password

Oggi mi sento un po' cosi'...

Oggi mi sento un po' cosi'...

Tokaj-Hegyaljai Borvidék

Áldott tokaji bor, be jó vagy s jó valál, Hogy tsak szagodtól is elszalad a halál; Mert sok beteg téged mihely kezdett inni, Meggyógyult, noha már ki akarták vinni. Istenek itala, halhatatlan Nectár, Az holott te termesz, áldott a határ! (Szemere Miklós)

A Budapesttől mintegy 200 km-re északkeletre, a szlovák és az ukrán határ közelében található Tokaj-Hegyaljai Borvidék a Kárpátokból déli irányban kinyúló vulkanikus hegylánc legdélebbi pontján fekszik. A vidéket és fő községeit könnyen elérhetjük akár autóval (az M3 autópályán és a 3-as úton Miskolcig, onnan a 37-es úton), akár vonattal (több közvetlen vonat indul Budapestről és Miskolcról)

Web Statistics