lunedì 25 febbraio 2008

13
comments
Favola triste


C’era una volta un forum. Era un forum come ce ne sono tanti, ne’ piu’ bello, ne’ piu’ brutto, ed era frequentato dalla solita gente che frequenta tutti i forum: intellettualoidi veri, intellettualoidi finti, pisquani, donzelle, multinick, psicotici, persone per bene, diffamatori. Insomma la solita gente che s’incontra ogni giorno anche nella vita.

Un giorno, in questo forum avvenne una cosa alquanto sgradevole, un nick (perche’ nei forum sono tutti nick) inizio’ a litigare con un altro nick: insulti da una parte, reazioni esagitate dall’altra, minacce, ricatti. Insomma cio’ che avviene in ogni forum da quando il mondo e’ mondo, e come in ogni forum tutti gli altri assistevano curiosi e divertiti a questa diatriba parteggiando un po' per l’uno, un po' per l’altro, a volte scherzando. Perche’ poi, si sa’, i forum sono tutti uno scherzo e le cose non vanno prese sul serio.

Fatto sta che uno di questi nick litigiosi, un colosso da 150 chili, invece, prese la questione proprio seriamente ed inizio’ a cercare di scoprire chi fosse l’altro nick per fargliela pagare a suon di schiaffoni. L’altro nick si accorse che le cose non andavano per il verso giusto e cerco’ di ritirarsi in buon ordine in modo da non travalicare certi limiti che il buon senso dovrebbe dettare, ma il colosso non volle sapere ragioni, anzi aumento’ la dose degli insulti ed arrivo’ persino a pubblicare sul forum i dati personali e le foto di varie persone che lui, di volta in volta, “pensava” si nascondessero dietro al nick che lui odiava.

Tutti gli altri che assistevano a questo "reality" non si attivarono per impedirglielo, anzi, si divertirono ancor di piu’ creando situazioni in modo che i due nick litigassero ancor piu’ furiosamente e mentre cio’ avveniva tutti ridevano e si sbellicavano assistendo allo sputtanamento. Qualcuno fece da "finto tonto" fingendo di non capire quello che stava accadendo.

Se non che un giorno, il colosso, impazzito di odio e di rancore, porto’ la contesa sul piano reale, si reco’ sul posto di lavoro dell’altro con l’intenzione di litigarci furiosamente e dargli una lezione, ma la persona dalla quale si reco’ non c’entrava nulla con il forum e glielo disse ma il primo, fuori di testa, non volle credergli.

Dalle parole si passo’ alle mani ed il colosso inizio’ a schiaffeggiare l’altro. Uno schiaffo, due schiaffi… l’altro gridava che non c’entrava nulla ma niente da fare, anzi questo negare imbizzarriva ancora di piu’ il colosso che dagli schiaffi passo’ ai pugni fino a che…

Fino a che il piu’ debole dei due cadde e la sua testa ando’ a sbattere contro uno spigolo appuntito.

Ci resto’ secco.

Il colosso si rese conto troppo tardi di cio’ che aveva fatto accecato dalla rabbia. Quando la polizia lo arresto’ e lo porto’ via piangeva come un bambino ma ormai la frittata era stata fatta.

Sul forum, il giorno dopo, vennero scritti post di sgomento riguardo all’episodio avvenuto e quasi tutti concordarono che certe cose, certe diatribe, certi litigi, avrebbero dovuto essere spenti sul nascere, prima che si arrivasse alle estreme conseguenze. Coloro che avevano fatto i "finto tonti: si giustificarono con la tipica frase "mah, io non ci ho capito nulla!"... cosi' tanto per non esprimere la loro opinione neppure in quella circostanza.

A nessuno venne in mente di ricordare che quando i due litigavano tutti stavano dietro le loro tastiere a ridere ed a divertirsi. Fin qui niente di strano, l’ipocrisia della gente e’ una cosa nota e questa nostra fiaba potrebbe anche terminare qui, ma che favola sarebbe se non ci fosse il lieto fine?

L’epilogo di tutto fu che il colosso passo’ processo per omicidio e fu condannato a molti anni di prigione ed insieme a lui venne condannato, ma non alla prigione, anche l’amministratore del forum in quanto aveva permesso che la situazione degenerasse.

Il forum chiuse i battenti e a tutti gli altri, quelli che avevano visto evolvere la situazione e che avevano sghignazzato non immaginando come sarebbe potuta finire, non accadde niente.

Anzi, qualcosa accadde: furono tutti interrogati come persone informate sui fatti; persero giornate intere a dare spiegazioni davanti al pubblico ministero ma, soprattutto, dovettero dare spiegazioni alle loro mogli, dato che tutto fu pubblicato nei dettagli sui giornali e quel forum, guarda caso, trattava di un argomento del quale le mogli era meglio fossero all’oscuro.

13 commenti :

Flyingboy ha detto...

E facile guardare in facia la moglie...
E facile guardare in facia gli amici al bar ...
E facile a guardare il poliyioto in facia pure...

Ma di mattina, nel momento di guardarsi nello spechio, ce gente che gira la testa perche non potra' afrontare quel sguardo di un sconosciuto che ogni matina per il resto della loro vita li rivolgera quel sguardo disgustoso.

La gente che per il resto della vita portera la barba lunga solo per il timore di guardarsi nello spechio...

illustre1966 ha detto...

EHM....ehm...scusa: ma sai mica se vengono chiamati a testimoniare anche "quelli dei blog"? :-D

Chia®a di Notte (Klára) ha detto...

illustre1966 said...
EHM....ehm...scusa: ma sai mica se vengono chiamati a testimoniare anche "quelli dei blog"? :-D


Di quale blog?

illustre1966 ha detto...

Gli autoesiliati: tipo te e me? :-D
I cloni rientrano sicuramente nella prima tornata..... ;-)

Chia®a di Notte (Klára) ha detto...

illustre1966 said...
Gli autoesiliati: tipo te e me? :-D
I cloni rientrano sicuramente nella prima tornata..... ;-)


A parte che e' una favola...

Ma non capisco illu... dovrebbero interpellarmi per cosa?

Mica sto litigando o ridendo in un forum dove si postano foto e dati personali.

Nel tuo blog pubblichi forse dati sensibili? Se lo fai si', sei a rischio.

E poi, nel caso, tu sai che io posso sempre mandare al mio posto il ragioniere bergamasco o uno dei 25 nick che manovrano il mio avatar :-))

illustre1966 ha detto...

Me ne presti uno?
Nel caso lo mando al posto mio! :-D

illustre1966 ha detto...

Visto che ne hai 25.....me ne presti uno, che, nel caso, lo mando al posto mio? ;-D

davide ha detto...

Cara Chiara,

da quando ti conosco ho cominciato a leggere saltuariamente l'immondezzaio. Fra tutti i nick che hai nominato l'unico che mi ha fatto un impressione veramente negativa è stato quello del pisquano in oggetto. Leggendo quello che scriveva mi ha subito dato l'idea di uno tipo pericoloso da tenere alla larga. Tutto sommato gli altri nick non mi sono apparsi così pericolosi. Anche il nostro amico Ughetto (se non avesse il brutto vizietto di violare la riservatezza delle persone) non sarebbe poi male, perchè ha un modo di scrivere (spararle grosse) che trovo divertente. Spero che leggendo il tuo post il pazzo si rischiari un po' la mente e non commettata qualche altra follia, perchè in questo ultimo periodo ha commesso tanti di quei reati che se per caso finisce davanti a un tribunale rischia di fare la fine del topo.

Tanti saluti dal tuo Davide

Chia®a di Notte (Klára) ha detto...

Spero che leggendo il tuo post il pazzo si rischiari un po' la mente e non commettata qualche altra follia, perchè in questo ultimo periodo ha commesso tanti di quei reati che se per caso finisce davanti a un tribunale rischia di fare la fine del topo.

Davide in quest'ultimo periodo sei enigmatico. Ogni tanto te ne esci con "il pisquano in oggetto". Guarda che non c'e' nessuno in oggetto... di chi parli? :-)

La mia e' solo una favola. Ce l'hai forse contro l'orco cattivo? :-)

Chia®a di Notte (Klára) ha detto...

@ Flyingboy: La gente che per il resto della vita portera la barba lunga solo per il timore di guardarsi nello spechio...

Dici che i baffi non vanno piu' di moda? :-)))

davide ha detto...

Cara Chiara,

"La mia e' solo una favola. Ce l'hai forse contro l'orco cattivo? :-)"

Pesando 150 chili più che di orco (che sono più snelli di quel che si pensa) parlerei di manzo cattivo.

Tanti saluti dal tuo Davide

Dolce-Alexia ha detto...

Ma la fine non dovrebbe essere quella:"E vissero felici e contenti quelli che credono in amicizia..."?

Chia®a di Notte (Klára) ha detto...

Dolce-Alexia said...
Ma la fine non dovrebbe essere quella:"E vissero felici e contenti quelli che credono in amicizia..."?


Sorellina, il titolo e', appunto, "favola triste".

In certi luoghi non esiste lieto fine ma solo merda.

Meno male che e' solo una favola e queste cose nella realta' non esistono :-)

Misura la forza della tua Password

Oggi mi sento un po' cosi'...

Oggi mi sento un po' cosi'...

Tokaj-Hegyaljai Borvidék

Áldott tokaji bor, be jó vagy s jó valál, Hogy tsak szagodtól is elszalad a halál; Mert sok beteg téged mihely kezdett inni, Meggyógyult, noha már ki akarták vinni. Istenek itala, halhatatlan Nectár, Az holott te termesz, áldott a határ! (Szemere Miklós)

A Budapesttől mintegy 200 km-re északkeletre, a szlovák és az ukrán határ közelében található Tokaj-Hegyaljai Borvidék a Kárpátokból déli irányban kinyúló vulkanikus hegylánc legdélebbi pontján fekszik. A vidéket és fő községeit könnyen elérhetjük akár autóval (az M3 autópályán és a 3-as úton Miskolcig, onnan a 37-es úton), akár vonattal (több közvetlen vonat indul Budapestről és Miskolcról)

Web Statistics