lunedì 21 gennaio 2008

9
comments
Risveglio in Sokolniki - Storia di Vlada (Interludio)

 
La prima cosa che vedesti aprendo gli occhi fu il volto di Slavik. Stava ancora dormendo. Con lui non avevi fatto sesso. Avevi fatto l’amore.

Capita che lo si desideri anche se non lo vogliamo, amore mio, perche’ il cuore non batte mai in sintonia con la volonta’. Procede autonomo, seguendo la corrente impetuosa di un fiume che conduce laddove non e’ possibile presagire.

Quella notte eri stata colta all’improvviso dall’alluvione, fino a che, stanca di lottare, ne eri stata travolta. Ma non annegasti e forse in quel risveglio ti sentisti fuori pericolo come chi "uscita dal fiume, fra i giunchi cadde bocconi e bacio’ la terra dono di biade”.

Nella penombra di quella stanza bizzarri giochi di luce chiaro scuri mettevano in risalto la sua sagoma e dalle lenzuola parevano emergere, inconsapevoli e possenti, i volumi pieni del corpo di Achille che riposava disarmato.

Aveva ciglia lunghe. Non le avevi notate al primo colpo d’occhio, come non avevi notato altri dettagli che, a poco a poco, emergevano sempre piu’ evidenti.

Lo zigomo forte che segnava la forma del suo viso si congiungeva alla tempia dove questa si distendeva formando una fossetta che pareva contenere un frammento di ombra che sembrava liquida. La punta delle dita fecero per sfiorarla. Temendo di svegliarlo ti fermasti poco prima di toccarla, ma i sensi di lui risposero piu’ veloci della tua intenzione

Ebbe un fremito ed apri’ gli occhi.

“Ah, sei tu… ”

“Sono qui – rispondesti con una voce intrisa di una dolcezza che non ricordavi di possedere – dormi… sono qui”

Baciasti la sua fossetta e sgusciasti fuori dal letto, silenziosa.

(Per leggere la storia dall'inizio: QUI)

9 commenti :

davide ha detto...

Cara Chiara,

quando dici che con lui ha fatto l'amore e non sesso, penso che ti stai riferendo ad un incontro con un uomo che non era, ufficiosamente, il tuo compagno. Non che con il proprio uomo il sesso coincida sempre con l'amore, perchè non sempre è così.

Comunque mi è piaciuta la parte finale del racconto, perchè la tua dolcezza nei suoi confronti mi ha quasi ricordato
la tenerezza di una mamma verso il suo bimbo.

Tanti saluti dal tuo Davide

Chiara di Notte (Klára) ha detto...

davide said...
Cara Chiara,

quando dici che con lui ha fatto l'amore e non sesso, penso che ti stai riferendo ad un incontro con un uomo che non era, ufficiosamente, il tuo compagno. Non che con il proprio uomo il sesso coincida sempre con l'amore, perchè non sempre è così.

Comunque mi è piaciuta la parte finale del racconto, perchè la tua dolcezza nei suoi confronti mi ha quasi ricordato
la tenerezza di una mamma verso il suo bimbo.


Davide?

DIN DON!!

Ma hai letto il racconto in chiave giusta?

davide ha detto...

Cara Chiara,

"Davide?
DIN DON!!
Ma hai letto il racconto in chiave giusta?"

Beh per me i tuoi racconti si possono interpretare in tanti modi, indipendentemente da quello che tu intendevi effettivamente esprimere.

Cambiando discorso volevo dirti che al mio nick ho aggiunto l'avatar (o come diavolo si chiama) di quella fanciulla che scrive, perchè vedendola mi è sembrato di vedere te adolescente mentre scrivevi i tuoi diari.

Tanti saluti dal tuo Davide

Devas ha detto...

...nessuna critica, eh?!
maaaaaa...è un pò inquietante il Davide(?!)...

davide ha detto...

Caro amico Devas,

"...nessuna critica, eh?!
maaaaaa...è un pò inquietante il Davide(?!)..."

Perche???????

Saluti Davide

Devas ha detto...

Ciao Davide,
ma tu...sei innamorato della Chiara...right?

Quindi, ci si può innamorare virtualmente....oppure è una amicizia, come quella descritta da Chiara la scorsa settimana...(?)

Dev

guggenheim ha detto...

..........e sgusciasti fuori dal letto, silenziosa.

davide ha detto...

Caro Devas,

"Ciao Davide,
ma tu...sei innamorato della Chiara...right?
Quindi, ci si può innamorare virtualmente....oppure è una amicizia, come quella descritta da Chiara la scorsa settimana...(?)"

E' vero amore, però del genere che un bimbo ha verso la sua mamma.

Saluti Davide

Devas ha detto...

Ciao Davide

"E' vero amore, però del genere che un bimbo ha verso la sua mamma"

Beh, carino :-)
(...emh...sorella maggiore? :-) )

Devas

Misura la forza della tua Password

Oggi mi sento un po' cosi'...

Oggi mi sento un po' cosi'...

Tokaj-Hegyaljai Borvidék

Áldott tokaji bor, be jó vagy s jó valál, Hogy tsak szagodtól is elszalad a halál; Mert sok beteg téged mihely kezdett inni, Meggyógyult, noha már ki akarták vinni. Istenek itala, halhatatlan Nectár, Az holott te termesz, áldott a határ! (Szemere Miklós)

A Budapesttől mintegy 200 km-re északkeletre, a szlovák és az ukrán határ közelében található Tokaj-Hegyaljai Borvidék a Kárpátokból déli irányban kinyúló vulkanikus hegylánc legdélebbi pontján fekszik. A vidéket és fő községeit könnyen elérhetjük akár autóval (az M3 autópályán és a 3-as úton Miskolcig, onnan a 37-es úton), akár vonattal (több közvetlen vonat indul Budapestről és Miskolcról)

Web Statistics