giovedì 31 gennaio 2008

4
comments
La pubblicita' sui siti web


In internet ormai ci sono tantissimi siti web in cui le ragazze pubblicano le loro inserzioni corredate di foto, rates e quant'altro possa essere utile all'esercizio della professione di escort.

Personalmente sono stata sempre contraria a pubblicare i miei annunci in siti che raggruppassero piu' ragazze, privilegiando qualcosa di strettamente personale che potevo curare ed aggiornare (grossolanamente al vero) da sola, pero' anche io una volta ho pubblicato i miei annunci in un sito del genere.

Non diro' il nome, non era italiano. Quindi non era lo storico Metropolitan, che fece la sua comparsa nel 2000 e che di li' a poco venne chiuso per ovvie ragioni. Ma erano altri tempi... i siti che pubblicizzavano le escort erano pochi ed erano gestiti da persone a loro modo "corrette", il cui unico vero scopo era quello di fare un business e niente piu'.

Oggi, invece, tutto e' cambiato. A queste figure "manageriali" si sono sostituiti personaggi piu' squallidi, forse provenienti dalla strada dove, fino a qualche tempo fa, accompagnavano le "loro ragazze" a battere.

Anche i papponi, quelli veri, quelli che recitano seriamente la loro parte da "incodinati" picchiatori (solo con le donne pero'), hanno scoperto internet, hanno acquistato un PC e si sono messi a lavorare da casa.

Oggi, se fossi ancora una escort, avrei difficolta' a trovare un sito web nel quale pubblicare i miei annunci. C'e' tanta confusione ed io non amo la confusione. Amo la chiarezza.

Per esempio, vi fidereste voi a pubblicare un annuncio in un sito il cui proprietario fosse uno psicotico che, oltre che per soldi, lo facesse per sue "strane manie"? Una persona che dichiara pubblicamente di craccare account privati e poi usa il materiale sottratto illegalmente per "sputtanare" chi lo contrasta?

Io non mi fiderei.

Pensate che il proprietario di un tal sito avrebbe accesso a tantissime informazioni: fotografie magari non mascherate, password (che poi le persone tendono ad usare sempre le solite), messaggi privati che potrebbero circolare all'interno di quel sito qualora ci fosse un forum collegato e, addirittura, il reale nome, cognome e indirizzo.

Informazioni che io non lascerei mai a nessuno, perche' il giorno che volessi smettere e ritirarmi non gradirei avere "strani personaggi" alle spalle che fossero in grado di colpirmi e ricattarmi.

4 commenti :

davide ha detto...

Cara Chiara,

condivido quello che hai detto, perchè ho notato che dei papponi che facevano lavorare le ragazze in strada hanno incominciato anche loro ad usare internet per pubblicizzare le ragazze. In questo momento nel web c'è davvero tanta confusione e si trova di tutto.
Di certo se si vuole affrontare in modo serio il problema bisogna fare una legge che legalizzi la prostituzione e che tuteli le ragazze spazzando via i papponi.

Però è difficile aspettarsi qualcosa di buono dai nostri politicanti. Il governo di centro sinistra non ha fatto niente e il prossimo, che con ogni probabilità sarà di centro destra (a meno che i politicanti di centro destra non si taglino i coglioni da soli facendo gli arroganti convinti di aver già vinto), non potrà far niente per paura di essere bacchettato dal Vaticano.

Tanti saluti dal tuo Davide

Chia®a di Notte (Klára) ha detto...

Ehi davide, significa che per fare le leggi che piacerebbero a te aspetteresti coloro che non voteresti mai? :-))

davide ha detto...

Cara Chiara,

"Ehi davide, significa che per fare le leggi che piacerebbero a te aspetteresti coloro che non voteresti mai? :-))"

Come sai io non voto i migliori (che in Italia non esistono), ma i meno peggio. Naturalmente le mie idee politiche sono molto lontane dalle tue perchè sai bene che per me il meno peggio è il centro destra.

Però sul tema della prostituzione nessuno dei due schieramenti vuole innimicarsi il Vaticano. In realtà non è che io ci rimetta niente se la prostituzione non è legalizzata: chi ci rimette sono solo le povere ragazze che sono sfruttate dai papponi.

Anche se un domani facessero una legge che punisce i clienti non mi interesserebbe tanto, perchè in poco più di un'ora da casa mia posso raggiungere dei bellisimi "locali" in Austria (in cui ci sono spesso delle bellissime e colte ragazze ungheresi).

In Italia bisogna vivere rassegnandoci a sopportare i politicanti che ci meritiamo.

Tanti saluti dal tuo Davide

Chia®a di Notte (Klára) ha detto...

In Italia bisogna vivere rassegnandoci a sopportare i politicanti che ci meritiamo.

L'Italia, dalle tue parole, mi pare una nazione dove la gente vuol fare cio' che non e' in grado di fare: politicanti che forse dovrebbero fare i biscazzieri e manager di siti web che invece dovrebbero fare i cuochi... e forse neppure quello.

Misura la forza della tua Password

Oggi mi sento un po' cosi'...

Oggi mi sento un po' cosi'...

Tokaj-Hegyaljai Borvidék

Áldott tokaji bor, be jó vagy s jó valál, Hogy tsak szagodtól is elszalad a halál; Mert sok beteg téged mihely kezdett inni, Meggyógyult, noha már ki akarták vinni. Istenek itala, halhatatlan Nectár, Az holott te termesz, áldott a határ! (Szemere Miklós)

A Budapesttől mintegy 200 km-re északkeletre, a szlovák és az ukrán határ közelében található Tokaj-Hegyaljai Borvidék a Kárpátokból déli irányban kinyúló vulkanikus hegylánc legdélebbi pontján fekszik. A vidéket és fő községeit könnyen elérhetjük akár autóval (az M3 autópályán és a 3-as úton Miskolcig, onnan a 37-es úton), akár vonattal (több közvetlen vonat indul Budapestről és Miskolcról)

Web Statistics