venerdì 23 novembre 2007

3
comments
Una giornata chiara


Le previsioni per i prossimi giorni promettono ancora pioggia, ma il cielo di Tokaj oggi ha voluto regalare una pausa; una luce meno cupa, piu chiara, filtra attraverso la finestra.
Accendo il PC. Il sistema operativo ci mette un po’ di tempo prima di giungere alla schermata del desktop. Clicco sull’icona della posta. Ricevo un tot di messaggi. Li leggo velocemente. Niente di particolarmente importante o urgente. Pensero’ piu’ tardi a rispondere agli amici che mi inviano i saluti.
Apro il browser e navigo nel mio blog. Modero quei quattro o cinque commenti e li commento a mia volta. Poi passo alla lettura delle notizie.

Mmmmhhhh, vediamo…

Euro e petrolio: nuovi record. Cavolo, mi immagino cosa accadra’ il giorno in cui il biglietto verde si decidera’ a recuperare, almeno in parte, il valore perduto dal 25 ottobre 2000 quando valeva il 20% piu’ della moneta europea.
Eh si’, il petrolio viene pagato in dollari ed anche se non si capisce perche’ in Italia il combustibile costi sempre di piu’ nonostante il dollaro abbia raggiunto il suo minimo storico, il giorno che la valuta americana decidera’ d’invertire il trend saranno tempi duri per i consumatori di energia.
Inoltre non lo vedo un euro che vale due dollari. Pero’ potrei sbagliare. Dopotutto l’analisi tecnica non e’ “perfetta”. Lascia molto spazio all’interpretazione. Oggi pero’, grossolanamente, voglio credere ad Elliott ed a Gann. Mi e’ sempre piaciuta la semplicita’ dei numeri “Fibonacci” e sento che potrebbe essere giunto il momento per guadagnare qualcosa. Non dico tanto, appena un 23.6% del valore accumulato dall’euro dal 17 novembre 2005, che in termini concreti significherebbe vendere euro contro dollari a 1.48 e coprire la posizione ad un target price di 1.41. Con stop loss su sfondamento di 1.50 la prospettiva e’ quella di guadagnare sette punti, che non sono pochi, rischiandone solo due… credo che lo faro’. Per altro sono supportata, nella mia decisione, da QUESTA NOTIZIA, per cui pare che questa idea di comprare in USA sfruttando la debolezza del dollaro non sia proprio campata in aria.

Vado avanti con la lettura del notiziario. Vediamo… cosa dice QUI?

Cavolo, e ti pareva? Ormai non c’e’ giorno in cui non venga evidenziata una barbarie perpetrata nei confronti delle donne. Ma che lo dico a fare? Ormai lo sanno tutti e manifestando ancora una volta il mio disgusto non faccio altro che ripetermi, divento noiosa, prolissa ed attiro le critiche di chi mi accusa di essere una lesbofemminista frustrata (che poi non ho mai capito cosa significhi realmente).
Comunque sono sempre piu’ convinta che se la situazione fosse invertita, cioe’ le barbarie fossero perpetrate da donne nei confronti degli uomini, molti dei maschietti che oggi invocano ad una certa tolleranza verso qualcosa di immutabile e radicato nella natura umana, starnazzerebbero come gallinacci.
Cio’ che mi fa imbestialire e’ l’ipocrisia. Si’ perche’ molti di coloro che “a parole” denunciano e condannano queste aberrazioni, in realtà le hanno fatte, le fanno oppure le farebbero se solo ne avessero l’opportunita’. Nel meno peggiore dei casi le tollerano.
Quanti bravi e cari padri di famiglia, tutti casa e chiesa e rigidi educatori dei propri figli (e delle proprie figlie), si sono trovati in situazioni “particolari” ed al limite? Quanti di questi blateratori da forum oppure da talk show televisivi hanno dentro di loro, se non la consapevolezza di essere dei fetidi Mr Hyde, almeno il desiderio inconfessato di poter fare di nascosto cio’ che di fronte alla societa’ devono condannare? Si’ perche poi, chi viene "beccato", ha sempre una scusa da addurre, un alibi, una giustificazione.
Chi e’ stato sorpreso con le mani ancora imbrattate di marmellata, fino al giorno prima e' stato, in molti casi, una persona irreprensibile, insospettabile.
Che schifo! Se dico che quel branco di uomini ha solo fatto cio’ che e’ rappresentativo di una pulsione “insana” causata dall’ormone maschile vengo accusata di generalizzazione? Ecchissenefrega!
Di uomini ne ho incontrati molti e so benissimo come si comportano nella loro duplice natura, per cui mi possono accusare di cio’ che vogliono. A me certe cose che hanno a che fare con la violenza legata al sesso danno il voltastomaco. E quando riguardano i minori allora perdo il lume della ragione e vorrei fare una strage…

Uffa, non voglio arrabbiarmi. Oggi la giornata deve essere chiara. Sotto tutti i punti di vista. Passo ad un’ALTRA NOTIZIA

Ah, ecco qualcosa che sicuramente fara’ godere coloro che nella vita sono costretti a pagare per masturbarsi con qualcosa che non sia la loro mano: i cosiddetti puttanieri per bisogno. Che poi sono in pratica il 99% degli appartenenti a questa bizzarra categoria anche se tutti dichiarano di non esserlo.
Si’ si’, certo, anche qui giustificazioni a piu’ non posso. Ognuno si costruisce il proprio angolo fatto di alibi per giustificare a se stesso la sua dipendenza.
In vita mia ne ho sentite di tutti i colori che se le dovessi raccontarle non basterebbero tre tomi belli pesanti: dal puttaniere occasionale (e lo dichiara a TUTTE quelle con cui va), a quello con la moglie strafiga e superporca (ma non si capisce perche’ chi e’ abituato a bere Chateau Petrus debba ripiegare sul Tavernello), a quello che dice che “geneticamente” l’uomo e’ portato ad “inseminare” quante piu’ donne possibili e che la sola moglie o compagna non puo' bastargli (e cosi’ e’ dedito ad “inseminare” un po’ di preservativi in giro, ma e’ contrario al fatto che la moglie possa farsi “inseminare” dall’istruttore di palestra). In pratica una bella banda di onanisti, fisici e mentali.
Che bella rivincita quindi, per questo “puttaniere D.O.C.”, leggere (finalmente) di una meretrice costretta a pagare le tasse. Eccheccavolo! Quella troia si e’ fatta sei case e due auto con i suoi sudati soldini…
Beh a volte non tanto sudati… a volte (diciamolo sottovoce) “sottratti”, ma sicuramente anche per questo suo gesto ha bella e pronta una giustificazione.
Comunque che dire di questa decisione di far pagare le tasse ad una meretrice in una situazione di vuoto legislativo e di regole chiare? Non so, non ho le idee precise. Credo che sia una decisione sbagliata, ma certamente lo dico perche' sono “di parte”. Pero’ rifletto: e’ da considerarsi reddito solo il contante oppure anche un regalo come (che so) un gioiello, un’auto, un appartamento e' da considerarsi tale?. Perche’ se cosi’ fosse allora mi attenderei un po’ di verifiche tributarie anche nei confronti di alcune “starlette” dello spettacolo ed amichette di politici e personaggi famosi vari.

Altre notizie di poco conto: il delitto di Perugia, che ha preso ormai il posto di tutti gli altri fatti di cronaca nera di cui nessuno ricorda piu’ niente (le vicende ormai vengono “macinate” ad una velocita’ tale che se non si fa in tempo a fare una strage d’innocenti e ad andare in televisione dal Brunetto nazionalpopolare prima che qualcun altro mangi arrosto la sua famiglia, si perde l’occasione di diventare papabili per l’Isola dei famosi), lo scandalo RAI-Mediaset (preludio dell’ “inciucio veltrusconiano”), la pornoprofessoressa (roba buona per l’immondezzaio).

Direi che per oggi e’ tutto, Anzi no, voglio scrivere un post.

3 commenti :

davide ha detto...

Cara Chiara,

il petrolio è alle stelle e grazie alle sinistre e ai verdi l'Italia è il paese più danneggiato, perchè il più dipendente dal petrolio. I nostri concorrenti hanno costruito centrali nucleari, a carbone ecc., ma in Italia grazie alle suddete forze politche (soprattutto i verdi) non si riesce a fare niente. Naturalmente io sono di parte.

Quanto alla violenza sulle donne non dico niente perchè ne abbiamo già parlato tante volte e finirei per dire le stesse cose che ho detto nei post precedenti.

Per quello che riguarda le escort trovo giusto che paghino le tasse. Però prima dobbiamo legalizzare questa professione affinchè queste lavoratrici abbiano diritti e doveri come tutti. Una legge seria potrebbe far sparire (o ridurre al minimo) lo sfruttamento dei papponi.
Però è inutile farsi illusioni, con i politicanti che abbiamo (di tutti i colori) non c'è da aspettarsi niente di buono.

Tanti saluti dal tuo Davide

sissy ha detto...

oh perbacco...
°_°
allora non sei una consulente globale mediolanum che spenna i clienti...

mastichi gann elliot fibonacci...
ocio che anche quella roba dà dipendenza..

mi fai vedere gli eseguiti?
daaaii non essere timida...

Chiara di Notte (Klára) ha detto...

mastichi gann elliot fibonacci...

Si scrive Elliott, con due "t" :-)

Misura la forza della tua Password

Oggi mi sento un po' cosi'...

Oggi mi sento un po' cosi'...

Tokaj-Hegyaljai Borvidék

Áldott tokaji bor, be jó vagy s jó valál, Hogy tsak szagodtól is elszalad a halál; Mert sok beteg téged mihely kezdett inni, Meggyógyult, noha már ki akarták vinni. Istenek itala, halhatatlan Nectár, Az holott te termesz, áldott a határ! (Szemere Miklós)

A Budapesttől mintegy 200 km-re északkeletre, a szlovák és az ukrán határ közelében található Tokaj-Hegyaljai Borvidék a Kárpátokból déli irányban kinyúló vulkanikus hegylánc legdélebbi pontján fekszik. A vidéket és fő községeit könnyen elérhetjük akár autóval (az M3 autópályán és a 3-as úton Miskolcig, onnan a 37-es úton), akár vonattal (több közvetlen vonat indul Budapestről és Miskolcról)

Web Statistics