mercoledì 1 agosto 2007

18
comments
L'onorevole e la prostituta


Ultimamente non leggo molto le notizie italiane e mi era completamente sfuggita quella dell’onorevole e della devochka romana.
Non entro nel merito della questione e dello scandalo in quanto gia’ ampiamente dibattuto sia sulla stampa che nei vari blog; dopotutto non e’ un mistero (ne’ lo e’ mai stato) che con le prostitute ci vanno tutti, onorevoli e preti compresi. Sono comunque tre le cose che mi sento di dire a riguardo.

La prima e’ che una professionista non dovrebbe mai accettare servizi in cui c'e' la presenza di Biancaneve o altri tipi di droga. Il rischio che ci sia chi possa avere un malore e’ alto, soprattutto in situazioni in cui le persone si sentono libere di straviziare, ed e’ quindi facile che si lascino andare all’abuso anche di alcol, creando miscele tali da far collassare.
Credo non sia piacevole per nessuno trovarsi con il proprio nome e la propria faccia esposta sui giornali; per una ragazza che esercita il mestiere, poi, cio’ puo’ significare un danno enorme alla sua immagine ed al suo giro d’affari.
Durante il periodo della mia avventura ho avuto modo d’incontrare alcuni personaggi legati al mondo della politica, dell’imprenditoria, dello sport, dello spettacolo, del giornalismo ed alcuni di questi erano soliti “aiutarsi” con la cocaina. Devo dire che non mi sono mai trovata a mio agio in tali frangenti ed anche se ho sempre rifiutato di condividerla (una devochka che e’ sotto l’effetto di una qualsiasi sostanza, alcol o droga non ha piu’ il controllo della situazione – Vlada docet), trascorrevo il tempo dell’incontro con l’angoscia che al cliente potesse accadere qualcosa di non piacevole.
In caso di clienti particolarmente “esagerati” rifiutavo di incontrarli nuovamente oppure mi defilavo appena mi accorgevo di trovarmi in presenza di persone eccessivamente sregolate.
Se oggi (per ipotesi) fossi ancora escort rifiuterei tout court incontri in cui ci fosse la presenza di sostanze stupefacenti. Meglio perdere un cliente che l’intero “giro”.

Seconda cosa: la ragazza ha dichiarato che nella notte il cliente le ha chiesto di chiamare un’amica e lei lo ha fatto non sapendo che questo atto configura il reato di favoreggiamento; reato che in Italia e’ punito con la detenzione.
Una devochka non dovrebbe mai fare certi errori. Sono quasi sicura che alla fine di tutto, quando ci saremo dimenticati persino i nomi dei protagonisti della vicenda e tutto sara’ stato insabbiato a protezione dei vari personaggi importanti coinvolti, la ragazza (essendo una persona non importante e quindi “spendibile”) subira’ un processo a tale riguardo.
Mai, mai e poi mai accettare di chiamare amiche. Al limite farlo fare al cliente, magari comunicandogli il numero di telefono “a voce” oppure scriverlo su un foglietto di carta che immediatamente dopo dovra' essere inghiottito. :-)
Purtroppo l’Italia e’ un paese dove i reati grandi vengono perdonati mentre quelli piccoli vengono puniti severamente.

Terza cosa: cinquecento euro per cacciarsi in quella situazione e la seconda ragazza addirittura meno, trecento euro! Sono certa che un tale cliente io non lo avrei mai incontrato per quei prezzi.
E’ pur vero che alcune ragazze si prestano anche ad accettare rates bassi in quanto attratte da Biancaneve; in tal caso non si tratta di professioniste ma di persone schiave di un vizio che le porta, fra le altre cose, anche a prostituirsi.

18 commenti :

illustre1966 ha detto...

Chiara: hai dimenticato l'aspetto più ridicolo della faccenda.....

Il politichetto di turno, non sapendo più a che santo attaccarsi, ha reclamato una maggior attenzione (cioè più soldi) per i politici costretti a vivere a Roma lontani dalle proprie famiglie, in maniera tale da poter attuare il "ricongiungimento familiare"....termine improprio per questo caso!!!

Neanche ad inventarsele certe cose potrebbero essere più ridicole...in poche parole, è caduto in tentazione, perchè lontano dalla moglie....è stato tentato DUE volte tanto! :-))))

MA MI FACCIA IL PIACERE...... (direbbe Totò...)

Chiara di Notte (Klára) ha detto...

Chiara: hai dimenticato l'aspetto più ridicolo della faccenda.....

Non ho dimenticato Illu. Ho volutamente omesso il fatto "politico" in quanto intendevo concentrarmi su 3 errori che alcune ragazze fanno credendo che basti "denominarsi" escort per esserlo.

Oppure sono io che mi denomino ex-escort quando in realta' ero altro?

ha reclamato una maggior attenzione (cioè più soldi) per i politici

In realta' credo che abbia chiesto piu' soldi per poter incontrare quelle che costano di piu' ;-)))

Nice&Nasty ha detto...

Credo di avere pochi pregiudizi. Uno dei pochi, è quello verso chi fa uso di stupefacenti. Di qualsiasi genere. Non è per "bacchettonismo". Non provo nessuna comprensione ne compassione verso un tossico (alcool compreso). Penso si tratti di esseri umani di serie B. Dei senzapalle. Delle nullità. Ovviamente il fatto che ci siano politci (meglio dire politicanti) che sono tossici, non mi meraviglia. Qualcuno ha detto che, a parte alcune eccezioni, chi sa fare qualche cosa nella vita, la fa al di fuori della politica. Ovviamente non è giusto generalizzare troppo, ma in molti casi penso sia proprio così. Il fatto che il personaggio in questione si intrattenesse con una o due devochke, non mi interessa. Chissenefrega. Come la storia del "portavoce" e del travestito. La sessualità è un fatto solo privato, e scandalizzandosi su questo, si dimostra solo di quanta ipocrisia siamo intrisi.

Nice&Nasty ha detto...

In realta' credo che abbia chiesto piu' soldi per poter incontrare quelle che costano di piu' ;-)))

...o per andare a sciare tutti i week end! ;-))

Chiara di Notte (Klára) ha detto...

Non volevo entrare nel merito della "politica" ma il commento di N&N non mi lascia scelta.

La sessualità è un fatto solo privato, e scandalizzandosi su questo, si dimostra solo di quanta ipocrisia siamo intrisi.


E' vero cio' che dici ma l'ipocrisua risiede piu' in alcune "parti politiche" che professano il RIGORE MORALE quando in realta' sono le prime ad essere corrotte.

Non e' vero che sono tutti uguali. Ci sono quelli che da sempre combattono per una maggiore liberta' sessuale e non e' giusto che siano messi sullo stesso piano di "politicanti senza palle" che non hanno neppure il coraggio delle proprie azioni.

Il fatto che il TIPO, per proteggere la sua carriera ed i suoi privilegi, abbia ritardato i soccorsi mettendo a rischio la vita di una persona mi ha veramente schifata.

Il mio personale parere, al di la' del vizio, della droga, del sesso e del rock'n roll, e' che costui e' un uomo di merda DENTRO.

Ora io non so quanti uomini simili compongano il Parlamento Italiano (e non solo quello Italiano) ma suppongo una buona parte, e questo e' indice di corruzione di un sistema che per troppo tempo e' stato in mano al solito CdA.

Tanto verra' il tempo in cui saranno costretti a dimettersi :-)

Nice&Nasty ha detto...

Tanto verra' il tempo in cui saranno costretti a dimettersi

Sei troppo ottimista. La maggior parte dei politici, di ogni paese, rispecchia la popolazione che l'ha eletta. Non è un luogo comune dire che abbiamo i politici che ci meritiamo. I politici illuminati, sono sempre pochi. Dappertutto.

Chiara di Notte (Klára) ha detto...

Sei troppo ottimista

No, solo paziente. Ti ricordo che ho una cultura un po' "orientale" in questo senso.

E poi, abbiamo atteso 3000 anni cosa vuoi che siano una trentina di anni in piu'?

Sono quasi certa che saro' ancora in vita ed in tempo per osservare un cambiamento in tal senso.

davide ha detto...

Cara Chiara,

"Purtroppo l’Italia e’ un paese dove i reati grandi vengono perdonati mentre quelli piccoli vengono puniti severamente."

Di quello che hai scritto in questo articolo condivido il 100%, ma in particolare la frase sopraccitata. Forse bisognerebbe aggiungere i reati piccoli commessi da persone deboli (i potenti in Italia la fanno sempre franca). Non vedo l'ora che tu legga il libro del mio amico poliglotta sul caso Mosca, perchè lì troverai la conferma di tante cose che hai scritto.

Quanto alla vicenda di quel politico condivido quanto ieri ha detto l'amico Baudelaire999: certa ipocrisia fa schifo.

Tanti saluti dal tuo Davide

Baudelaire999 ha detto...

soprattutto come hai dettu tu chiara fa schifo il tentativo di evitare i soccorsi ad una donna che poteva rischiare la pelle. è la seconda volta che sento una cosa del genere in pochi giorni, l'altra riguarda un uomo non famoso, un semplice professionista, che volveva giocare in modo un pò insolito e per poco non manda al creatore la sua "vittima" e ovviamente non chiama soccorsi e anzi sparisce per giorni.

guggenheim ha detto...

carino l'articolo della stampa

hihihihihihihi

ora so mazzate dalla mogliettina

prosit
gugge

guggenheim ha detto...

Non ricordo + chi lo disse.

In italia lo svizzero fa l'italiano
In svizzera l'italiano fa lo svizzero.

Meditate gente meditate

ps: ieri sera ho visto W l'italia su rai3 http://www.wlitaliadiretta.rai.it/R2_HPprogramma/0,,1067092,00.html

Mi devo ricredere

Chiara forse hai ragione potremmo vivere in un mondo migliore se nel cda ci fossero solo donne ovvero al 50%. Peccato che le uniche al comando sono uomini in gonnella.

prosit
gugge

Chiara di Notte (Klára) ha detto...

Gia' infatti: il 50% di uomini in gonnella gia' bastano per le pari opportunita'. Adesso mettiamoci le donne :-))

guggenheim ha detto...

cmq la vedo dura... per voi donne

prosit
gugge

Chiara di Notte (Klára) ha detto...

Non saranno peggio di quelli che scrivono nel blog di Giubizza o negli immondezzai vari.

Io sopratutto la vedo dura per "voi" uomini :-)))

guggenheim ha detto...

pure il grillo nazionala ha scritto 4 righe..... a suo modo però

hihihihihihhihi

http://www.beppegrillo.it:80/2007/07/coca_sesso_e_ud.html

davide ha detto...

Cara Chiara,

"Io sopratutto la vedo dura per "voi" uomini".
Perche? Non so se questa tua frase sia ironica oppure no. Comunque, tranne per un 5% di uomini che stanno nel CdA, l'altro 95% -se si realizzasse il tuo nuovo CdA- dovrebbe stare meglio o, nell'ipotesi peggiore, rimanere uguale a prima (di certo il CdA femminile non potrebbe fare peggio di quello maschile).

Tanti saluti dal tuo Davide

Chiara di Notte (Klára) ha detto...

Il VOI era virgolettato.

Chiara di Notte (Klára) ha detto...

Aggiorno con questo nuovo articolo del Corriere QUI

Misura la forza della tua Password

Oggi mi sento un po' cosi'...

Oggi mi sento un po' cosi'...

Tokaj-Hegyaljai Borvidék

Áldott tokaji bor, be jó vagy s jó valál, Hogy tsak szagodtól is elszalad a halál; Mert sok beteg téged mihely kezdett inni, Meggyógyult, noha már ki akarták vinni. Istenek itala, halhatatlan Nectár, Az holott te termesz, áldott a határ! (Szemere Miklós)

A Budapesttől mintegy 200 km-re északkeletre, a szlovák és az ukrán határ közelében található Tokaj-Hegyaljai Borvidék a Kárpátokból déli irányban kinyúló vulkanikus hegylánc legdélebbi pontján fekszik. A vidéket és fő községeit könnyen elérhetjük akár autóval (az M3 autópályán és a 3-as úton Miskolcig, onnan a 37-es úton), akár vonattal (több közvetlen vonat indul Budapestről és Miskolcról)

Web Statistics