martedì 12 giugno 2007

13
comments
Donne desiderate



“Ci sono donne che si vendono pur non prendendo soldi e donne che, proprio perche’ i soldi li prendono, non si vendono mai”

Il punto e’ proprio questo e sono quei “paletti” che vengono messi, e che stabiliscono i confini, che fanno del rapporto mercenario (quando liberamente scelto) un’espressione di liberta’ e d’indipendenza... e non solo.

Credo che questa affermazione, che contraddice le tesi di chi giudica la professione di prostituta infamante e degradante, fara' arrabbiare ben piu’ di una persona.

Fatto e’ che “chi vuol controllare” deve cercare una giustificazione che in parte gratifichi colui (o colei) che e’ controllato in modo che questi possa accettare di buon grado la propria situazione.

Il meccanismo e’ semplice e come tutte le cose semplici e’ efficace: “cara donna, non fare come quelle disperate che vendono il loro corpo in cambio di vile denaro. Loro sono solo delle delle avide peccatrici, reiette della societa'. Donati per amore (e gratis) e sarai apprezzata, stimata, considerata e rispettata”.

Balle! Chi non e’ ipocrita sa che sono tutte balle.

Gli uomini, questi strani animali, hanno la cattiva abitudine di predicare in un modo e razzolare in un altro e dopo aver riempito la testa delle loro compagne (e delle loro figlie) con queste balle li trovi di notte in auto alla ricerca di qualche peccatrice da “caricare su”, oppure sbavanti di fronte ad una lap dancer, oppure incollati davanti allo schermo di un PC a stabilire chi sia piu’ desiderabile fra Alice ed Ester.

Chi pretende poco e' perche' si valuta poco e sara' da tutti considerata poco. Colei che invece stabilisce dei limiti talmente alti da essere quasi irraggiungibile, sara’ apprezzata, stimata, considerata e rispettata…

Ma, soprattutto, sara’ desiderata.

13 commenti :

Baudelaire999 ha detto...

chi pretende molto..deve dimostrare poi di valere molto.. se sarà cosi sarà desiderata/o, stimata/o e rispettata/o.. ma se fa solo la/il furba/o finirà dimenticata/o in un angolino..

e cmq la stima e il rispetto non penso dipendano dalla irraggiungibilità o meno.. ma dalla consapevolezza di avere di fronte una persona con qualità ben definite e di livello superiore.

sai come la penso sugli uomini in generale..e sul fatto di razzolare male..però anche molte donne razzolano male..e sulla storia dell'amore ci marciano alla grande.

però esistono ancora le storie d'amore in cui uomo e donna si amano ingenuamente..............!!!

davide ha detto...

Cara Chiara,

"Chi pretende poco e' perche' si valuta poco e sara' da tutti considerata poco. Colei che invece stabilisce dei limiti talmente alti da essere quasi irraggiungibile, sara’ apprezzata, stimata, considerata e rispettata."

Trovo un po' strana questa affermazione, anche se riconosco che in essa vi sia tanto di vero.

Nella mia frequentazione di escort (mi sembra di capire che ti stai riferendo a quel mondo) mi è capitato di incontrare tante tipe diverse fra loro. Però pretendere molto non è così facile (a meno che non si tratti di una ragazza molto bella) perchè rischi di restare senza clienti. Personalmente mi è capitato di incontrare ragazze belle che mi hanno chiesto tariffe più basse di ragazze meno belle. Comunque, torno a ripetere, non è facile pretendere molto se non si è molto belle. Del resto questo vale in tutti i settori. Sarà anche una BANALITA', ma di certo quando vendiamo qualcosa cerchiamo tutti di prendere il massimo dal compratore: il problema è che lui, invece, vuole darci il minimo.

Tanti saluti dal tuo Davide

Sir Archibald ha detto...

Essere "desiderata" dici?
Ma da chi?
E' da chi la cosa importante ... il resto non conta.
Come stai?
Cià :)

Chiara di Notte (Klára) ha detto...

chi pretende molto..deve dimostrare poi di valere molto.. se sarà cosi sarà desiderata/o, stimata/o e rispettata/o.. ma se fa solo la/il furba/o finirà dimenticata/o in un angolino..


Ovviamente!

Mica stavo parlando di millantatrici :-)

Ma in caso sia evidente il valore e' giusto che una persona si "sottovaluti" solo perche' il CdA la convince che "certe cose" non vanno pagate?... DA LORO ! :-))

Chiara di Notte (Klára) ha detto...

Sarà anche una BANALITA', ma di certo quando vendiamo qualcosa cerchiamo tutti di prendere il massimo dal compratore: il problema è che lui, invece, vuole darci il minimo.


Il fatto e' che "certe cose" vanno oltre la natura di "beni di consumo" ed assumono "valori" che non vengono determinati dalla legge di mercato.

Chiara di Notte (Klára) ha detto...

Essere "desiderata" dici?
Ma da chi?
E' da chi la cosa importante ... il resto non conta.


Questo e' proprio il concetto che cercano di inculcare alle ingenue.

Nella "professione", in cui non e' importante il CHI ma il QUANTO (ovvio che se ci sono entrambi e' meglio), le vere professioniste non si fanno certo intorbidire il cervello :-)))

Sir Archibald ha detto...

Intendevo solamente ... "farsi desiderare da chi vogliamo essere desiderati" ... poi sei tu che "quantifichi" ... sempre :)
Buona giornata Lady Chiara

davide ha detto...

Cara Chiara,

1) "da un punto di vista oggettivo, e dando ad ogni cosa il giusto valore, direi di si'. Considerata la partecipazione che alcune ragazze mettono, scommetto che, nel preparare un "panino" a volte, c'e' piu' "amore".
La differenza fra eseguire un mero esercizio di sesso orale e pulire i bagni pubblici in una stazione ferroviaria?
C'e'... ti assicuro. E' il conto in banca."

2) "Il fatto e' che "certe cose" vanno oltre la natura di "beni di consumo" ed assumono "valori" che non vengono determinati dalla legge di mercato."

Scusami, ma non ti sembra che queste due affermazioni siano un po' in contraddizione.

Se fare panini o, perdonami la volgarità, fare pompini è più o meno la stessa cosa, tranne naturalmente il conto in banca, perchè "certe cose" non dovrebbero rientrare nella "legge di mercato"?

Tanti saluti dal tuo Davide

Chiara di Notte (Klára) ha detto...

Se fare panini o, perdonami la volgarità, fare pompini è più o meno la stessa cosa, tranne naturalmente il conto in banca, perchè "certe cose" non dovrebbero rientrare nella "legge di mercato"?


Non ho mai visto un uomo perdere la testa per un panino...

Per un pompino si' :-)))

E ti assicuro che quando accadeva costui non seguiva le leggi di mercato... ma di un'altra cosa :-))

davide ha detto...

Cara Chiara,

"Non ho mai visto un uomo perdere la testa per un panino...
Per un pompino si' :-)))
E ti assicuro che quando accadeva costui non seguiva le leggi di mercato... ma di un'altra cosa :-))"

Quello che dici è vero, però questo credo che funzioni solo con le donne molto belle e affascinanti come te.

Comunque le donne del tuo livello (intelligenti e belle) sono solo una piccola minoranza; la grande maggioranza delle donne deve piegarsi alle leggi di mercato se vuole lavorare (a questo mondo non regale niente nessuno: questo vale per le donne come per gli uomini).

Tanti saluti dal tuo Davide

Chiara di Notte (Klára) ha detto...

credo che funzioni solo con le donne molto belle e affascinanti come te.

Grazie del complimento. Lo ritengo valido solo per la seconda affermazione (affascinante) poiche' questa puo' essere colta anche da cio' che scrivo, mentre sul "bella" non hai prova che lo sia.
Ritengo infatti di essere "normale" almeno per gli standard delle mie "sorelle".

donne del tuo livello (intelligenti e belle) sono solo una piccola minoranza

Tralasciando il "bella" ti ringrazio ancora per la considerazione che hai di me. In effetti cio' che puo' trasparire da uno scritto non e' tanto la bellezza ma (come ho detto) il fascino e l'intelligenza.

Non credere comunque che siano cosi' poche le donne "intelligenti". Ce ne sono tantissime (parlo ovviamente per quelle con le quali ho "radici comuni").
E ce ne sono anche molto belle e molto intelligenti. Forse non ne conosci perche' non rientrano nel tuo "raggio d'azione" :-)

Chi si piega alla "legge di mercato" in una professione che ha caratteristiche molto simili a quelle artistiche (vorrei ancora una volta tirare fuori le devochke da bidone della monnezza dove ripetutamente si cerca di farle stare) non dimostra certamente intelligenza.
Se quelle che hai conosciuto si comportavano in tal modo hai ragione a dire che non erano molto intelligenti.

Conosco delle "ragazze" che con la loro "finta ingenuita'" e la loro "apparente scarsa intelligenza" sono riuscite a spolpare "intelligenti e capaci" imprenditori e professionisti di di successo che ritenevano di avere in mano le "redini del gioco".

Chi fra i due secondo te era piu' intelligente?

davide ha detto...

Cara Chiara,

"Non credere comunque che siano cosi' poche le donne "intelligenti". Ce ne sono tantissime (parlo ovviamente per quelle con le quali ho "radici comuni").
E ce ne sono anche molto belle e molto intelligenti. Forse non ne conosci perche' non rientrano nel tuo "raggio d'azione" :-)"

Prima che si diffondessero i siti internet il mio raggio di azione era limitato quasi esclusivamente alle escort italiane. Da alcuni anni il mio raggio di azione spazia a tutte le escort che si fanno pubblicità sui siti internet.
Però, come ti avevo già detto, io prediligo un certo sito, che tu conosci bene, perchè, in genere, riporta le tariffe delle escort. Questo mi evita l'imbarazzo di dover contrattare il prezzo con l'escort con cui vado: ti sembrerà strano ma discutere di soldi con un'escort mi fa un po' vergognare. Per me non è un problema di soldi, perchè oltre al prezzo ho sempre fatto alle escort dei bei regali (tranne a chi non ha rispettato quanto avevamo concordato: mi è capitato, raramente, di aver stabilito un prezzo per telefono poi però la tipa ha chiesto un prezzo più alto adducendo delle scuse).
Francamente non so se il mio raggio di azione è rappresentativo, però alcune escort - delle belle ragazze rumene - con cui avevo instaurato un sincero rapporto di amicizia, mi avevano confidato che, purtroppo, ben pochi clienti erano generosi come me: anzi una parte consistente provava a chiedere uno sconto. Comunque hai ragione quando dici che la mia esperienza è limitata e quindi quanto ho detto ha un valore relativo; "molto belle e molto intelligenti" ne ho trovate, però ti garantisco che erano una piccola minoranza; la maggior parte erano normali o carine e difficilmente sarebbero riuscite a far perdere la testa ad un uomo.


"Se quelle che hai conosciuto si comportavano in tal modo hai ragione a dire che non erano molto intelligenti.
Conosco delle "ragazze" che con la loro "finta ingenuita'" e la loro "apparente scarsa intelligenza" sono riuscite a spolpare "intelligenti e capaci" imprenditori e professionisti di di successo che ritenevano di avere in mano le "redini del gioco"."

Secondo me le ragazze che ho conosciuto erano intelligenti - certamente più di me - però per riuscire a spolpare a fondo un uomo, secondo me, bisogna essere anche molto belle: anche perchè non vedo in giro tantissimi polli che aspettano di farsi spennare. Probabilmente la mia esperienza è limitata, però forse (nel senso che sei una persona eccezionale) lo è anche la tua: donne intelligenti, forti, affascinanti e coraggiose come te ne ho incontrate (che avessero tutte queste caratteristiche) pochissime.

Per concludere voglio ringraziarti per quello che hai detto, perchè anche se non ho ancora incontrato le donne che hai descritto non è detto che le incontri prossimamente. Terrò tanto in considerazione quello che hai detto e sarò molto gurdingo: del resto ho saputo, di recente, di tipi che si sono fatti spolpare da delle escort russe. Ho deciso che se andrò con delle escort bellissime (ne ho già trovate alcune su dei siti), stabilirò il prezzo prima e non farò più nessun regalo. Da questo momento i regali li farò solo alle escort meno belle, che non hanno la possibilità di farmi perdere la testa e spolparmi.

Tanti saluti dal tuo Davide

davide ha detto...

Cara Chiara,

"Se quelle che hai conosciuto si comportavano in tal modo hai ragione a dire che non erano molto intelligenti.
Conosco delle "ragazze" che con la loro "finta ingenuita'" e la loro "apparente scarsa intelligenza" sono riuscite a spolpare "intelligenti e capaci" imprenditori e professionisti di di successo che ritenevano di avere in mano le "redini del gioco"."

Quello che dici è vero, però bisognerebbe capire cosa che si intende per intelligenza. Tipi specializzati a "spolpare" persone ne ho conosciuti tanti in tutte le professioni: avvocati, banchieri, industriali, medici, politici, affaristi ecc. Ti sembrerà strano ma per me (lo so che la mia esperienza è limitata) le escort le ho trovate più oneste di altre categorie. Credo che una escort bella e intelligente possa fare tanto denaro senza dover "spolpare" nessuno. Naturalmente se è il cliente che vuole a tutti i costi farsi spolpare, la escort non ha nessuna colpa; tempo fa ti ho parlato di gente che si è fatta prosciugare il conto perchè ha ecceduto nella frequentazione delle escort: in questi casi la colpa è solo del cliente (diverso è il caso se l'escort spinge, maliziosamente, il cliente in questa situazione attraverso una specie di "plagio").
Ti faccio notare che dietro la persona "spolpata" tante volte ci sono dei bambini e una moglie.
Resta il fatto che definire intelligenti coloro che "spolpano" le persone, approfittando delle loro ingenuità è debolezze è discutibile.

Nella mia vita ho notato che le persone molto intelligenti non sono ossessionate dalla ricerca del denaro, ma danno più importanza ad altre cose della vita (in fondo siamo qui per così poco tempo e nessuno è mai riuscito a portarsi le ricchezze con sè nel mondo dei più).
Del resto ho conosciuto persone che sono diventate tanto ricche senza per questo essere molto intelligenti; magari avevano altre qualità: intuito, furbizia, "disonestà" ecc.

Per concludere, torno a ripetere che il discorso che ho fatto è generale (anche se ammetto che è un po' banale), perchè riguarda tutti quelli che si approfittano degli altri per arricchirsi, e non è riferito sole alle escort.

Tanti saluti dal tuo Davide

Misura la forza della tua Password

Oggi mi sento un po' cosi'...

Oggi mi sento un po' cosi'...

Tokaj-Hegyaljai Borvidék

Áldott tokaji bor, be jó vagy s jó valál, Hogy tsak szagodtól is elszalad a halál; Mert sok beteg téged mihely kezdett inni, Meggyógyult, noha már ki akarták vinni. Istenek itala, halhatatlan Nectár, Az holott te termesz, áldott a határ! (Szemere Miklós)

A Budapesttől mintegy 200 km-re északkeletre, a szlovák és az ukrán határ közelében található Tokaj-Hegyaljai Borvidék a Kárpátokból déli irányban kinyúló vulkanikus hegylánc legdélebbi pontján fekszik. A vidéket és fő községeit könnyen elérhetjük akár autóval (az M3 autópályán és a 3-as úton Miskolcig, onnan a 37-es úton), akár vonattal (több közvetlen vonat indul Budapestről és Miskolcról)

Web Statistics