venerdì 13 aprile 2007

8
comments
Picchiare la moglie


Di questo si discute oggi.

Voi sapete come la penso riguardo a chi picchia le donne... o in generale a chi picchia solo per il gusto di picchiare. Sapete che mi fanno schifo quegli uomini che esercitano questa forma di violenza su una persona che considerano di loro proprieta' e quindi anche calpestabile.

Ma chi mi fa ancor piu' schifo sono coloro che su questo dramma ci ricamano le battute...

Leggiamo le considerazioni che fa certa gente:

"ma passiamo oltre e concentriamoci sulla notizia che davvero risulta sconcertante....le donne vengono picchiate dal marito, dal loro compagno...i lividi che mostrano sul loro corpo sono il segno evidente di un rapporto allo sfascio, in tutti i sensi....e lo vanno a raccontare proprio a quella callista "sfortunata" che deve pulirgli i piedi, tagliare le unghie, far loro la ceretta...etc ....etc.... "

Cioe', la cosa sconcertante non e' che il loro compagno le meni (questo e' NORMALE)... la cosa sconcertante e' che LO VADANO A RACCONTARE ALLA SFORTUNATA ESTETISTA...

Resto basita.

Piu' leggo certa gente e piu' mi rendo conto che cio' che ho in mente e' giusto...

8 commenti :

Baudelaire999 ha detto...

"..vorrei poter amar l'umana razza..vorrei poter amar la sua stupida faccia.."

citazione da un personaggio di agata christie.

le miserie dell'umana razza non finiscono mai di sorprendere in effetti..

davide ha detto...

Cara Chiara,

leggendo il tuo articolo “Picchiare la moglie” e quanto detto da alcuni babbei di EF, vorrei fare alcuni commenti.

Credo che quanto hanno scritto alcuni ritardati di EF non meriti neanche di essere commentato: certa gente merita solo di essere commiserata e di andare dallo psichiatra.

Il problema della violenza sulle donne riguarda tutti i paesi, indipendentemente dalle aree geografiche i cui si trovano e dalle religioni che hanno. Però mentre negli stati occidentali la situazione delle donne è migliorata negli stati del terzo e del quarto mondo questo non è avvenuto: anzi in tanti stati, soprattutto quelli mussulmani, la situazione delle donne è peggiorata. In un precedente post hai detto che non ami parlare di cose che non conosci bene come la religione islamica. Io credo che dovremmo tutti informarci su cosa dice questa religione, perché con l’immigrazione attuale dai paesi mussulmani e, soprattutto, grazie al loro tasso di natalità fra non molti anni saranno la maggioranza anche in occidente.

Voglio solo far notare che per il corano è un diritto sacrosanto del marito picchiare la moglie (o le mogli: un uomo può avere quattro mogli). Si tenga presente che per un mussulmano quanto prescrive il corano pervale su qualsiasi legge dello Stato, poiché in questo libro non esiste la distinzione (date a Cesare quel che è di Cesare ....) fra Stato e religione.

Non voglio assolutamente fomentare polemiche fra le religioni, ma porre delle domande e dei problemi reali.


Tanti saluti dal tuo Davide

Chiara di Notte (Klára) ha detto...

Preferirei non addentrarmi in temi che potrebbero portare a discussioni spiacevoli.

Odio qualsiasi forma di discriminazione razziale, religiosa o ideologica o sessuale.

La mia politica personale e' TENERMI LONTANA DA CIO' CHE MI DA FASTIDIO. Cosi' risolvo il problema per la mia esistenza.

Tu dirai: si' , si puo' star lontani ma se poi sono gli altri che vengono a minacciare?

Attendiamo che il problema sia posto.

Bruciare tutto il Medio Oriente con azioni preventive risolverebbe il problema?

Hitler ci provo' con gli ebrei, gli zingari e gli slavi...

Tu sai che che la zona da dove provengo e' POPOLATA quasi interamente da ebrei, zingari e slavi?

E' stata una CARNEFICINA, soprattutto alla fine del conflitto quando i tedeschi lasciarono il "lavoro sporco" ai loro "alleati" delle Croci Frecciate.

Devo essere sincera, a me gli islamici fanno meno paura dei fanatici che inneggiano alle guerre preventive ed alle SOLUZIONI FINALI.

Tutti i musulmani che ho conosciuto io erano persone colte ed educate e dubito picchiassero le loro donne... ma io, si sa, non frequentavo i sobborghi di Kabul.

Tutt'altra cosa invece l'ho rilevata in qualche italiano particolarmente FOCOSO e geloso.

Non e' ne' la razza ne' la religione la causa delle tensioni.

E' solo l'aggressivita che e' condensata dentro l'animo umano... specialmente quello maschile da sempre educato all'arte della guerra.

ED I SOLDI!

Ti pregherei di evitare, d'ora in poi, di portare in questo blog argomenti che sanciscono una SUPERIORITA' di una parte del mondo rispetto all'altra.

Anche fra uomo e donna non esiste una superiorita' dell'una o l'altra parte. Solo due modi diversi di affrontare la vita.

Io ovviamente preferisco il mio e cerco di non soggiacere a quello di chi non si confa' con le mie regole. Ma non lo aggredisco.

Cerco solo di evitarlo.

Comunque i musulmani non saranno mai piu' dei cinesi... alleati con questi ultimi e vedrai che riuscirai a vincere il Risiko.


PS: ricordo che gli Ungheresi furono il baluardo della cristianita' al tempo dell'espansione Ottomana e con questo si guadagnarono il titolo di difensori del Sacro Romano Impero... Ma non viviamo piu' al tempo delle crociate per cui cerchiamo di non tornare indietro di 1000 anni.

davide ha detto...

Cara Chiara,

sono assolutamente contrario a ogni discriminazione razziale, religiosa, ideologica o sessuale.

Ho solo posto un problema reale, che riguarda la violenza sulle donne: se il corano non dice quello che ho detto sopra ritiro tutto e mi scuso, ma se lo dice credo che nascondere la testa sotto la sabbia non serve alle donne che subiscono la violenza.

Quanto alle persecuzioni dei nazzisti ho letto molti libri relativi a questo argomento: in particolare mi ha colpito il libro di Primo Levi "se questo è un uomo".

Sono d'accordo con te che noi italiani non siamo certo meglio degli altri. Io dico solo: discutiamo degli italiani, arabi, cinesi, indiani senza pregiudizi, ma anche senza ipocrisie.

Quanto alle guerre preventive, ti faccio notare che prima della guerra in Irak i cristiani erano liberi e le donne non portavano il velo. Grazie all'invasione americana adesso in Irak i cristiani sono perseguitati e le donne costrette a portare il velo.

Cumunque mi dispiace che tu abbia l'impressione che io abbia dei pregiudizi verso qualcuno.

Io ho solo citato cosa dice un libro sacro riguardo alle donne. Voglio solo discutere del problema della violenza sulle donne senza dover rispettare il politicamente corretto: assolutamente verso tutti e senza pregiudizi.

tanti saluti dal tuo Davide

Chiara di Notte (Klára) ha detto...

@ Davide: se il corano non dice quello che ho detto sopra ritiro tutto e mi scuso, ma se lo dice credo che nascondere la testa sotto la sabbia non serve alle donne che subiscono la violenza.

Dato che non conosco il Corano ti pregherei di citarci la fonte (il brano del Corano) in cui si afferma che la violenza sulla donna e' consentita dalla religione islamica.

Anche se, ad essere sincera, persino nella lettura della Bibbia ci sono brani e passaggi in cui non e' che la donna sia salvaguardata nella sua dignita'...

Il problema non e' QUALE religione ma LA RELIGIONE IN SE'... E la gente che la "gestisce".

Nei Paesi dell'Est essa e' stata a lungo denominata "l'oppio dei popoli"...

Credo che la prima causa di DISCRIMINAZIONE esistente su questo pianeta sia proprio la religione... l'appartenere ad una setta... ad un gruppo di ELETTI incaricati da DIO ad insegnare all'Umanita' la giusta strada... Ed in nome di un DIO qualsiasi gli uomini hanno perpetrato le azioni piu' spregevoli.

Ecco, secondo me questo va contro ogni idea illuministica di LIBERTA' e forse Dio e' solo una giustificazione della barbarie umana...

davide ha detto...

Cara Chiara,

ti cito solo, per non farti perdere tempo, due sure del Corano.

1) IV – 34: Quanto a quelle di cui temete gli atti di disobbedienza ammonitele, poi lasciatele sole nei loro letti; poi BATTETELE.

2) IV – 15: Se qualcuna delle vostre donne avrà commesso atti indecenti portate 4 testimoni contro di loro, e se essi confermeranno tale loro comportamento, chiudetele in casa fino a quando loro non MORIRANNO ..

Tanti saluti dal tuo Davide

Chiara di Notte (Klára) ha detto...

Grazie Davide. E' ovvio che non saro' mai musulmana ne' accettero' come compagno una persona che persegue fedelmente i principi esposti in quella sura.

D'altro canto non accettero' come compagno neanche chi persegue fedelmente certi principi esposti nella Bibbia e nel Vangelo.

Se poi qualche mia "cugina" vorra' legarsi" a tali situazioni saranno fatti suoi.

Cio' nonostante preferirei non portare in questo blog altri argomenti che riguardano temi "religiosi" intesi come "noi siam meglio di loro" perche' in questo contesto NESSUNO E' MIGLIORE.


Ritengo tali motivazioni obsolete e poco attinenti alla realta' odierna se non come matrici del "discorso economico" e del "teatrino" che i potenti del mondo ci hanno abituati a vedere.

La mia risposta su cio' che penso delle religioni l'ho data con il mio commento precedente e sono certa che l'Umanita' viene MANOVRATA da chi di Dio e della religione non gli frega assolutamente nulla.

Conti miliardari alle Isole Cayman, ville a Montecarlo, panfili ormeggiati nei porti, aerei personali, cavalli, auto di lusso, escort supercostose... e POTERE!

Ecco cio' che a questa gente Interessa. Ti assicuro che non sono cosi' SPIRITUALI come vogliono far credere... sono assai piu' TEMPORALI.

davide ha detto...

Cara Chiara,

sono d'accordo con quello che hai detto. Io non ho pregiudizi verso niente e nessuno, solo che ritengo giusto discutere di tutto senza badare al politicamente corretto.

Tanti saluti dal tuo Davide

Misura la forza della tua Password

Oggi mi sento un po' cosi'...

Oggi mi sento un po' cosi'...

Tokaj-Hegyaljai Borvidék

Áldott tokaji bor, be jó vagy s jó valál, Hogy tsak szagodtól is elszalad a halál; Mert sok beteg téged mihely kezdett inni, Meggyógyult, noha már ki akarták vinni. Istenek itala, halhatatlan Nectár, Az holott te termesz, áldott a határ! (Szemere Miklós)

A Budapesttől mintegy 200 km-re északkeletre, a szlovák és az ukrán határ közelében található Tokaj-Hegyaljai Borvidék a Kárpátokból déli irányban kinyúló vulkanikus hegylánc legdélebbi pontján fekszik. A vidéket és fő községeit könnyen elérhetjük akár autóval (az M3 autópályán és a 3-as úton Miskolcig, onnan a 37-es úton), akár vonattal (több közvetlen vonat indul Budapestről és Miskolcról)

Web Statistics