mercoledì 25 aprile 2007

17
comments
Milan


“Gli uomini che inseguono una moltitudine di donne possono facilmente essere distinti in due categorie. Gli uni cercano in tutte le donne la donna dei loro sogni, un’idea soggettiva e sempre uguale. Gli altri sono mossi dal desiderio di impadronirsi dell’infinita varieta' del mondo femminile oggettivo.

L’ossessione dei primi e' lirica: nelle donne essi cercano se stessi, il proprio ideale, e sono sempre e continuamente delusi perche' l’ideale, com’e' noto, e' cio' che non e' mai possibile trovare. Poiche' la delusione che li spinge da una donna all’altra da' alla loro incostanza una sorta di scusa romantica, molte donne sentimentali sono commosse dalla loro ostinata poligamia.


L’altra ossessione e' un’ossessione epica e in essa le donne non trovano nulla di commovente: l’uomo non proietta sulle donne alcun ideale soggettivo, percio' ogni cosa lo interessa e nulla puo' deluderlo. E proprio questa incapacita' di rimanere delusi ha in se' qualcosa di scandaloso. Agli occhi della gente, l’ossessione del donnaiolo epico appare senza riscatto (senza il riscatto della delusione).

Poiche' il donnaiolo lirico insegue sempre lo stesso tipo di donna, nessuno si accorge che egli cambia amante; gli amici gli causano continui malintesi, perche' non sono capaci di distinguere le sue amiche e le chiamano tutte con lo stesso nome. Nella loro caccia alla conoscenza, i donnaioli epici si allontanano sempre di più dalla bellezza femminile convenzionale, della quale si stancano presto, e finiscono irrimediabilmente per diventare dei collezionisti di curiosita'.”


(Nesnesitelná lehkost bytí - Milan Kundera - 1984)


Si' lo so che dal titolo vi attendevate un post "calcistico", ma come sapete sono refrattaria a qualsiasi gioco in cui vi sia una palla che rotola.

L'unico Milan che invece mi piace, e che consiglio a tutti di leggere, e' questo straordinario scrittore.

In certi Paesi le ragazze della mia generazione sono cresciute amando le pagine del suo libro piu' famoso, distribuito quasi clandestinamente a mezzo pagine fotocopiate in modo grossolano che, silenziosamente, passavano di mano in mano.

Quelle pagine, intrise anche del sudore e dei pensieri di persone che non ho mai conosciuto, e forse non conoscero' mai, le conservo gelosamente, un po' sgualcite ed un po'macchiate del te' che bevevo e che distrattamente mi cadeva mentre le leggevo.

17 commenti :

Sir Archibald ha detto...

"... per diventare dei collezionisti di curiosita'.”

Collezionista non direi ma interessato alla "curiosità" ne sono certo.
Ma dura poco, tutto é consumato nell'atto sessuale.
Dopo solo una gran voglia d'andarsene e mai più tornare con la stessa donna.
Anche dimenticare ... quindi niente trofei o collezioni.
Forse solo voglia di scopare senza un "prima" ed un "dopo".

gullich ha detto...

ho riscoperto quel libro grazie a te, e l'estate scorsa mi ha accompgnato in molte riflessioni... il primo commento mi fa ritenere o che non lo si sia letto o che non si sia compreso il sesno del post...

non si parla nè di sesso mercenerio nè di scopate, ma dell'infinito caleidoscopio che è la vita e l'animo maschile e femminile che si raffrontano...

il sesso, per quanto gnocca possa essere l'intrerlocutrice, è alla fine un gioco estremamente noioso... ciò che lo rende davvero attraente sono gli spiragli che apre sull'altro ed in noi.

Una scopata senza un prima o un dopo vale una birra ed infinitamente meno di un'ora passata a leggere un buon libro.

non ci si rovina la vita per un culo, ma per una donna straodinaria si...

gul

Chiara di Notte (Klára) ha detto...

@ Sir Archibald & Gullich:

Non e' ne' una colpa ne' un merito pensarla sia in un modo che nell'altro.

Faccio presente che Kundera descrive in quel modo SOLO gli uomini "che inseguono una moltitudine di donne" e non TUTTI gli uomini.

Ci sono poi quelli che inseguono i buoni libri o una birra o... una sola donna.

gullich ha detto...

non ne facevo una questione di colpe e meriti... semplicemente di congruenza del commento con i libro :) ... mi pareva un libro, anche quando descrive chi insegue una moltitudine di donne, sia abbastanza lontano dalla scopata senza un prima ed un dopo...

Chiara di Notte (Klára) ha detto...

anche quando descrive chi insegue una moltitudine di donne, sia abbastanza lontano dalla scopata senza un prima ed un dopo...


Vebbe' ma Tomáš mica e' un DOCU o un RAFFINATO qualsiasi...
Tomáš e' Tomáš!

Baudelaire999 ha detto...

lo spunto è interessante..però va fatta una premessa..un conto è cercarsi una donna con il corteggiamento qualsiasi esso sia..un conto è cercarla sapendo che pagandola è tua in un certo modo e per un certo tempo.. perchè la differenza non è banale e secondo me va in parte invalida la riflessione dell'autore..

mi soffermo sulla mia parte di "donnaiolo" in cerca di donne a pagamento..

quasi sempre..dopo un incontro mi veniva e mi viene spontaneo chiedermi perchè cavolo lo faccio.. ma non perchè senta di fare qualcosa di sbagliato o immorale..ma perchè..quasi sempre mi tiro addosso..un certo vuoto..una certa malinconia..e spesso penso subito alla prossima volta..e che voglio cambiare..quell'altra che vidi forse ..meglio provare quella..si..
poche le volte che non ho questi pensieri in testa..e mi capita con quelle rarissime persone con cui mi vedo regolarmente da tempo..seppur lasciando parecchio intervallo fra un incontro e l'altro..
mi viene spesso da pensare che questi incontri siano parte della mia lotta contro una certa solitudine che mi perseguita..e che deriva da una certa incapacità di comunicare le mie emozioni quando vorrei e con chi vorrei.. e questaè la solitudine che ti fa prendere strade forse sbalgiate nella vita.. e tu lo sai..ma non riesci a tornare indietro al bivio e prendere a sx invece che a dx..o forse non puoi più farlo..e allora cerchi..alla rinfusa..dove puoi..si forse cerchi quell'ideale..te stesso..anche in una scopata che è solo una scopata ma che in fondo è ciò che muove il mondo da sempre..

sono pensieri di getto partendo dallo spunto di kundera..può essere un pò confusi.. ma realmente su questo argomento è difficile capire fino in fondo..

davide ha detto...

Cara Chiara,

leggendo questo articolo e i relativi commenti, mi ha colpito la frase dell'amico baldaluire999 "dopo un incontro mi veniva e mi viene spontaneo chiedermi perchè cavolo lo faccio", perchè devo confessare che, pure io, sono tanti anni che mi pongo questa domanda.

Baud, secondo me, ha ragione pure quando dice che c'è una grossa differenza tra chi cerca tante donne corteggiandole e chi lo fa a pagamento.

Nella mia esperienza ho conosciuto tanti uomini che corteggiavano tante donne allo scopo di portarle a letto: però dopo averle "scopate" le lasciavano immediatamente e passavano subito a cercare una nuova preda.

A me non piace mai dare giudizi su nessuno, però devo dire le ragazze abbandonate da questi tipi soffrivano molto questa improvvisa rottura: anchè perchè per portarle a letto i corteggiatori gli avevano promesso amore eterno e una favolosa famiglia.

Se uno non può fare a meno di continuare a scopare nuove donne forse è meglio che lo faccia a pagamento, così non fa soffrire nessuno: a dire il vero però io ho sempre avuto l'impressione che questi corteggiatori, in realtà, non cercassero la scopata (questa era una cosa accessoria), ma il gusto della conquista.

Probabilmente mi rendo conto che queste riflessioni non erano proprio affernti al tema che hai posto.

Tanti saluti dal tuo Davide

Sir Archibald ha detto...

Il "primo post" si riferiva esclusivamente ad una frase che nel contesto di questo blog assume un significato ben definito.
Non ha importanza sottolinerare se ho letto il libro oppure no.
Alle 2 di notte ho solo commentato quella frase in questo contesto ... cosi' come lo sentivo.
... perché?
Perché la frase é stata scritta da chi riteneva che la vita, non potendosi ripetere, impedisce agli uomini di correggere i propri errori.
Senza filosofeggiare non la condivido e non mi piace ne mi emoziona quello che Kundera ha scritto.
Tutto qui ...

Sir Archibald ha detto...

... anzi no :)
Ho dimenticato di dire alla persona che ha affermato:

"il sesso, per quanto gnocca possa essere l'intrerlocutrice, è alla fine un gioco estremamente noioso... ciò che lo rende davvero attraente sono gli spiragli che apre sull'altro ed in noi.
Una scopata senza un prima o un dopo vale una birra ed infinitamente meno di un'ora passata a leggere un buon libro."

Una bella scopata non vale nemmeno un milione di birre e nessuna importanza se ha o no un prima ed un dopo.
Affermarlo significa non annoverare il sesso tra piaceri normali della vita ed averne paura quando non é accompagnato dall'alibi del sentimento.

Chiara di Notte (Klára) ha detto...

Una bella scopata non vale nemmeno un milione di birre e nessuna importanza se ha o no un prima ed un dopo.
Affermarlo significa non annoverare il sesso tra piaceri normali della vita ed averne paura quando non é accompagnato dall'alibi del sentimento.


Veramente... una BELLA SCOPATA e' un termine... come dire... grosso?

Le "belle scopate" (intese come uomini che siano in grado di farle) si possono contare sulle dita di due mani e forse neanche... e non dipendono totalmente da fattori meramente "fisici". In senso che per quanto un uomo possa essere dotato se non scatta il feeling e' solo noia... oppure soldi... o tutti e due :-)))

Intendo dire che gli uomini "capaci" sono ahime' cosi' rari che anche una che ha esercitato se li ricorda praticamente tutti...

Sono o non sono una romanticona? :-)))

Se tu affermi che invece le "belle scopate" sono la maggioranza e che sono le scopate noiose la rarita', o hai avuto maggiore fortuna di me con gli uomini o ti accontenti di poco :-)))

Sir Archibald ha detto...

Bello non é un termine ma un aggettivo.
Bello indica tutto cio' che non é brutto o normale e quindi risulta "al di fuori della media".
L'aggettivo ha un significato assoluto ed oggettivo ma un'interpretazione soggettiva.
Un uomo che a tuo parere é un amante eccezzionale puo' non esserlo per un'altra donna.
O pensi che i tuoi parametri e la tua capacità di giudicare siano assoluti ed oggettivi?

Eppoi ancora questa storia degli amanti capaci cosi' difficili da trovare.
Ma pensi che tutte le donne siano invece fenomenali?

... e non farmi affermare cose che non ho detto :)))
Io non affermo nulla ... mi sono limitato a dire che paragonare una scopata ad una birra é ... lasciamo stare và :)

gullich ha detto...

la persona che ha affermato "il sesso, per quanto gnocca possa essere l'interlocutrice, è alla fine un gioco estremamente noioso" risponde... :)

grazie per la veloce e rapida psicoanalisi. Annovero il sesso fra i maggiori piaceri della vita, laddove al sesso si attribuisca un contorno - che non è il sentimento - ma un contesto emozionale e sensoriale che metta in rapporto due esseri umani. evento non usuale nella scopata libera, direi eccezionale nella scopata a pagamento.

Siccome la persona che ha scritto "Ma dura poco, tutto é consumato nell'atto sessuale.
Dopo solo una gran voglia d'andarsene e mai più tornare con la stessa donna.
...Forse solo voglia di scopare senza un "prima" ed un "dopo"" rendeva l'idea della scopata come mero infilarlo in un buco, mi permettevo di rilevare che a mio avviso quella non era la chiave di lettura migliore del libro e che , sempre a mio avviso, la mera attività ginnica sessuale (quindi il 101% delle scopate a pagamento) sono una attività in se mortalmente noiosa ove non abbia un prima un dopo ed un durante che coinvolga il sè...non necessariamente secondo parametri di sentimento o di durata nel tempo.

ndr il tono è volutamente da trivio per unifore il testo ai commenti precedenti :)

gul

Chiara di Notte (Klára) ha detto...

Eppoi ancora questa storia degli amanti capaci cosi' difficili da trovare.
Ma pensi che tutte le donne siano invece fenomenali?


veramente fra noi due quello entusiasta delle scopate senza ne' prima ne' dopo eri tu...

per quanto riguarda le donne... beh diciamo che ho avuto la fortuna di poter provare a "tutto campo" e, ad essere sincera, ne ho trovate di assai stimolanti... se non altro non hanno pretese assurde di essere le migliori al mondo.

Sir Archibald ha detto...

Una scopata senza prima o dopo non puo' essere una bella scopata?

Non vorrei che aveste frainteso.
Il prima ed il dopo rappresentano solo i sentimenti o quelli che pensiamo (o c'illudiamo) essere dei sentimenti, null'altro.
Ed il "dura tutto poco" si riferiva esclusivamente al sesso venale.
Ma che complicati che siete oggi :)))
Chiara, l'aver provato a tutto campo significa ben poco o vorresti dirmi che sei capace d'esprimere lo stesso giudizio di un uomo?
Non ci credo ...:)))

Domani parto prestissimo e per stasera basta.
Ci sentiamo domenica sera sperando che possa scoprire cosa succederà tra Olga e la giovane coppia che da tempo oramai :( l'aspetta trepidante nella camera d'albergo in quel del Principato.


Allez ... soyez cool et ne vous compliquez pas trop la vie les amis :)

Chiara di Notte (Klára) ha detto...

Chiara, l'aver provato a tutto campo significa ben poco o vorresti dirmi che sei capace d'esprimere lo stesso giudizio di un uomo?

assolutamente no.

ma questo vale a maggior ragione per te.

io posso dire che le donne, dentro al letto, sono "meno squallide e noiose" di una quasi totalita' di maschietti (a parte taluni fuoriclasse che come ho detto sono molti, molti di meno di quanti si autoproclamano tali)


Puoi affermare il contrario perche' hai avuto esperienze omosessuali o ti fidi?

Baudelaire999 ha detto...

intorno alla scopata gira il mondo.. da sempre..

personalmente ho fatto tante belle scopate.. anche a pagamento.. ero li per quello.. e spesso ne è venuta davvero una bella scopata.. in quel momento non c'era ne prima ne dopo..

è quando esci che inizi a pensare la prima e al dopo.. e devo dire che pensieri simili li ho anche se vado con una donna senza pagare..

noi italiani spesso diamo al sesso e alla scopata un significato fuorviante.. perchè siamo intrisi della morale cattolica che in italia è nettamente dominante.. ma.. è strano..perchè io vorrei sapere chi ha fatto del gran sesso con la donna che ama??? io no..o perlomeno non meglio che con avventure a pagamento e non..

eh si che quando scopo off-line poi cerco qualcos'altro alla fine..forse l'amore che non c'era li in quel momento.. ma poi quando ho l'amore il sesso forse non è cosi bello..

forse lo sbaglio è questo connubio forzato sesso-amore..

l'amore è qualcosa di diverso.. che non dipende dal sesso..ma sta ad un livello diverso.. il sesso in fondo è l'invenzione di madre natura per farci sopravvivere nel tempo.. ed è normale che l'uomo lo cerchi..e provi piacere nel farlo..anche senza amore.. se non fosse cosi la sopravivenza della specie sarebbe a rischio..è un'esigenza fisiologica il sesso..

l'amore.. ce lo siamo inventati noi umani.. e non abbiamo ancora capito se è una questione di chimica..o di filosofia..

ma la bella scopata esiste.. ed esistono gli uomini che la sanno fare..il segreto è nel coraggio di lasciar parlare la nostra parte femmina..

gullich ha detto...

"ma.. è strano..perchè io vorrei sapere chi ha fatto del gran sesso con la donna che ama??? io no..o perlomeno non meglio che con avventure a pagamento e non.."

premetto che prendo spunto da questa affermazione per una riflessione astratta e che non è un attacco perosnale, così almeno (forse) evitiamo il flame.

trovo sconcertante questo tipo di affermazione, che peraltro ho visto frequentemente nel mondo delle discussioni sul payforsex: il primo riflesso istintivo è chiedermi "affermare questo significa o non aver mai fatto sesso davvero o non aver mai amato"... poi ovviamente, dato che la riflessiione è molto elementare e da scimpanzè, accendo la componente razionale del mio unico neurone e mi chiedo perchè si afferma questo?

il sostenere di non aver mai fatto un sesso soddisfacente davvero con la donna che si ama o comunque non meglio che con una qualsiasi donzella a pagamento a me pare pura contraddizione in termini: amore, anche se nei post sopra si tende a dare una connotazione moralista e cattolica a questo termine, è nella mia personale accezione una compenetrazione fisico/chimico/emotiva che mette in comunicazione assoluta due esseri umani. Che poi possa portare o meno al desiderio e volontà di condividere l'esistenza e quanto quella compenetrazione possa durare è conseguenza di quella situazione e non componente ed è conseguenza che in questo particolare contesto può essere irrilevante.

ma come si possa pensare di fare miglior sesso con una persona vista presa e pagata piuttosto che con la persona con cui si ha totale compenetrazione è dato che francamente mi sfugge: una delle componenti dell'amore è (per le rarissime volte che sono stato innamorato) una componente fisica sconvolgente ove ogni centimetro quadrato di pelle della donna che si ama, ogni sensazione tattile olfattiva visiva è appagamento insieme al piacere mentale.

Lo so che mi si obietterà "ma io amo una che tromba solo in una posizione tre volte l'anno, eppure la amo. Allora trombo divinamente meglio con la escort ipergnocca (Altro requisito indispensabile della escort, atteso che non ho mai capito chi si accompagna a escort men che decenti n.d.r.) che mi fa i fuochi pirotecnici sopra": forse sarebbe opportuno interrogarsi quanto quella situazione che si sta vivendo sia amore o quanto non sia altro ... e l'argomento si avvicina magicamente ad uno che ha dato luogo a infinite discussioni qualche tempo fa, ovvero il marito lieto a casa e fedifrago. Così come amore è compenetrazione totale è anche sincerità totale, complicità assoluta.

Fra la scopata con la donna che si ama e la scopata a pagamento vedo la stessa differenza che c'è fra un tramondo goduto sulla cimna del monte bianco ed il poster dello stesso tramonto appeso in salotto e guardato dal divano: se non si è in grado di comprenderne la differenza e addirittura si reputa più piacevole e soddisfacente quello in foto perchè più comodo e senza un prima e un dopo io credo sarebbere meglio cominciare ad uscire e prendere un pò d'aria, fare un giro sul montarozzo dietro casa e capire che il mondo ha orizzonti più vasti.

la religione c'entra una beata fava, la morale cattolica pure, si tratta solo di vivere la vita sino in fondo e non accontentarsi di una rappresentazione.

E' capitato anche a me di fare qualche scopata piacevole o bella, con qualche fanciulla di passaggio... perchè era bella, perchè c'era intesa chimica, perchè comunque era persona con cui c'era anche comunicazione non verbale ma era un fase limitata e circoscritta che lontanamente ricordava il sapore di una bella scopata... MAi magiate le seadas in sardegna, appena preparate, calde con il miele locale, il rpofumo di macchima mediterranea, la luce bassa sul mare e il sumore della risacca? ecco la bella scopata occasionale era al confronto le seadas comprate al supermercato e fritte a casa con il rumore del tram che passa in strada... mancava un prima e un dopo di luci, profumi, colori che solo in sardegna ci sono...

figuriamoci poi la scopata a pagamento. Belle per carità, ci sono anche piacevoli fanciulle che sono gran gnocche ed eccellenti scopatrici. Ma, se parliamo di payforsex, è nulla più che un bigmac per placare una fame temporanea o darsi un contentino in un periodo di vuoto affettivo (mi mangio una porcata che son triste...)

non lo trovo affatto un binomio forzato il sesso/amore, ma l'unico binomio naturale... un binomio in cui poi ognuno mette gli ingredienti e i colori che vuole che vuole ma che è essenzialemnte fusione, anche fisica .... il resto sono divagazioni sul tema... dove ognuno mette i propri limiti attribuendoli di volta in volta alla situazione piuttosto che a se stesso.

e alla fine, mi pare che kundera non vada molto lontano da questo, anche se descrive scenari diversi...

just my opinion

gul

Misura la forza della tua Password

Oggi mi sento un po' cosi'...

Oggi mi sento un po' cosi'...

Tokaj-Hegyaljai Borvidék

Áldott tokaji bor, be jó vagy s jó valál, Hogy tsak szagodtól is elszalad a halál; Mert sok beteg téged mihely kezdett inni, Meggyógyult, noha már ki akarták vinni. Istenek itala, halhatatlan Nectár, Az holott te termesz, áldott a határ! (Szemere Miklós)

A Budapesttől mintegy 200 km-re északkeletre, a szlovák és az ukrán határ közelében található Tokaj-Hegyaljai Borvidék a Kárpátokból déli irányban kinyúló vulkanikus hegylánc legdélebbi pontján fekszik. A vidéket és fő községeit könnyen elérhetjük akár autóval (az M3 autópályán és a 3-as úton Miskolcig, onnan a 37-es úton), akár vonattal (több közvetlen vonat indul Budapestről és Miskolcról)

Web Statistics