lunedì 2 aprile 2007

29
comments
I sette vizi capitali


Divento furibonda con chi osa dire che sono irascibile e non ho voglia neanche di poltrire.
Al solo pensiero lussurioso ho un orgasmo e se penso al peccato di gola mi viene l’acquolina in bocca.
Non ho niente da dare a nessuno… non do dell'avara neanche a me stessa.
Sono invidiosa di chi non invidia nessuno e sono orgogliosa della mia superbia.

Che donna sarei senza i miei vizi?

29 commenti :

Matteo ha detto...

Se non fosse che la tua avidità inizia a vacillare. :D

Ma di ciò sono orgoglioso.

Nice&Nasty ha detto...

Chi in tutta coscienza può affermare di non cedere ad almeno 4 o 5 dei vizi capitali?
A parte questo, io diffido sempre di chi non ha qualche vizio visibile. Generalmente, sono coloro che hanno serie turbe psichiche o qualche grave vizio nascosto!

Chiara di Notte (Klára) ha detto...

@ Nice&Nasty: Posso dirti che NESSUNO puo' affermare di NON AVERLI TUTTI E SETTE senza essere bugiardo.

Davvero io DESIDERO averli tutti e sette... e li ho.

Baudelaire999 ha detto...

1)Superbia : si intende la ipervalutazione della propria persona e delle proprie capacità, correlata ad un atteggiamento "di superiorità" verso gli individui considerati inferiori.

sono superbo..reputo gli interisti esseri inferiori!!!

2)Avarizia : è la scarsa disponibilità a spendere e a donare ciò che si possiede.

manco la mancia ai semafori do!!!

3)Lussuria : è l'abbandono lascivo al piacere sessuale. Nella società occidentale il termine lussuria non è più molto usato, in quanto si ritengono normalmente accettabili i comportamenti sessuali che coinvolgono adulti consenzienti.

praticamente vivo di lussuria.

4)Ira : (o rabbia) si indica uno stato psicologico alterato, in genere suscitato da un elemento di provocazione, capace di rimuovere alcuni dei freni inibitori che normalmente stemperano le scelte del soggetto coinvolto.
L'iracondo è caratterizzato da una profonda avversione verso qualcosa o qualcuno

mettetemi davanti un impiegato del comune, delle poste, un vigile e capirete cosa significa "profonda avversione verso qualcosa o qualcuno"...

5)Gola : è il desiderio di ingurgitare più di quanto l'individuo necessita. È l'ingordigia di cibi e bevande.
I simboli che rappresentano la gola sono il maiale e il colore arancione.

ho bevuto e sono finito in una stanza d'ospedale. mangio come un maiale ma non ingrasso.

6)Invidia : è un sentimento malevolo nei confronti di un'altra persona o gruppo di persone che possiedono qualcosa (concretamente o metaforicamente) che l'invidioso non possiede.

invidio chiara che si è bevuta un grasshoper (con una p..) con olga!!

7)Accidia : indica l'avversione all'operare mista a noia e indifferenza. L'etimologia classica del termine lo fa derivare dal greco: a (alfa privativo = senza) + kédion (= cura), sinonimo di indolenza. Il significato del termine è oggi vago, ma resta fortemente connotato, nelle culture cristiane, di implicazioni moralistiche e negative, nel cattolicesimo, infatti, è un vizio capitale costituito dall'indolenza nell'operare il bene.

ma volete spiegare a baud cos'è l'accidia????????

Chiara di Notte (Klára) ha detto...

GRASSHOPPER

con due P :)))

Baudelaire999 ha detto...

GRASSHOPPER After dinner (cocktail glass)
2.0 cl Créme de menthe (green)
2.0 cl Créme de cacao (white)
2.0 cl Fresh cream
Pour all ingredients into shaker filled with ice. Shake briskly for few seconds. Strain into chilled cocktail glass.


INVIDIO C_D_N che ha sempre ragione!!!!

Kamavirya ha detto...

Ma del resto anche io "...so resistere a tutto, tranne che alle tentaazioni..." (Oscar Wilde docet ;-)).

E soprattutto sarebbe una noia mortale dover vivere senza cedere ad uno (o a più...o a tutti) questi "curiosi" peccatucci...

Basta però che non si faccia la fine delle vittime di "SEVEN"...sarebbe decisamente inoppurtuno :-S

KAM

Chiara di Notte (Klára) ha detto...

Adesso che il ghiaccio e' stato rotto, ed avete appurato che avere certi vizi non e' deprecabile, faccio riflettere su un fatto: ci sono scusanti per la pigrizia, l'ira, la gola, la superbia e persino l'avarizia. La lussuria addirittura non e' neanche considerata un vizio ma un PIACERE....

Ma ce n'e' uno di cui quasi tutti si vergognano: L'invidia.

Se domandiamo a qualcuno/a se e' invidioso/a quasi sempre dira' "NO, IO NO... GLI ALTRI LO SONO DI ME".

Invece INVIDIOSI/E, prima o poi, lo siamo tutti/e. E come con gli altri vizi non dovremmo vergognarcene.

Ma la domanda e': PERCHE' LA GENTE SI VERGOGNA DI QUESTO VIZIO?

Cos'ha di diverso l'invidia dalla lussuria sul piano dell'accettazione interiore?

Baudelaire999 ha detto...

ammettere di essere invidiosi è un pò come ammettere una certa inferiorità rispetto a qualcuno..no??
forse per questo nessuno si reputa mai invidioso..

sarebbe bello un confronto fra i vizi capitali nelle varie macro-aggregrazioni culturali presenti nel mondo..prevedo grosse sorprese!!

Chiara di Notte (Klára) ha detto...

@ Baudelaire: E che ci sarebbe di male ad ammetterlo?

Io sono sicuramente inferiore alla Sklenarikova e allora?

Non mi resta altro che esserne invidiosa...

Non si puo' far altro.

Il discorso di ACCETTARSI e' valido ma non evita che una persona, pur accettandosi, possa invidiare.

Vedo l'invidia un sentimento "naturale" ed umano...

Forse il piu' umano dei sette vizi.

Forse e' per questo motivo che la gente si vergogna? Si vergogna della propria UMANITA'?

Baudelaire999 ha detto...

vedo un conflitto di interessi con la superbia.. e alla fine forse vince la superbia..che si porta dietro l'invidia..

la mia impressione è che di solito si ammette l'invidia verso qualcosa di irraggiungibile..di talmente elevato che è quasi etereo..mentre quasi mai si ammette l'invidia verso qualcosa che ci è vicino..qualcosa con cui ci rapportiamo spesso..

Chiara di Notte (Klára) ha detto...

@ Baudelaire: Vuoi forse dire che io nel web sarei invidiata?

E che quindi tante persone che mi hanno dato contro nei forum l'hanno fatto solo perche' invidiose di me?

:)))) bene!

OH QUANTO SONO SUPERBA!

Baudelaire999 ha detto...

..c'è anche un detto vecchio come il mondo.. "chi disprezza compra"...eheheheheeh

Chiara di Notte (Klára) ha detto...

Sicuramente un detto italico... oppure inventato da chi tutta la vita si sente disprezzato.
Almeno ha una speranza :))))

Io cio' che disprezzo lo butto nel cesso e tiro l'acqua :)))

E compro solo cio' che apprezzo... e devo apprezzarlo tanto.

Baudelaire999 ha detto...

"E compro solo cio' che apprezzo... e devo apprezzarlo tanto."

torniamo all'avarizia????
superbia..poi invidia..di nuovo superbia..ora avarizia.. è un circolo vizioso!!!

non ne usciamo più!!! eheheheeh

ci stiamo assicurando un bel calduccio per l'eternità.. altro che crisi del petrolio!!!
belzebù le fiamme non le spegne mai!!! e belzebù esiste..!! non ascolti ratzinger??????

Kamavirya ha detto...

@baudelaire: concordo sul fatto che spesso non si ammette l'invidia di qualcosa che è "a portata di mano". Ad esempio il collega/vicino/conoscente che ha una macchina più bella, una casa più grande o uno stipendio migliore. Spesso si tende a dire "ma a me tutto sommato va bene così", quando invece si BRAMA di avere almeno le stesse cose dell'altro. Del resto l'erba del vicino è sempre più verde, no? ;-S

@Chiara: inferiore alla Sklenarikova (o a qualsiasi altro/a)??? E perché mai??? E ciò genera INVIDIA in te? Mmmmmm...faccio un tantino fatica a crederci ;-)


Introdurrei un ulteriore vizio (o peccato): l'IGNAVIA. Che ne pensate? Bastano già i sette di cui a questo post oppure ci infiliamo pure l'ottavo??? ;-)

KAM

Chiara di Notte (Klára) ha detto...

@ Kamavirya: Non puo' esserlo un vizio... io non ce l'ho...

Ed io son certa che i vizi capitali li ho tutti.

L'ignavia pero' no... quindi non e' un vizio capitale...

D'altronde io non ho TUTTI I VIZI... solo quelli capitali.

Per esempio quelli CARDINALI (come stoltezza, l'avidità, la codardia) non li ho.

E non ho neanche i teologali: blasfemia, disperazione, odio

Baudelaire999 ha detto...

..l'ignavia..è un'ARTE!! soprattutto per gli italiani..

Kamavirya ha detto...

Però potrebbe essere una tendenza - più o meno collettiva - a cui il singolo non riesce/vuole ad opporsi.
Un nota enciclopedia online cita anche 7 NUOVI VIZI (!)...Per la serie "non facciamoci mancare niente" ;-)))

KAM

P.S.: poi farai anche un post sulle VIRTU'?

Nice&Nasty ha detto...

Chiara, è molto probabile che l'astio che alcuni nutrono nei tuoi confronti, sia basato sull'invidia. E questo in modo particolare perchè sei donna. I maschietti, culturalmente poco dotati e con scarso acume, che ti attaccano in modo compulsivo, penso non riescano ad accettare che una donna (ORRORE!) si dimostri molto più dotata intellettualmente di loro. Aggiungi la difficoltà nell'esprimersi e nell'argomentare, ed il gioco è fatto!

Sul fatto che ho detto che nessuno resiste ad almeno 4 o 5 dei vizi capitali, e tu dici tutti e sette, è solo perchè sono più buono di te! :-)))
E poi un'altra cosa: anche io sono superbo, non solo tu! :-))

P.S.: quando scrivi queste cose, ti adoro.... Mi vuoi sposare???? ;-)

Chiara di Notte (Klára) ha detto...

poi farai anche un post sulle VIRTU'?

QUELLE LE HO TUTTE :)))))

Chiara di Notte (Klára) ha detto...

Mi vuoi sposare???? ;-)


Ti ringrazio... metto la tua richiesta nel paniere insieme alle altre.... tu sei il numero 845 :)))

Un giorno credo che tirero' a sorte :))))

davide ha detto...

Cara Chiara,

voglio solo farti notare che l'invidia è considerata un peccato soprattutto nelle società cristiane, tante altre civiltà non considerano l'invidia un qualcosa di negativo.

Credo che l'invidia sia uno dei sentimenti più naturali che l'uomo prova.

Anche chi dice di non sentirlo, in realtà lo prova come tutti gli altri.

La differenza, secondo me, sta nel modo in cui riusciamo a controllare questo impulso, evitando che ci rovini l'esistenza (ho visto persone che potevano essere felici e invece si rodevano l'anima dall'invidia).

Per concludere voglio farti una piccola confessione: credo che tu sia (per la tua forza, intelligenza, simpatia, ironia ma soprattutto per il tuo coraggio) la persona che invidio di più.

Tanti saluti dal tuo Davide

Nice&Nasty ha detto...

845? OK, inizio a pensare ad una metodica eliminazione fisica dei concorrenti... :-)))

davide ha detto...

Cara Chiara,

vorrei tornare per un attimo sull’invidia, che considero l’unico vero vizio capitale, perché gli altri, in verità, sono (con l’eccezione della lussuria che è una virtù) solo delle fesserie.

Per capire quanto è potente l’invidia voglio raccontare una parabola che nella mia terra si racconta da sempre.

Un giorno la fortuna bussò alla porta di un paesano e gli disse: ti darò qualunque cosa che mi chiederai, ma sappi che il tuo vicino ne avrà il doppio.

Questo tizio pensò per un mese, giorno e notte, cosa chiedere e alla fine si recò dalla fortuna e gli disse: strappami un occhio, così io ci vedrò ancora, il mio vicino no.

Tanti saluti dal tuo Davide

Sir Archibald ha detto...

Parlare dei vizi degli altri?
No grazie ... ho già molta difficoltà a tenere a bada i miei.

davide ha detto...

Cara Chiara,

vorrei fare una piccola riflessione sul tema dell'invidia. Scusami se faccio riferimento alle Sacre scritture, ma ti assicuro che rimango in tema.


Nel tempo prima del tempo, Dio creò un angelo, Lucifero, Che era il più bello del paradiso: noi umani non possiamo neanchè immaginare quanto fosse bello, potente, intelligente ecc.

Eppure, nonostante questo, provò invidia di Dio e sfidò l'onnipotente per prendere il suo posto.

Ho voluto fare questo riferimento alla religione, anche se me lo avevi vietato, per rilevare quanto sia importante e profondo il problema che hai posto dell'invidia.

Tanti saluti dal tuo Davide

Chiara di Notte (Klára) ha detto...

Il mio intento e' che questo blog sia il piu' "trasversale" possibile.

Ogni riferimento a religioni che inneggino ad una "superiorita" dell'una rispetto ad un altra e' vietato.

Ma fintanto che ci si limita a citazioni senza insultare altre fedi non vedo problemi.

Per tornare all'invidia direi che un altro episodio biblico e' quello di Caino ed Abele.

Nella leggenda e nel mito resta ormai nota la storia di Romolo e Remo e di come il secondo invidiasse il fratello.

Ci sono tanti episodi che trattano il tema dell'invidia e proprio cio' sta ad indicare che questo sentimento non e' extraterrestre.

Per questo coloro che continuano a dire che NON SONO INVIDIOSI oltre che ad esserlo son pure bugiardi...

Come i puttanieri :)))))

IO SONO INVIDIOSA qui lo ammetto... certo che lo sono e non mi vergogno a dirlo perche' so che tutti/e lo siamo.

L'invidia dipende dal momento... dalla situazione. Come l'ira.

Mica mi incazzo se sono da sola e niente e nessuno mi hanno dato motivo di incazzarmi...

Ecco l'invidia c'e' quando esiste IL MOTIVO. Non e' che una persona e' invidiosa senza motivo.

Ed il motivo e' sempre il paragonarsi con qualcun altro.

Le donne sono invidiose delle altrec donne in cio' che credono essere dettagli che loro non hanno. Bellezza, fascino, eleganza... essere guardate ed ammirate dalla platea SUSCITA INVIDIA nell'animo femminile (anche quello racchiuso nel corpo maschile).
Denaro e potere invece suscitano invidia nell'animo maschile (anche quello racchiuso in uncorpo femminile).

Dato che tutti/e siamo un mix sia di femminile che di maschile spesso puo' accadere che un uomo invidi una donna e viceversa.

Nel virtuale poi esiste un altro effetto dirompente: la non certezza di chi si trova dall'altra parte.

Facciamo l'esempio di me... molti non sono certi che io sia "donna", per cui la loro invidia non e' rivolta verso la mia femminilita' ma verso una presunta figura mascolina. Anche se non lo ammettono mi vedono come rivale.

Continuo a ricevere messaggi di insulti da parte dei soliti pisquani; credete forse che perderebbero il loro inutile tempo per scrivermi se non provassero verso di me un qualsiasi sentimento?

E quale sentimento proverebbero se non l'invidia?

davide ha detto...

Cara Chiara,

pure io ti invidio molto, per i motivi che ti ho detto in post precedente.

Però ho cercato di convertire la mia invidia in qualcosa di utile: in primo luogo ascoltando i tuoi consigli e prendento esempio dal tuo stile di vità.

Ho cominciato a farmi insegnare le lingue straniere da quel mio amico e collega che parla perfettamente 10 lingue. Inoltre mi ha insegnato tante cose sulla storia e la cultura dei paesi dell'Est, in particolare Ungheria e Romania (ti assicuro che è una enciclopedia vivente nel settore).

Leggendo i tuoi articoli sto, seppur lentamente, imparando a scrivere meglio. In una risposta a un mio post mi avevi detto che la mattina fai ginnastica: anche se, saltuariamente, ho cominciato a farla pure io.

Certo la strada che devo fare è molto lunga, ma l'importante è che ho cominciato.

Ti sembrerà strano, ma grazie al tuo esempio comincio a diventare un pò più coraggioso: almeno non sono più il coniglio che ero prima di conoscerti.

Mi chiedo perchè anche tutti gli altri che ti invidiano, anzichè perdere tempo a rodersi l'anima, non prendono esempio da te e cercano di imitarti.

Può sembrare paradossale ma l'invidia, se una persona è intelligente, potrebbe essere uno stimolo a migliorare la propria condizione.

Quanto alle religioni sono d'accordo su quello che hai detto, però il rispetto verso tutte le religioni, non deve farci dimenticare gli aspetti negativi che possono avere.

Per me una religione che dice che l'uomo è un gradino superiore alla donna, che un uomo può avere quattro mogli, che il marito può picchiare la moglie, che una donna adultera deve essere lapidata, mi fermo qui perche potrei continuare per un'ora, è una religione che può essere criticata. Ho fatto l'esempio di questa religione e non di altre perchè con gli andamenti demografici attuali i mussulmani fra qualche decennio saranno la maggioranza della popolazione anche in Occidente.

Comunque l'invidia è sempre esistita e sempre esisterà, l'importante è saperla controllare, affinchè non ci renda la vità peggiore.

Tanti saluti dal tuo Davide

Misura la forza della tua Password

Oggi mi sento un po' cosi'...

Oggi mi sento un po' cosi'...

Tokaj-Hegyaljai Borvidék

Áldott tokaji bor, be jó vagy s jó valál, Hogy tsak szagodtól is elszalad a halál; Mert sok beteg téged mihely kezdett inni, Meggyógyult, noha már ki akarták vinni. Istenek itala, halhatatlan Nectár, Az holott te termesz, áldott a határ! (Szemere Miklós)

A Budapesttől mintegy 200 km-re északkeletre, a szlovák és az ukrán határ közelében található Tokaj-Hegyaljai Borvidék a Kárpátokból déli irányban kinyúló vulkanikus hegylánc legdélebbi pontján fekszik. A vidéket és fő községeit könnyen elérhetjük akár autóval (az M3 autópályán és a 3-as úton Miskolcig, onnan a 37-es úton), akár vonattal (több közvetlen vonat indul Budapestről és Miskolcról)

Web Statistics