giovedì 19 aprile 2007

31
comments
Non e' bello cio' che e' bello...


Partendo dalla discussione che si e’ sviluppata in questo mio POST, vorrei spiegare cio’ che puo’ attrarmi verso una determinata persona.

Quando ero escort valeva la regola: “non e’ bello cio’ che e’ bello ma e’ bello cio’ che paga!”. Ovviamente era un discorso che non riguardava i miei gusti personali.

La cosa curiosa e’ che ho gusti diversi secondo se mi trovo di fronte ad un uomo o ad una donna.

Cio’ che ricerco in un uomo, e che me lo fa “piacere”, non e’ l’aspetto fisico, ma la sua capacita a relazionarsi nel modo che mi e’ piu’ congeniale.

Non sto qui a spiegare per filo e per segno ogni minima sfumatura che puo’ attrarmi, perche’ ogni uomo (ma anche ogni donna), come ogni musica, pur essendo composto con le stesse “note”, e’ sempre e comunque una diversa melodia, ma a grandi linee posso elencare quanto segue.
Mi crea repulsione anche se il soggetto dovesse essere fisicamente simile ad Apollo:
  • 1) l’ignoranza
  • 2) la stupidita’
  • 3) l’arroganza
  • 4) la saccenteria
  • 5) il moralismo
  • 6) il machismo
  • 7) tutto cio’ che non fa affiorare quella “dolcezza”, propria della parte femminile che si trova in ogni uomo che abbia preso coscienza di se’.
Mi piace chi:

  • a) mi fa ridere con battute intelligenti
  • b) mi sa insegnare cose nuove
  • c) e’ sincero
  • d) sa essere complice
  • e) mi sa sopportare
  • f) tutto cio’ che fa affiorare la sua parte femminile e la sua capacita’ di integrarla con quella maschile
  • g) … sa far sesso!

Essi’, perche’ nonostante che il 99% dei maschietti siano tutti convinti di essere “speciali” e “bravi”, vi posso dire con certezza che ben pochi sono in grado di saper far sesso. Questo non lo dico solo io ma lo dicono anche molte delle mie amiche che poi nelle confidenze fra donne si lasciano andare e vi assicuro che sono veramente pochi coloro che riescono a creare un “feeling” in quel senso.

Solo che, ahime’, trovare un uomo che abbia tutte le caratteristiche che ho descritto non e’ semplice ed ho imparato a diffidare di chi “si propone” come “articolo” da provare.
Quando capita, e cioe’ quando incontro qualcuno che si propone come il “migliore del mondo” quasi fosse un aspirapolvere, resto basita.
Dal modo in cui questi personaggi non si accorgono di essere ridicoli, comprendo il loro “livello cerebrale”, cosicche’ li scarto per mancanza del requisito di cui al n. 2)

Per le donne e’ diverso. Per loro subentra la componente fisica che e’ preponderante, in senso che una stupida molto bella non e’ mai sullo stesso piano di un cretino molto bello e sara' comunque apprezzatissima.
Questo lo ravviso quando conosco una bella ragazza, e presumo che sia la mia parte “maschile” che mi fa dire cio’, ma anche nei miei confronti ho lo stesso tipo di “approccio”: essere intelligente, arguta, sensibile, simpatica eccetera, ha una certa rilevanza ma tutto cio’ si perderebbe se il contenitore fosse un corpo brutto e sgraziato.

31 commenti :

Robert ha detto...

Mi tuffo nell'argomento, anche perchè il post che l'ha generato è anche un po' farina del mio sacco e perchè, ovviamente, l'argomento mi interessa.
Credo che in generale non esista il partner perfetto, rectius, non esiste il partner oggettivamente perfetto. Ognuno di noi ha caratteristiche, sogni, esigenze, desideri differenti. Questa la si definisce, genericamente, personalità. Se la personalità fosse riducibile ad uno grafico questo assomiglierebbe molto all'indice della borsa di Milano degli ultimi 10 anni: un saliscendi continuo. E' ovvio che diventa, quindi, particolarmente difficile trovare chi ha "un indice borsistico" uguale o solo simile al nostro. Quello che per me è bellissimo per un'altra persona può essere orrendo. Trovare il partner che oltre ad essere bello fisicamente è anche bello, passatemi il termine, intellettualmente è, secondo, me paragonabile a vincere un terno al lotto. Nella mia esperienza ho poi spesso notato che chi è fisicamente oggettivamente bello non è altrettanto gradevole intellettualmente. Non è lo stereotipo "bello=scemo" no, non è questo che intendo dire. Chi è bello fisicamente, normalmente matura una innegabile sicurezza in sè stesso, una migliore capacità di relazionarsi con gli altri e non fa molto per migliorarsi sotto questi aspetti in quanto non ne ha una effettiva esigenza. Chi piace de visu ha sicuramente più opportunità di relazionarsi. Ciò determina in molti casi una spropositata crescita dell'ego che difficilmente si sposa con affabilità, sensibilità, simpatia, disponibilità. Tutte qualità che invece tendono a sviluppare i "meno belli" perchè appunto debbono compensare le loro carenze d'aspetto per fare in modo di essere altrettanto attraenti.
Per ora mi fermo qui.
Scusate se mi sono dilungato eccessivamente.
Un caro saluto.
BJ

JohnLambs ha detto...

La mia situazione si può

riassumere in due delle doti che

elenchi:

la prima

a) mi fa ridere con battute intelligenti

e l'ultima

g) … sa far sesso!

Il guaio è che le due cose spesso

avvengono in contemporanea e

quindi sono giunto alla

conclusione che la mancanza della

ultima dote sia la causa

principale della prima e non

tanto "l'intelligenza" delle

battute.

a.y.s. Bibi

davide ha detto...

Cara Chiara,

leggendo il tuo articolo ho fatto una riflessione sulla mia ignoranza, che a volte mi induce ad avere una visione manichea del mondo.

Alcuni giorni fa mi avevi detto che fare un'equazione mussulmani intolleranza era ingiusto; inoltre mi avevi detto che i tuoi clienti arabi si erano sempre comportati bene con te.

Devo dirti che oggi per la prima volta sono stato con una bellisima escort araba di origini libanesi.

Non ero mai stato con una escort araba (anche se i libanesi sono molto occidentalizzati) e ti assicuro che è stata una bellissima esperienza perchè lei è stata davvero molto gentile e carina (poichè voglio seguire tutto quello che hai fatto tu - lo sai quanto ti invidio - ho voluto baciare questa ragazza: non scendo nei dettagli ma si è trattato di un bacio vero e molto bello).

Ho voluto raccontarti questo episodio perchè, mentre ero con questa ragazza, ho pensato alla risposta che mi avevi dato, a suo tempo, invitandomi a non avere mai pregiudizi.

Quanto al fatto che molti maschietti non sanno fare bene l'amore, credo che potrebbe essere utile la lettura di qualche libro che parla dell'argomento.

I libri che trattano questo tema sono tantissimi; per mia esperienza personale vorrei consigliarne due, che io reputo mi abbiano dato dei buoni consigli per far meglio l'amore:

1) COME FAR L'AMORE A UNA DONNA di Michael Morgenstern;

2) RENDILE FELICE di Linda Lou Paget.

Tanti saluti dal tuo Davide

Sir Archibald ha detto...

Non troppo d'accordo sull'ultima parte, quella del contenitore femminile.
Cos'é questa mania di voler essere perfetti e di cercare persone perfette?
Non continuo perché in questa discussione si cade obbligatoriamente sui dei luoghi comuni.
Otherwise ... mi ha sempre fatto sorridere questa storia dell'amante maschile cosi' difficile da trovare ... ma voi donne siete sicure d'essere tutte delle fuoriclasse?
:)

Sir Archibald ha detto...

Non male Elena ... :) ... ma la canzone un po' meno :(

Chiara di Notte (Klára) ha detto...

ma voi donne siete sicure d'essere tutte delle fuoriclasse

Di solito questo della capacita' amatoria e' un problema che si pongono MOLTISSIMO gli uomini. Forse perche l'uomo ritiene (erroneamente) di avere una parte "attiva" nel sesso.

Finora non ho mai assistito ad una scena, SERIA e non di lavoro, in cui fosse la donna a proporsi come normalmente fanno tanti maschietti (non occorre andar lontano per trovarli, bastano i forum e le chat), cioe' come se vendessero un'aspirapolvere... un'aspirapolvere che poi risulta quasi sempre scassata!

Il fatto che certi uomini incontrino donne (quasi sempre a pagamento) che dicono loro che sono dei FUORICLASSE la dice lunga su dove certi personaggi traggano le loro SICUREZZE.

Per quanto riguarda le devochki, a differenza delle ragazze che non fanno sesso per professione, molte sono particolarmente "portate" a farlo, in senso che hanno meno tabu' e piu' tecnica, magari imparata nell'arco di tantissimi incontri con gli uomini piu' diversi.

Inoltre molte di loro vengono addirittura "istruite" da chi e' piu' "anziana" ed in tal caso si hanno le vere "cortigiane".

Cortigiane non si nasce, si diventa.

Se inoltre queste ragazze ci mettono anche "passione", il risultato e' una miscela micidiale alla quale pochi uomini sanno resistere.

Da qui si comprende bene il motivo per il quale molti arrivano anche a rovinarsi economicamente e psicologicamente.

Soprattutto se le devochki sono, fisicamente, come quelle delle foto :)))

Nice&Nasty ha detto...

Cara Chiara,
sapere fare bene l'amore, per l'uomo, è ANCHE molto una questione di conoscenza della partner. Nei rapporti a pagamento, la cosa è completamente diversa, ma il fatto di creare una vera intesa con la partner, di sapere esattamente cosa desidera, e come è meglio "muoversi", è cosa che viene con il tempo e con la reciproca scoperta dell'altro/a.
Per la donna, nei confronti dell'uomo, la cosa rimane importante, ma in maniera inferiore.
Il compito dell'uomo è inoltre più "impegnativo" data la notevole differenza tra la sessualità maschile e femminile. Dare piacere ad un uomo è senz'altro più semplice; la donna invece, avendo una sessualità più cerebrale, richiede,IMHO, un'attenzione maggiore ed una maggiore "personalizzazione".

Sir Archibald ha detto...

Due risposte per te :)

Che l'uomo possa trarre della sicurezza da un incontro venale é una certezza.
Ma questo non ci accomuna.
Voler dimostrare d'essere un fuoriclasse ad una donna che hai pagato é assurdo.
Per quanto mi riguarda so d'essere pulito, educato e rispettoso della persona che ho davanti e del resto me ne frego.
Pago per me, per la mia dose d'adrenalina e per il il mio eccitamento ... se lei ne vuole approfittare sarà la benvenuta altrimenti approfitterà solamente del mio conto in banca.

Capisco che cortigiane lo si diventa.
Ma pensi veramente che una donna possa conquistare per sempre un uomo solamente con l'aspetto fisico ed il sesso?
Io no.

davide ha detto...

Cara Chiara,

in questi ultimi anni ho visto alcuni uomini rovinarsi economicamente e psicologicamente a causa delle ragazze di cui parli.

Devo dire che una volta (ai tempi in cui qui non cerano ancora le "devochki") questo fenomeno era molto più raro.

Probabilmente hai ragione quando dici che la maggior parte degli uomini pensano di essere bravi amatori: anche se credo sia eccessiva la percentuale del 99% (ho conosciuto anche tanti uomini che avevano dei dubbi rispetto a ciò).

Personalmente io, per non pormi troppi problemi del genere, preferisco andare con le escort dove vige la regola "non è bello ciò che è bello ma è bello ciò che paga" (anche perchè, oltre al prezzo, ho sempre fatto a tutte dei bei regali: pertanto non credo che possano lamentarsi).


Per concludere voglio dirti che - pur essendo vere tutte le osservazioni che hai fatto su noi maschi - a volte ho l'impressione che le donne credono che sia possibile trovare il principe azzurro.

Tanti saluti dal tuo Davide

Chiara di Notte (Klára) ha detto...

Voler dimostrare d'essere un fuoriclasse ad una donna che hai pagato é assurdo.
Per quanto mi riguarda so d'essere pulito, educato e rispettoso della persona che ho davanti e del resto me ne frego.


Se ti tiri fuori mi fa piacere per te ma sapessi quanti dicono cio' che dici tu (per apparire distaccati) e poi nel privato si comportano all'opposto?

Il fatto e' che non e' possibile "capire" se una persona e' sincera se non dopo che hai "provato"... ebbene, dato che non mi e' mai mancata la voglia di provare, io ho provato e QUASI sempre si risolveva in aspirapolvere scassata...

tanto che adesso, annoiata, non mi accontento piu' di cio' che mi viene detto o proposto.

Ho affinato una certa esperienza per capire da pochi dettagli chi porta avanti una recita stereotipata da chi invece ha "sostanza" vera.


Ma pensi veramente che una donna possa conquistare per sempre un uomo solamente con l'aspetto fisico ed il sesso?



Solo bellezza e sesso possono creare un'infatuazione di breve durata...

Solo bellezza e testa creano sicuramente attrazione ma se manca il sesso poi LUI se lo cerca da un'altra parte.

Solo sesso e testa puo' funzionare (almeno da parte della donna), ma per fare del buon sesso un uomo ha necessita' di gradire esteticamente la partner. Quindi sono escluse le intelligentissime- ninfomani che sono dei CESSI :)))

Io ho scritto che se OLTRE al sesso ed all'aspetto fisico c'e' anche la testa la miscela e' MICIDIALE e questo vale sia per l'uomo che per la donna... solo che l'uomo tende a "pagare" per potersi sedere al tavolo da gioco mentre la donna quasi sempre incassa e basta... soprattutto se, come si e' detto, non e' cretina :)))

Chiara di Notte (Klára) ha detto...

che le donne credono che sia possibile trovare il principe azzurro

Oh si'... quello si' :)))

il sogno del principe (o la figura immaginata del principe) e' un archetipo nel cuore di ogni donna(etero o bisessuale che sia).

senza questa figura (che poi e' l'obiettivo ideale verso il quale ciascuna di noi si muove) cadrebbe il motivo per il quale ci rapportiamo con l'uomo invece di trovarci esclusivamente una compagna donna, tanto piu' vicina alla nostra sensibilita' e tanto piu' "complice" in ogni cosa noi volessimo sperimentare.

Ma nessuna compagna donna potra' mai essere "un principe"...

Sir Archibald ha detto...

Io mi tiro fuori per un solo motivo.
Quando la mia testa m'indirizza verso una scopata venale devo solo scegliere secondo i miei parametri o le mie fantasie del momento, comporre un numero di telefono, verificare la sua disponibilità, chiederle quanto vuole e fissare un appuntamento.
E' tutto quello di cui ho bisogno.
Non mi sento obbligato a portarle dei fiori (ridicolo), dei cioccolatini (patetico) o quant'altro.
E'come un contratto ed un contratto null'altro é che un accordo in cui entrambi le parti ottengono un vantaggio.
Io pago e tu mi lasci (come dici tu) masturbarmi sul tuo corpo.
Vuoi masturbarti pure tu?
Allora scopiamo.

Cene, week end o serate ad ululare alla luna o a rifare il mondo le faccio con le donne che hanno voglia di stare con me e non con quelle che pago.
Io non devo "vendermi" ad una donna che pago ... mi sembra limpido come concetto.
Sai Chiara, le donne che ho pagato e con cui sono andato oltre si contano sulle dita di una mano, anzi su 2 dita e allora tutto é stato diverso anzi ... NORMALE.
Allora tutto diventa NORMALE ed una sola cosa conta a questo punto: la sincerità.
Ma questo é un altro argomento.
Un giorno ti raccontero ...
Non ti ripeto l'ossimoro senno' mi sgridi :)

davide ha detto...

Cara Chiara,

può anche darsi ogni donna cerchi il principe azzurro, ma mi chiedo dove siano. Sia ben chiaro che la mia esperienza personale è limitata e non fa testo, ma la maggioranza delle donne che conosco non parla bene dei propri mariti: in genere dicono che sono noiosi e non fanno granchè per farle sentire importanti.

Nei casi che ho visto io l'iniziativa del divorzio partiva quasi sempre dalla donna (poi il fatto che scelgano la via consensuale mi sembra che sia dovuto - per la maggiaranza delle coppie - alla necessità di non buttare via soldi con gli avvocati).

Tante sopportano i propri mariti perchè pensano che un divorzio potrebbe essere un problema per i figli.

Forse sono troppo pessimista, ma questo è quello che io vedo guardandomi attorno.

Tanti saluti dal tuo Davide

Chiara di Notte (Klára) ha detto...

può anche darsi ogni donna cerchi il principe azzurro, ma mi chiedo dove siano. Sia ben chiaro che la mia esperienza personale è limitata e non fa testo, ma la maggioranza delle donne che conosco non parla bene dei propri mariti

Alt!... che c'entrano i mariti con i principi azzurri? :))))

davide ha detto...

Cara Chiara,

un po' centrano i mariti con i principi azzurri, perchè tante donne, prima di sposarsi, credevano che lo fossero.

Ho parlato del matrimonio perchè una donna che non è sposata, se non è contenta del proprio uomo, è naturale che lo lasci.

Comunque ho notato (forse adesso le cose stanno cambiando) che, in genere, in un rapporto di coppia è la donna che insiste di più per cercare il matrimonio (in ogni caso i matrimoni riguardano la maggioranza della popolazione).

Personalmente io sono contrario al matrimonio e, visto il mondo che ci troveremo fra qualche tempo, ritengo sia meglio non fare dei figli.

Tanti saluti dal tuo Davide

Chiara di Notte (Klára) ha detto...

Vedo che l'argomento sta prendendo direzioni diverse da quelle prospettate...

questo post voleva indagare sui dettagli estetici (e non solo) che possono far scattare qualcosa dentro di noi.

per me questi dettagli sono diversi secondo se mi relaziono con un uomo o con una donna.

per quanto riguarda gli uomini prediligo molto l'interiorita',
per le donne piu' l'esteriorita'.

sono portata ad ammirare l'uomo per la sua intelligenza e per la capacita' di relazionare mentre nella donna ammiro le gambe quando sono MOLTO belle...

forse perche' tendo a far paragoni.

Sir Archibald ha detto...

Se lanci la pietra devi aspettarti i cerchi nello stagno :)
Le gambe dici?
Sono d'accordo con te :)

Per ritornare in tema.
Potrei risponderti: "ma cosa vuoi che mi freghi se piaccio o no ad una donna che pago?" ... sarebbe la verità ma solo in parte perché non esiste una sola persona al mondo a cui non faccia piacere ... piacere.
Ma se non piaccio la notte dormo lo stesso :)

Sir Archibald ha detto...

... vorrei continuare a parlarti ma devo uscire.
Buona serata.
;)

Kamavirya ha detto...

Vorrei provare a ricollegarmi al tema iniziale proposto da questa discussione.

Dal momento che anche l'occhio vuole la sua parte è plausibile che sia più facile relazionarsi con un interlocutore che "a pelle" ci trasmette delle sensazioni piacevoli o il cui aspetto estetico ci mette a nostro agio.

Questo però non prescinde dal riconoscere e attribuire un VALORE che va ben oltre l'esteriorità.

@Chiara -> hai elencato una serie di attributi "IN/OUT" (che in buona sostanza condivido) che consentono di riconoscere se la controparte è "titolata" ad avere uno spazio di relazione con noi.

Se è pressoché impossibile trovare una persona che possegga tutte le QUALITA' (forse ne basterebbero la metà...) è invece altrettanto facile imbattersi in individui che rappresentano la SUMMA di tutti i DIFETTI possibili (parlo per esperienza personale…) ma forse dovuto all’estrema validità del detto che "la madre degli idioti è sempre incinta"...

@Robert -> Per riallacciarmi a quanto detto in apertura di questa lunga serie di commenti, mi piace immaginare che oltre ad una questione puramente "chimica" (se non addirittura alchemica) ci sia una componente "energetica" che consente di percepire la presenza dell’altro nel proprio spazio e consentire che gradatamente si crei una sorta di "amalgama" che ci porta ad essere in sintonia l’uno con l’altro.

Ciò vale sia indubbiamente in una relazione sentimentale/amorosa ma penso anche in un rapporto di amicizia o complicità.

Concordo con il fatto che i "meno belli" (o devo usare il termine "normali"?) debbano GUADAGNARSI il consenso dell’altra persona e quindi siano anche più propensi a lavorare su sé stessi non tanto per apparire o compiacere quanto per ribadire che sotto un involucro magari un po’ sgraziato ci sono potenzialità e qualità di prim’ordine.

KAM

P.S.: non è da molto che partecipo attivamente alle discussioni del blog di Chiara e ultimamente la cosa mi piace e diverte molto. E quello che scrivo lo scriverei indipendentemente dal "fattore C" (dove C=Chiara); lo faccio perché ritengo che in determinate occasioni ci sia la possibilità di un confronto interessante con persone che nella comunanza o diversità di vedute riescono ad offrire uno scambio che è sempre occasione di notevole riflessione.

JohnLambs ha detto...

Anch'io amo le gambe e come scrissi

in altro luogo, specialmente le

caviglie. Perchè? Non lo so ma non

riesco a non guardare le caviglie

e reputo chi definisce la Marini

una bella donna un incompetente con

seri problemi perchè delle caviglie

così grosse mettono fuori gioco.

Tornando ontopic con il tuo ultimo

commento, devo dire che concordo

sul fatto che le discussioni spesso

prendono direzioni impreviste e non

volute. Spesso si inizia a dire una

cosa molto semplice come "ho fame"

e ti ritrovi a discutere del terzo

segreto di fatima. Ho notato spesso

un tendere sempre a sviluppare

argomentazioni "intelligenti" o

"dotte" o "erudite. Io sono un pò

(anzi molto) ignorante e spesso non

mi prendo molto sul serio ma questa

volta forse ho capito che volevi

solo dire che non guardi solo

l'aspetto esteriore ma che hai

bisogno che scatti un qualcosa in

più. Forse era la ricerca o la

definizione del "qualcosa" in più

il succo del discorso. Sbaglio?

Se sbaglio pazienza, mi corigerete.

a.y.s. Bibi

ugosugo55 ha detto...

può anche darsi ogni donna cerchi il principe azzurro, ma mi chiedo dove siano. Sia ben chiaro che la mia esperienza personale è limitata e non fa testo, ma la maggioranza delle donne che conosco non parla bene dei propri mariti

Alt!... che c'entrano i mariti con i principi azzurri? :))))

ha parlato biancaneve!!!!!!!
:-))))))))

ugosugo55 ha detto...

per quanto riguarda gli uomini prediligo molto l'interiorita',
per le donne piu' l'esteriorita'.

sono portata ad ammirare l'uomo per la sua intelligenza e per la capacita' di relazionare mentre nella donna ammiro le gambe quando sono MOLTO belle...


ho sposato 23 anni fa una donna bella e intelligente dalla quale ho avuto due figlie belle e intelligenti..............
sono 23 anni che ogni mattina metto l'elmetto e vado in guerra e la sera mi addormento crivellato di proiettili

guggenheim ha detto...

ugo@:ho sposato 23 anni fa una donna bella e intelligente dalla quale ho avuto due figlie belle e intelligenti..............
sono 23 anni che ogni mattina metto l'elmetto e vado in guerra e la sera mi addormento crivellato di proiettili.

.zzo! Ugo sono 23 anni che ti dico di mettere la canotta antiproiettile. Ma tu no! Poi ti becchi il colpo della strega!

Gugge

ps: l'erba voglio non cresce nemmeno nel giardino del re.

illustre1966 ha detto...

@ugo: e allora piantala di vivere in libano!!!! :-))))

Baudelaire999 ha detto...

e ti va bene che ti addormenti.. c'è chi i proiettili se li prende anche la notte..

eheheheeheheh

guggenheim ha detto...

@ SIR:"Io mi tiro fuori per un solo motivo.
Quando la mia testa m'indirizza verso una scopata venale devo solo scegliere secondo i miei parametri o le mie fantasie del momento, comporre un numero di telefono, verificare la sua disponibilità, chiederle quanto vuole e fissare un appuntamento.
E' tutto quello di cui ho bisogno.
Non mi sento obbligato a portarle dei fiori (ridicolo), dei cioccolatini (patetico) o quant'altro.
E'come un contratto ed un contratto null'altro é che un accordo in cui entrambi le parti ottengono un vantaggio.
Io pago e tu mi lasci (come dici tu) masturbarmi sul tuo corpo.
Vuoi masturbarti pure tu?
Allora scopiamo."

Io manco le chiedo il nome.
Condivido è un contratto e come tale va prima negoziato poi onorato.

Anche se Donna Chiara sostiene, con giuste argomentazioni femminili, il contrario, lo scambio è cmq impari: alcuni fogli di carta filigranati contro la disponibilità del corpo di una persona ( e forse non solo quello).

Spesso mi viene da pensare: nulla di diverso rispetto ad un contratto sottoscritto dal metalmeccanico, e su questo condivido l'idea di Donna Chiara: meglio cortigiana che metalmeccanica.

Ma dall'altro lato credo che il metalmeccanico non venga cosi disprezzato o mal considerato come in realtà avviene per una cortigiana.

Dire metalmeccanico non è cosi dispregiativo come dire "puttana".

Lo so sono andato fuori tema..... Non volermene

Gugge

gullich ha detto...

sul tema generale quoto sostanzialmente kam, con cui mi trovo in accordo come frequentemnente mi accade quando capita di leggerlo.

aggiungo che per me, uomo, la chimica non ha solo una valenza di pelle ma un connotato più generale che coinvolge anche la mente, l'empatia, quello che una mia splendida amica ridendo chiama "la corrispondenza di amorosi sensi".

C'è un quid, indefinibile, che fa si che due persone siano integralemnte fortemente e toitalemnte attratte l'uno verso l'altra. Capita raramente nella vita... tutto il resto è qualcosa di diverso, dove mancano uno o pi degli elementi indicati da chiara.

in quella chimica globale c'entra sicuramente anche la bellezza, perchè l'attrazione ha per me anche una componente essenzialemnte fisica ...anche se trovo che non sia una bellezza oggettiva ma la bellezza che collima con ciò che noi sentiamo come tale. Io trovo irresistibili alcune caratteristiche che possono essere un modo di ridere o una piega agli angoli degli occhi o una intonazione di una voce ... caratteristiche che mi fanno vibrare. Qualcuno si ostina a definire quella sensazione innamoramento.

Un bel culo o uno splendido paio di gambe possono muovere la mia ammirazione, forse anche la mia libido (non sempre, ho conosciuto splendide portatrici sane di caratteristiche fisiche incredibili che erano sensuali come un tombino di marmo) ma nulla più.

ovvio che si parli di rapporti umani. la scopata a pèagamento è altro, in cui la componente fisico/chimica - che pure a mio avviso vi deve essere anche limitatamente al momento veloce che si passa insieme perchè lo stesso abbia un minimo margine di piacevolezza - viaggia su altri piani ed è orientata a soddisfare tutt'altri parametri.

ovviamente nulla so dire su cosa mi attragga su un mio omologo (uomo) dal punto di vista fisico perchè non ho mai provato apertamente tale tipo di coinvolgimento. Sarei tuttavia poco obiettivo se negassi che ho trovato a volte affascinanti uomini (dal punto di vista non dell'attrazione ma dell'ammirazione) che mescolavano una piacevolezza fisica, una buona (sostanziale ma non ostentata) sicurezza di sè, un bella capacità personale e professionale di far valere con sagacia le proprie idde, una bella energia e una generale eleganza e raffinatezza (senza essere leziosi) unita ad una buona dose di ironia e autoironia , quello che io sinteticamente definisco "garbo" e che è alla fine è ciò che mi colpisce, mutatis mutandis, anche nelle donne.

ho conosciuto colleghi che ho ascoltato incantato per ore, rapito dala loro capacità e per la loro arguzia unità alla capacità di essere lievi, e più volte mi sono scoperto a pensare "fosse una bella gnocca ci sarebbe da innamorarsi in 10 secondi netti". Ma non la era e lì per me finiva l'attrazione :-)

Chiara di Notte (Klára) ha detto...

Dire metalmeccanico non è cosi dispregiativo come dire "puttana".


Forse no, direi che entrambi hanno la loro dignita' di persone che guadagnano investendo del "loro" senza rubare niente a nessuno e quindi meritano rispetto...

Che poi questo rispetto NON ci sia, a causa di grettezza mentale ed arretratezza culturale di tante persone che si ritengono "superiori", non e' un problema loro ma e' un problema dei gretti arretrati mentali.

E adesso, per cortesia, non iniziamo con la solita storia del tipo "tu se avessi una figlia vorresti che facesse la escort?..." e tutte le banalita' collegate perche' la mia risposte e': ognuna (figlia, madre, nonna) si sceglie la strada che ritiene opportuno scegliere, purche' non si giochi la sua dignita'...

Ed io, personalmente, non vedo alcuna dignita' infranta nel fare sesso facendosi pagare un mucchio di soldi...

Se mai una dignita' leggermente scalfita la vedo in coloro che "sono costretti" a pagare per soddisfare il loro vizio.

guggenheim ha detto...

@Klara:"Ed io, personalmente, non vedo alcuna dignita' infranta nel fare sesso facendosi pagare un mucchio di soldi...

Se mai una dignita' leggermente scalfita la vedo in coloro che "sono costretti" a pagare per soddisfare il loro vizio."

E se fossero pochi invece la dignità andrebbe a "rotoli"?. Quindi la differenza è solamente nel peso del denaro? 1,5 Kg vanno bene, mentre per solo 1 kg allora perdo la mia dignità.

Perchè sono andato a puttane: ogni volta per un motivo diverso. Ma tutte le volte ne sono uscito sempre con un po' di malinconia dicendomi non ne valeva la pena.

Buon fine settimana
Gu

Chiara di Notte (Klára) ha detto...

Perchè sono andato a puttane: ogni volta per un motivo diverso.


Anche Aleksej Ivanovic giocava per i motivi piu' disparati... almeno lui ne era convinto! :-)))


Ma tutte le volte ne sono uscito sempre con un po' di malinconia dicendomi non ne valeva la pena.

Ecco, vedi che il problema non e' in loro ma e' dentro di te? ;-)

Nice&Nasty ha detto...

Non vorrei essere frainteso; lo dico senza nessun intento polemico.
Mi sembra che si stia giocando al "Piccolo Freud". I meccanismi che entrano in gioco in tutto questo, sono terribilmente complessi ed estremamente legati al beckground culturale, sociale e di esperienza di ognuno/a. E' stimolante parlarne e darene la propria visione, ma non mi sentirei di esprimere giudizi generali e/o spiegazioni psicologiche da bar dello sport...
;-)

P.S.: lo so, oggi sono più stronzetto del solito... :-)

Misura la forza della tua Password

Oggi mi sento un po' cosi'...

Oggi mi sento un po' cosi'...

Tokaj-Hegyaljai Borvidék

Áldott tokaji bor, be jó vagy s jó valál, Hogy tsak szagodtól is elszalad a halál; Mert sok beteg téged mihely kezdett inni, Meggyógyult, noha már ki akarták vinni. Istenek itala, halhatatlan Nectár, Az holott te termesz, áldott a határ! (Szemere Miklós)

A Budapesttől mintegy 200 km-re északkeletre, a szlovák és az ukrán határ közelében található Tokaj-Hegyaljai Borvidék a Kárpátokból déli irányban kinyúló vulkanikus hegylánc legdélebbi pontján fekszik. A vidéket és fő községeit könnyen elérhetjük akár autóval (az M3 autópályán és a 3-as úton Miskolcig, onnan a 37-es úton), akár vonattal (több közvetlen vonat indul Budapestről és Miskolcról)

Web Statistics