venerdì 30 marzo 2007

7
comments
Cara Maddalena


Mi erano piaciuti i tuoi racconti. Sono sincera. Mi avevano donato emozione e mai mi sarei attesa la tua richiesta perentoria ed immotivata. Ne sono dispiaciuta, ed anche in questo sono sincera. Avrei gradito che tu avessi avuto la cortesia di spiegarmi, ma non l’hai fatto. Adesso ho delle domande e dei dubbi ai quali non so dare risposta… a meno che la risposta non sia l’unica plausibile, e cioe’ che tu voglia sottilmente comunicarmi, in modo gentile, che non intendi essere collegata con i tuoi racconti ad un blog di una ex prostituta.

Spero che tu non abbia niente contro una determinata categoria di donne che gia’ devono subire da parte dell’uomo mediocre questo marchio di non accettabilita’ sociale. Spero che tu avresti fatto la stessa richiesta di rimozione dei link anche se questo blog avesse trattato argomenti meno "borderline" o fosse stato il prodotto di una piu’ “stimata” personalita’, che a quanto pare non mi riconosci. Comprendo che la sottoscritta non possa essere annoverata fra le “stimate personalita’” che tu frequenti, ma confido che tu non abbia usato un differente metro di giudizio solo in relazione al mio passato.

Quando ho scovato i tuoi racconti mi sono rivolta a te con un sentimento di sincera ammirazione perche' credevo che dietro alla sensibilita' che traspariva ci fosse una donna altrettanto sensibile e coraggiosa. Permettimi di dirti che, poi, sono rimasta delusa. Non riesco piu’ a vedere ne' coraggio ne' "sensibilita"; rileggendo i racconti alla luce della tua richiesta non provo piu’ quell’emozione e quella sensazione empatica che mi aveva motivata. Vi leggo solo “costruzione” ortografica; sintatticamente perfetta ma insapore. Come un prodotto preconfezionato, ordinariamente casalingo che, per esigenze di “mercato”, e’ trattato chimicamente per la conservazione nel frigorifero. Si’ “frigorifero” e’ la parola giusta e mi da’ una sensazione di freddo. Di freddo e di vuoto.

Ho rimosso i link, come mi hai richiesto,e devo dirti che non l’ho fatto a malincuore. Credo che una scrittrice, oltre alla padronanza della lingua, debba possedere qualcosa di speciale: un’anima. Ti auguro percio' una felice vita e tanta fortuna, lontana dalle persone “socialmente sconvenienti” come me. E perdonami per la mia breve ed inopportuna intrusione nella tua tranquilla esistenza.

7 commenti :

davide ha detto...

Cara Chiara,

non so per quale motivo Maddalena abbia richiesto la cancellazione del tuo link: spero proprio che non sia per il tuo passato.

Mi stupisce che tante persone che ti scrivono si soffermino su questo aspetto, invece che sulle cose che scrivi; anche il nostro amico Illustre1996 si è posto la domanda, a cui tu per il resto avevi già risposto, se i tuoi sapevano della tua attività.

Probabilmente noi italiani, anche se ci crediamo emancipati, siamo rimasti nel nostro profondo un po’ bigotti e ipocriti.

Naturalmente io non voglio giudicare nessuno; comunque, qualunque sia il motivo per cui Maddalena ha richiesto la cancellazione del tuo link, il danno lo ha fatto solo a se stessa, perché ritengo che il tuo blog sia davvero uno dei migliori della rete.

Tanti saluti dal tuo Davide

GirinoMannaro ha detto...

Se tu appartieni alle categoria delle "persone sconvenienti", sappi che mi considero anche io socio dello stesso club. E con orgoglio.

WineHunter ha detto...

finalmente hai capito che le ragazze italiane nella stragrande maggioranza sono delle viscide viziate e immature?
(senza parlare della cellulite...)

Ma veramente sei una ex prostituta????? non mi preoccupo per il tuo lavoro... ma perchè allora sei vecchia :-))))

Chiara di Notte (Klára) ha detto...

Ma veramente sei una ex prostituta????? non mi preoccupo per il tuo lavoro... ma perchè allora sei vecchia :-))))

che cavolo c'entra?
tutte le ex sono vecchie?
ma tu dove vivi?
mi sa che non hai molti argomenti per apportare contributi alla discussione ed io ho gia detto che non avrei fatto passare commenti inconcludenti.
Questo l'ho fatto passare ma l'altro che hai inviato lo rifiuto poiche' palesemente inutile.

Baudelaire999 ha detto...

le persone piccole..trasformano le proprie paure "sociali" in cattiveria.. e forse nemmeno se ne accorgono..

le persone grandi le proprie paure le esplorano..

Chiara di Notte (Klára) ha detto...

Ringrazio tutti per questa "solidarieta'" che pero' giudico fuori luogo.

Non posso credere che una donna abbia dei pregiudizi tali da agire in modo da "discostarsi" esistenzialente da una che ha esercitato il mestiere.

Voglio credere che non sia cosi'... voglio almeno sperare che non sia cosi'.

Se cosi' fosse allora si darebbe ragione a chi sostiene che la femmina e' "inferiore" in quanto non prova solidarieta' o comprensione per le proprie simili.

Oppure, magari, e' solo un fatto culturale legato al territorio. Magari in Italia e' cosi' e magari solo in un certo strato della cultura italiana.
Magari in questo strato solo una parte di persone credono di essere superiori per un fatto di "sesso"...

Come se "darla via" per soldi invece che per "inganno", sia quasi un marchio indelebile che non si cancella mai.

Il sesso e' un fatto naturale, un mero gioco. Si puo' farlo senza mettere in ballo i sentimenti, si puo' gestirlo come un'azienda, si puo' donarlo per riconoscenza, per amicizia... perche' vogliamo divertirci...

Ci sono mille ragioni per le quali si puo' far sesso senza sentirsi sporche, perche il sesso non e' sporco se lo si fa consenzienti e con persone consenzienti.

E' sporca invece una certa mentalita' che vede il peccato legato a qualsiasi cosa in cui siano coinvolti i soldi... Lo sporco non sta tanto nel sesso quanto nel denaro che una donna puo' ricavarne.

O forse non e' moralismo ma solo INVIDIA nei confronti di chi l'ha potuto farlo.

GirinoMannaro ha detto...

Chiara, lo dissi già in altro contesto, anche se con parole diverse:
puttana, che come già dissi è una parola che non mi piace, è chi "la da via" per "inganno" e NON chi lo fa per soldi. Almeno questo è ciò che penso.
La mia non era solidarietà. Ti reputo troppo intelligente per darti la mia solidarietà in questo contesto.

Misura la forza della tua Password

Oggi mi sento un po' cosi'...

Oggi mi sento un po' cosi'...

Tokaj-Hegyaljai Borvidék

Áldott tokaji bor, be jó vagy s jó valál, Hogy tsak szagodtól is elszalad a halál; Mert sok beteg téged mihely kezdett inni, Meggyógyult, noha már ki akarták vinni. Istenek itala, halhatatlan Nectár, Az holott te termesz, áldott a határ! (Szemere Miklós)

A Budapesttől mintegy 200 km-re északkeletre, a szlovák és az ukrán határ közelében található Tokaj-Hegyaljai Borvidék a Kárpátokból déli irányban kinyúló vulkanikus hegylánc legdélebbi pontján fekszik. A vidéket és fő községeit könnyen elérhetjük akár autóval (az M3 autópályán és a 3-as úton Miskolcig, onnan a 37-es úton), akár vonattal (több közvetlen vonat indul Budapestről és Miskolcról)

Web Statistics