martedì 16 gennaio 2007

2
comments
Club prive'? Si grazie!


Puo’ sembrare un gioco di parole illogico, ma posso affermare che se nel privato non gradivo i club prive’, come escort questi rappresentavano i luoghi migliori in cui i clienti potessero condurmi.

Ci sono molte persone che portano nei prive’ delle prostitute.

Avevo sempre creduto che la “trasgressione”, significasse, per certi uomini, quella di andarci con la propria compagna e che l’emozione fosse quella di vederla “usata” da altre persone, e viceversa per le donne amanti del gioco. Invece mi sono dovuta ricredere, poiche' moltissimi clienti appassionati di quei luoghi, sceglievano una prostituta per farsi accompagnare.

Non so se fosse ipocrisia causata da una duplice personalita' (trasgressiva/possessiva), tipicamente italica, oppure se fosse semplicemente il fatto che le loro compagne non avrebbero acconsentito di accompagnarli in tali posti. Forse entrambe le cose, ma quando mi conducevano in un prive’ per me era la situazione ottimale.

Come ho scritto in un altro POST, nel mio privato andare in certi luoghi era una cosa insensata, poiche' gia' avevo occasione di far sesso con gli sconosciuti essendo lautamente pagata; quindi illogico andarci anche col proprio compagno. Nel caso in cui pero' mi ci portasse un cliente, avevo un atteggiamento completamente diverso.

In un club prive’ non mi sentivo obbligata a dover far sesso, se non con la persona che accompagnavo e che mi pagava per il servizio. Percio', allorquando il cliente, spacciandomi per la sua fidanzata, riusciva ad accordarsi con un’altra coppia, ed aveva modo di scoparsi la donna, io potevo anche declinare le avances del compagno.

“No questo non lo faccio… no, li’ non voglio essere toccata… no, scusa non bacio gli sconosciuti…”
Alla fine non facevo praticamente niente e trovavo persino il cliente “spompato” col quale, molte volte, non dovevo neppure farci sesso.

Insomma, era una pacchia!

2 commenti :

Enrico Rella ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
ENRICo ha detto...

Ciao anche io e la mia ragazza abbiamo voluto provare il brivido della emozione forte di andare in un privé; eravamo molto scettici entrambi e devo dire che una volta lo abbiamo fatto e la cosa ci ha soddisfatti abbastanza e devo anche dire che probabilmente lo rifaremo. Eravamo entrambi molto emozionati perché per entrambi è stata la prima volta cmq io confermo che è una esperienza da fare in ogni caso almeno una volta; io sono sato qui

Misura la forza della tua Password

Oggi mi sento un po' cosi'...

Oggi mi sento un po' cosi'...

Tokaj-Hegyaljai Borvidék

Áldott tokaji bor, be jó vagy s jó valál, Hogy tsak szagodtól is elszalad a halál; Mert sok beteg téged mihely kezdett inni, Meggyógyult, noha már ki akarták vinni. Istenek itala, halhatatlan Nectár, Az holott te termesz, áldott a határ! (Szemere Miklós)

A Budapesttől mintegy 200 km-re északkeletre, a szlovák és az ukrán határ közelében található Tokaj-Hegyaljai Borvidék a Kárpátokból déli irányban kinyúló vulkanikus hegylánc legdélebbi pontján fekszik. A vidéket és fő községeit könnyen elérhetjük akár autóval (az M3 autópályán és a 3-as úton Miskolcig, onnan a 37-es úton), akár vonattal (több közvetlen vonat indul Budapestről és Miskolcról)

Web Statistics