sabato 23 dicembre 2006

2
comments
Risposta al Sultano


Desidero rispondere a quanto esposto dal Sultano Beyazid nel suo post QUI

Sono costernata Sultano, ma (come voi ben sapete) su questo punto siamo discordi. La voglia di conquista, il desiderio di sfidare il destino, la brama del raggiungimento di un obiettivo ignoto, hanno fatto progredire la civilta', allo stesso modo in cui la vita e' progredita per il meccanismo naturale che vede lo spermatozoo lottare per fecondare l'ovulo a discapito di tutti gli altri suoi simili.
Il meccanismo e' IMPLICITO nella natura, cosi' come lo e' il fatto stesso di nutrirsi per avere l'energia.
Un uomo che non ha voglia di lottare e' come uno spermatozoo pigro e quindi destinato ad estinguersi.
La stessa arte, la letteratura, la musica e le massime manifestazioni dell'animo umano hanno avuto origine dalla stessa pulsione: il raggiungimento dell'animo di colei (di colui) che era amato/a senza che vi fosse certezza assoluta della riuscita dell'impresa. Cosi' come per nessun spermatozoo esiste la certezza assoluta che possa arrivare al termine del suo percorso.
Il resto della vostra lunga ed interessante argomentazione e' solo un soliloquio atto a dimostrare, a voi stesso piu' che a me, che anche lo spermatozoo pigro puo' vivere felice.
E forse e' anche vero, questo non posso saperlo, ma in cio' vedo la vostra parte femminile (l'ovulo a differenza dello spermatozoo e' statico non e' dinamico), come forse la mia parte maschile si esprime, a volte, con il desiderio di "fare qualcosa", quando invece la natura mi imporrebbe di restare chiusa nella mia torre d'avorio, in attesa.

2 commenti :

Beyazid II Ottomano - Sultano di Costantinopoli ha detto...

L'Etica Nicomachea prevede di rinunciare ad un piacere solo possibile per evitare un dolore certo o molto probabile. Visto che la natura del piacere è chimerica, e la felicità sempre sperata e posta nel futuro, mentre le fatiche per raggiungerla e le sofferenze che vi si celano sono reali, persino Schopenhauer, che la pensa come voi su tutto il resto (del "mondo come volontà"), riprende questo consiglio nell'Arte di vivere felici. Non è un consiglio di spermatozoo, ma di filosofo. Non è neanche un consiglio per gli eroi (cui competono l'ascesi ed il nirvana), ma per un uomo mortale. Lasciate dunque che io abbia questa vita serena e autarchica, lontana dagli affanni amorosi ed appagata sessualmente dalle escort, sentimentalmente dall'amicizia, idealmente dal sapere e dalla speculazione ed emotivamente dalla sublimazione poetica. Lasciate che io cerchi la Poesia, la Bellezza, il Sentimento, fra le stelle "che tremano d'amore e di speranza" , fra i versi e le rime di chi componeva guardando alla luna, e non fra le donne mortali.
Del resto voi mica siete mortale....
siete un mito. E chiara e bella come la luna "che di lontan rivela serena ogni montagna...."

Chiara di Notte (Klára) ha detto...

ALTRI COMMENTI A QUESTO POST

Misura la forza della tua Password

Oggi mi sento un po' cosi'...

Oggi mi sento un po' cosi'...

Tokaj-Hegyaljai Borvidék

Áldott tokaji bor, be jó vagy s jó valál, Hogy tsak szagodtól is elszalad a halál; Mert sok beteg téged mihely kezdett inni, Meggyógyult, noha már ki akarták vinni. Istenek itala, halhatatlan Nectár, Az holott te termesz, áldott a határ! (Szemere Miklós)

A Budapesttől mintegy 200 km-re északkeletre, a szlovák és az ukrán határ közelében található Tokaj-Hegyaljai Borvidék a Kárpátokból déli irányban kinyúló vulkanikus hegylánc legdélebbi pontján fekszik. A vidéket és fő községeit könnyen elérhetjük akár autóval (az M3 autópályán és a 3-as úton Miskolcig, onnan a 37-es úton), akár vonattal (több közvetlen vonat indul Budapestről és Miskolcról)

Web Statistics