martedì 28 novembre 2006

0
comments
L' invidia del pene nelle donne


L'invidia del pene nelle donne puo' venir riportata all'invidia del seno materno ed ai sentimenti distruttivi ad essa collegati. Se l'invidia del seno materno si sposta sul pene del padre, puo' accadere che si accentuino le tendenze omosessuali.
Si tratta fondamentalmente di un meccanismo di fuga che non può percio' portare ad un rapporto stabile con il secondo oggetto.
Nello stesso tempo, il rapporto carico di invidia verso la madre si manifesta in una rivalita' edipica eccessiva, dovuta piu' che all'amore per il padre all'invidia nei confronti della madre per il possesso del padre e del suo pene. Il padre diventa un'appendice della madre.
In futuro, quindi, ogni successo nei rapporti con gli uomini diventera' una vittoria riportata su un'altra donna. Altre conseguenze derivanti dalla fuga dall'oggetto primario sono l'idealizzazione del padre e del suo pene, la frigidita'.
Cio' che e' stato confermato e' la presenza di una crisi evolutiva nella prima infanzia della bambina attorno al terzo anno di eta'. Durante la fase fallica la scoperta della differenza dei sessi porta con se' reazioni invidiose, un aumento dell'aggressivita' nei confronti della madre, e un senso di inferiorita' per la mancanza di un organo piu' adatto a rappresentare le tendenze falliche-attive. Secondo Freud la soluzione positiva di questo "complesso di castrazione" consiste nell'accettare questa inferiorita' innegabile. Nell'esplorazione psicoanalitica dello sviluppo femminile successiva a Freud e' stato documentato che questo difficile periodo della vita piccolo-infantile della donna nella maggior parte dei casi puo' rappresentare un periodo del tutto transitorio, privo delle conseguenze negative di cui sopra.

Nessun commento :

Misura la forza della tua Password

Oggi mi sento un po' cosi'...

Oggi mi sento un po' cosi'...

Tokaj-Hegyaljai Borvidék

Áldott tokaji bor, be jó vagy s jó valál, Hogy tsak szagodtól is elszalad a halál; Mert sok beteg téged mihely kezdett inni, Meggyógyult, noha már ki akarták vinni. Istenek itala, halhatatlan Nectár, Az holott te termesz, áldott a határ! (Szemere Miklós)

A Budapesttől mintegy 200 km-re északkeletre, a szlovák és az ukrán határ közelében található Tokaj-Hegyaljai Borvidék a Kárpátokból déli irányban kinyúló vulkanikus hegylánc legdélebbi pontján fekszik. A vidéket és fő községeit könnyen elérhetjük akár autóval (az M3 autópályán és a 3-as úton Miskolcig, onnan a 37-es úton), akár vonattal (több közvetlen vonat indul Budapestről és Miskolcról)

Web Statistics