domenica 15 ottobre 2006

0
comments
Il ricevimento


Sono stata invitata ad un ricevimento tenuto a casa di un'amica.
La tavola era imbandita con un magnifico buffet; era tutto li' a disposizione e gli invitati conversavano in modo cortese di argomenti vari: cinema, musica, storia, politica.
Ad un certo punto riconosco, in mezzo alla moltitudine, delle vecchie conoscenze (ahime').
Dei tizi conosciuti in altre circostanze e noti per il loro modo arrogante e prepotente.
Uno era solito sparlare infidamente delle persone e tramite falsita' e illazioni sul loro conto cercava in tutti i modi di rovinare la loro reputazione.
Poi c'era un'altro che piu' di una volta era stato sorpreso ad insultare e a minacciare con violenza coloro che non gli stavano simpatici.
Inoltre il terzo che si pasceva nello stare in cotal compagnia e che amava accompagnare gli altri due nelle diverse scorribande e prepotenze che spesso usavano fare ai danni dei pacifici abitanti del paese in cui vivo.
Erano dunque tre tipi noti e molte persone li avevano, come me, riconosciuti.
Purtroppo tutti restavano in silenzio nel timore di rovinare il bel ricevimento...
Nel vedere questi tre personaggi invitati alla stessa festa in cui era presente tanta bella e brava gente, avvicino la mia amica e le dico: "Ma lo sai chi sono quei tre?"
Lei mi risponde che li conosceva bene e che erano venuti a "rimorchio" di altri ospiti ma ormai erano li' e non poteva piu' mandarli via perche' lei era una brava padrona di casa e non voleva creare scompiglio proprio in quell'occasione.
Al che io le dico che non posso sopportare di restare alla sua festa sapendo che quei tre mangiano e si abbuffano prendendosi gioco di lei e del resto dei commensali.
Uno dei tre l'ho visto anche mettersi in tasca un portacenere (forse per dar prova agli amici del bar dello sport in piazza, luogo mafamatissimo, che era riuscito ad accedere al ricevimento della bella gente).
Lo dico alla mia amica e lei mi risponde: "Cara, per il momento qui si sono comportati bene, non ho voglia di perquisirli perche' cio' turberebbe gli altri ospiti e poi cosa vuoi che sia un portacenere? Fintanto non faranno baccano o importuneranno gli ospiti possono restare".
Il problema e' che quel portacenere alla mia amica l'avevo regalato io!

Nessun commento :

Misura la forza della tua Password

Oggi mi sento un po' cosi'...

Oggi mi sento un po' cosi'...

Tokaj-Hegyaljai Borvidék

Áldott tokaji bor, be jó vagy s jó valál, Hogy tsak szagodtól is elszalad a halál; Mert sok beteg téged mihely kezdett inni, Meggyógyult, noha már ki akarták vinni. Istenek itala, halhatatlan Nectár, Az holott te termesz, áldott a határ! (Szemere Miklós)

A Budapesttől mintegy 200 km-re északkeletre, a szlovák és az ukrán határ közelében található Tokaj-Hegyaljai Borvidék a Kárpátokból déli irányban kinyúló vulkanikus hegylánc legdélebbi pontján fekszik. A vidéket és fő községeit könnyen elérhetjük akár autóval (az M3 autópályán és a 3-as úton Miskolcig, onnan a 37-es úton), akár vonattal (több közvetlen vonat indul Budapestről és Miskolcról)

Web Statistics